Carrello vuoto
Critica
2 Febbraio

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Pippo Russo

24 articoli
Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.

Leggere gli editoriali di Mario Sconcerti mi fa sentire migliore. Mi apre la mente, mi tonifica, e soprattutto mi conforta. Perché mi dà la certezza d’essere più intelligente di almeno un’altra persona al mondo. Succede un paio di volte alla settimane di doversi districare fra quegli arrotolamenti verbali, che partono da Nessun Dove e arrivano a Zero Quando dopo avere attraversato gli spazi desertici del Perché Mai. E in quei due-tre minuti passati dentro il buco nero ci si trova sospesi fra l’Essere (poco) e il Nulla (che soverchia). Così è stato ancora una volta lunedì 29 gennaio, in seguito alla lettura del commento pubblicato dal Corriere della Sera. Il tema del giorno era dato dalle polemiche sull’uso del VAR, interpretato attraverso una chiave tutta sconcertiana: la guerra fra gli arbitri di campo e quelli che se ne stanno davanti al mezzo televisivo. Una trovata degna di Ciao Darwin, e a questo punto mi chiedo quale altra sfida possa inventarsi Mario Sconcerti per il fondo di lunedì prossimo. Magari un bel Milf vs Femen. Comunque sia, rimanendo al pezzo in questione, il Pallore Gonfiato del giornalismo sportivo italiano ha piazzato alcune delle sue giochesse verbali surreali, capaci di toccare picchi di Nulla Eterno con la stesura di frammenti che al confronto i geroglifici erano un fumetto di Tiramolla. Per esempio quello in cui, parlando del VAR, Sconcerti scrive:

Per molti mesi il gioco ha funzionato. Credo anche che funzionerà in eterno finché non arriverà una nanotecnologia dell’area di rigore.

E non ho proprio idea di cosa intendesse per nanotecnologia dell’area di rigore: in cosa consista, come s’innesti e come si sviluppi, nei nanopensieri di Mario Sconcerti. Lo scopriremo soltanto quando quella “eternità finché” si esaurirà per sfinimento dopo il vano sforzo d’inseguire le evoluzioni sconcertiane. Nel frattempo abbiamo da goderci un altro limpidissimo frammento di prosa, il seguente:

Una caccia all’untore che sfinisce, e che prima era cancellata d’autorità, per il solo fatto di esistere.

Ecco, io penso che entro l’estate si terrà il Congresso dell‘International Society of Philosophy and Cosmology. E pensatori di tutto il mondo accorreranno per sciogliere l’interrogativo scelto come titolo del Congresso: MA CHE MINCHIA VOLEVA DIRE MARIO SCONCERTI?

Un abbraccio a Mauro Sconcerti
Un abbraccio a Mario Sconcerti

Purtroppo per i poveri lettori del Corrierone l’edizione di lunedì 29 gennaio conteneva anche un articolo di Gaia Piccardi, dedicato alla vittoria di Roger Ferderer agli Australian Open. Dopo la cui lettura ribadisco l’incrollabile convinzione: difficile trovare in giro qualcuno che scriva peggio. E di produrre frammenti come il seguente:

Il croato Marin Cilic, da oggi nuovo numero 3 del mondo, è antagonista dignitoso ma accecato dalla luce del Migliore, che ha il potere di far sentire in soggezione chiunque si presenti al suo cospetto tranne Rafa Nadal, il niño che viaggia con l’antidoto nella tasca dei pantaloni: non a caso ricordiamo la finale di Melbourne 2017 con l’intensità di un’eclissi solare, un meteorite che sfiora la terra, un armageddon, altro che il brodino tiepido di ieri.

E qui non si tratta di guardare la stronzata su eclissi solari, meteoriti e armageddon messi a paragone col brodino (come si dice a Firenze: ma che c’entra il culo con le quarant’ore?). Qui il problema è sparare un periodo di 456 battute spazi inclusi, ciò che un qualsiasi maestro elementare punirebbe con 456 bacchettate per manina.
Il fatto è che Gaia Piccardi riesce a fare anche peggio. Per esempio, in uno dei passaggi successivi fa segnare un valore ancora più alto del Piccardometro:

Prigionieri come siamo della strepitosa retorica della rivalità con Nadal, che al torneo è mancata più dell’ossigeno a costo di assistere all’ennesima replica di un déja vu, incapaci di dire se l’epilogo sarebbe stato diverso con Murray, Djokovic, Wawrinka a pieno servizio, di fronte al n. 20 rimaniamo sospesi tra l’umana voglia di ricambio (Zverev, Rublev, Shapovalov hanno deluso) e la sindrome di Stoccolma per il più grande, che probabilmente salterà di nuovo Parigi per puntare a Wimbledon, e a chissà cos’altro.

Fanno 519 caratteri spazi inclusi. Ma vi assicuro che Gaia Piccardi riesce a fare di più. E di peggio. Terremo aggiornato il Piccardometro.

.

.

La scorsa domenica pomeriggio, mentre s’apprestava a chiudere Sky Calcio Show per dare la linea alla telecronaca di Milan-Lazio, Ilaria D’Amico ha piazzato un numero che rimarrà agli atti. Ve la riporto per come la potete ascoltare attraverso il video:

C’è stata una contestazione a Firenze dopo la brutta sconfitta della Fiorentina ad opera del Verona, quattro a uno, è già rientrata la situazione, c’è stato un incontro col vicepresidente, ne riparleremo più tardi e tutte le notizie su Sky Sport 24, anche se, va invitata una tifoseria, questo è il primo scivolone brutto della Fiorentina in stagione, così, no?, nella… in media, diciamo, ah… eeeeh… eh, insomma, va detto che… la società… è comunque una proprietà solida [ridacchia nervosamente, ndr], quindi stiamo attenti di questi tempi, a fare contestazioni… [gesticola come se stesse palpando il culo a un ippopotamo, ndr] pesanti.

 

Non saprei cosa spinga una conduttrice televisiva a prendere parte in un conflitto fra una tifoseria e la proprietà di un club. Né perché mai una conduttrice debba lanciare avvertimenti alla tifoseria, raccomandandole con tono da Signorina Rottenmeier di non fare indispettire la proprietà. Di sicuro c’è che gli utenti di Sky non pagano l’abbonamento per udire la Voce del Padrone.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altro
La Redazione
10 Gennaio 2022

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Papelitos
Alessio Nannini
10 Giugno 2021

La banalità ha (sopran)nomi e cognomi

Dal Gallo a Supermario, da Ivan il Terribile a Lorenzo il Magnifico.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Motori
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Un direttore operaio, anarchico e conservatore

Chiacchierata d'altri tempi (e in libertà) con Italo Cucci.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Febbraio 2021

Genealogia dei nerd nel calcio

Abbiamo avuto l'illuminazione: i malati di tattica erano le pippe!
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Papelitos
Luigi Fattore
22 Dicembre 2020

I 3/5/10 motivi per cui… ma basta!

Un modello di “informazione” devastante.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2020

Ci mancava solo lo storytelling

Il buffismo ha dato il colpo di grazia al racconto sportivo.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio 2020

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile 2020

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Settembre 2019

Distruggiamo il giornalismo sportivo

Sempre meglio che agonizzare di superficialità.
Recensioni
Alberto Fabbri
20 Settembre 2019

Time Out

La triste fine della Mensa Sana Siena e la crisi dello sport professionistico italiano.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2019

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto 2019

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2019

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.
Altro
La Redazione
14 Giugno 2019

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Altro
La Redazione
24 Maggio 2019

I misteri del golf

Maestri, Episodio V: Dino Buzzati.
Altro
La Redazione
17 Maggio 2019

Il più bel gioco del mondo

Maestri, Episodio IV: Gianni Brera.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile 2019

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2019

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Calcio
Matteo Mancin
19 Dicembre 2018

Gianni Brera

Ritratto di Gioannfucarlo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Interviste
Michele Di Virgilio
4 Giugno 2018

Le teorie di Darwin

Scrivere per l'utopia e per la memoria. Per gli eroi e i perdenti vestiti di sogno. Attraverso la tecnologia e grazie alla storia, lungo quell'ombra tra romanzo e realtà che noi chiamiamo Calcio.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile 2018

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile 2018

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio 2018

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.