Carrello vuoto
Storie
2 Giugno

Goodbye, my Grand Old Lady

Alberto Fabbri

78 articoli
Il mito di Goodison Park, a pochi mesi dalla sua fine.

La notizia è stata riportata già da diverse testate ed è ormai ufficiale: l’Everton Football Club traslocherà da Goodison Park, nel giro di un paio di stagioni. Infatti, sono stati soddisfatti i termini per l’approvazione del progetto del nuovo stadio da parte dell’amministrazione comunale e l’addio è ormai cosa certa. In particolare il divorzio dall’impianto, ribattezzato affettuosamente “Grand Old Lady” dagli Evertonians, porterà i Toffees ad allontanarsi dalle vicinanze di Stanley Park, che attualmente li separa dai cugini di Anfield Road. Così, la nuova casa sorgerà due miglia più ad ovest, sulle rive del Mersey River, nel Bramley Moore Dock, dove i gestori dell’omonimo pub si stanno già fregando le mani.

Una città divisa da due religioni. Così lontani, così vicini
Una città divisa in due popoli. Così lontani, così vicini

Nil satis nisi optimum”, ovvero “Nulla è sufficiente se non il meglio”, è il motto dell’EFC; chissà se proprio questo slogan non abbia corroborato la volontà di investire in un nuovo impianto, da parte del business man iraniano Fahrad Moshiri, azionista di maggioranza del club. Troppo pochi gli attuali 40.157 posti Irrinunciabili le opportunità di remunerazione offerte da una nuova arena? E’ necessaria una sistemazione futuristica che sancisca un’era di ritrovata prosperità? “Chi vivrà vedrà”. Così, mentre i tifosi abbracciano il cambiamento sperando che questo possa rilanciare davvero le ambizioni della società, noi ripercorriamo la storia dell’ultracentenario rapporto tra stadio e squadra. Non solo una questione di filologia. L’Everton Football Club nasce nel 1878 e porta il nome dell’omonimo quartiere di Liverpool, dove svetta la Prince Rupert’s Tower, simbolo dei Blues. L’anno cruciale per il calcio della città del Merseyside è il 1892, quando i Toffees lasciano il loro terreno di gioco di Anfield Road proprio ai neonati cugini del Liverpool Football Club. Infatti, il deteriorato rapporto con l’affittuario del campo spinge i dirigenti a trasferirsi presso l’avveniristico Goodison Park, appena inaugurato come il primo grande stadio d’Inghilterra. L’esordio sul nuovo campo vede i locali imporsi 4-2 sul Bolton il 2 settembre 1892 ed ancora i Wanderers sono sconfitti per 4-1 dal Notts County nella prima finale di FA Cup, ospitata in questo impianto due anni dopo.

Goodison Park in un'immagine degli anni '60
La St. Luke’s Church diventa tribuna (appoggiandosi su Goodison Park). Immagine datata 1960

Così, immaginando di sederci metaforicamente sulle ginocchia della “Anziana Signora” di Liverpool, chissà quanti aneddoti ci potrebbe raccontare riguardo il suo rapporto con l’Everton. Sicuramente ci narrerebbe del cambio dei colori della casacca, che esordisce bianca a strisce biancoblu. In seguito, dopo una breve parentesi in nero e con l’aggiunta di una banda diagonale rossa, il trasferimento in Goodison Road comporta l’adozione di livree differenti color salmone, rosso, bianco, passando per diverse tonalità di azzurro. Alla fine, il Royal Blue abbinato a pantaloncini bianchi è dal 1901 il colore ufficiale. Ancora. Ci potrebbe raccontare la favolosa stagione 1927/28 in cui Dixie Dean, miglior cannoniere della storia del club, mise a segno 60 reti, trascinando la squadra alla conquista del titolo. Oggi, le sue 349 marcature in 399 presenze sono state omaggiate da una statua, posta all’esterno della Park Stand. Un’altra storia curiosa riguarda l’origine del soprannome, per quanto esistano due versioni che possono spiegare l’adozione di “The Toffees” o “Toffeemen”. La prima è riconducibile ai tipici dolcetti, venduti ai tifosi dal negozio “Mother Noblett’s Toffee Shop” sulla via di Goodison Park e poi lanciati sugli spalti dalla Toffee Lady, durante il tradizionale giro di campo pre-partita. Invece, secondo altre fonti, con questo appellativo ci si potrebbe riferire alla comunità di immigrati irlandesi presente in città alla fine dell’Ottocento, tra cui i Blues annoveravano numerosi sostenitori.

Pelè firma autografi fuori da Goodison Park; Mondiali 1966
Pelè firma autografi fuori da Goodison Park; Mondiale 1966

E’ ancora interessante approfondire il legame tra “The Grand Old Lady” e la sua confidente più intima, cioè la St. Luke’s Church, che sorge all’angolo tra Goodison Road e Gwladys Street End. Qui, in occasione di ogni partita i tifosi possono conciliare la fede sacra e profana, trovando ristoro ed una tazza di thè caldo nel club di tifosi, situato nei locali al piano superiore. Dal canto suo, l’Everton ne rispetta la spiritualità, chiedendo di non giocare in orari che interferiscano con le sue funzioni religiose. Infine, non si può trascurare nemmeno la tradizione secondo cui il capitano dei Toffees, in virtù del sorteggio con la monetina, cerca sempre di scegliere il campo dalla parte della Park Stand, in modo da attaccare nel secondo tempo sotto alla Gwladys Street End. Proprio qui infatti, soprattutto nella “Lower stand”, si raccoglie la frangia più passionale degli Evertonians. Non basterebbe una giornata per ascoltare i racconti delle sfide, dei personaggi e degli episodi che hanno segnato questo amore, datato ormai a più di centoventicinque anni. Una storia che ha visto conquistare e poi celebrare nove titoli d’Inghilterra, cinque FA Cup, nove Charity Shield ed una Coppa delle Coppe, nonché calcare il mitico rettangolo verde da giocatori come il già citato Dixie Dean, James Alan Ball, Gascoigne, Gary Lineker e l’esordiente Wayne Rooney.

"Sono cresciuto tifando Everton e odiando il Liverpool. Questo non cambierà mai".
“Sono cresciuto tifando Everton e odiando il Liverpool. Questo non cambierà mai”.

Tuttavia, la fama del Goodison Park non si limita esclusivamente al Royal Blue ed ai suoi sfidanti. E’ tra queste mura che si sono svolti anche quattro incontri della Coppa del Mondo di Inghilterra ’66. Proprio su questo campo fu sancita la sorprendente eliminazione ai gironi del Brasile che, dopo aver superato la Bulgaria, alzò bandiera bianca sia con l’Ungheria che con il Portogallo di Eusebio. Ai quarti, sempre la Pantera Nera, pallone d’oro nel 1965, calò un poker nel pirotecnico 5-3 con cui i lusitani superarono la Corea del Nord, beffarda carnefice dell’Italia. Al turno successivo, l’estroso Helmut Haller, in forza al Bologna, ed il “Kaiser” Beckenbauer permisero alla Germania Ovest di superare 2-1 l’URSS, accedendo così alla contestatissima finale, poi persa contro in padroni di casa. E’ giunto il tempo di salutarci, Grand Old Lady, e non possiamo far altro che augurare all’Everton di trovare una nuova casa altrettanto accogliente e materna. A Goodison Park i Toffees hanno costruito il record del maggior numero di stagioni disputate nella massima serie e quest’anno, tra le mura amiche, i ragazzi di Koeman hanno raccolto quarantatré punti, il quarto rendimento interno del torneo. Ricorda la tua storia; ospiterà la tua nuova casa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Podcast
La Redazione
2 Ottobre 2021

San Siro non si tocca

Ne abbiamo parlato con Riccardo Aceti, ingegnere al Politecnico di Milano.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Editoriali
Francesco Andreose
12 Marzo 2021

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.