Carrello vuoto
Altri Sport
2 Gennaio

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Giacomo Cunial

41 articoli
Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.

Il campionato della National Association for Stock Car Auto Racing è il secondo evento sportivo più seguito negli Stati Uniti d’America, dietro al SuperBowl. La NASCAR è un concentrato di cultura a stelle e strisce: intrattenimento per il pubblico, format con una forte componente commerciale, semplificazione dell’aspetto sportivo e tanti effetti speciali. Si potrebbe definire, in sintesi, un campionato di gare automobilistiche per uomini ubriachi. Un po’ eccessivo forse, ma la storia ci insegna che in origine le corse che hanno reso celebre Daytona erano più o meno quella roba lì.

 

 

L’avvento dell’automobile, si sa, ha rivoluzionato il concetto di mobilità, di trasporto di cose ma soprattutto la libertà di spostamento del singolo individuo. In Europa come in America, questo processo di evoluzione antropologica ha portato automaticamente a uno sviluppo “sportivo” delle quattro ruote. Più tecnico e raffinato dalle ispirazioni intellettuali futuriste, se vogliamo, nel Vecchio Continente, con i diversi costruttori impegnati nello sviluppo di auto sempre migliori ed efficaci soprattutto attraverso le competizioni in circuiti.

 

Già agli albori infatti erano dei piloti semi (molto semi) professionisti mandati in aeroporti militari in disuso a rischiare la morte solo per il gusto della competizione.Nel Nuovo Mondo, invece, le corse con le automobili hanno un’origine molto più utilitaristica.

 

È interessante partire da un percorso etimologico contemporaneo per capire il motorsport nella prospettiva NASCAR: secondo la versione online del Cambridge Dictionary infatti una stock car è “un’automobile ordinaria che è stata resa più potente e veloce in modo tale da poter essere guidata in corse speciali”. La definizione fornita dal sito del Collins Dictionary, invece, è curiosamente diversa ma probabilmente più centrata: “Stock car è una vecchia auto che ha subito delle modifiche così da essere adatta alle corse in cui di solito le auto si scontrano tra di loro”.

 

La NASCAR delle origini, con le auto a sfrecciare sulle spiagge della Florida (AP Photo)

 

 

Quest’ultimo aspetto è molto importante perché traccia una differenza sostanziale tra motorsport europeo e motorsport americano (in salsa NASCAR): non c’è tecnologia, raffinatezza ingegneristica, anzi, l’incidente è una componente prevista intrinseca e quasi centrale dello show, mentre nella filosofia più sportiva-classica l’incidente, naturalmente, è un effetto collaterale. Ma appunto, come avviene per tutti gli sport in salsa USA, la disciplina è legata imprescindibilmente all’intrattenimento che genera per il pubblico pagante. Come scritto dal nostro Vito Alberto Amendolara in Stadi Uniti:

 

“Se voltate lo sguardo dal campo verso gli spalti degli incontri di NBA, NFL, MLB, NHL e MLS questo vedrete. È il mondo parallelo del pubblico americano, plasmato sul modello dello showbiz: lo sport concepito come intrattenimento, in cui l’acmé della battaglia non vive nel colpo inferto al nemico, ma respira nelle pause dello scontro.

 

In questi attimi, grottesche mascotte zoomorfe sparano verso il pubblico hot dog e magliette celebrative, invadenti kiss-cam inquadrano innamorati forzati a scambiarsi baci più falsi delle partite di regular season. Ecco cos’è il mito yankee dello sport”.

 

Nei primi anni del ‘900 la vita della società americana fu influenzata dal vento di sobrietà e moralismo portato dal cosiddetto Proibizionismo. «I liquori sono responsabili del 25% della miseria, del 37% del depauperamento, del 45,8% della nascita di bambini deformi, del 25% delle malattie mentali, del 19,5% dei divorzi e del 50% dei crimini commessi nel nostro Paese», citano le statistiche del Congresso fornite dalla Anti-Saloon League nel 1914. Questo nuovo clima di proibizioni e divieti portò nei ruggenti anni venti alla nascita del fenomeno del gangsterismo e al generale aumento della criminalità.

 

 

Sostanzialmente l’istituzione del Proibizionismo non fermò molti americani dal desiderio di bere alcol e il mercato nero esplose letteralmente. Nel 1920, anno dell’entrata in vigore del proibizionismo, nella sola New York erano presenti 32.000 Speak easy – club con ingresso tramite parola d’ordine – contro i soli 15.000 bar legittimi. La stessa produzione di alcolici, ovvero distillati di vario genere, si espanse enormemente senza licenze di alcun genere.

 

Bobby Sall mentre viene scaraventato fuori dalla sua auto durante un test run nel 1936 (AP Photo)

 

 

Dalla parte dei fuorilegge, il grande problema del periodo fu, come si può ben immaginare, trasportare le casse zeppe di alcol illegale. Ed è proprio in queste occasioni che i piloti americani e le stock car modificate fecero la loro comparsa nella Storia. Così i moonshiner, i distillatori clandestini, entrarono nella leggenda dell’automobilismo. La California in particolare diventò il teatro di inseguimenti epici tra insospettabili auto da famiglia cariche di alcolici che seminavano le ben più attrezzate auto della polizia.

 

 

La moda recente di usare i barattoli da marmellata (jar) per servire i cocktail nasce da lì: i moonshiner mettevano i loro spiriti in barattolo perché più facilmente impilabili. Così tra rum e altri rustici spiriti di mais e segale, l’America continuò ad ubriacarsi in barba al proibizionismo. Quella che sembra una cosa pittoresca e poco più, nella realtà, soprattutto nella zona di Daytona diventò una passione condivisa. Come è leggendario il primo circuito dedicato alle gare di stock car una volta divenute legali: un ovale ricavato nella spiaggia di Daytona beach.

 

I primi campioni Nascar sono figure del genere: di notte distillano, di giorno corrono.

 

Per scappare oppure in gara tra loro, con sfoggio di ubriachezza: Buck Baker, due volte campione Nascar, guidava con una sacca di whisky munita di cannuccia per bere durante la corsa. Ma è solo uno dei tantissimi personaggi leggendari che la storia della NASCAR ha da offrire: come ad esempio Junior Johnson o Wendell Scott, primo afroamericano a vincere una gara nel 1963, o Gary Balough.

 

 

Nel 1948 Sir Bill France fondò la NASCAR; contestualmente, venne definito anche il principale parametro di omologazione delle vetture destinate a gareggiare nelle gare organizzate dalla neonata associazione. Le auto dovevano essere costruite per intero con pezzi reperibili sul mercato (e quindi prodotti di serie) oppure dovevano essere modelli di serie che avessero venduto almeno cinquecento unità. E man mano, come spesso accade in USA, la leggenda ha lasciato spazio al business.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Aresi
12 Marzo 2022

Jack Kerouac e l’arte di risolvere un’esistenza

Cento anni fa nasceva un giocatore di football mancato.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre 2021

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Altri Sport
Luca Pulsoni
24 Ottobre 2021

La sicurezza nelle moto è una questione aperta

Nelle cilindrate minori è una mattanza.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Ritratti
Luca Cameroni
17 Settembre 2021

Daijiro Kato e l’anima del Giappone

Lo spirito del Sol Levante racchiuso nel corpo del suo più grande pilota.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Agosto 2021

Chi ha ucciso Top Gear?

Un'analisi sulla chiusura del programma televisivo più seguito al mondo.
Motori
Giacomo Cunial
23 Agosto 2021

Le Mans è la corsa del destino

Così è stato anche nel 2021.
Ritratti
Leonardo Aresi
11 Agosto 2021

Miki Dora, il cavaliere nero del surf

Il mito oscuro dell'antieroe californiano per eccellenza.
Altro
Giacomo Cunial
8 Agosto 2021

Valentino, artista eterno

Valentino Rossi non si è ritirato e non si ritirerà mai, semplicemente perché non ci si può ritirare da sé stessi.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Altro
Leonardo Aresi
15 Luglio 2021

Greg Noll, l’uomo che osò sfidare l’oceano

La leggenda di un'icona eterna del surf.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno 2021

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Altri Sport
Luca Pulsoni
3 Maggio 2021

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Altro
Leonardo Aresi
11 Aprile 2021

John Milius e l’altra faccia del sogno americano

C'è chi non ha mai smesso di surfare.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Motori
Giacomo Cunial
16 Marzo 2021

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
14 Novembre 2020

Il doping è diffuso anche nella MotoGP?

Il caso Iannone riaccende i riflettori su un tema delicato.
Altro
Leonardo Aresi
21 Ottobre 2020

Lo skate è una promessa d’eterna giovinezza

Un elogio dell'universo a rotelle.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Ottobre 2020

Casey Stoner contro il mondo

Un talento straordinario, solitario nella sua innocenza.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre 2020

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre 2020

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Ritratti
Giacomo Cunial
15 Settembre 2020

Colin McRae, guida allo stato puro

25 anni fa l'unico titolo mondiale di un pilota che ha reso pop i motori.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Altri Sport
Giacomo Cunial
18 Agosto 2020

In Moto GP è questione di coraggio, non di idiozia

Lezione per Zarco: anche il mondo dei piloti ha i suoi limiti.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Storie
Giacomo Cunial
23 Marzo 2020

Steve McQueen, veloce come il vento

Il romanzo motoristico dell'ultimo ribelle hollywoodiano.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Cultura
Alberto Fabbri
3 Marzo 2020

Lucio Dalla ha cantato lo sport

Aspirante cestista, cuore rossoblù, aedo degli eroi sportivi.
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Ritratti
Giacomo Cunial
17 Ottobre 2019

Il carisma intramontabile di Kimi Raikkonen

Iceman è basso profilo, amore puro per la guida di auto da corsa e passione smodata per gli alcolici.
Altri Sport
Giacomo Cunial
9 Settembre 2019

La furia gentile di Charles Leclerc

È nata una stella.
Storie
Giacomo Cunial
17 Luglio 2019

Il mondo di Kazunori Yamauchi

L'ontologia digitale dell’automobile.
Altro
Francesco Aldo Fiorentino
13 Giugno 2019

Apologia del surf

Perchè il surf non è solo uno sport.