Carrello vuoto
Papelitos
20 Aprile

Letteratura Camp Nou

Leonardo Aresi

34 articoli
Come gli antieroi bianconeri hanno partecipato alla canzone blaugrana.

La remontada como único pensamiento. È questo il mantra che ha accompagnato il popolo blaugrana alla sfida contro la Juventus. «Si hacemos el 1-0, el segundo lo hace el Camp Nou y el tercero cae solo». Le parole di Luis Enrique a poche ore dal match sono in linea con la maggior parte dei commenti che ho raccolto per le strade di Barcellona. Abituati troppo bene da queste parti. «Hay que generar desconfianza en el rival y un clima de locura deportiva». Una dottrina antica che giusto qualche settimana fa ci ha fatto sgranare gli occhi di fronte al televisore.

 

Stavolta pero’ non è andata come un’intera regione auspicava: la corte dei marziani ha dovuto fare i conti con l’inflessibile lucidità del commando in missione guidato da Massimiliano Allegri. Eppure, le sensazioni che si respiravano all’interno dello stadio erano di buon auspicio. Lo spirito che ieri sera ha animato il Camp Nou era quello delle grandi occasioni. Il fortino barcelonista si è dimostrato ancora una volta teatro di emozioni difficilmente descrivibili. Come difficilmente descrivibili sono i 90 minuti vissuti da Jordi, un abbonato cule’ da oltre 30 anni, che sedeva proprio accanto a me. Il sorrisone rassicurante e la calma olimpica che sfoderava mentre scambiavamo impressioni sulla partita andava a cozzare con la selvaggia irrequietezza che percepivo nei suoi occhi e nei suoi tic nervosi con le gambe ogni volta che il Barça si lanciava all’arrembaggio. Mistero e magia del calcio.

 

Il duello

 

La pressione che gravava sulle spalle dei ragazzi di Luis Enrique se la sono dovuta accollare i tre là davanti, volenti o nolenti. Per Messi la dose era doppia vista la tripletta del giorno prima della sua nemesi Cristiano Ronaldo. La pulga era chiamata a raggiungere e sfondare quota 500 reti con la maglia blaugrana. Ancora una volta Buffon pero’ gli ha negato la gioia di festeggiare un gol ai suoi danni. Un altro dei tanti record di cui si può fregiare il numero uno azzurro infatti è quello di non aver mai concesso gli onori del tabellino al capo popolo del Barcellona. La devozione per il piccoletto da parte dei suoi adepti in ogni caso non è stata minimamente scalfita. Anche dopo una prestazione affatto brillante, il rigore in movimento sbagliato nel primo tempo grida ancora vendetta, il coro «Messi, Messi…» è stato il più gettonato. Una risposta a chi, come Caressa, creda che il futuro di Leo Messi sia lontano dal tripudio catalano. Messi è il Barcellona, il Barcellona è Messi. Punto. Nel bene e nel male.

 

Suarez era reduce da 3 partite senza gonfiare la rete e con quella di ieri, per la prima volta da quando veste blaugrana, ha inanellato 4 partite “a secco”. Bonucci e Chiellini se lo sono letteralmente mangiato vivo. Sui due difensori bianconeri le parole si sprecherebbero invano. Nella letteratura cavalleresca che anima le partite del Barcellona, i centrali di Allegri non hanno svolto la parte degli antagonisti, al contrario. Erano anch’essi partecipi delle gesta di quei tre davanti, da antieroi. Neymar invece, arringatore della carica contro il PSG, ha provato qualche guizzo ma anche lui è stato schermato dalla linea difensiva bianconera. Il suo pianto a fine gara, con annessa consolatio da parte dell’amico ed ex compagno di squadra Dani Alves, è da Chanson medievale. La Juve ha dimostrato di essere una squadra matura che conosce la propria identità, consapevole che questa sia la stagione giusta per mettere le mani sulla tanto bramata coppa dalla grandi orecchie. Aspettando i sorteggi di Venerdì, la Juventus – vogliamo dire – può essere d’intralcio solo a se stessa.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Marzo 2022

No, l’Inter non se l’è giocata alla pari

Il Liverpool è passato con il minimo sforzo.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Basket
Diego Mariottini
29 Marzo 2021

Prima che il Banco Roma sballasse

29 marzo 1984, il grande trionfo europeo prima del declino.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Alberto Fabbri
3 Febbraio 2021

Chi si stupisce dell’ingaggio di Messi si è svegliato tardi

Trovare un colpevole per non considerare il quadro della situazione.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio 2020

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio 2020

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio 2020

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile 2020

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo 2020

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.