Carrello vuoto
Recensioni
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Luigi Fattore

46 articoli
Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.

È una piacevole sorpresa constatare che in un’epoca come quella attuale in cui tutti parlano di calcio ci sia ancora qualcuno che parli di pallone. La differenza è sostanziale. Per “calcio” si intende la deriva specialistica che ha preso la narrazione del gioco più bello del mondo. L’elencazione di ogni minimo dettaglio e l’incontenibile proposta di informazioni tecnico-tattiche e economico-televisive hanno finito coll’imprigionare lo spirito di una partita, di un campionato, di un giocatore.

 

Si ha la netta sensazione che gli addetti ai lavori, anche i più bravi, inscenino una sorta di sfida tra di loro e che scrivano più per fare sfoggio di competenza piuttosto che per arrivare alle persone. Finendo col deviare, in nome del proprio ego, dalla missione primaria del giornalismo. Insomma, pensando al calcio, non c’è da meravigliarsi se la prima figura geometrica che venga in mente non sia più una sfera, bensì un cubo di Rubik. Colorato e pieno di spigoli. Un enigma da risolvere se si vuole stare al passo coi tempi, altrimenti si è tagliati fuori.

 

“Io l’ho visto giocare. Ed è sempre stato un incantesimo, il calcio che diventava opera d’arte.” (credits Andrea Bozzo)

Mentre il “pallone”, vivaddio, è quello di sempre. Monocolore. Il Super Santos, volendo rappresentarlo plasticamente (in tutti i sensi). Un oggetto sferico dalla vocazione democratica che rotola semplicemente senza giudicare né escludere nessuno né, tantomeno, pretendere spiegazioni. Anzi. Chi parla di pallone lo fa necessariamente con sentimento. Emozionandosi. E al massimo se ne serve come espediente per giungere, in una sorta di doppio rimbalzo, prima a tutti gli appassionati e poi, da qui, condurli a qualcos’altro. Per esempio alla storia di un Paese.

 

 

Questa è la missione di Darwin Pastorin con il suo Storia d’Italia ai tempi del pallone. La scelta semantica del titolo (appunto “pallone” e non “calcio”) è precisa, una presa di posizione che non ammette repliche. Proprio perché animato dall’idea di restituire in qualche modo al “futbol” la dignità di romanzo popolare e non di “saggio masturbatorio”, il libro si articola in poco più di 100 pagine intervallate peraltro dagli splendidi ritratti realizzati da Andrea Bozzo. Questa triangolazione tra immagini eleganti e parole calibrate al millimetro recuperano il lettore a una dimensione di semplicità oggi quasi sconosciuta. E lo proiettano negli ultimi settant’anni della storia italiana attraverso i più salienti fatti “pallonari”.

 

Pietro Anastasi, l’idolo di infanzia prima e grande amico poi di Darwin Pastorin (credits Andrea Bozzo)

Si va infatti dalla tragedia di Superga del 1949 che segnò la fine, almeno terrena, del Grande Torino all’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Non c’è spazio per tatticismi e vanità, ma solo per gli uomini più o meno grandi – calciatori, allenatori, presidenti – che a loro insaputa raccontavano il tempo mentre si occupavano di pallone. Il lavoro è intriso di una inevitabile nostalgia, ma, ed è questo il punto forte del libro, senza mai degenerare in passatismo. A tratti sembra di visionare una sorta di album dei ricordi, molti dei quali vissuti in prima persona dallo stesso Pastorin.

 

Tra i vari personaggi, raccontati tutti splendidamente, ovvero rispettando il giusto equilibrio tra parole ed emozioni con le prime sempre in inferiorità numerica, spicca il ritratto di Pietro Anastasi, attaccante catanese che vestì la maglia della Juventus nel 1968, un anno caratterizzato dai tumulti giovanili. Pietruzzo era l’idolo del giovane Pastorin, il quale confessa candidamente che non avrebbe mai pensato che un domani sarebbero diventati grandi amici. Amici a tal punto che spesso Anastasi dice a Pastorin: “Sai, Darwin, della mia vita continui a sapere più cose tu di me”. Questa amicizia racconta molto della differenza tra il pallone di ieri e il calcio di oggi. Prima i calciatori erano raggiungibili pur essendo distanti; mentre oggi sono irraggiungibili pur essendo a portata di clic.

 

Cristiano Ronaldo, l’uomo venuto dal futuro che Pastorin immagina venuto da un passato lontanissimo (credits Andrea Bozzo)

Forse anche per questo, quando, esattamente cinquant’anni dopo, è il momento di parlare di Cristiano Ronaldo, giocatore, anzi calciatore più cliccato del pianeta, Pastorin ricorre ad un trucco. CR7 del Super Santos ha ben poco, in quanto rappresenta più di chiunque altro il calcio contemporaneo, quello fatto di statistiche, numeri e competitività esasperata. Allora il giornalista, per smussare questi spigoli e ricondurre il tutto a una logica il più possibile pallonara, si proietta nel 2844 e racconta l’arrivo in bianconero del fenomeno portoghese come se appartenesse a un’epoca lontanissima. Perché, si sa, la nostalgia a volte sistema le cose.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.