Carrello vuoto
recensioni
7 Agosto

Il presidente del Borgorosso Football Club

Alberto Fabbri

74 articoli
Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 

In una delle camere più profonde del cuore della Romagna, terra di irriducibili attivisti politici e ferventi sportivi, la squadra della cittadina di Borgorosso si appresta ad affrontare le ultime due trasferte di campionato, con la speranza di ottenere la promozione in Serie D. Sul pullman in viaggio per Guastalla, l’animoso presidente Libero Fornaciari carica i suoi ragazzi: sul campo nulla è da lasciare al caso, oppure all’aritmetica, non bisogna fare prigionieri! Tuttavia, appena pronunciate le parole dell’arringa, il patron è colto da un infarto, l’ennesimo, che lo costringe ad abbandonare l’impresa.

 

L’ultimo discorso del presidente Libero Fornaciari, interpretato da Alberto Sordi

 

 

Mentre si disputa la gara, al suo capezzale accorre da Roma la prima moglie con il figlio Benito, suo unico erede. E proprio quando i due si stringono la mano, dopo oltre trentanni di lontananza, la ricetrasmittente collegata alla panchina dei bianconeri ne annuncia il pareggio. Un’ ultima esultanza, poi ancora un’imprecazione, quindi il cuore si arrende definitivamente e non sorregge più il proposito di seguire la squadra nell’ultima e decisiva sfida. Risolte le questioni legali, la palla passa ora al figlio, nuovo vertice dell’azienda vinicola Fornaciari Valli e soprattutto del Borgorosso Football Club.

 

Quella che appare come una normale successione tra padre e figlio incontra un gravoso ostacolo sulla sua corsa. Infatti il neopresidente è un professore impiegato in Vaticano, totalmente novizio nell’ambiente calcistico! Per Benito, il pallone rappresenta soltanto la causale degli innumerevoli e scellerati assegni staccati dal defunto genitore; così, il figlio del presidente freme dalla voglia di sbarazzarsi di quell’esoso giochino. Addirittura, sconvolto dalla ferocia del pubblico, lascia la tribuna nell’intervallo dell’ultima partita, che poi si concluderà con una tremenda sconfitta in rimonta. Quindi, ancora più risoluto a terminare la sua esperienza in Romagna, prima Benito intavola un’infruttuosa trattativa con il sindaco Bulgarelli per la cessione della società, poi si affida all’intermediario di mercato Zuccotto che lo aiuta a piazzare i pezzi pregiati della rosa.

 

Il presidente Libero Fornaciari, interpretato dal mitico Alberto Sordi

 

Intanto, il malcontento comincia a soffiare sui mozziconi delle sigarette, spente sui tavolini del bar della piazza, tanto che gli animi della tifoseria si scaldano rapidamente. Infatti i bianconeri sono sempre al centro dei pensieri dei paesani, dal farmacista fino al parroco, che normalmente conclude in fretta e furia la funzione domenicale per poter arrivare in tempo allo stadio. Nel frattempo la squadra del Celerina viene squalificata per doping, quindi il Borgorosso è promosso d’ufficio nella serie superiore. A questo punto la contestazione esplode definitivamente, divenendo un autentico assedio a Villa Fornaciari. Così, dopo aver tentato una rocambolesca fuga, Benito, “fulminato” dal ritratto del padre, decide di affrontare i tifosi. Il tragicomico discorso segnerà un nuovo corso per la squadra del Borgorosso, sconvolgendo per sempre l’esistenza del suo presidente.

 

Il racconto di Luigi Filippo D’Amico, definito “semplice, spontaneo ed ingenuo come l’animo del tifoso” dal protagonista Alberto Sordi, castiga i “mores” dell’Italia del pallone, che si affaccia agli anni 70. L’iconica commedia presenta le tematiche peculiari ed i tipici caratteri dell’universo calcistico nostrano, dal vulcanico presidente interventista al viscido agente, dal circo del calciomercato ai presunti profeti della panchina. Anche il tifo non viene trascurato dalla cinepresa, ritratto in tutta la sua appassionata irrazionalità. Infine nella figura dello stesso parroco, si potrebbe individuare anche il tema pasoliniano del rapporto tra credo religioso e fede sportiva. Insomma, calciofili e cinefili non possono non godersi quest’opera che, con arguzia e lungimiranza, risulta ancora assolutamente attuale a quasi cinquantanni dall’esordio nelle sale.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Alberto Maresca
8 Novembre

Narcofùtbol

Il realismo magico colombiano tra storia e mito.
recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Editoriali
Alberto Girardello
27 Novembre

I bambini sono seri e non conoscono l’impossibile

Sport e gioco condividono una libertà sempre più compressa dalla spettacolarizzazione.
Interviste
Sebastiano Caputo
8 Novembre

L’arte di raccontare il calcio moderno

Vice-direttore de "Il Giornale", direttore della rivista "Undici", si firma su "Il Foglio" con il nome Beppe Di Corrado. Abbiamo incontrato Giuseppe De Bellis, giornalista barese trapiantato a Milano, che ha ideato un prodotto editoriale raffinato che mescola scienza ed epica al servizio del calcio.
storie
Stefano Peradotto
11 Settembre

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Altro
Alberto Girardello
5 Ottobre

Metamorfosi dell’addio

Lasciare lo sport praticato non ha più lo stesso significato: a cambiare è l'atto stesso dell'andarsene.
Interviste
Federico Corona
25 Novembre

Lo sguardo di Marco Bucciantini

Come unire nel profondo calcio e poetica.
Estero
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Italia
Niccolò Maria de Vincenti
23 Agosto

Il Dragone che dorme

Una speranza per aumentare i ricavi, l'immenso mercato, i capitali in Europa: il Celeste Impero è un miraggio per tutto il calcio globale. Ma qual è lo stato dell'arte? Un'opinione.
storie
Filippo Peci
8 Dicembre

Quando si fermò la storia

Nel 1974 si affrontano Germania Ovest (BRD) e Germania Est (DDR). Inutile dire che, quindici anni prima della caduta del muro, non poteva essere solo una partita di calcio.
Italia
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Editoriali
Sebastiano Caputo
10 Novembre

La prima rivista sportiva per gentiluomini

Signore e Signori, nasce "Contrasti", finalmente.
Ritratti
Alberto Fabbri
13 Gennaio

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Podcast
La Redazione
4 Agosto

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Italia
Mattia Curmà
10 Maggio

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Estero
Lorenzo Cafarchio
26 Novembre

Éric Cantona, abbattiamo il sistema!

Apologia di Re Eric. Dalla Gallia, alla conquista di Albione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
storie
Matteo Paniccia
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.
Italia
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Italia
Remo Gandolfi
12 Dicembre

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
recensioni
Francesco Valerio Tommasi
15 Marzo

Cosa accade quando un teologo s’interroga sul calcio?

Perché bisogna leggere la Filosofia del calcio di Bernhard Welte.
recensioni
Gezim Qadraku
1 Luglio

Jimmy Grimble

Quando tifare il Manchester City era una questione d’amore.
Italia
Diego Mariottini
2 Marzo

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
Estero
Carlo Brigante
19 Dicembre

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Italia
Marco Armocida
16 Luglio

Le tre partite più belle del calcio italiano

Fantozzi, Salvatores e Aldo, Giovanni e Giacomo: il calcio come essenza italiana.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Italia
Alessandro Imperiali
2 Marzo

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Estero
Gezim Qadraku
3 Gennaio

Derby dell’odio

A Mostar si tratta di Est contro Ovest, Armata Rossa contro Ultras, operai contro nobili, stella rossa contro šahovnica. Quando si affrontano Velez e Zrinjski la Bosnia torna inesorabilmente indietro di vent'anni, ai tempi delle guerre jugoslave.
recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Interviste
Niccolò Maria de Vincenti
7 Marzo

Quel mitomane di Giancarlo Dotto

Federer e Nadal, Carmelo Bene e il ping pong, Totti: abbiamo scambiato due chiacchiere con un giornalista extra-ordinario.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Italia
14 Gennaio

Damiano Tommasi

Dalla Roma a San Marino, una vita da mediano controcorrente.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Ottobre

L’Antinferno della Serie A

Il Benevento non esiste, la SPAL però ci crede. Chi sono dunque le ignave del campionato?
Italia
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.