Carrello vuoto
Tifosi
15 Luglio

L’AS Roma è dei suoi tifosi

Alberto Fabbri

74 articoli
Intervista a Walter Campanile, presidente onorario di MyRoma, l'associazione dei tifosi romanisti.

Dopo aver conosciuto “Nelle Origini il Futuro”, tramite le parole del presidente Massimiliano Romiti, intervistiamo Walter Campanile, presidente onorario di My Roma – ASR Supporters Trust, primo soggetto di azionariato popolare della nostra Serie A e co-fondatrice del suddetto comitato. L’associazione dei tifosi romanisti può essere considerata a tutti gli effetti l’apripista del movimento nostrano, e continua a rappresentare un punto di riferimento per questo tipo di progetti; ispirata al modello dei Trust europei e partorita dal grembo dell’inimitabile ambiente romanista, ha dimostrato che l’azionariato popolare può essere una realtà anche nel nostro Paese, perfino in una società quotata in borsa.

Come nasce il vostro progetto? Perché avete scelto proprio la formula del Trust “all’inglese”?

La nostra associazione è stata fondata ufficialmente il 27 maggio 2010, ma è frutto di un percorso iniziato quasi un anno prima. Infatti, già nel settembre 2009 era stato avviato un progetto per informare l’ambiente romanista sulla possibilità di avviare il primo soggetto giuridico italiano che potesse condurre all’azionariato popolare. Insomma, abbiamo dovuto seminare su un terreno vergine, inaridito dallo scetticismo e dall’ignoranza; figuratevi quali possono essere state le reazioni del tifo di un club quotato in borsa..sembrava una vera utopia!

L’obiettivo più difficile è, oggi come allora, convincere la tifoseria e l’intera opinione pubblica sull’importanza di sviluppare una rappresentanza di sostenitori, responsabile e democratica, all’interno della società. Con il fine ultimo non di influire sulle scelte tecniche, ci mancherebbe, bensì di rafforzare il radicamento della società giallorossa nel tessuto sociale, cittadino in primis, in tutti i modi possibili. Dopo aver studiato i tre principali modelli di azionariato popolare, Trust inglese, 50%+1 tedesco e tradizionale spagnolo, abbiamo optato per l’associazione, in quanto era il soggetto che nell’ordinamento giuridico italiano più si avvicinava ai Trust europei, fondati sui principi di democraticità e nessuno scopo di lucro soggettivo. Quindi anche nella nostra realtà vale la regola di un voto per testa e si persegue uno scopo sociale, cioè di lucro oggettivo.


Come si può descrivere oggi la vostra componente sociale?

Ad oggi possiamo dire di avere un rappresentanza assolutamente trasversale nell’ambiente romanista. Nonni e nipoti, padri e figli, studenti e lavoratori, nella nostra associazione sono coinvolte tutte le categorie del tifo giallorosso. Una eterogeneità che comporta anche una scelta “estetica”: lo striscione di MyRoma non è mai stato appeso in nessun settore dell’Olimpico, proprio per evitare che potesse essere associato ad una particolare classe o gruppo di tifosi. Il nostro obiettivo, ribadisco, è rafforzare il legame tra il club e la tifoseria tutta; quindi abbiamo deciso di esporre il nostro striscione soltanto alle partite della Primavera, che si seguono da un’unica tribuna al Centro Sportivo Fulvio Bernardini. 

Di recente il Barcellona ha annunciato di voler eliminare i vincoli per associarsi al club, nel tentativo di ampliare la base di soci raccogliendo così più risorse. Anche voi avete pensato ad iniziative analoghe?

Posso dire che anche in MyRoma si discuterà di alcune novità nel criterio di tesseramento dei soci. In questo momento però, la proposta deve essere ancora approvata dal Consiglio direttivo, quindi è prematuro parlarne. 

Il simbolo di MyRoma: etica ed estetica

Prima ha citato il centro tecnico Bernardini, a Trigoria, che è stato il fulcro di alcune della vostre principali iniziative. Quali sono i principali risultati ottenuti nel vostro cammino?

Innanzitutto bisogna soffermarsi sul fatto che l’acquisto di quote del pacchetto azionario è soltanto una delle vie per mettere in pratica l’azionariato popolare, un modo sicuramente di grande risalto mediatico, ma allo stesso tempo molto impegnativo economicamente. Oggi possediamo circa 100000 azioni, tuttavia si rischia di non stare al passo con gli aumenti di capitale e vedere quindi la propria percentuale di azioni diluirsi nel tempo. Allora, in questi anni ci siamo impegnati in numerose iniziative, anche molto diverse tra loro, allo scopo di avvicinare reciprocamente club e tifoseria con ogni mezzo. 

Potrei cominciare dall’apertura dello Sportello del tifoso (oggi Centro Servizi AS Roma), poi la semplificazione dei processi di hometicketing, o l’organizzazione di un servizio di bus per permettere ai tifosi disabili di raggiungere all’Olimpico; per lo stesso scopo sociale, abbiamo allestito l’audiodescrizione delle partite per tifosi non vedenti allo stadio e creato il gruppo di donatori di sangue di MyRoma. Come puoi capire, nell’ottica di radicamento del club sul territorio e di coinvolgimento di tutto il tifo romanista, l’impegno in iniziative di queste genere è importantissimo per noi.


Allo stesso modo, in quanto tifosi, è fondamentale tutelare i simboli della nostra passione e tramandare le tradizioni alle generazioni future; l’avvenire della Roma e dei suoi tifosi sta nel rispetto della sua storia. Per questo nasce il progetto del Museo MyRoma, la richiesta alla società di aprire regolarmente il centro di allenamento di Trigoria, e ancora la “Festa del papà giallorosso”, per celebrare questa fede che si tramanda di padre in figlio.

Certo non sempre sono rose e fiori con la società AS Roma e ci sono state occasioni in cui ci siamo dovuti opporre alle scelte della dirigenza. Posso citare la contestazione alla proposta di impiego dei Fan Token, una sorta di moneta virtuale per acquistare prodotti e servizi marchiati AS Roma, e la campagna contro il nuovo stemma. Contestualmente ci siamo trovati a condurre battaglie che andavano perfino oltre l’orizzonte romanista: innanzitutto l’approvazione della AS Roma Card Away, che ha rappresentato un viatico per far tornare in trasferta gli allora “non tesserati” di numerose altre squadre italiane, e il ricorso al Garante della Privacy contro la Tessera del Tifoso, grazie al supporto dell’Avvocato Contucci. L’azionariato popolare può diventare uno strumento per migliorare l’intero mondo del calcio ed ovviamente dello sport italiano.

Quali obiettivi vi prefiggete per il futuro?

Potrei dire che l’obiettivo immediato sia riprendere tutte le attività che sono state sospese in questo anno e mezzo di pandemia, ma sarebbe riduttivo. Infatti, oltre all’impegno a Roma e per i tifosi della Roma, da qualche anno abbiamo deciso di sposare una prospettiva nazionale. Come ben sapete, siamo cofondatori del comitato NOIF, insieme a ToroMio e APA Milan, due realtà a noi quasi coeve con cui abbiamo deciso di unire le forze; dopo anni di esperienze comuni, abbia deciso di fare squadra insieme ufficialmente dal 2018. 

Oggi il NOIF riunisce una decina di associazioni di tifosi in tutta Italia, che fanno fronte comune per l’approvazione della prima legge sull’azionariato popolare nel nostro Paese. Potrei dire che, ad oggi, proprio questo sia il nostro massimo obiettivo! Certo l’attività nel contesto romanista rimane imprescindibile ed adesso ancora più necessaria, per ristabilire il legame che si allentato in questi tempi critici, ma la partita più ambiziosa e sfidante si gioca a livello nazionale. 


L’azionariato popolare è un fenomeno in netta crescita nelle serie minori, ma stenta a prendere piede in Serie A e B. Quali sono le principali difficoltà? Perché in Italia sembra esserci una certa “arretratezza culturale” sul tema, rispetto all’estero?

Appunto, come già raccontato dal presidente Romiti di NOIF, in Italia dobbiamo scontrarci innanzitutto con una mentalità retrograda e affezionata ad un concetto di mecenatismo sportivo. Noi stessi abbiamo dovuto affrontare lo scetticismo di tutto l’ambiente, prima di fondare ufficialmente la nostra associazione. Dall’estero arrivano numerose fonti di ispirazione, ma non sempre si riesce a cogliere l’essenza di questi esempi. Spesso è già un impresa far capire alle persone che l’obiettivo non sia intervenire sulle scelte tecniche della società, bensì avvicinare alla comunità quello che è un bene collettivo! Il fatto che, in questi anni, si stiano moltiplicando le iniziative nate dal basso su iniziativa dei tifosi fa sicuramente ben sperare; tuttavia, il vero obiettivo deve essere innescare una rivoluzione culturale su ampia scala. Un nuovo modo di pensare il calcio, lo sport e l’intera società.

Nel 2011 abbiamo visitato Amburgo e siamo stati ospiti delle tifoserie delle due squadre cittadine. Da questa bella esperienza è stato tratto un documentario (disponibile su YouTube) che aiuta a comprendere quanto sia profondo il concetto di azionariato popolare; vivere il proprio club 365 giorni all’anno tramite il volontariato, impegnarsi per la tutela e la valorizzazione del bene collettivo, difendere le tradizioni e coinvolgere i più giovani non solo nelle attività sportive, ma anche in quelle educative: rinsaldare il legame tra club, territorio e tifoseria va ben oltre l’acquisto di quote societarie! Abbiamo visto come il “Fanladen” (il Centro di coordinamento dei tifosi) sia un organo indipendente ed allo stesso tempo imprescindibile all’interno delle società sportive tedesche.

In Italia, il comitato NOIF sta cercando innanzitutto di avviare un movimento d’opinione, perchè è arrivato il momento di condurre un’azione collettiva che coinvolga tifosi, giornalisti, addetti ai lavori e dirigenti. Il primo passo di questo percorso sono convinto debba essere l’approvazione delle legge che abbiamo promosso direttamente. Il punto fondamentale, e se vogliamo rivoluzionario, è l’introduzione del soggetto giuridico che dovrà rappresentare i tifosi all’interno della società; in altre parole la prima pietra su cui costruire quella che noi chiamiamo una “Comunità sportiva”.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Alessandro Imperiali
10 Agosto

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Gennaio

Lasciate in pace Josip Ilicic

La depressione è una cosa seria.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
20 Gennaio

Mario Kempes: dalla strada alle stelle

La nostra intervista a un mito vivente del fútbol.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Tennis
Andrea Antonioli
18 Gennaio

Djoko al massacro

Ammazzare il serbo e vivere felici.
Calcio
Luca Pulsoni
18 Gennaio

Spalletti ha dato un’identità al Napoli

Nonostante la sfortuna, questa stagione è ancora tutta nelle mani dei partenopei.
Tennis
Andrea Antonioli
11 Gennaio

Sono gli uomini a fare i calciatori

O almeno così è sempre stato.
Calcio
Valerio Santori
10 Gennaio

A Sassuolo è iniziata una nuova era

Pragmatismo e verticalità: ecco la ricetta di Dionisi.
Tifosi
Raffaele Scarpellini
16 Dicembre

Il tifo a Marsiglia, tra identità e violenza

Gli ultras dell'OM non si piegano al potere.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Interviste
Vito Alberto Amendolara
23 Settembre

Osvaldo Casanova e l’arte di disegnare il calcio

Come far convivere arte e sport.
Calcio
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Calcio
Edoardo Franzosi
17 Settembre

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Calcio
Gianluca Palamidessi
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Calcio
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Calcio
Alberto Maresca
16 Luglio

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Editoriali
Valerio Santori
15 Luglio

Gli Expected goals sono una cagata pazzesca

Il calcio dei Big Data ci inorridisce.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Luglio

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Tennis
Diego Mariottini
30 Giugno

Lo sport non avrebbe mai salvato la Jugoslavia

L'illusione che i successi potessero evitare il collasso.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Calcio
Emanuele Meschini
22 Giugno

Repubblica Ceca, calma e libertà

Una nazionale sospesa nel tempo.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
20 Giugno

Galles, il fuoco dei Dragoni

Una nazionale che rappresenta lo spirito di un popolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
19 Giugno

Polonia, la fede impossibile

Il calcio nel paese più cattolico d'Europa.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Giugno

Il totalitarismo di Novak Djokovic

Nole contro tutti.
Altro
Giacomo Rossetti
13 Giugno

Caro Marvin, è (ancora) troppo presto

Il fighter trentino a UFC 263 ha perso ai punti contro Adesanya, che conserva la cintura mondiale dei medi.
Calcio
Marco Armocida
13 Giugno

Macedonia, alla ricerca dell’identità perduta

Una nazione che gioca per le proprie radici.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Recensioni
Annibale Gagliani
27 Maggio

Il Divin Codino

Cosa ci ha detto il film evento su Roberto Baggio.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Interviste
Valerio Santori
18 Maggio

Anche i sacerdoti giocano a calcio

La chiesa in uscita (palla al piede).
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Calcio
Luca Pulsoni
16 Maggio

Fabrizio Castori se ne frega delle mode

La Salernitana è l'esaltazione del calcio di provincia.
Tifosi
Alessandro Imperiali
14 Maggio

Zulu, Zulu, Zulu!

Chi sono i folli tifosi del Birmingham.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Storie
Leonardo Palma
31 Maggio

Harukichi Shimoi: il samurai tra Dante, D’Annunzio e Mussolini

Un giapponese a Fiume tra ju-jitsu, imprese aeronautiche e studi danteschi.
Interviste
Giuseppe Gerardi
20 Dicembre

Locos Por El Fùtbol

Leggendo le pagine di "Locos Por El Fùtbol" si ha come un senso di alienazione. Le pareti della stanza intorno a voi si trasformano in posti diversi: una volta diventano i potrero, un'altra strade o stadi colmi di gente. Tutti luoghi che sconfinano quasi nel misticismo.
Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Calcio
Marco Armocida
16 Luglio

Le tre partite più belle del calcio italiano

Fantozzi, Salvatores e Aldo, Giovanni e Giacomo: il calcio come essenza italiana.
Cultura
Massimiliano Vino
9 Settembre

Libia, lo sport delle masse

L'utopia sportiva di Muammar Gheddafi.
Altri Sport
Luca Pulsoni
26 Maggio

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Papelitos
Simone Galeotti
7 Dicembre

Provaci ancora Killie!

Il Kilmarnock vuole nuovamente scrivere il suo nome nella storia del calcio scozzese.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Tifosi
Vito Alberto Amendolara
18 Marzo

L’anima di Montevideo

Il Superclasico tra Peñarol e Nacional è molto più di una rivalità calcistica.
Ritratti
Maurizio Fierro
17 Gennaio

Giovanni Borghi, cuore e testa di Varese

Il Presidentissimo, simbolo di un'altro calcio e di un'altra imprenditoria.
Critica
Pippo Russo
21 Novembre

Fabio Caressa, il Re degli Ignoranti

Sky Sport continua a regalarci numeri da circo.
Storie
Ugo D'Elia
25 Giugno

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Recensioni
La Redazione
11 Aprile

L’anti-gioco italiano

Secondo Carmelo Bene.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Papelitos
Michelangelo Freda
12 Marzo

Quo vadis, Trapani?

Il Trapani calcio cambia proprietà, con la famiglia Morace pone la parola fine all'idillio calcistico. Intanto il nuovo proprietario, Maurizio De Simone, non convince.
Calcio
Gianluca Palamidessi
15 Dicembre

Riccardo Trevisani, il cocco della maestra

Se la saccenteria fosse una virtù, Trevi sarebbe un eroe.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Marzo

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Calcio
Michelangelo Freda
5 Aprile

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Ritratti
Luca Pulsoni
16 Giugno

Giacomo Agostini, l’irraggiungibile

Il cannibale delle due ruote.
Calcio
Andrea Antonioli
16 Marzo

Scatole cinesi

Le cessioni di Carrasco e Gaitàn dall'Atletico Madrid al Dalian Yifang, un affare tutto interno al Wanda Group.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Ritratti
Nicola Ventura
3 Marzo

Oscar Washington Tabarez, filosofo e guerriero

El camino es la recompensa.
Basket
Maurizio Fierro
21 Novembre

La leggenda dei Rens

Vivere e giocare ad Harlem.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Gennaio

Mamba forever

L'amico che non hai mai incontrato.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Calcio
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Tifosi
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Altro
Leonardo Palma
25 Settembre

L’uomo che pensa

La trilogia di Batman e il Keysi Fighting Method.
Calcio
Ermanno Durantini
7 Settembre

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
17 Settembre

Perché Lukaku si lamenta del proprio valore a Fifa?

Una questione più seria di quel che sembra.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Storie
Andrea Catalano
14 Maggio

Schumacher = Ferrari

Storia di un binomio leggendario e con ogni probabilità, irripetibile: Schumacher e la Ferrari.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Gennaio

Mazurkiewicz, il gatto con gli scarpini

Il più grande portiere nella storia dell'Uruguay.
Calcio
Diego Mariottini
20 Ottobre

Il caos calmo di Claudio Ranieri

Compie 70 anni un uomo innamorato del calcio (e della vita).
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Ritratti
Niccolò Maria de Vincenti
31 Gennaio

Guti non bastava

Controracconto di un amore perduto.
Ritratti
Sergio Taccone
10 Ottobre

Joe Jordan, lo squalo

Dare tutto in campo, conquistare l'affetto fuori.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Altro
La Redazione
10 Gennaio

Corso di formazione in giornalismo sportivo

Insegui i tuoi sogni, unisciti a noi!
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Altro
Edoardo Salvati
4 Gennaio

Marcel Hirscher

Gli anni del dominio in Coppa del Mondo del migliore dei migliori ed il confronto con i più grandi di sempre delle discipline tecniche.