Carrello vuoto
Altro
2 Giugno

Jack Johnson e la ricerca della speranza bianca

Maurizio Fierro

33 articoli
Un viaggio alla scoperta della grande boxe d'oltreoceano nel primo Novecento e delle tensioni razziali che imperversavano in quegli anni.

Il 26 dicembre 1908, a Sidney, sconfiggendo in quattordici round il bianco Tommy Burns, il peso massimo americano Jack Johnson diviene il primo pugile di colore ad aggiudicarsi un titolo mondiale nel pugilato. Negli Stati Uniti, paese in cui vige una rigida discriminazione razziale, la vittoria di Johnson viene considerata un affronto e la ricerca della White Hope, la “Grande Speranza Bianca” che doveva venire a riprendersi l’onore perduto, diviene un’ossessione per il gruppo etnico dominante, i “White Americans”.

Nei primi anni del Novecento gli Stati Uniti hanno iniziato il percorso che li porterà ad affermarsi come potenza egemone a livello mondiale. Il paesaggio urbano subisce notevoli cambiamenti, e l’incremento demografico conseguente ai flussi migratori provenienti dall’Europa porta manodopera utile allo sviluppo industriale in atto già da alcuni decenni. Dopo le presidenze repubblicane di Theodore Roosvelt e William Howard Taft, nel 1913, il democratico Woodrow Wilson si aggiudica le elezioni; il suo mandato, imperneato su una forte politica anti trust, sarà caratterizzato dall’intervento nel conflitto mondiale, conseguente al voto del Congresso del 6 aprile 1917.

Il presidente Wilson si rivolge al congresso nel periodo della prima guerra mondiale
Il presidente Wilson si rivolge al congresso nel periodo della prima guerra mondiale

La maggioranza della popolazione di colore vive negli stati del sud, soggetta a una rigida discriminazione razziale codificata da numerose leggi promulgate alla fine dell’Ottocento. I neri non possono esercitare il diritto di voto, sono esclusi da cariche pubbliche, non possono iscriversi nelle scuole frequentate da bianchi, e viaggiano in carrozze ferroviarie separate. Non si contano gli episodi di violenza ai loro danni, e la confraternita del Ku Klux Klan ben rappresenta l’emblema oltranzista della maggioranza bianca. In quella società rigidamente suddivisa per classi sociali, la boxe, importata dalla Gran Bretagna, è l’unico sport che può essere praticato anche da ceti non abbienti al di fuori dai circuiti elitari rappresentati da college ed università. Nell’America che inizia a declinare il suo “sogno”, dove ai poveri e agli emarginati non è precluso il successo, la noble art diviene allora una metafora della vita, determinata da vittorie, sconfitte e rivincite, e, in questo ring ideale, a chiunque può essere concessa una chance: persino a un nigger.

“Papa Jack”, conosciuto come “il gigante di Galveston”, cittadina del Texas, quel giorno di Santo Stefano del 1908, alla Rushcutter-bay Arena di Sidney, in Australia, aveva esagerato. Per quattordici interminabili riprese, aveva deriso e sbeffeggiato il campione dei pesi massimi in carica, il bianco canadese Tommy Burns, conquistando il titolo dei pesi massimi con irrisoria facilità, primo uomo di colore a riuscire nell’impresa.

Attimi consegnati alla storia: Jack Johnson trionfa contro Burns
Attimi consegnati alla storia: Jack Johnson trionfa contro Burns

Fino a quella data le “Queensberry’s Rules” permettevano solo a pugili di razza bianca di competere per il titolo dei pesi massimi, mentre i nigger, seppur affrancati dalla schiavitù in virtù del XIII emendamento emanato il 18 dicembre 1865, potevano aspirare solo al titolo di “Campione della razza nera”. La cosi detta “linea del colore”, auspicata anche dal celebre scrittore Jack London, corrispondente del “The New York Herald” per gli incontri di boxe, venne infranta per la prima volta il 26 di dicembre del 1908. İn quegli anni il pugilato era considerato dagli americani lo sport per eccellenza e, a partire dalla fine Ottocento, gli Stati Uniti avevano strappato all’Inghilterra il primato di centro nevralgico della noble art. Le nuove regole del Marchese di Queensberry che prevedevano, fra l’altro, l’uso dei guantoni e la divisione dei pugili in categorie di peso, portarono una certa regolamentazione in un’attività sportiva che, fino a quel momento, era stata per lo più amatoriale e clandestina, dando un nuovo impulso allo sport che, più di ogni altro, simboleggiava lo spirito deciso e ardimentoso del popolo americano.

.

Il campione con i guantoni, specie se peso massimo, era un perfetto esempio vivente di coraggio e intraprendenza e, nel tessuto sociale dell’epoca, la sua figura assumeva notevoli significati simbolici. Sempre più giovani uomini provenienti da ambienti poveri e da gruppi etnici stigmatizzati consideravano la boxe come un mezzo per riappropriarsi del proprio destino, riscattandolo ed elevandolo al di sopra dello squallido vissuto quotidiano. Neri, ebrei , irlandesi e, in seguito, italiani e latini, trovarono l’opportunità di stringere forti relazioni di cameratismo frequentando la palestra di quartiere, e condividendo il sogno di diventare professionisti e, perché no, campioni affermati. In questo contesto nacque il mito di Jack Johnson, fortissimo boxeur di colore che sarà considerato da molti il più grande peso massimo della storia del pugilato, mito che nacque nel “boxing day” di quel 1908, e che fu per sempre intrecciato con un altro fenomeno di mitopoiesi: la ricerca della “Grande Speranza Bianca” che un giorno sarebbe venuta a riprendersi l’onore perduto, placando l’indignaziane del gruppo etnico dominante, bianco, protestante ed anglo-sassone, anni dopo riassunto nell’acronimo wasp: White Anglo-Saxon Protestant. L’immagine che racchiude plasticamente questo concetto è la celebre litografia del pittore newyorkese George Bellows intitolata The White Hope, del 1921.

L'opera di George Bellows
L’opera di George Bellows

“Papa Jack”, dal canto suo, non perdeva occasione per sconvolgere gli stilemi sociali dell’America puritana e bigotta del tempo. Il suo “sorriso dorato”, dovuto all’innesto di diversi denti d’oro, ossessionava gli americani di razza bianca, al pari delle macchine sportive con autista bianco, e alle tre mogli, anche loro bianche. Con il ricavato delle vittorie aprì un night club ad Harlem, il “Club Deluxe”, che vendette anni dopo al gangster Owney Madden, che lo trasformò nel celeberrimo “Cotton Club”. La ricerca di uno sfidante anglosassone che potesse “spegnere quel sorriso oltraggioso” assunse i toni del melodramma e, non trovando di meglio, i promoter di boxe ricorsero a un vecchio pugile ritiratosi da tempo, Jim Jeffries, soprannominato “The Grizzly Bear” per la sua passione per la caccia all’orso, convincendolo, a suon di dollari, a riprendere i guantoni.

.

I quotidiani dell’epoca presentarono l’incontro come la sfida del secolo e, soprattutto, come la prova definitiva della superiorità della razza bianca. La località prescelta per il match fu Reno, in Nevada, dopo che San Francisco dovette rinunciare per le violente opposizioni dei gruppi religiosi, che convinsero il governatore James Gillett a declinare l’offerta. Il Nevada, invece, era uno di quegli Stati in cui la boxe era considerata legale, a differenza di molti altri in cui era vietata in quanto considerata pratica immorale. Ma, il 4 luglio del 1910, davanti a più di ventimila spettatori, Jack Johnson spense il sogno di tanti americani sconfiggendo Jeffries per abbandono, dopo quattordici riprese di schiacciante superiorità.

Un ticket che vale oro
Un ticket che vale oro

Quando il telegrafo diffuse la notizia del risultato in molte città ci furono agitazioni, tumulti e linciaggi di neri. Gli Stati dell’Unione, per paura di ulteriori disordini, vietarono la proiezione dell’incontro di Reno e, nel 1912, il “Sims Act” sancì il divieto assoluto delle proiezioni pubbliche di incontri di pugilato. Negli anni successivi Jack Johnson fu oggetto di persecuzioni di ogni tipo, che lo portarono a una controversa condanna per sfruttamento della prostituzione inflittagli da una giuria di soli bianchi. Costretto a espatriare in Messico, il pugile firmò un accordo con l’FBI per rientrare in patria in cambio dello scettro dei pesi massimi che, infatti, gli venne sottratto dal modesto Jess Wilard, alla ventiquattresima ripresa di un match burla svoltosi all’Avana nel 1915. La “linea di colore” era in questo modo riaffermata, e la speranza bianca tanto agognata aveva finalmente compiuto la sua missione recuperando l’onore perduto. All’incontro disputato all’Avana si ispirò un giovane appassionato di boxe, Ernest Hemingway, che, l’anno dopo, scrisse il suo primo racconto di boxe “A matter of color”.

.

In quello stesso 1915, nelle sale cinematografiche americane una pellicola stava riscuotendo un grande successo. Si trattava del film “Nascita di una Nazione”. Da poco, una sentenza antitrust della Corte Suprema aveva posto fine al monopolio cinematografico dell’impero di Thomas Edison, ponendo fine alla così detta “guerra dei brevetti”, e il grande cineasta David Wark Griffith, approfittando dlla situazione, con una piccola casa di produzione, l’American Mutoscope Company, realizzò quello che venne da molti critici considerato il più grande film del cinema muto. “Nascita di una Nazione” rendendo omaggio al primo Ku Klux Klan, creato nel Tennessee nel 1865 da reduci dell’esercito della Confederazione usciti sconfitti dalla Guerra di Secessione, riscosse enorme successo nell’opinione pubblica. Sull’onda dell’emozione suscitata dal film di Griffith, e, grazie agli sforzi di William Joseph “Doc” Simmons, un insegnante della Emory University di Atlanta, uno dei tanti college affiliato alla Chiesa Episcopale Metodista del Sud, il Klan si riorganizzò e“Doc” Simmons, insieme ad altri quindici componenti, bruciò simbolicamente una croce nei pressi di un picco delle Stone Mountain, in Georgia. Da lì a poco, il Klan raggiunse più di quattro milioni di iscritti, l’equivalente del 15% della popolazione avente diritto al voto.

L'esaltazione del KKK attraverso la cinepresa di Griffith
L’esaltazione del KKK attraverso la cinepresa di Griffith

Con la rinascita del Klan, e con l’epopea del proibizionismo – con il VXVIII emendamento ed il Volstead Act, a partire dal gennaio del 1920, veniva vietata l’importazione la vendita e il trasporto di alcool negli Stati Uniti – la ventata di puritanesimo e moralismo che attraversava da costa a costa la società americana raggiunse il suo culmine. Questa seconda fase del Ku Klux Klan si differenziò dalla prima per la portata del fenomeno, non più relegato ai soli stati del sud ma esteso a tutta la nazione, fenomeno che ebbe notevole ascendenza su molti politici perché, di fatto, in quegli anni il Klan controllava i governi dell’Oklahoma, dell’Indiana e dell’Oregon, oltre a molti parlamentari democratici del sud, e anche alcuni presidenti degli Stati Uniti, sicuramente Warren Harding e Harry Truman, ebbero stretti rapporti con la confraternita. Non mancarono episodi di violenza gratuita, specie da parte di una fazione del Klan, la famigerata “Black Legion”, attiva nel Midwest che, al posto delle classiche tuniche bianche, indossava uniformi nere. Non si raggiunsero però gli orrori della prima fase quando, solo nella Carolina del Sud, si registrarono quasi duecento delitti, al punto da costringere la Giuria federale a dichiarare il Klan organizzazione terroristica, causa del successivo scioglimento datato 1872.

.

Nonostante la sconfitta patita da Wilard, per tutte le comunità di colore il mito di Jack Johnson non accennò ad affievolirsi. Rimase celebre una sua apparizione in uno “Speakeasies” di Harlem, i famosi locali notturni del quartiere nero di New York, che mandò letteralmente in visibilio migliaia di persone che si riversarono nelle strade per osannarre il loro idolo. Era quello il periodo conosciuto come il “Rinascimento di Harlem”, nel quale la cultura afroamericana visse un periodo di fermento culturale grazie all’apporto di personaggi come Charles W. Chesnutt, James Weldom Johnson e Claude McKay, il tutto con in sottofondo le note della “scandalosa” musica jazz di Clyde Livingston, troppo sensuale per la bigotta morale bianca.

Harlem Renaissance. In uno scatto.
Harlem Renaissance. In uno scatto.

Anche l’interesse viscerale con il quale la carta stampata dell’epoca seguiva le vicende legate al pugilato rappresentò un fenomeno nel fenomeno. Non solo John Griffith London, alias Jack London, ma tutte le migliori firme del giornalismo contribuirono a determinare le fortune della noble art. A partire dal 1921, poi, con la diretta radiofonica dell’incontro Dempsey-Carpentier, anche la radio si unì alla carta stampata per diffondere le gesta degli eroi del pugilato, sport che veniva considerato da molti scrittori, da Conan Doyle a George Bellows fino a Ernest Hemingway, la metafora ideale per descrivere con efficacia la società americana dell’epoca.

.

Jack Johnson continuerà la carriera combattendo fino a sessanta anni. Si ritirerà nel 1938. Il 10 giugno del 1946, in un ristorante di Franklinton, cittadina della Carolina del Nord, si rifiutano di servirlo. Infuriato, Papa Jack salirà in macchina e, percorsi pochi chilometri, sarà coinvolto in un pauroso incidente automobilistico. Morirà poche ore dopo all’ospedale di Releigh. Negli anni Sessanta del Novecento la sua figura rappresenterà un simbolo per il Black Power, e la Boxing Hall of Fame lo riconoscerà come uno dei più grandi pugili di ogni tempo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Aresi
12 Marzo 2022

Jack Kerouac e l’arte di risolvere un’esistenza

Cento anni fa nasceva un giocatore di football mancato.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre 2021

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio 2021

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2021

La guerra di Chuck Wepner

Il vero Rocky Balboa era un personaggio da romanzo.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altro
Andrea Catalano
7 Novembre 2020

Pugni e carezze alla Vucciria

Pino Leto e il pugilato come riscatto dei giovani palermitani.
Altro
Leonardo Aresi
21 Ottobre 2020

Lo skate è una promessa d’eterna giovinezza

Un elogio dell'universo a rotelle.
Storie
Raffaele Scarpellini
4 Ottobre 2020

Alexis Argüello, l’eroe fragile del Nicaragua

Rivoluzione, tradimento e autodistruzione di uno tra i migliori pugili di sempre.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Ritratti
Antonio Aloi
5 Agosto 2020

Manny Pacquiao va ben oltre lo sport

Orgoglio combattente delle Filippine, ma anche riferimento di popolo.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Storie
Antonio Aloi
13 Aprile 2020

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Interviste
Antonio Aloi
26 Marzo 2020

Giovanni De Carolis e il senso della boxe

Intervista con Giovanni De Carolis, degno rappresentante del vero spirito italiano: umile e talentuoso lavoratore con lo spirito in fiamme ed il sorriso gentile.
Storie
Giacomo Cunial
23 Marzo 2020

Steve McQueen, veloce come il vento

Il romanzo motoristico dell'ultimo ribelle hollywoodiano.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Ritratti
Alberto Maresca
21 Novembre 2019

Carlos Monzòn

Le origini, il talento, la violenza.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio 2019

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Basket
Matteo Fontana
2 Aprile 2019

Davide Moretti: nel nome del padre

L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Altro
Matteo Fontana
20 Febbraio 2019

Tyson vs. Douglas, la caduta di un imperatore

Quando King Kong cadde dall'Empire State Building.
Altro
Matteo Fontana
7 Febbraio 2019

Tom Brady, l’antipatico

L’odi et amo di Catullo va in onda sulla TV via cavo americana.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Storie
Maurizio Fierro
12 Novembre 2018

Schmeling contro Bonaglia

Quando la dittatura sfidò la democrazia.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Ritratti
Matteo Latini
16 Giugno 2018

Roberto Durán, Manos de Piedra

Leggero e violento, come nessuno prima di lui.
Storie
Domenico Rocca
7 Marzo 2018

Guerra del futbol

Come (e perché) il calcio ha dato il via ad una guerra.
Storie
Maurizio Fierro
8 Gennaio 2018

The Big Fight, l’incontro tra Muhammad Ali e Joe Frazier

8 marzo 1971: Black Pride al Madison Square Garden.
Storie
Gezim Qadraku
6 Gennaio 2018

Iran contro Usa, la madre di tutte le partite

L’importanza del calcio nelle relazioni tra Iran e Stati Uniti d’America.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Ritratti
Younes Ettali
16 Novembre 2017

Pete Maravich

Salvato da un colpo di pistola.
Altro
Carlo Andrea Mercuri
15 Novembre 2017

UFC: come tutto ebbe inizio

Le origini dell'evento di lotta più mediatico del momento.
Ritratti
Maurizio Fierro
29 Giugno 2017

Primo Carnera

L’uomo più forte del mondo.
Storie
Maurizio Fierro
23 Giugno 2017

La donna del capo

Fra Oscar e Sally nasce un'amicizia particolare, foriera di sinistri presagi.
Storie
Maurizio Fierro
15 Giugno 2017

The Rumble in the Jungle

Uno scontro consegnato alla leggenda.
Altro
Maurizio Fierro
8 Giugno 2017

Fervore albiceleste

Firpo, Gardel, Di Giovanni: boxe, tango ed anarchia nella Buenos Aires degli anni Venti.
Altri Sport
Alberto Girardello
1 Maggio 2017

Trionfo di pugni sotto l’arco di Wembley

Cronaca di una sfida già nella leggenda.
Altri Sport
Lorenzo Cafarchio
17 Novembre 2016

Abbiamo ancora bisogno di Tyson Fury

Dai titoli mondiali alla disintossicazione per cocaina, la parabola di Tyson Fury, così chiamato in onore di Iron Mike, sembra finita. Bipolare e inadatto per le mezze misure, è uno dei personaggi più discussi (e geniali) della boxe.