Carrello vuoto
Altro
31 Marzo

Il significato etico e politico delle Olimpiadi greche

Molto più di una semplice competizione sportiva.

O Corona o Morte!: questo è il grido degli atleti che squarcia il cielo di Olimpia per dare il via alla competizione. Viene da sempre attribuito alle Olimpiadi dell’Antica Grecia un alone di pace e purezza. La narrazione moderna ne privilegia gli aspetti pacifici, quali l’interruzione di guerre e la grande sportività tra gli atleti, nemici solo per finzione in regime di Olimpiade. Ma possiamo davvero prendere per trasparente e storicamente attendibile una descrizione così ingenua dei fatti?

Innanzitutto se De Coubertin, fondatore dei moderni Giochi Olimpici, avesse conosciuto realmente lo spirito delle antiche Olimpiadi e l’importanza dell’agone, probabilmente non avrebbe mai pronunciato la frase “L’importante è partecipare”. Il podio non esiste. Il fair play, in una società modellata dal mito dell’eroe, è semplicemente un controsenso. La sconfitta significa disonore per sé stessi e infamia per la propria gente. Vincere invece vuol dire gloria; il radioso inizio di grandiose carriere politiche e/o militari; statue erette a proprio nome, nella propria città come nella stessa Olimpia.

Vincere le Olimpiadi significa diventare simbolo della propria polis, essere innalzati quasi alla stregua del divino. Le gare a squadre per di più non sono contemplate. L’onore non è condivisibile con nessuno, tranne che con la propria famiglia e i propri antenati. L’onore, però, è preceduto dall’agone, vera stimmate dell’uomo greco. Ogni polis ne porta i tratti: Corinto ha i Giochi Istmici, Delfi i Giochi Pitici, Sparta le Carnee ed Atene le Panatenaiche. Tutti nascono con lo stesso obiettivo: celebrare il culto agonistico attraverso solenni riti religiosi.

Olimpiadi Atene 2004
Il cammino che, da Olimpia, porterà il fuoco olimpico fino ad Atene; gennaio 2004 (foto Lutz Bongarts/Bongarts/Getty Images)

La prima testimonianza è racchiusa nel XXIII libro dell’Iliade. Otto gare – due di corsa, tre di combattimento, una di precisione e due di lancio – organizzate da Achille piè veloce, sotto le mura di Troia assediata, per accompagnare il rito funebre di Patroclo, suo fraterno amico e compagno. Mommsen, storico tedesco, fa però risalire al 776 a.C. la trasformazione dei Giochi da occasionali gare a momento di massimo agone atletico finalmente organizzato. Da questa data, il 776 a.C. appunto, i Giochi di Olimpia acquistano sempre maggior blasone ed aumentano le città intente a competere per la gloria.

Come ogni evento, dio, semidio, eroe o storia che si rispetti dell’antica Grecia, la verità è sempre un misto di informazioni da estrapolare tra storiografi ed aedi canta-miti. Il più accreditato di questi ultimi – Pindaro, nella prima delle 14 Odi Olimpiche – racconta di Enomao, re di Pisa d’Elide, il quale per sfuggire alla morte che sarebbe avvenuta per mano del genero prova ad impedire le nozze della figlia Ippodamia. Egli indice così una corsa di carri da Pisa a Corinto; il vincitore avrebbe poi sposato la figlia. Muoiono in 13. Pelope, il quattordicesimo, con un inganno sconfigge finalmente Enomao. Per discolparsi della sua scorrettezza organizza i primi giochi Olimpici in onore di Zeus.

La storia che ci racconta Pausania, invece, conferma ciò che molti provano a negare. Lo sport e la politica vanno a braccetto. Da sempre. Olimpia viene conferita alla storia dello sport grazie ad un accordo di non belligeranza tra Ifito, re dell’Elide, e Licurgo, re di Sparta. Trasformata in territorio neutrale, Ifito istituisce i giochi Olimpici, diventati così simbolo di tregua politico-militare, per ringraziare gli dei.

Olimpia Olimpiadi
L’ingresso di Olimpia, a millenni di distanza dai primi giochi delle Olimpiadi (foto Lutz Bongarts/Bongarts/Getty Images)

Cercare la verità tra i resti del mito e gli squarci della storia può però essere pericoloso. Sorgono così false credenze, portate avanti nei millenni, equivalenze dubbie ma indiscusse come Olimpiadi = pace universale. Non è certamente un’invenzione la proclamazione dell’ekecheirìa, la tregua, ad opera dei messaggeri di pace o spondophòroi, portavoce della data d’inizio delle competizioni e della conseguente interruzione dei conflitti.

Isocrate vi si riferisce nel Panegirico, prendendo la tregua olimpica come esempio per la creazione di una federazione panellenica. Erodoto addirittura, nelle Storie, scrive che i Greci lasciano sbigottiti i Persiani perché, per rispettare la tregua, interrompono la battaglia delle Termopili. È complicato da credere però che queste non fossero che delle eccezioni. Davvero l’ekeicheirìa è sentita a tal punto da mettere fine all’odio profondo che animava certe poleis in perenne conflitto?

Difficile, soprattutto in una società profondamente classista e guerrafondaia come quella greca. È più facile pensare che, mentre le guerre continuavano, ciò che oggi chiamiamo il “villaggio olimpico” sia stato luogo di importanti accordi. Lo strettissimo legame tra le Olimpiadi antiche e la diplomazia d’altronde è confermato dalla presenza costante di ambasciatori, tiranni e sovrani alle gare. Olimpia è invece spesso teatro di violenza, non solo tra gli atleti che si cimentano nel pugilato o nel pancrazio, ma anche tra gli spettatori, dentro e fuori dallo Stadio.

Olimpiadi Grecia
525 a.C. Quattro atleti si preparano all’Olimpiade; un discobolo, un saltatore e due lanciatori di giavellotto. Da un’anfora panatenaica (foto Hulton Archive/Getty Images)

Il colpevole più illustre è Lisia, oratore e logografo ateniese. È quest’ultimo che, durante un’Olimpiade, scrive un Panegirico, L’Olimpico, nel quale invita i presenti a dar vita alle ostilità contro Dionisio di Alicarnasso, tiranno di Siracusa. Gli ascoltatori, prese alla lettera le dichiarazioni lisiane, si dirigono compatti verso la sfarzosissima tenda del tiranno, e qui danno luogo ad un maestoso saccheggio.

È errato considerare alla pari l’ekeicheirà (la tregua) con l’eirène (la pace). Più che un periodo di pace le Olimpiadi sarebbero allora un periodo di tregua, non sempre rispettata, tra le poleis greche. Gli unici a godere davvero di immunità sono il territorio di Olimpia, attraverso una proclamazione concordata da tutte le città partecipanti, e le delegazioni di atleti o allenatori, liberi di muoversi per allenamenti e competizioni.

Antiche le Olimpiadi, antichi i luoghi comuni. Quando ci indigniamo per la paga di un calciatore o perché i dottori sono molto meno considerati di chi fa gol la domenica, facciamo nostra una storia molto antica, che risale proprio ai Giochi di Olimpia. Euripide nell’Autolycos scrive infatti:

“Di tutti gli innumerevoli mali che affliggono la Grecia, nessuno certo è peggiore degli atleti”.

A rincarare la dose ci pensa Cicerone, il quale afferma che un generale romano, vincitore di aspre battaglie, riceve ricompense minori di un vincitore di Olimpia. Pròtos anthròpon (“primo tra gli uomini”), esenzioni dalle tasse, mantenimento a spese della polis, cariche e carriere pubbliche sono solo alcuni dei titoli destinati ai campioni. Senza contare, come detto, la gloria eterna. Forse Cicerone non è proprio uno sprovveduto.

Eppure le Olimpiadi sono resistite ai millenni. Come possiamo notare, le critiche al mondo sportivo da parte degli intellettuali esistono da 2700 anni. Ci sono da quando lo sport, da momento di svago o semplice esercizio fisico, è diventato agone. Chi ieri denunciava attraverso panegirici l’eccessiva importanza che veniva data ai campioni non è poi così differente da chi oggi sui social si indigna per lo stipendio di un qualsiasi calciatore professionista.

Chi ieri tifava ed era accusato di dare troppa importanza ad una gara, non è poi così differente dal moderno protagonista di “Fever pitch”, in cui tanti di noi si riconoscono. La storia delle Olimpiadi antiche ci insegna dunque che lo sport è sempre stato motivo di agitazione politica e polemica intellettuale. Cosa ci hanno donato le Olimpiadi? Lo Sport. Che non è mai soltanto sport. Padrone e schiavo ieri. Ricco e precario oggi. Tutti ancora col cuore in gola, fino al traguardo, alla ricerca della gloria immortale. Al di là di ogni ceto sociale.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Matteo Zega
4 Febbraio 2022

Le Olimpiadi del sovrano Xi Jinping

La Cina è vicina.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Tennis
Gabriele Fredianelli
2 Settembre 2021

Antonio Maglio, il padre delle Paralimpiadi

La storia visionaria dell'uomo che concepiva lo sport come una terapia.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto 2021

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2021

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio 2021

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio 2021

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio 2021

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Papelitos
Luca Pulsoni
6 Febbraio 2021

Il ministro dello sport che non conosceva lo sport

Spadafora si è dimesso nel peggiore dei modi.
Tennis
Lorenzo Santucci
26 Gennaio 2021

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio 2021

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Interviste
Leonardo Aresi
2 Dicembre 2020

“Lo sport di domani”. A tu per tu con Flavio Tranquillo

The Voice torna in libreria. Stavolta per affermare un principio fondamentale: lo sport è cultura.
Tennis
Gianluca Losito
28 Novembre 2020

L’eredità sportiva di Thomas Sankara

La passione per lo sport del leader panafricano ha segnato il Burkina Faso.
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre 2020

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre 2020

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Giacomo Proia
26 Luglio 2020

Il gioco delle bocce grida: viva l’Italia!

Ma il mondo non gli concede il prestigio che meriterebbe.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Cultura
Gianluca Palamidessi
18 Giugno 2020

Ogni benedetta domenica

Per Joseph Ratzinger il calcio è un'anticipazione del Paradiso.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio 2020

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Altro
Alberto Maresca
28 Aprile 2020

Gli eSports sorridono mentre il mondo è in quarantena

Il Coronavirus riempie le tasche degli eSports, tra scommesse e finanziamenti continui.
Altro
Giacomo Orlandini
27 Aprile 2020

L’ideologia del record andrà in crisi

Quando non ci saranno più barriere da poter superare, l’atletica avrà ancora senso di esistere?
Storie
Alessandro Imperiali
13 Aprile 2020

Football? No grazie, calcio storico fiorentino

Viva Fiorenza! Viva il calcio, quello vero!
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Altro
La Redazione
5 Luglio 2019

Lo sport

Maestri, Episodio X: Ennio Flaiano.