Carrello vuoto
Papelitos
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.

La Roma torna alla vittoria casalinga contro il Benevento – che mancava dal successo thrilling col Cagliari del 16 dicembre, partita che aveva preconizzato le difficoltà che di lì in poi avrebbero incontrato i giallorossi – con un punteggio bugiardo che racconta metà della storia. La Roma era andata subito sotto e dopo uno scialbo primo tempo – casuale e poco ricercato il gol del pareggio di Fazio – è riuscita a piegare i sanniti solo perché il loro organico quest’anno avrebbe affrontato i suoi problemi anche in Serie B. Una squadra totalmente inadeguata al palcoscenico ove è costretta ad andare in scena, a differenza dei suoi tifosi, accorsi in più di duemila all’Olimpico al fine di onorare al meglio questa storica annata di A. All’interno del rettangolo verde, la serata dell’Olimpico ha avuto un protagonista assoluto: Cengiz Ünder.

Il soldato Cengiz

Mattatore, man of the match, deus ex machina, uno e trino: il turco Cengiz Ünder che, con una doppietta ed un assist, è passato nell’arco di quindici giorni da essere scommessa esotica di Monchi (e soprannominato Cencio, che in romanesco ha un’accezione oltremodo spregiativa) a prospetto di sicuro interesse per il campionato. Il ragazzo, che indubbiamente ha talento, è il figlio illegittimo di Arya Stark e Paulo Dybala. Joking apart, il giovane ventenne ha dimostrato, nelle ultime due gare, di avere una certa determinazione da accompagnare ai numeri in repertorio e, dopo un fisiologico periodo di adattamento, sembra essere pronto per accumulare minutaggio ed esperienza nel suo primo anno in una top lega. Però, però, non al punto di giustificare l’ennesimo mutamento d’umore della piazza calcistica più bipolare al mondo. Il sorpasso sui cugini, l’Inter a un punto hanno rigenerato abnormemente l’ambiente che ora si sollazza col turchetto di Sindirgi. Un eterno di ritorno di attentati giornalistici alla naturale crescita di un giovane atleta. Il difetto congenito di una società che non ha mai imparato a trattenere gli entusiasmi che puntuali ribollono ad ogni occasione. La questione è che noi tifosi siamo scagionati da un decennio a digiuno di trofei; dirigenti, manager, giornalisti e presunti tali dovrebbero assumere l’ufficio in maniera più professionale.

Sua Santità Francesco ed Erdogan durante la visita in Vaticano dello scorso 5 febbraio
Sua Santità Francesco ed Erdogan durante la visita in Vaticano dello scorso 5 febbraio

Il contorno mediatico legato al campo, passi pure, siamo abituati, a sconcertare è invece l’onda di indiretto supporto al regime di Erdoğan che l’entusiasmo si sta portando dietro.Il fatto è noto: Cengiz festeggia una rete mimando il gesto del soldato (supra), il ministro dello sport turco Osman Aşkın Bak gli fa i complimenti twittando “Non c’è bisogno di spiegare”, una forma di appropriazione culturale e politica del gesto. L’ambasciatore turco a Roma ha pubblicamente reso noto che andrà allo stadio d’ora in avanti. In patria è ovviamente scoppiata la passione per il n. 17 ex İstanbul Başakşehir, dai più considerato club fantoccio del presidente turco. Il ragazzo dal canto suo è indotto da un impulsivo nazionalismo a supportare le forze armate, che dal 20 gennaio scorso hanno ripreso l’offensiva contro l’enclave curda di Afrin. Nell’ottica di un disegno di perpetua destabilizzazione dell’area da parte del reis che preferisce rioffendere i curdi del YPG (fiancheggiatori del PKK) per lucrare in patria che conservare lo status di liberazione dai jihadisti. Alle spese della Siria, e dei curdi iracheni, e con il rischio di vedere ad Afrin una seconda Kobane (per un dettagliato excursus si rimanda qui). Se si aggiunge la visita del Lupo Grigio a Roma di dieci giorni fa, stiamo assistendo ad un nuovo capitolo della presa di potere turca in Medioriente. E la Roma società annuisce in silenzio, senza porsi troppe domande perché l’Ündermania potrebbe presto staccarle dividendi extracalcistici: la crescente popolarità del calciatore in patria dovrebbe finalmente convincere il managament della Turkish Airlines a chiudere l’accordo per il main sponsor. Con buona pace di tutti.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre

L’atto, non l’azione

Calcio
Luigi Fattore
2 Marzo

Ciao amore, ciao

Un tradimento consumato, una storia d'amore finita. Metafora di un calcio ostaggio della scienza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Calcio
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Recensioni
Alberto Fabbri
27 Dicembre

Cavalli Selvaggi

"Campioni romantici e ribelli nell'Italia di piombo", raccontati da Matteo Fontana. Eclettica Edizioni.
Storie
Marco Metelli
20 Giugno

La favola di Baggio ai tempi del Brescia

Amarcord del celebre matrimonio tra la Leonessa e il Divin Codino.
Papelitos
Alberto Girardello
23 Dicembre

Rosický e le icone perdute del calcio

Con Tomàš Rosicky lascia uno degli ultimi gentiluomini del calcio europeo, alla ricerca di nuovi giocatori simbolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Tifosi
Gennaro Malgieri
12 Febbraio

Oriente e pallone

Tra Oriente e Occidente i rapporti si fanno sempre più complessi e il pallone non è da meno.
Ritratti
Alberto Maresca
10 Luglio

Nevio Scala, l’ultimo grande conservatore

Il più italiano degli allenatori, dalla scuola di Nereo Rocco.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Storie
Matteo Paniccia
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Ritratti
Leonardo Aresi
4 Maggio

Jim Baxter, ribelle per vocazione

Tonight I'm a Rock 'N' Roll Star.
Storie
Simone Galeotti
8 Dicembre

Il Subbuteo ci ricorda che il calcio non è solo un gioco

Prima della Playstation, c'è stato il Subbuteo.
Calcio
Alessandro Previdi
15 Gennaio

La Cina si è presa l’Africa, anche nel calcio

Un riassunto di come la Cina, attraverso la diplomazia degli stadi, ha colonizzato sportivamente l'Africa.
Recensioni
La Redazione
8 Marzo

Un calciatore mancato

Calcio
Lorenzo Santucci
3 Luglio

San Francesco

29 giugno 2000.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Maggio

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
22 Febbraio

La Serie A punta sugli stranieri e teme i giovani

Il nostro calcio è in ripresa, ma è lungi dall'essere sano.
Calcio
Simone Galeotti
6 Dicembre

Umbro is the name

Storia del marchio sportivo più inglese di sempre.
Tennis
Leonardo Aresi
15 Giugno

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Alberto Fabbri
12 Aprile

Che fine ha fatto l’Arsenal?

7 Maggio 2006, addio ad Highbury: quel giorno è morto l'Arsenal.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Ottobre

L’Antinferno della Serie A

Il Benevento non esiste, la SPAL però ci crede. Chi sono dunque le ignave del campionato?
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Calcio
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Interviste
Jacopo Falanga
16 Giugno

Il Senso del gioco

Intervista in libertà a Francesco D'Arrigo, docente a Coverciano ed ex allenatore, sulle prospettive (e gli errori) del movimento calcistico italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Storie
Sergio Taccone
6 Maggio

Il Milan della Stella

Quarant’anni fa i rossoneri, guidati da Nils Liedholm, conquistarono il decimo scudetto, l’unico della storia milanista vinto con una rosa tutta italiana.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Storie
Giuseppe Gerardi
11 Gennaio

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.