Carrello vuoto
Calcio
18 Febbraio

Giorgio Chiellini è la Juventus

Gianluigi Sottile

11 articoli
Il rientro del capitano è cruciale per i bianconeri.

“In alcuni momenti delle partite siamo troppo passivi, avere un calciatore come Chiellini ci aiuterebbe tanto nel trovare quel sano agonismo e quell’attenzione mentale fondamentale per conquistare le vittorie”. Maurizio Sarri ha avuto l’opportunità di schierare Giorgio Chiellini solo a Parma, al suo debutto sulla panchina della Juventus, nella partita inaugurale della Serie A 2019/2020 (oltre naturalmente ai quindici minuti di domenica contro il Brescia).

Eppure il tecnico toscano, in una singola frase pronunciata dopo la sconfitta contro il Napoli, ha saputo racchiudere tutta la leadership e il valore del capitano bianconero: un valore che trascende i metri di giudizio comuni a tutti gli altri difensori. Perché, prima di essere un grande difensore, Chiellini rappresenta un tipo di mentalità vincente con pochi eguali non solo nel calcio, ma nello sport in generale.

Credo che Chiellini sia qualcuno di unico. Quando si parla di personalità, leadership, cattiveria agonistica e voglia di vincere, io penso a lui. L’acquisto migliore per una società sarebbe l’anima di Chiellini” (le azzecatissime parole sono di Christian Bucchi)

Kurt Cobain diceva che non si apprezzano mai le cose che si hanno finché non le si perde: bene, l’infortunio di Chiellini dello scorso agosto è un perfetto esempio di questo principio applicato (al calcio). Nel corso dei mesi infatti la fragilità della Juve di Sarri è diventata sempre più evidente, così come sempre più pressante era la ricerca di un modo di stare in campo più “elaborato” rispetto allo standard richiesto dal gestore Allegri.

Perdere Chiellini durante questo percorso, per la Juventus, è stato come smarrire una torcia nel bel mezzo di una caverna buia. E non si tratta di un discorso tanto legato all’ambito tecnico-tattico: il cuore del problema riguarda invece il modo di stare in campo di Chiellini, che alza in automatico il rendimento difensivo dei compagni indipendentemente da quale sia la strategia scelta dall’allenatore.

Chiellini Bonucci Getty
Giorgio Chiellini, nell’unica partita intera giocata a Parma, festeggia il gol con Bonucci; se quest’ultimo è oggi da molti considerato tra i migliori difensori in Europa, gran parte del merito va al suo compagno di reparto (Foto di Alessandro Sabattini/Getty Images)

Un calciatore così esperto e completo, un leader come si usa ormai dire un po’ troppo spesso per un po’ troppa gente, che riesce ad influenzare inevitabilmente anche il contesto; qualunque siano il modulo, l’allenatore, le tattiche, i compiti dei singoli difensori e più in generale del reparto difensivo. Non è un caso che Chiellini sia l’unico calciatore in corsa per lo storico record della vittoria di nove campionati di Serie A consecutivi (l’unico altro potenziale “concorrente”, Barzagli, si è ritirato a maggio scorso).

Durante il ciclo vincente della Juventus dell’ultimo decennio si è parlato sempre di una differenza tracciata dai singoli calciatori. Ma troppo spesso, mentre parlavamo dei vari Pirlo, Pogba, Tévez, Dybala, Higuaín e persino Cristiano Ronaldo, ci siamo dimenticati di rendere i dovuti meriti a Chiellini – che paradossalmente è stato l’unico ad essere sempre fondamentale, non solo per esperienza maturata e carattere ma anche per rendimento.

“Quando sono arrivato qui mi sono innamorato di questa maglia e il sentimento è cresciuto negli anni. Dopo Calciopoli si è rafforzato, anche perché vivere certe situazioni non ti lascia indifferente” (Giorgio Chiellini)

Certo, sappiamo che sono i difensori in senso lato a dover scontare questo crudele destino di oblio mediatico e critico (basti guardare il povero Van Dijk, che in una stagione letteralmente perfetta con 0 dribbling subiti e una Champions vinta non è stato ritenuto degno del massimo riconoscimento individuale), ma dobbiamo renderci conto che Chiellini è stato il primo e più importante rappresentante del miglior ciclo bianconero della storia.

Giorgio Chiellini ha ormai la Juventus nel sangue e viceversa: qui contro il Real Madrid, dopo la vittoria del 2015 (Foto di Michael Regan/Getty Images)

Tutte le versioni della Juventus che si sono susseguite in questi anni sono state squadre di carattere, soprattutto negli anni di Allegri: squadre con un’autostima incredibile, in grado di capire e ribaltare le partite anche nei momenti psicologicamente più difficili. Insomma, squadre che ragionavano con la testa del loro numero 3.

E in assenza di Chiellini la Juve era già stata un po’ meno cannibale, un po’ meno feroce, un po’ meno Juventus. Due esempi, negli anni, sono le due eliminazioni dalla Champions tra il 2015 e il 2016. La prima, nella finale contro il Barcellona, marchiata a fuoco da quel gol di Rakitić dopo pochi secondi: un’azione in cui i blaugrana avevano avuto vita – e possesso – troppo facile tra le maglie bianconere. La seconda, a Monaco contro il Bayern, tristemente ricordata dal pubblico juventino per l’errore di Evra allo scoccare dell’ultimo minuto dei tempi regolamentari.

Due eliminazioni dolorose, molto diverse tra loro, ma entrambe legate a leggerezze evitabili. Leggerezze che senza Chiellini in campo, come a Berlino e come a Monaco, la Juventus commette con maggiore frequenza: qualcosa che va oltre le statistiche e il semplice aspetto tecnico-tattico.

Rakitic esulta dopo l’immediato vantaggio blaugrana nella finale 2015. Chissà cosa sarebbe successo se…

Non che l’aspetto tecnico-tattico, poi, sia poco rilevante. Chiellini è arrivato nel grande calcio come un terzino vecchia scuola di cui immediatamente si sono intraviste le capacità in marcatura. Negli anni il ragazzo di Pisa si è quindi imposto come un difensore centrale quasi anacronistico, in un calcio sempre più modellato su qualità tecniche di spessore anche nei reparti arretrati. Ecco perché il centrale bianconero, italianissimo e quinta colonna di una Juventus vincente perché tricolore, a differenza di altri suoi compagni è stimato anche da molti che non parteggiano per la Vecchia Signora.

In primis per il comportamento e le dichiarazioni fuori dal campo sempre misurate e mai sbruffone, e anche per l’atteggiamento nel rettangolo verde ruvido ma non sleale; ma soprattutto perché è l’ultimo figlio di una visione del gioco ormai superata e che, nel momento stesso in cui viene apparentemente superata, ci fa aggrappare a Chiellini quasi in un istinto conservatore. Un marcatore senza mezzi termini, fisicamente possente e ruvido, (quasi) mai elegante e (quasi) sempre efficace: nell’era in cui crollano tutte le certezze un punto fermo, lo stereotipo che tutti abbiamo del difensore fin dall’alba dei tempi.

“Giorgio Chiellini. Come può uno scoglio arginare il mare: col punto interrogativo è Lucio Battisti, senza è Giorgio Chiellini” (Sandro Veronesi)

Chiellini Van Persie Getty
In vista di Euro 2020 il recupero di Chiellini è un’ottima notizia: qui a contrasto con Van Persie, la palla ovviamente non c’è più perché già l’ha spedita fuori (Foto di Dino Panato/Getty Images)

Ma col passare degli anni, abituatosi a giocare in squadre dominanti, Chiellini ha sviluppato anche abilità e personalità non comuni nella gestione del possesso, migliorando secondo i canoni richiesti dalle filosofie contemporanee. È indiscusso che con i piedi non sarà mai al livello di Piquè o dello stesso Bonucci – come è chiaro che questi in marcatura non si avvicineranno mai alle doti del 3 bianconero – ma la progressiva crescita lo ha portato ad essere adatto a qualsiasi tipo di compagno e di sistema, e anche a variare lo stile di gioco in base alle partite o ai vari momenti delle stesse.

Potrebbe non bastare, certo, ma il ritorno di Chiellini sarà fondamentale nella seconda parte della stagione bianconera; anche per quanto riguarda le voci sui mal di pancia interni allo spogliatoio che, a ben vedere, potrebbero pure essere la causa delle prestazioni in campo, poco brillanti e ancor meno grintose. Il rientro del capitano bianconero inoltre rappresenta un recupero cruciale anche in ottica Nazionale: sarebbe quantomeno ingeneroso che quella tremenda eliminazione, contro la Svezia, segni l’ultimo capitolo della carriera internazionale di un simile giocatore.

E allora chissà che l’Europeo 2020 non possa diventare l’Europeo di Chiellini, sperando che la condizione fisica lo accompagni in crescendo nelle settimane che seguiranno. Anche Mancini avrà una ritrovata certezza su cui contare, perché possiamo essere calcisticamente progrediti e progressisti quanto vogliamo ma avere uno come Giorgio Chiellini, là dietro, farà sempre tutta la differenza del mondo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Papelitos
Luigi Fattore
18 Maggio

Le dittature sono noiose

La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.
Calcio
Daniele Dell'Orco
24 Gennaio

De Laurentiis, il silenzio è d’oro

Le scintille tra Aurelio De Laurentiis e Maurizio Stirpe hanno messo a nudo tutta l'ipocrisia del patron napoletano.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Calcio
Gianluca Palamidessi
22 Febbraio

La Serie A punta sugli stranieri e teme i giovani

Il nostro calcio è in ripresa, ma è lungi dall'essere sano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Ottobre

L’Antinferno della Serie A

Il Benevento non esiste, la SPAL però ci crede. Chi sono dunque le ignave del campionato?
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Calcio
Marco Metelli
21 Agosto

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Calcio
Diego Mariottini
12 Aprile

Cagliari Campione. Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Storie
Maurizio Fierro
29 Maggio

L’arte di perdere

Quando la sconfitta diventa un’arte: maggio 1967, una primavera molto nera e poco azzurra.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
5 Marzo

Il Coronavirus e la miseria del calcio italiano

È arrivato il momento di azzerare la governance del calcio nazionale.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Storie
Annibale Gagliani
1 Settembre

Craxi e il Torino, un amore da Prima Repubblica

Il Bettino calciofilo, presidente ombra dei granata.
Calcio
Luca Pulsoni
4 Giugno

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Calcio
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Interviste
Federico Cenci
12 Maggio

Silvio Baldini, il calcio è identità non soldi

Pochi ori, tanti allori.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Recensioni
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Calcio
Luigi Fattore
30 Novembre

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.
Calcio
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Calcio
Nicola Caineri Zenati
17 Marzo

Di Biagio e la ricostruzione dell’Italia

Ripartire da zero (o quasi).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.