Carrello vuoto
Calcio
13 Ottobre

Paradosso argentino

Jacopo Falanga

3 articoli
Debiti, lotte intestine e contraddizioni scuotono la federazione sudamericana.

Anno 2014 prima, anno 2017 poi. E’ il mese di marzo, il calcio argentino si ferma. Immagine impietosa, duecento e più squadre in sciopero. Il sindacato calciatori rinvia l’inizio del torneo di tre settimane proclamando uno sciopero generale, reclamando il pagamento degli stipendi arretrati di tutti i giocatori, dalla prima all’ultima divisione. Una presa di posizione forte, che paralizza il movimento. Nessuno va in campo.

.

Antefatto. La Fifa a giugno 2016 pone l’Afa – la Federcalcio argentina – sotto tutela nominando una “Commissione normalizzatrice” presieduta da Armando Perez che ufficializza i debiti della Federazione, pari a 30 milioni di euro. La commissione è incaricata di gestire il massimo ente calcistico argentino fino alle elezioni del nuovo presidente, fissate per il 30 giugno 2017. Nel frattempo, il CT Gerardo Martino scappa a gambe levate con otto mesi di stipendi arretrati, il timone passa a Edgar Bauza e la situazione – come se le sventure non fossero abbastanza – precipita anche sul rettangolo verde. Pochi mesi prima, a condire il tutto, la precoce eliminazione dell’Albiceleste ai Giochi olimpici del 2016, poi lo sciopero degli arbitri. Si vengono così a formare due blocchi dopo la scelta della commissione normalizzatrice e in vista delle elezioni: la sfida più accesa è quella tra Angelici, presidente del Boca, e Tinelli, presidente del San Lorenzo.

ANGELICE-TINELLI
Da sinistra, Daniel Angelici e Marcelo Tinelli

Ai limiti del grottesco, da teatro dell’assurdo degno di penne come Beckett e Ionesco, la votazione per il nuovo presidente Afa. Per farla breve, i votanti dovrebbero essere un numero ben definito: finisce pari e patta, ma la somma dei voti è superiore al numero degli aventi diritto al voto. Tinelli, presidente del San Lorenzo, si alza e se ne va. Siamo al paradossale. Sipario. Una risata ci seppellirà, se non ci fosse da piangere. Ultima ma non meno importante questione, la nuova formula del campionato a 30 squadre (al posto delle storiche 20 a sfidarsi in tornei di Apertura e Clausura) costrette a spartirsi i fondi statali. I fondi statali, già. Perché i mali partono da lontano e sono strettamente collegati alla situazione economica del Paese, vicina ad un nuovo e pericolosissimo default (nel 2001 fu micidiale). Statalizzare il calcio ha dato vita ad un buco nero in cui è stato risucchiato tutto il sistema. Rendere il futbol popolare e visibile a tutti: nobilissimo intento. Futbol Para Todos, creato ad hoc dall’ex presidentessa Kirchner, peronista di sinistra e sostenuta dal centro-sinistra, però fallisce. La gestione dei diritti Tv in Argentina, dall’agosto 2009, avviene attraverso un piano lanciato dal Governo, che avrebbe accumulato, già nei primi anni della sua attivazione, un debito di circa 102 milioni di dollari proprio con l’AFA, a causa della mancata attualizzazione dei valori del contratto.

Argentine President Cristina Kirchner delivers a speech for the FOCALAE (Latin America-Eastern Asia Cooperation Forum) foreign ministers, after the unveiling of a steel sculpture of Eva Peron in the northern facade of the Social Development and Health Ministry --and shown on a large LCD screen behind her-- at the government palace in Buenos Aires on August 24, 2011. AFP PHOTO / Juan Mabromata (Photo credit should read JUAN MABROMATA/AFP/Getty Images)
Cristina Kirchner con alle spalle i tratti di Evita Peron

Interessante il contributo della rivista online Sport Economy, che analizza didascalicamente i passaggi che hanno portato a questa situazione. E’ il 2015 quando sale al potere Macrì, diventando il primo presidente democraticamente eletto che non appartiene né al partito di centro (UCR), né al partito peronista. Questo dal 1916. Macrì si forma all’Università Cattolica, è neoliberista. Ma soprattutto è, cosa non trascurabile, presidente del Boca dal 1995 al 2012. Postilla a margine, il patron attuale del Boca, Angelici, è il miglior amico d’infanzia di Macrì, “comodamente” parcheggiato su quella poltrona dal Presidente della Repubblica d’Argentina. Torniamo a noi. Per niente convinto di proseguire nella politica attuata dalla Kirchner, nel dicembre 2016, il Governo rescinde il contratto con la Federazione. La decisione accende la miccia con l’AFA costretta a trovare dal giorno alla notte nuovi acquirenti per i diritti televisivi e oltre il 60% dei club strangolati dai debiti. Salvo poi ripensarci in marzo, sborsando 350 milioni di pesos – intervento di oltre 22,35 milioni di euro – per provare a rimettere tutto in sesto. Stavolta, come detto, a mettersi di traverso è stato il sindacato calciatori, pretendendo il pagamento degli arretrati accumulati da tutti i club dalla prima alla quarta divisione e facendo pressioni perché il denaro non passi dalle casse dei club, pronti ad alleggerire le proprie posizioni finanziarie senza farsi troppi scrupoli.

Members of Argentina's Football Association (AFA) vote positively to cancel the contract of "Futbol para todos" (Football for all) -under which the government televised matches for free, paying a royalty to AFA- during a meeting at the AFA training camp in Ezeiza, Buenos Aires, on February 24, 2017. / AFP / JUAN MABROMATA (Photo credit should read JUAN MABROMATA/AFP/Getty Images)
La votazione del 24 Febbraio 2017 con cui viene ufficialmente abolito il programma “Futbol para todos” (JUAN MABROMATA/AFP/Getty Images)

Per la cronaca, in questo momento, nella terra che ci ha regalato Osvaldo Soriano, Marcelo Bielsa e Juan Roman Riquelme e un sacco di altre cose dalla struggente malinconia, si gioca. Si gioca e sono le imprese private a finanziare il calcio argentino, tra queste ci viene in mente la TNT. Accompagnati, sempre, da un’inevitabile struggente malinconia, l’ultimo Boca-River giocato il 14 maggio scorso a La Bombonera è finito 1-3 vendicando il 2-4 del Boca al Monumental del mese di dicembre. Quel campionato, il più complicato degli ultimi decenni, lo ha vinto il Boca. Al momento, i grandi club come River Plate, San Lorenzo – politicamente affini ed “alleati” – e Boca Juniors, duellano su tutto ma su una cosa sono d’accordo: non vedono di buon occhio la riforma sportiva del campionato. Competitività, la motivazione ufficiale. Il campionato a 28 squadre, chiamato Superliga, è iniziato da poche giornate. Vede battagliare Boca e River, con i secondi autori di un’impresa memorabile in Copa: 8-0 al Monumental nell’ultimo turno dopo aver perso l’andata in Bolivia per 3-0. E a voler essere spudoratamente ottimisti, se guardiamo le questioni prettamente di campo, appunto, quelle che puzzano di erba e maglie rancide, il calcio argentino sta(va) trovando la via: Sampaoli, tra le più reazionarie menti calcistiche del paese, prende la guida tecnica della Nazionale maggiore alla fine della scorsa stagione, e non è cosa da poco dopo il vergognoso “interregno Bauza” vissuto ai limiti della credibilità (il 28 marzo l’Argentina perde in Bolivia 2-0 e tocca il punto più basso delle ultime gestioni). Fulgida cabeza – per chi scrive – e illuminato del pallone con la benedizione di Bielsa, acclamato Santone il cui verbo è credo ineludibile, e del movimento tutto, Sampaoli parte forte.

Argentina's coach Jorge Sampaoli waitys for the start of the 2018 World Cup qualifier football match against Venezuela in Buenos Aires, on September 5, 2017. / AFP PHOTO / Juan Mabromata (Photo credit should read JUAN MABROMATA/AFP/Getty Images)
Jorge Sampaoli, da molti visto in Argentina come l’uomo della provvidenza nonostante le enormi difficoltà delle qualificazioni mondiali

Gli auspici sono i migliori prevedibili, ma risultano purtroppo solo un effimero bagliore in fondo alla più buia delle notti: partendo dal tridente Dybala-Higuain-Messi regola infatti il Brasile in “amichevole”, a giugno, con gol di Mercado, manco a dirlo uno dei suoi uomini con cui ha divertito l’esigente pubblico di Siviglia nella parentesi andalusa. Ma il buio più totale arriva a cavallo tra agosto e settembre, a Montevideo un’inguardabile nazionale – a voler utilizzare un pallido eufemismo – non va oltre lo 0-0 e l’ultimissimo Venezuela già fuori da eventuali giochi-qualificazione, pochi giorni dopo, impone il pari 1-1. Si ripete così, da tempo immemore, la perpetua paradossale cantilena del popolo argentino orfano di Maradona e di trofei, capace di criticare chi Maradona lo avvicina più di tutti. E anche se non è un Paese per Messi, la Nazionale, almeno fuori dagli uffici, l’ha salvata proprio Leo che, tornato al suo posto, ci riproverà in Russia nel 2018.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2022

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Ritratti
Nazzareno Consalvi
20 Aprile 2022

Il mito del Magico Gonzalez

Sulle tracce di una leggenda di popolo.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Aprile 2022

La guerra intestina del River Plate

La dirigenza (e le autorità) contro i tifosi.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Marzo 2021

Certe giocate ti rimettono al mondo

De Paul, Lautaro, Lamela: semplicemente grazie.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
4 Marzo 2021

Ariel Ortega ci ha fatto sognare

Un fenomeno umano, troppo umano.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2020

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
27 Luglio 2020

Quel portiere volante di José Luís Chilavert

Infrangere le regole del calcio e diventare un'icona mondiale.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Calcio
Giacomo Proia
7 Giugno 2020

Papa Francesco non poteva che tifare San Lorenzo

L'azzurro e il rosso, la Vergine Maria Ausiliatrice, il calcio e il cattolicesimo.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Storie
Luca Pulsoni
24 Maggio 2020

Victor Hugo Morales, Maradona e l’aquilone cosmico

Quando la narrazione sportiva diventa letteratura.
Storie
Luigi Fattore
11 Maggio 2020

Veron e il calcio, un affare di famiglia

Carriere iniziate e finite all'Estudiantes, e condite da sfide leggendarie.
Calcio
Diego Mariottini
27 Aprile 2020

L’Argentina è una Repubblica fondata sullo Sport

Quando lo sport diventa mito fondativo dell'identità nazionale.
Calcio
Remo Gandolfi
26 Aprile 2020

Andare in guerra con Marcelo Gallardo

Il Muñeco è figlio della più pura tradizione River Plate.
Storie
Remo Gandolfi
17 Aprile 2020

Marcelo Bielsa e Bilbao si sono tanto amati

Dalla stima alla rottura, un amore argentino nei Paesi Baschi.
Storie
Vito Alberto Amendolara
13 Aprile 2020

La maglia di Maradona

Storia reale di una vicenda incredibile.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile 2020

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Storie
Sergio Taccone
6 Aprile 2020

Osvaldo Soriano racconta il San Lorenzo

La vittoria di un campionato raccontata dal tifoso più nobile.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Aprile 2020

Boca Juniors significa La Bombonera

Il 3 Aprile del 1905 nasceva il Boca Juniors, una squadra inscindibile dal suo stadio.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
8 Marzo 2020

La maledizione di Zielinski

Tevez urla, Maradona ride, Román osserva: il Boca torna campione, nella notte dei campioni.