Carrello vuoto
Papelitos
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Federico Brasile

66 articoli
Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.

È un entusiasmo antico e autentico quello che viviamo grazie all’Atalanta. Un sentimento difficile da trasmettere a parole come ha testimoniato Gasperini, giunto ai microfoni del post-partita raggiante, sorridente, ma ancora apparentemente inconsapevole della portata storica di questo risultato: era impaziente, fremeva, tremava, cercava di razionalizzare nel momento stesso del discorso. Come se gli mancasse nell’immaginario e nel vocabolario (che per alcuni linguisti e filosofi sono la stessa cosa) il modo per spiegare tutto ciò: ed effettivamente, a quasi 62 anni, nulla di simile gli era mai successo.

 

Noi siamo allergici alla retorica nel pallone, allo storytelling smielato tanto in voga per rendere le macerie dell’epica calcistica, ma ieri sera ci siamo letteralmente commossi. Ecco perché questa non è un’analisi tattica, tecnica, una cronaca del miracolo sportivo o un’interpretazione della partita: il nostro è un dovere di testimonianza nei confronti di una squadra capace di riportarci a mondi lontani, all’innocenza delle cose belle e giuste, due concetti che vanno insieme come già sapevano i Greci antichi.

Il nostro è un dovere di testimonianza.

Anche le sliding doors della partita, la super parata di Gollini su Moraes, il mezzo piede che tiene in gioco il Papu, il mancato rosso a Muriel (qualcuno molto in alto, o magari solo l’arbitro, tifava Atalanta) e l’espulsione diretta a Dodò – quanto meno discutibile -, per finire con le speranze dello Shakhtar e di Ismaily infrante sulla traversa. Ma che importa di tutto ciò, il copione era già scritto: quasi un piano divino, il Fato degli stoici, un ordine provvidenziale, intimamente razionale; insomma ieri sera doveva trionfare la giustizia calcistica per tanti di quei motivi che non avrebbe senso qui tornarci.

 

Tutto era iniziato così, il 26 maggio 2019: Atalanta v Sassuolo 3-1, terzo posto e qualificazione in Champions (Foto di Alessandro Sabattini/Getty Images)

 

D’altronde di cosa dovremmo parlare, di una squadra in cui il difensore centrale Djimsiti, all 89 minuto, fa uno scatto di trenta metri per sovrapporsi a Castagne nella metà campo avversaria? Veramente vogliamo impantanarci in disocrsi sulle assenze di tre pilastri come Zapata, Ilicic e Toloi, o ragionare sui precedenti favorevoli alle squadre con 7 punti nel girone? Ieri e oggi, noi siamo oltre. Al massimo possiamo riprendere poche parole del maestro Beccantini, che ha celebrato l’Atalanta come

«la ventunesima squadra della Premier che gioca, per domicilio geografico e scelta tecnico-strutturale, nel nostro campionato. Morde e non fugge. Marca a uomo avanzando. Vive il calcio come una sfida e non una scommessa». 

Parliamo di forze in movimento talmente più grandi di noi che ci hanno anche permesso di apprezzare Pep Guardiola, dimostratosi sportivo nel senso più profondo del termine, e persino Fabio Caressa, autore di una telecronaca-talismano come ai fulgidi tempi di Germania 2006: anche le performance sfoderate da quest’ultimo sono state provvidenziali, in concomitanza o addirittura ad inaugurazione dei due gol bergamaschi. Dalle esitazioni sulla prima rete nerazzurra:

“Occhio occhio! Attenzione al piede! Ci metteranno molto a decidere… ah no c’hanno messo poco… no anzi, ancora OCCHIO! OCCHIO! GOL! È così, ce l’avrei messo un euro!” (?),

al commento immediatamente precedente al raddoppio su punizione di Pasalic: «fatemi andare sull’altro campo, sì sempre 3-1 con tripletta di JUAN JESUS» (neanche ad accendere un cero alla Vergine Maria, avranno pensato i tifosi romanisti). E poi zio Beppe, innocente come un bambino, che ammetteva con voce esitante di essersi commosso.

 

Insomma è stata una serata leggendaria e ve lo confessiamo, tradendo il primo comandamento del calcio (non avrai altra squadra al di fuori di me, il monoteismo del tifo): ebbene oggi vorremmo essere tifosi dell’Atalanta, e in piccola parte lo siamo. Per il resto possiamo solo vagare con il pensiero fino ad arrivare al gelo ucraino, alla nottata memorabile di quei 500 fedeli che speravano nel lieto fine. È questa la forza più grande del calcio: redimere la vita di tutti i giorni, sempre più claustrofobica, e darci sempre la speranza di entrare in un qualcosa di più grande.

 


Immagine di copertina da L’Eco di Bergamo


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Alberto Maresca
16 Novembre 2020

Mircea Lucescu e la libertà dagli schemi

Come la cultura rom ha plasmato l'allenatore.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile 2020

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2020

Le radici di Sadio Mané

Conservare Dio e la propria cultura. Ignorare i media. Vincere.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo 2020

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo 2020

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio 2020

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio 2020

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio 2020

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Calcio
Lorenzo Fabiano
12 Febbraio 2020

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio 2020

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.