Carrello vuoto
Papelitos
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.

I toscani hanno il cielo negli occhi e l’inferno in bocca, spiegava Malaparte. Sarri ha il cielo negli occhi nella misura in cui dispone di una rosa obesa per questa povera Serie A, e un inferno in bocca perché, come spesso i suoi fegatosi conterranei, non la smette di blaterare. Un rapporto abortivo quello tra l’ex tecnico del Napoli e la Juventus. Per una ragione ben evidente: Sarri è brutto.

Ma non brutto nell’accezione dei semplici, che sia o meno un uomo piacente di lineamenti e corporatura. Sarri è portatore di una bruttezza intrinseca, è quella che si direbbe una persona antiestetica. Un mese fa scrivevamo sotto questa foto che, aggirandosi per il museo juventino, il nostro sembrava un elefante in una cristalleria. Perché Sarri non conosce né grazia né sprezzatura, e vive questa vita di pallone con la frustrazione di quando era banchiere.

Maurizio Sarri l’imbucato (Photo by Valerio Pennicino – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Un anno fa invece, quando dicevamo che Sarri ai Lakers era semplicemente una storia del XXI secolo, una narrazione individuale che ne cancella una collettiva. Perché al Napoli e a Napoli Sarri era in pace. Scolari cui insegnare, un golfo da abbracciare e una storia da scrivere. Una coerenza scenografica e narrativa, un Masaniello ancora una volta alla rincorsa del riscatto. E poiché estetica ci giunge da aistanomai, che per i padri significava percepisco, sento, Sarri era estetico, era bello e bello era il suo calcio, perché sentiva e si faceva sentire in quel posto che è Napoli, con la sua fame di mito e trascendenza.

Allora abbiamo tollerato il Sarri professionista, che cede alle sirene di FCA, del potere oscuro, di Nostra Signora Juventus. E abbiamo anche rigettato al mittente le considerazioni dei meno vivaci di pensiero, quelle del Sarri in tuta contro il fantasma dell’Avvocato Agnelli e lo stile Juve, dell’understatement sabaudo e di questi manierismi isterici legati all’universo bianconero. E abbiamo capito che Madama ha sbagliato a pretendere la rivolta da chi di rivoluzionario aveva solo la nomea. Il comandante, il sarrismo, la gioia e la rivoluzione di cui si è pontificato negli ultimi anni – che imbarazzo – e tutta quella sicumera tipica di chi ha troppo tempo libero per pensare.

Maurizio Sarri sempre fuori dal tempo e dallo spazio della Juventus. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Ma quale rivoluzione da un sempliciotto. Sarri è un parvenu, un piccolo borghese per primo stupito da sé stesso e da ciò che fatto. É provinciale ma nel senso di goffo, inadeguato all’immagine che ha raccontato a sé stesso. Per questa ragione è un problema estetico: Sarri non è nel tempo e nello spazio della Juventus, lo spogliatoio non lo ascolta, il gioco è spiacevole, i risultati arriveranno solo per mancanza di contendenti.

E lui ancora imperterrito a vomitare scuse, accampare schemi dialogici, in questo egomane disegno che lo vuole sempre sfortunato e con Saturno contro. «Non capisco cosa succede» va ripetendo da qualche giornata in questo calcio triste come un bacio ad occhi aperti. Sarri, mozzicone e livore, alla Juventus è fuori luogo, semplicemente non sa starci. A Napoli, tra moke a bordo campo e bestemmie fuori tempo, tutto era coerente per narrazione e scenografia, con un popolo intero a supportarlo. Che delusione Maurizio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Federico Brasile
14 Aprile 2021

Neymar svela la nostra incoerenza

Quando l'estetica travolge l'etica.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Italia
Paolo Pollo
1 Marzo 2021

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Calcio
Francesco Sani
1 Dicembre 2020

100 anni di Empoli

Non si vive un secolo, a buoni livelli, per caso.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre 2020

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Francesco Andreose
21 Giugno 2020

Hellas Verona, il futuro celebra il passato

Breve storia degli Scaligeri a partire dall'evoluzione del logo.