Carrello vuoto
Italia
6 Novembre

Moriremo americani

Edoardo Franzosi

10 articoli
Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.

Il 23 settembre scorso, dopo ben 18 anni, Enrico Preziosi ha lasciato la presidenza del Genoa. Il club è stato venduto a 777Partners, una società americana con sede a Miami. Fino a qui nulla di strano, si direbbe una normale operazione di mercato. Ma a ben vedere non è un fatto isolato. La compagine ligure infatti è l’ennesima squadra italiana ad essere stata rilevata da una società statunitense. Come mai? Che gli americani abbiano un fiuto atavico per gli affari è cosa nota, ma cosa li spinge ad investire proprio nel nostro calcio?

Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito ad una vera e propria colonizzazione a stelle e strisce dei nostri campionati. Sono infatti ben 9 i club tra Serie A e Serie B (Roma, Bologna, Fiorentina, Milan, Spal, Parma, Venezia, Pisa e Genoa) ad essere passati nelle mani di imprenditori o cordate made in USA. Dapprincipio fu Thomas Di Benedetto, con l’acquisizione della AS Roma tra l’aprile e l’agosto 2011 dopo una lunga trattativa con Unicredit; a seguire tutti gli altri. E se almeno inizialmente queste operazioni di mercato – accolte tra entusiasmo e scetticismo – facevano rumore, oggi sembrano passare quasi in sordina vista la loro ripetitività.


Il giornalismo sportivo è in continuo mutamento, e non può più prescindere ormai da analisi approfondite anche a livello socio-economico e politico.

Iscriviti a GEM Sport!


La domanda fondamentale che ci poniamo è quindi la seguente: perché gli imprenditori d’oltreoceano investono nel calcio italiano? La risposta è semplice: per convenienza, perché ci vedono una potenziale opportunità. Tuttavia, è di grande utilità guardare prima al campionato inglese, toccato in anticipo da questo processo di americanizzazione. La Premier League, nata nel 1992, è sorta principalmente per questioni legate ai diritti tv, e ha portato nel tempo introiti mai visti prima. Quando all’emittente televisiva BSkyB fu concesso di trasmettere in esclusiva 60 partite in diretta all’anno per 5 anni, entrarono nelle casse del movimento ben 304 milioni di sterline. Una cifra monstre per l’epoca.

Nel giro di una decina d’anni, quando i tempi furono finalmente maturi e il binomio narrazione sportiva-intrattenimento iniziò a funzionare, chi, se non gli americani – businessmen per antonomasia – colsero la palla al balzo? A partire dal 2007 infatti, quando Malcolm Glazer acquistò il Manchester United, diversi imprenditori made in USA hanno iniziato ad investire sulla Premier League. E oggi, a distanza di 14 anni, sono addirittura 7 le squadre (Manchester United, Arsenal, Liverpool, Fulham, Aston Villa, Christal Palace e Burnley) controllate in toto o in parte da americani.

manchester city manchester united premier league proprietà americane
Il derby di Manchester, la partita più seguita al mondo

Ci hanno visto lungo: attualmente la prima divisione inglese è il campionato più ricco al mondo, oltre che il più seguito. Pensate che soltanto con i diritti televisivi, Red Devils e Liverpool nella scorsa stagione hanno incassato rispettivamente 178.2 e 172.1 milioni di euro. Cifre che fanno impallidire. Nulla a che vedere con il calcio italiano, distante anni luce. Le condizioni in cui riversano oggi i club nostrani non sono certamente delle migliori: conti che non tornano, perdite costanti e bilanci in affanno esacerbati dalla pandemia. E lontani sono i tempi del Napoli di Maradona o del Milan degli immortali (sic!) tanto che la Serie A, ormai, non è che un mero campionato di transizione.

Questo però non ha scoraggiato, anzi, gli imprenditori statunitensi ad investire nei club del Belpaese. Al contrario, come detto in apertura, vi vedono una potenziale opportunità e le ragione principale è economica (come al solito). Mentre i club perdono progressivamente valore, dato il momento di crisi, l’investitore americano compra al ribasso e opera investimenti oculati ma che hanno un ampio margine di crescita una volta superate le turbolenze economiche. E infatti i lati positivi, per i loro portafogli, sono evidenti. Il calcio è sempre più seguito a livello globale, di conseguenza – all’estero come in Italia – le aziende si accapigliano per ottenerne i diritti televisivi, le tariffe aumentano e i club non possono che giovarne.



Inoltre, nuove opportunità di business – vedi token non fungibili e criptovalute – portano nuovi flussi di denaro. Non va poi dimenticato che la Serie A garantisce ben 7 posti nelle competizioni europee e che da solo, il movimento calcistico italiano, genera ingenti ricavi. «Calcoliamo 18 miliardi fra diretti e indiretti. Il calcio vale l’1% del Pil», ha detto al Corriere della Sera Luigi Capitanio, partner di Monitor Deloitte. Numeri, questi, che non hanno quindi lasciato indifferenti gli investitori d’oltreoceano per cui si sa, business is business. Ma ci sono altre, e più imponenti, ragioni ad attrarre i nostri cugini americani.

Un’altra opportunità di crescita è infatti legata alla costruzione di nuovi impianti da gioco, centri sportivi all’avanguardia e strutture commerciali adiacenti allo stadio (come accade in Europa già da un po’). L’Italia da questo punto di vista è anni luce indietro, ma è proprio l’arretratezza del nostro paese ad attrarre l’occhio americano, sveglio e sempre vigile rispetto a certe dinamiche. Stando a quanto riportato da una recente indagine della FIGC, negli ultimi dieci anni in Italia sono stati costruiti solo tre nuovi stadi (Allianz Stadium, Gewiss Stadium e Dacia Arena), rispetto ai 153 in tutta Europa.

«Il calcio da noi è già un’industria», sostiene sempre Luigi Capitanio, «ma in ottica prospettica ha un potenziale ancora superiore. Stimiamo infatti che nei prossimi 10 anni gli interventi di rinnovamento delle infrastrutture genereranno fonti di ricavo per l’industria del calcio e per i settori collegati pari a circa 25 miliardi». Non è quindi casuale che da Milano a Roma passando per Parma, Bologna e Firenze le proprietà d’oltreoceano si stiano mobilitando per rinnovare impianti e aree limitrofe, nonostante un iter burocratico lungo e contenziosi con le istituzioni, Pallotta e Commisso ne sanno qualcosa. Gli americani padroni del nostro calcio. Niente romanticismo, chiaramente, nessuna poesia. Solo profitto. Scordiamoci i presidentissimi, il futuro è a stelle e strisce.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Aresi
12 Marzo 2022

Jack Kerouac e l’arte di risolvere un’esistenza

Cento anni fa nasceva un giocatore di football mancato.
Ritratti
Edoardo Franzosi
8 Gennaio 2022

Paolo Mantovani, il presidente

Ritratto dell'imprenditore romano che fece grande la Sampdoria.
Estero
Marco Marino
22 Novembre 2021

Il calcio senza pazienza

Quando cambiare allenatore diventa il gioco preferito.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio 2021

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Recensioni
Emanuele Meschini
4 Giugno 2021

Ted Lasso, non siamo americani

Cosa accadrebbe se un allenatore americano allenasse una squadra inglese?
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio 2021

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Altri Sport
Giacomo Cunial
2 Gennaio 2021

La NASCAR è un mito a stelle e strisce

Dalla velocità dei contrabbandieri di alcolici al business.
Altro
Leonardo Aresi
21 Ottobre 2020

Lo skate è una promessa d’eterna giovinezza

Un elogio dell'universo a rotelle.
Editoriali
Lorenzo Ottone
20 Settembre 2020

Il calcio europeo si è arreso al modello americano

L'americanismo ha vinto anche nel football.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre 2020

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto 2020

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Editoriali
Andrea Antonioli
20 Maggio 2020

Trump, il wrestling e l’America profonda

Il successo sta tutto nella conquista dell'immaginario.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Tifo
Marco Gambaudo
14 Aprile 2020

Kosovska Mitrovica è la Berlino dei Balcani

In Kosovo nemmeno lo sport riesce ad unire, soprattutto a Kosovska Mitrovica.
Storie
Giacomo Cunial
23 Marzo 2020

Steve McQueen, veloce come il vento

Il romanzo motoristico dell'ultimo ribelle hollywoodiano.
Storie
Roberto Gotta
4 Marzo 2020

La tragedia di Hank Gathers

Morire sul parquet.
Calcio
Federico Brasile
4 Febbraio 2020

Quella vecchia volpe di Rocco Commisso

Come non amare il funambolico e spettacolare patron viola?
Basket
Simone Galeotti
3 Gennaio 2020

In memoriam di David Stern

Un ricordo dello storico commissioner NBA, scomparso il 1 gennaio appena trascorso a 77 anni in seguito a un malore.
Papelitos
Federico Brasile
26 Ottobre 2019

Ibrahimovic, uno sbruffone invecchiato

Fino a quando dominava poteva permettersela, ma oggi l'arroganza di Ibrahimovic è diventata semplicemente patetica.
Tennis
Federico Brasile
6 Settembre 2019

La maleducazione regna a New York

Quello degli Us Open è un pubblico di bifolchi, maleducati e ignoranti.
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio 2019

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Basket
Matteo Fontana
2 Aprile 2019

Davide Moretti: nel nome del padre

L'America della palla a spicchi ha perso la testa per un giovane italiano.
Basket
Simone Galeotti
7 Marzo 2019

L’estate di Philly

On the parquets of Philadelphia.
Altro
Matteo Fontana
7 Febbraio 2019

Tom Brady, l’antipatico

L’odi et amo di Catullo va in onda sulla TV via cavo americana.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre 2018

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Basket
Luca Pulsoni
5 Novembre 2018

Brutti, sporchi e cattivi

L’era dei Bad Boys di Detroit e quelle regole speciali per fermare Michael Jordan.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Settembre 2018

Il funerale della Liga spagnola

Cupi pensieri sull'esportazione della Liga negli USA.
Storie
Domenico Rocca
7 Marzo 2018

Guerra del futbol

Come (e perché) il calcio ha dato il via ad una guerra.
Storie
Maurizio Fierro
8 Gennaio 2018

The Big Fight, l’incontro tra Muhammad Ali e Joe Frazier

8 marzo 1971: Black Pride al Madison Square Garden.
Storie
Gezim Qadraku
6 Gennaio 2018

Iran contro Usa, la madre di tutte le partite

L’importanza del calcio nelle relazioni tra Iran e Stati Uniti d’America.
Ritratti
Lorenzo Balma
29 Dicembre 2017

Larry Bird

L'umiltà non si predica, si pratica.
Ritratti
Younes Ettali
16 Novembre 2017

Pete Maravich

Salvato da un colpo di pistola.
Altro
Carlo Andrea Mercuri
15 Novembre 2017

UFC: come tutto ebbe inizio

Le origini dell'evento di lotta più mediatico del momento.
Altri Sport
Simone Galeotti
26 Ottobre 2017

The Mystic Celt

La storia del culto biancoverde.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto 2017

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Storie
Maurizio Fierro
14 Giugno 2017

Il Cagliari alla conquista degli States

Il torneo USA e l'estate d'oltreoceano alla testa di Manlio Scopigno.
Altro
Maurizio Fierro
2 Giugno 2017

Jack Johnson e la ricerca della speranza bianca

Un viaggio alla scoperta della grande boxe d'oltreoceano nel primo Novecento e delle tensioni razziali che imperversavano in quegli anni.
Altri Sport
Alessandro Brugnolo
18 Gennaio 2017

Karch Kiraly, una vita per il volley

Come si diventa il Re del volley? Il talento da solo non basta. Servono allenamento mentale e olio di gomito. Dopo essere diventato una leggenda della pallavolo sulla sabbia e sul mondoflex, ora si appresta a diventarlo anche in panchina.