Papelitos
09 Maggio 2018

Vivere autenticamente, o chiamarsi Les Herbiers

PSG-Les Herbiers, ricchi contro poveri.

La Vandea è una provincia inclusa nei Paesi della Loira. La regione, attraversata dal corso dell’omonimo fiume che si getta nell’Atlantico, è un’autentica gemma incastonata tra la Bretagna e la Nuova Aquitania. Qui i turisti, sebbene siano profondamente attratti dal patrimonio di monumenti, arricchito dai meravigliosi castelli, e dall’offerta enogastronomica, difficilmente passano dal paese di Les Herbiers. Un piccolo centro come tanti altri, in Francia, in Europa e nel mondo, presente soltanto sulle carte geografiche per le circa quindicimila anime che ci vivono.

Les Herbiers

A chiunque viva a più di un paio di decine di chilometri di distanza, nominarlo non susciterebbe la minima emozione, figurarsi all’estero. In fondo in fondo, con maledetta spocchia metropolitana, si potrebbe affermare che nemmeno esista. Anche sul piano sportivo, la squadra locale “Vendée Les Herbiers Football” legittima la sua ragion d’essere esclusivamente nella fede dei suoi tifosi, in genere comodamente raccolti nei cinquemila posti dello Stadio Massabielle ogni due settimane.

La piccola casa del Les Herbiers (www.ouest-france.fr)

Dal 1919 tante leghe minori, discese e risalite, appassionato dilettantismo e campi di provincia, fino all’attuale terza serie francese. Sì, qualche coppetta regionale, ma nessuna apparizione più in alto del terzo gradino della scala del calcio francese. “Già, forse anche calcisticamente Les Herbiers non esiste…” spiegherebbe un seguace di qualche squadrone, scuotendo la testa. Eppure, ieri sera allo Stade de France i rossoneri hanno gridato l’esistenza loro e di tutta la comunità di fronte alla Repubblica Francese e perché no all’intero continente.

L’incontenibile gioia dei giocatori del Les Herbiers dopo il raggiungimento della finale

Dopo un cammino intrapreso ai trentaduesimi di finale che gli ha contrapposto Angouleme, Saint Lò, Auxerre, Lens e Chambly, fra loro e la Coppa di Francia rimaneva il Paris Saint Germain. Insomma, gli dei del pallone ci hanno riservato l’ennesimo  “ricchi contro poveri“, oppure “sentimenti contro petroldollari“. Questa volta Davide non ha battuto Golia, ma non importa. Il suo braccio appare affaticato, la fionda ha i tendini lisi ed anche il sasso raccolto non è abbastanza appuntito.

 

Il gigante ha prevalso. E chissenefrega. I ragazzi di Stephane Masala hanno già vinto. Per qualche mese, alcune settimane, oppure soltanto per il sogno di una notte di coppa sono esistiti insieme alla loro cittadina. Magari è il semplice riscatto dei quindici minuti di fama, prospettati per ciascuno di noi da Warhol, ma forse è già quanto basta per affermare di essere esistiti. Grazie, caro Les Herbiers, sei sceso in campo senza paura: hai vissuto davvero!

Gruppo MAGOG

Alberto Fabbri

81 articoli
Ragazze Ultrà
Tifo
Alberto Fabbri
08 Marzo 2024

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Lutz Eigendorf, la morte del traditore
Ritratti
Alberto Fabbri
07 Marzo 2024

Lutz Eigendorf, la morte del traditore

Il Kaiser dell'Est ucciso dalla STASI.
Tifare alla giapponese
Ultra
Alberto Fabbri
17 Gennaio 2024

Tifare alla giapponese

Come adattare il modello da stadio nel Paese del Sol Levante.

Ti potrebbe interessare

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo
Calcio
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Totti è nella nuca
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
J’accuse
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio 2017

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Moriremo di tattica
Editoriali
Andrea Antonioli
13 Febbraio 2017

Moriremo di tattica

Il progressismo applicato al calcio sta trionfando, e causa angoscia esistenziale. Attenzione però anche al nostalgismo, più vivo che mai.