Carrello vuoto
Calcio
16 Febbraio

Nocturne Pirlo

Annibale Gagliani

27 articoli
Le vicende artistiche di Pirlo e Chopin si incontrano in Polonia.

24 giugno 2012, un vento catartico avvolge Kiev. Stadio Olimpiyski, la notte cala imperterrita, Inghilterra e Italia si giocano la semifinale dell’Europeo ai calci di rigore. Al terzo penalty i britannici sono avanti, mentre gli uomini di Prandelli vedono avvicinarsi al baratro. Andrea Pirlo, numero ventuno, esteta della regia calcistica, bresciano di concetto, afferra la sfera. Alle linguacce bizzarre di Hart, portiere dei leoni, contrappone un colpo da maestro, uno scherzo romantico: il cucchiaio.

 

Da quel momento le energie degli azzurri sussultano, cambia tutto, risultato ribaltato, 2-4. La gemma peccaminosa del metronomo supremo spedisce la delegazione italiana nelle viscere di Varsavia: avviene lì l’incontro tra Andrea e uno dei pianisti più idolatrati dell’era contemporanea: Fryederyk Franciszek Chopin. Nel 1983, tra i prati punk ed elettronici del sound internazionale, si eleva al cielo una confessione non banale di Gazebo, al secolo Paul Mazzolini: «Used to say, I like Chopin, love me now and again…», il ritornello della sua I like Chopin. 28 giugno 2012, stadio Narodowy W Warszawie – non molto lontano da Żelazowa Wola, culla di Chopin –, Germania-Italia, semifinale.

 

Il raggio pop di Gazebo, da hit parade per innumerevoli settimane, subisce una metamorfosi: il ritornello arpeggia così: «Pirlo plays, like Chopin, love them again…». La traduzione vien da sé. Andrea Pirlo acceca i sogni dei tedeschi, da sempre padroni fisici del centrocampo, con le stesse armi del collega naturalizzato parigino: una ballata per respingere il pressing di Khedira e Schweinsteiger, una mazurca per prendere in mano le sorti dell’incontro e poi una serie di valzer ad arricchire le trame di gioco azzurre in un primo tempo sontuoso: 2-0 per la truppa Prandelli. Nel secondo tempo, delizia per il palato: Nocturne op. 9, per distogliere le manie di grandezza teutoniche dall’obiettivo finale. Come suonano il piano quei piedi! Sembrano le mani di Chopin. Hanno accarezzato soltanto l’invenzione di Bartolomeo Cristofori, fedelmente, per tutta la vita, in tutte le sfide. Mai un burbero assolo, mai una stonatura a frantumare i pentagrammi.

 

Pirlo cucchiaio
Sentire la pressione

 

Però, l’Italia soffre nel recupero. Özil realizza dagli undici metri a una manciata di minuti dalla fine, diversi fantasmi bussano alla mente degli italiani. Pirlo pensa bene di dar vita a un preludio, poiché si fida dei suoi compagni e sa che sta per arrivare il momento dell’apoteosi. Al triplice fischio del transalpino Lannoy, parte con passo dissonante la Polonaise op. 53, che riempie di orgoglio tutti i combattenti polacchi della rivolta ottocentesca contro la Russia. L’opera chopiniana celebra – in quel giugno politicamente sadico – le gesta di un pianista sull’erba: Pirlo, en passant. Dopo La leggenda del pianista sull’oceano di Giuseppe Tornatore, arriva il pianista sull’erba, fratello di sangue del romantico fuoriclasse franco-polacco.

 

Lasciando la sua nazione, per poter sopravvivere, Fryderyk decide di regalare una rivalsa artistica al popolo che lo ha visto crescere: miscela Mozart, Bach, Schubert, Beethoven, dando un alone di poesia alla musica popolare polacca. I suoi studi, le sue sonate, non colorano di grazia soltanto i cieli francesi: l’Austria, la Spagna e la Gran Bretagna ne sanno qualcosa. È definito “il poeta del pianoforte”, non solo per le spossanti emozioni che le sue dita donano, altresì per una sua visione avanguardistica e profetica della musica. Le vibrazioni prodotte dai suoi appunti preziosi, sono pennellate di malinconia che fanno salire dalle vene alla gola languori leggeri. Il percorso fluviale inebria le sinapsi dell’ascoltatore con celestiale irrequietezza.

 

 

Elogio di Chopin, in unione con Van Gogh

 

Come Andrea, in pratica. “Poeta della mediana”, perfettamente a suo agio tra improvvisi eccellenti, lanci a occhi chiusi a Lichtsteiner, giochi di prestigio per servire Grosso in area di rigore e carezze imperiose per decidere campionati all’ultimo respiro (gli ultimi cinque minuti nella punizione contro il Genoa a Marassi, gli ultimi cinque secondi nel derby della Mole). Chopin distrugge ogni fibra del suo cuore con l’amore incontenibile per la scrittrice George Sand. Debole fisicamente, attanagliato dalla tubercolosi, ma comunque intento a scrivere la storia del pianoforte. Come Andrea, fisicamente non un marcantonio e anche lui ravvivato da amori travagliati. Ha riscritto la storia del centrocampo italiano con molta semplicità.

 

Apparentemente i due pianisti sembrano l’immagine della seriosità, lo specchio della tristezza d’animo. Eppure, Chopin sostiene questo: «Chi non ride mai, non è una persona seria». Il compositore ama ridere e divertirsi con poco. Come Andrea, del resto: negli spogliatoi in cui ha lottato, ha lasciato un raggio di sole: chiedetelo a Gattuso o a Buffon. Pirlo termina il suo concerto calcistico a quasi 39 primavere. Chopin termina la sua regia musicale, per colpa della vita, a quasi 40 primavere. Per un pelo coetanei, questi due sorprendenti artisti. Hanno donato un trentennio della loro arte al mondo intero, partendo dalla polvere delle periferie. Dove sono arrivati? A tallonare l’infinito. Come il chiaro cucchiaio di Kiev. Come l’oscuro vento che avvolse Parigi il 17 ottobre 1849.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre 2021

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Tennis
Carolina Germini
25 Agosto 2021

Rino Gaetano, il figlio unico dello sport

A mano a mano con il suo universo sportivo.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Paolo Pollo
5 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Estero
Marco Marino
5 Marzo 2021

Beatles, football & legends

In una Liverpool divisa tra rossi e blu, esporsi era troppo rischioso.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Altro
Gianluca Losito
8 Settembre 2020

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.
Storie
Luca D'Alessandro
9 Agosto 2020

L’Islanda è rinata con il calcio

Strappare i giovani al nichilismo e votarli al pallone.
Storie
Lorenzo Solombrino
1 Agosto 2020

Damon Albarn e il Chelsea, finché morte non ci separi

Dai Blur ai Gorillaz, nell'eclettismo di Albarn c'è un solo punto fermo.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Tifo
Riccardo Santilli
19 Aprile 2020

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile 2020

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Storie
Lorenzo Ottone
4 Aprile 2020

Ezio Vendrame e Piero Ciampi, amici maledetti

Vino, donne, poesia e pallone. In memoria di Ezio Vendrame e Piero Ciampi.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo 2020

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2020

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Ritratti
Matteo Mancin
8 Marzo 2020

Bruno Pizzul, un’icona nazionale

Uno dei più grandi artigiani della parola sportiva.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
13 Febbraio 2020

A Napoli Bruscolotti è storia

Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.
Storie
Diego Mariottini
20 Gennaio 2020

La tripletta di Anastasi e la parolaccia di Ameri

Un ricordo di Pietro Anastasi, nell'unico pomeriggio in cui Enrico Ameri cadde nel turpiloquio.
Calcio
Enrico Leo
31 Ottobre 2019

Marco Van Basten e Johnny Marr, gemelli diversi

Un destino comune, scandito dalla nascita.
Papelitos
Federico Brasile
13 Giugno 2019

Per non vivere di solo entusiasmo

Il primo anno dell'Italia di Mancini non poteva essere migliore, ma il lavoro da fare è ancora tanto.
Calcio
Annibale Gagliani
20 Novembre 2018

La migliore Nazionale di tutti i tempi

Abbiamo provato a selezionare l'XI azzurro più forte di sempre.
Calcio
Luigi Fattore
27 Settembre 2018

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre 2018

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Ritratti
Sergio Taccone
20 Luglio 2018

Robin Friday

Il George Best di quarta divisione.
Interviste
Michele Di Virgilio
20 Novembre 2017

Apocalypse now

La débâcle azzurra è davvero lo specchio del Paese dal quale è stata generata? Dove ricercare le cause? E come ripartire? Lo abbiamo chiesto ad alcuni tra i migliori scrittori, giornalisti, blogger e sociologi di casa nostra.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre 2017

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Calcio
Gianluca Caboni
18 Giugno 2017

L’Italia che verrà

Alla scoperta delle Under 21 italiane più forti di sempre. Spoiler: questa promette molto bene.
Storie
Luca Giannelli
11 Aprile 2017

Dinastia Vieri

Qui Prato a voi mondo: le gesta di una famiglia nata per il pallone.
Storie
Giuseppe Gerardi
20 Marzo 2017

One love, Bob Marley e il calcio

Bob Marley non è stato solo un grande artista. L'amore per il calcio ha guidato le sue note musicali.
Calcio
Luigi Fattore
18 Febbraio 2017

Il dono della sintesi

Roma '90, Italia-Cecoslovacchia, l'assolo di Roberto Baggio.
Storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio 2017

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
Storie
Luca Giorgi
10 Dicembre 2016

Il Calcio nel Fascismo

Nel regime fascista il calcio si è affermato, anche involontariamente, come sport nazionale.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre 2016

Una partita a carte tra gentiluomini

Calcio
Nicola Ventura
7 Novembre 2016

Breve mitologia di Gigi Riva

Breve fenomenologia del "Rombo di tuono".