Carrello vuoto
Interviste
24 Gennaio

A tu per tu con Gianfranco Zigoni

Matteo Fontana

9 articoli
Il grande Zigo si racconta.

«Certo che avevo un procuratore. Era un mio amico d’infanzia, si chiamava Danilo, ma l’avevano soprannominato Ferragosto, perché non era molto avvezzo al lavoro. Mi ha seguito per tutta la carriera. Che fossi a Genova, a Roma o a Verona, lo sentivo e gli domandavo: “Danilo, mi porteresti del Raboso?”. Lui arrivava con le bottiglie che gli avevo chiesto. Ecco, lui era il mio procuratore. Di casse di vino».

 

Oderzo è silenziosa, attorno a Gianfranco Zigoni. Fa freddo, in questa terra di confine tra il Veneto e il Friuli, con le strade che si biforcano nell’incrocio di un Nord-Est antico. Zigo è uno da beat generation: come Jack Kerouac, dopo tanto vagare è tornato a casa. L’ha fatto molto tempo fa, alla maniera degli eroi omerici. L’Itaca di Zigo è qua.

 

Troppo difficile paragonare il calcio di oggi a quello di allora?

Io questo lo seguo poco, in realtà. Vedo, appena posso, le partite del Verona, e poi quelle del Torino e dell’Inter, le squadre per cui tifavo da bambino. Soprattutto l’Inter, poi, mi diverte, perché non sai che cos’aspettarti. Il Verona è il mio cuore, il Toro è nato per soffrire, e lo sento dentro di me.

Vuole dirci che non le interessa nulla di Cristiano Ronaldo?

Lo stimo, perché è un fuoriclasse, ma non farei mai cambio con lui, anche se muove milioni e milioni di tifosi e di soldi. Sembra una macchina, non un giocatore. Si diverte sul serio? La vita è una sola, non puoi passarla sempre sul campo. Vedo che è circondato da ogni agio, eppure c’è qualcosa che mi annoia. A me piace chi sa essere selvaggio e ingenuo.

Quindi non va matto neanche per Lionel Messi?

Ecco, senza voler togliere nulla a Cristiano Ronaldo, preferisco lui. Sai perché? Per il suo modo di giocare. Mi rimanda alla gioia originaria per il pallone, all’oratorio in cui sono cresciuto, qui a Oderzo, nel quartiere Marconi, il “Bronx”. Naturalmente anche Messi fa parte di questo ingranaggio enorme che è il calcio attuale, ma al confronto di Ronaldo trasmette la sensazione di non essere un robot: lo trovo più umano, anche nelle sue debolezze.

Gianfranco Zigoni potrebbe mai far parte di questo calcio?

Non è nemmeno immaginabile. Io mi allenavo perché dovevo farlo, ero obbligato, non l’avrei mai fatto. Vivevo per la partita, per la gente, per lo stadio. Tutto il resto era un contorno. Ora seguono delle tabelle, ci sono metodi di preparazione scientifici, non si può sgarrare. E io, certe regole, non le sopportavo allora, figuriamoci se potrei adattarmi adesso. Ma faccio anche un preambolo: non do giudizi, ogni frutto ha la sua stagione. Il calcio è questo, punto e a capo.

 

 

Gianfranco Zigoni nel suo habitat naturale: il campo da gioco

 

Che cosa intende?

Non si parla più di sport, ma di un business globale. È sbagliato? Non saprei. Trovo che sia affrettato e banale fare certe considerazioni sul filo della nostalgia di quanto è stato. Siamo in un periodo, iniziato ormai tempo fa, e per cui non vedo regressioni, in cui sono gli interessi privati a comandare, la capacità di fare affari. I giocatori non hanno colpe per il contesto in cui sono. Ovvio, una volta i presidenti erano i Moratti, i Garonzi, i Rozzi, persone che avevano un legame viscerale con i club e con il loro territorio. Cosa volete che ne possa fregare a cinesi o americani della storia che c’è dietro a una squadra? La mia non vuole essere una critica a prescindere. Si tratta della presa di coscienza dello stato delle cose.

Per questo si è allontanato dal calcio?

Non sono l’unico, però non vorrei si pensasse che voglia dare una valutazione morale su quel che c’è ora. Più semplicemente, capita di cambiare, di avvertire una vicinanza a un mondo piuttosto che a un altro. Così, se devo andare a vedere una partita sul campo, lo faccio per i Grifoni.

Parla del Genoa?

No, dei Grifoni di Oderzo. Non parlo di calcio, bensì di rugby. Sono la squadra del mio paese. Ci sono tanti giovani entusiasti, e io, per i giovani, ho sempre avuto una profonda simpatia. E poi non è che la passione per il rugby mi sia venuta adesso: questa è una zona in cui la palla ovale comanda. Da piccolo mi portavano fino a Treviso, là erano già forti. E ho un sogno: rinascere ed essere uno degli All Blacks.

Perché?

Ho conosciuto John Kirwan, un uomo straordinario. Lui lo è stato, un All Black. Mi rivedo nel loro modo di interpretare lo sport. Vorrei partecipare alla Haka. John ha scritto un libro bellissimo: “Gli All Blacks non piangono”. Parla della sua depressione, della tristezza che avvertiva, ma che non poteva mostrare. Un All Black non piange.

 

 

Gianfranco Zigoni con la casacca romanista durante una partita contro il Varese

 

E lei, Zigo, ha conosciuto la depressione?

Sì, e ho compreso che sono cose della vita. La felicità è uno stato d’animo passeggero, ma tutto è transitorio. So che cosa significhi stare male dentro. Lottiamo ogni giorno per noi stessi, per i nostri cari. Ho conosciuto uomini ricchissimi, come l’Avvocato Agnelli, e barboni che non avevano niente, e mi sono sempre sentito più vicino ai barboni che ai miliardari. A me, dei soldi, non è mai fregato nulla.

Se girassero un film su di lei chi vorrebbe che fosse chiamato a recitare nella sua parte?

L’attore giusto non c’è più: Paul Newman. Era il mio mito, andavo pazzo per “Lo spaccone”. E un ruolo dovrebbe averlo anche Morgan Freeman, un altro che mi piace tantissimo. Quelli di oggi, invece, non mi fanno effetto. Ma volete mettere James Dean? Lui sì che aveva dentro qualcosa di unico. Anche Marlon Brando era un grande, ma Newman, per me, era di più.

Parla dei suoi miti del cinema. Quali ha avuto nel calcio?

Nacka Skoglund, il campione svedese dell’Inter, è stato un simbolo, insieme a Garrincha e a George Best. Eppure io sono attento a quel che mi raccontavano i “vecchi”: Valentino Mazzola è stato irraggiungibile. Non l’ho visto, ma mi fido di chi ha avuto l’opportunità di riuscirci. Lui era al di sopra di tutti, persino meglio di Pelé, di Di Stefano, di Sivori, di Cruijff. Prima parlavamo di Messi e di Cristiano Ronaldo: il confronto non inizia neanche. Se ci mettiamo pure Icardi, allora il distacco aumenta.

 

 

Gianfranco Zigoni, il cavallo matto di Oderzo, negli spogliatoi insieme ai suoi compagni di squadra ai tempi del Brescia

 

A proposito di Icardi, cosa pensa della sua trattativa per il rinnovo del contratto con l’Inter?

Riparto da un concetto che ho già espresso: le regole sono diverse da quelle che c’erano quando giocavo io, quindi se uno può ottenere dieci milioni di euro invece che cinque o sei, meglio per lui, perché poi c’è anche chi glieli darà, evidentemente. Sono ipocriti gli attacchi a Wanda Nara: lei cura l’interesse di Icardi, è il suo mestiere. Potrei fare l’identico discorso per un altro agente di cui si parla spesso, Mino Raiola. Alla fine tutti si lamentano e criticano, ma un vantaggio c’è per gli uni e per gli altri. Io, per quanto mi concerne, resto al mio amico Ferragosto, e tanto mi basta.

 

Zigo, ma com’è riuscito ad avere un distacco tanto austero dai soldi?

Non è una fatica, io sono fatto così. Torno a casa e mangio quello che c’è, mia moglie lo sa. Un panino con il salame è più che sufficiente per essere contenti, magari con un bicchiere di vino al fianco, perché quello è un piacere da condividere. E poi ho la musica, la lettura, la fede: così si trova la pace.

 

La musica di chi?

Di Fabrizio De André. Lo conobbi quando giocavo al Genoa. Ho amato, in particolare, le sue canzoni più malinconiche: “Inverno”, “Il cantico degli impiccati”. Le parole tristi mi conquistano. E dopo “Fiume Sand Creek”, tra l’altro scritta per Faber da Massimo Bubola, che è un amico: abbiamo pure giocato a calcio insieme per delle partite benefiche, tutti dovrebbero avere i suoi dischi. I suoi pezzi sono splendidi.

 

Avete presente quelle parole che aprono “Fiume Sand Creek”? “Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura/sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura/fu un generale di vent’anni/occhi turchini e giacca uguale/fu un generale di vent’anni figlio di un temporale”. Un capolavoro. Non starò mai con le giubbe blu, sarò sempre un indiano: c’è un dollaro d’argento sul fondo del Sand Creek. Tornando a dire di De André, non è un caso che Leonard Cohen l’abbia elogiato prima di morire. Ecco, Cohen: un altro che ho adorato e che manca.

 

Il messia del goal

 

Per cosa?

Per quel suo modo di cantare profondo e affranto. De André ha tradotto in italiano delle sue canzoni, come “Suzanne”, che è bellissima. E dopo ho sempre ascoltato Bob Dylan. La musica mi deve far riflettere. Non sono uno da Beatles o Rolling Stones: non mi vanno a genio né gli uni, né gli altri. Mi danno ansia, non raccontano il mio mondo.

 

E nel suo mondo, Zigo, cosa c’è?

I libri. Quelli di Paco Ignacio Taibo, un altro amico: ci siamo conosciuti anni fa, ha la mia completa ammirazione, è grandissimo. La sua biografia di “Che” Guevara, “Senza perdere la tenerezza”, è irraggiungibile. Perché, vedi, in quella frase, quella del titolo, c’è molto di quanto dobbiamo cercare di essere. Anzi, quasi tutto.

 

Il “Che” secondo Gianfranco Zigoni chi è stato?

Un uomo che si è speso fino a quando non l’hanno assassinato perché le sofferenze cessassero, che ha dato la speranza a popoli che non sapevano neppure che cosa volesse dire. Certo, ha ucciso, per farlo, ma il “Che” desiderava la pace, non la guerra. Era un combattente, com’è stato Muhammad Ali, come Gandhi. Sembrano differenti, opposti, divergenti, invece, se guardate bene, si somigliano.

 

Gianfranco Zigoni tra le figurine del Verona

 

In che maniera?

Ognuno di loro lottava, si impegnava per il bene del prossimo. In questo, però, c’è una figura che viene sopra e davanti a tutti, ed è Gesù Cristo. Tempo fa parlai con un prete e gli dissi che, a mio parere, il “Che “ aveva molto in comune con Gesù. Lui mi rispose che era una visione che non poteva condividere. Poi lessi un articolo in cui si sosteneva proprio questa tesi, ossia che il “Che” fosse stato uno dei personaggi storici più vicini a Gesù. Andai dal prete e glielo mostrai. Mi fece: “Hai ragione tu”, e sorrise.

 

Gesù Cristo cosa rappresenta per lei?

Non l’ho mai visto come figlio di Dio. Per me è sempre stato un rivoluzionario della pace e dell’amore. Gesù è il Discorso della Montagna: “Beati i poveri di spirito perché di essi è il regno dei cieli. Beati i miti perché possederanno la terra. Beati quelli che piangono perché saranno consolati. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perché saranno saziati. Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”. Esiste qualcosa di più grande? Cercatelo, non lo troverete.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Jacopo Benefico
29 Novembre

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Ritratti
Luca Pulsoni
21 Luglio

Serse Cosmi, l’Uomo del Fiume

Dalla panchina del Bar Bruna all’Europa: un allenatore divenuto icona popolare.
Calcio
Domenico Rocca
19 Dicembre

Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio

Orwell, di nuovo. Questa volta in Serie A, questa volta tocca al calcio italiano.
Calcio
Valerio Santori
27 Ottobre

Igor Tudor e lo spirito Hellas

Un piratesco ritorno alle origini.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Storie
Diego Mariottini
16 Dicembre

La fine di re Giorgio

Nel 1984/85 affonda definitivamente il progetto Chinaglia per una Lazio competitiva, mentre il Verona lancia la fuga verso lo scudetto.
Storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.
Ritratti
Matteo Mancin
9 Novembre

Sandro Ciotti

L'uomo, l'artista, l'inconfondibile voce.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Recensioni
La Redazione
20 Dicembre

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Calcio
Alberto Fabbri
8 Febbraio

Ultras d’Italia, ep. IV

Italia 90, il "Calcio moderno" ed il principio della crisi.
Ritratti
Luca Pulsoni
26 Gennaio

Valentino Mazzola, il primo degli Invincibili

La leggenda del giocatore simbolo del Grande Torino.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Recensioni
Alberto Fabbri
27 Dicembre

Cavalli Selvaggi

"Campioni romantici e ribelli nell'Italia di piombo", raccontati da Matteo Fontana. Eclettica Edizioni.
Calcio
Diego Mariottini
2 Marzo

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
Calcio
Matteo Paniccia
25 Settembre

Il Frosinone, leone di provincia

Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.
Calcio
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Calcio
Lorenzo Fabiano
30 Novembre

Innamorati dell’Hellas Verona

Il calcio frugale di provincia che fa invidia agli spendaccioni.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Calcio
Michelangelo Freda
4 Settembre

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Calcio
Alberto Fabbri
25 Giugno

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Calcio
Alberto Fabbri
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

I sanguinosi anni Ottanta.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Calcio
Marco Metelli
7 Dicembre

Tremendismo granata

La scalata al Paradiso del Toro dei miracoli.
Calcio
Lorenzo Fabiano
17 Luglio

Tony D’Amico, l’uomo del silenzio

Il DS anti-mediatico dietro ai successi del Verona.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Calcio
Diego Mariottini
18 Marzo

Un derby degli anni di piombo

L'ultimo Roma-Lazio prima della tragedia Paparelli.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Raffaele Arabia
8 Aprile

Il punto sulla B

A otto giornate dal termine, la serie cadetta non ha ancora annunciato il suo verdetto.