Papelitos
13 Febbraio 2018

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.

La Roma torna alla vittoria casalinga contro il Benevento – che mancava dal successo thrilling col Cagliari del 16 dicembre, partita che aveva preconizzato le difficoltà che di lì in poi avrebbero incontrato i giallorossi – con un punteggio bugiardo che racconta metà della storia. La Roma era andata subito sotto e dopo uno scialbo primo tempo – casuale e poco ricercato il gol del pareggio di Fazio – è riuscita a piegare i sanniti solo perché il loro organico quest’anno avrebbe affrontato i suoi problemi anche in Serie B. Una squadra totalmente inadeguata al palcoscenico ove è costretta ad andare in scena, a differenza dei suoi tifosi, accorsi in più di duemila all’Olimpico al fine di onorare al meglio questa storica annata di A. All’interno del rettangolo verde, la serata dell’Olimpico ha avuto un protagonista assoluto: Cengiz Ünder.

Il soldato Cengiz

Mattatore, man of the match, deus ex machina, uno e trino: il turco Cengiz Ünder che, con una doppietta ed un assist, è passato nell’arco di quindici giorni da essere scommessa esotica di Monchi (e soprannominato Cencio, che in romanesco ha un’accezione oltremodo spregiativa) a prospetto di sicuro interesse per il campionato. Il ragazzo, che indubbiamente ha talento, è il figlio illegittimo di Arya Stark e Paulo Dybala. Joking apart, il giovane ventenne ha dimostrato, nelle ultime due gare, di avere una certa determinazione da accompagnare ai numeri in repertorio e, dopo un fisiologico periodo di adattamento, sembra essere pronto per accumulare minutaggio ed esperienza nel suo primo anno in una top lega. Però, però, non al punto di giustificare l’ennesimo mutamento d’umore della piazza calcistica più bipolare al mondo. Il sorpasso sui cugini, l’Inter a un punto hanno rigenerato abnormemente l’ambiente che ora si sollazza col turchetto di Sindirgi. Un eterno di ritorno di attentati giornalistici alla naturale crescita di un giovane atleta. Il difetto congenito di una società che non ha mai imparato a trattenere gli entusiasmi che puntuali ribollono ad ogni occasione. La questione è che noi tifosi siamo scagionati da un decennio a digiuno di trofei; dirigenti, manager, giornalisti e presunti tali dovrebbero assumere l’ufficio in maniera più professionale.

Sua Santità Francesco ed Erdogan durante la visita in Vaticano dello scorso 5 febbraio
Sua Santità Francesco ed Erdogan durante la visita in Vaticano dello scorso 5 febbraio

Il contorno mediatico legato al campo, passi pure, siamo abituati, a sconcertare è invece l’onda di indiretto supporto al regime di Erdoğan che l’entusiasmo si sta portando dietro.Il fatto è noto: Cengiz festeggia una rete mimando il gesto del soldato (supra), il ministro dello sport turco Osman Aşkın Bak gli fa i complimenti twittando “Non c’è bisogno di spiegare”, una forma di appropriazione culturale e politica del gesto. L’ambasciatore turco a Roma ha pubblicamente reso noto che andrà allo stadio d’ora in avanti. In patria è ovviamente scoppiata la passione per il n. 17 ex İstanbul Başakşehir, dai più considerato club fantoccio del presidente turco. Il ragazzo dal canto suo è indotto da un impulsivo nazionalismo a supportare le forze armate, che dal 20 gennaio scorso hanno ripreso l’offensiva contro l’enclave curda di Afrin. Nell’ottica di un disegno di perpetua destabilizzazione dell’area da parte del reis che preferisce rioffendere i curdi del YPG (fiancheggiatori del PKK) per lucrare in patria che conservare lo status di liberazione dai jihadisti. Alle spese della Siria, e dei curdi iracheni, e con il rischio di vedere ad Afrin una seconda Kobane (per un dettagliato excursus si rimanda qui). Se si aggiunge la visita del Lupo Grigio a Roma di dieci giorni fa, stiamo assistendo ad un nuovo capitolo della presa di potere turca in Medioriente. E la Roma società annuisce in silenzio, senza porsi troppe domande perché l’Ündermania potrebbe presto staccarle dividendi extracalcistici: la crescente popolarità del calciatore in patria dovrebbe finalmente convincere il managament della Turkish Airlines a chiudere l’accordo per il main sponsor. Con buona pace di tutti.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Super Santos, il pallone degli Italiani
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
23 Giugno 2022

Super Santos, il pallone degli Italiani

Lode al simbolo dell'estate italiana.
L’Inno della Champions
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
09 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Francia, perdere e morire
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno 2021

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Elogio della guerra
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre 2017

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Sempre il solito Conte
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Lo sguardo di Marco Bucciantini
Interviste
Federico Corona
25 Novembre 2017

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Le tre vite del Mono Burgos
Ritratti
Matteo D'Argenio
27 Novembre 2016

Le tre vite del Mono Burgos

Calciatore, allenatore, rockstar: un personaggio straordinario.
Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?