Carrello vuoto
Altro
27 Aprile

L’ideologia del record andrà in crisi

Quando non ci saranno più barriere da poter superare, l’atletica avrà ancora senso di esistere?

Nel tentativo umano di vincere la morte, il record è la migliore arma di un atleta. La gloria che ne deriva, infatti, sopravvive oltre il suo tramonto. L’albo dei record è per questo il contratto più esclusivo che uno sportivo possa siglare: sudore e sacrificio in cambio della garanzia di far parte della Storia. Affamato oltremodo di immortalità, l’uomo ha deciso però di cimentarsi anche in discipline assurde, inaugurando sfide al limite della logica. Il risultato di questa corsa alla notorietà è la degenerazione del record in un talent show commerciale: il Guinnes dei primati.

 

 

Tralasciando i record discutibili, il primato più significativo è senza dubbio quello dei 100 metri piani, ed è su questo che ci concentreremo. Le origini della disciplina risalgono alle Olimpiadi che si svolgevano nell’antica Grecia: si tratta di confronto fisico allo stato puro, una vera e propria gara biologica di velocità. Secondo la leggenda, nell’Ellade, era Kronos in persona a decretare il vincitore, iridandolo con il titolo di piè veloce.

 

Le Olimpiadi nell’Antica Grecia, da cui tutto deriva

 

 

Il primo record del mondo ufficialmente riconosciuto dall’IAAF (Associazione internazionale delle federazioni di atletica) è stato registrato alle Olimpiadi del 1912 a Stoccolma, quando lo statunitense Donald Lippincott corse i suoi 100 metri in 10”6. All’epoca le registrazioni dei tempi di gara avevano una precisione al decimo di secondo. Solo a partire dal 1968, infatti, i tempi furono registrati con cronometri elettronici, che permettevano una precisione al centesimo di secondo. Il limite dei 10 secondi, considerato per molto tempo difficilmente valicabile, fu superato per la prima volta nel 1968 dell’americano Jim Hines, con un tempo di 9”95.

 

 

Il progressivo abbassamento del record continuò fino alla fine degli anni Novanta per merito degli atleti a stelle e strisce e di quelli canadesi. A partire dal 2005 iniziò invece l’era dei velocisti giamaicani, che raggiunse il suo acme nel 2009 quando Usain Bolt, già detentore del titolo olimpico, registrò il record tutt’ora imbattuto di 9”58Ma quanto è ancora migliorabile il primato del mondo dei 100 metri piani? Esiste un tempo al di sotto del quale non è umanamente possibile scendere? A queste affascinanti domande hanno provato a rispondere diversi team di scienziati.

 

 

Il biologo americano Mark Denny della Stanford University, prendendo spunto da un’analisi comparata fra i record mondiali ottenuti nell’ultimo decennio dai migliori sprinters, ha indicato in 9”48 il limite umano assoluto per correre i 100 metri. Il fisiologo R.H. Morton, rifacendosi a modelli matematici, con maggior ottimismo, profetizza un futuro primato del mondo di 9”15, realizzabile in un arco di 250 anni. Il risultato più avveniristico, però, è quello ipotizzato dal giornalista John Brenkus che, nel suo libro “The Perfect Point”, indica in 8”99 il limite umano assoluto, realizzabile entro 900 anni. Il fattore limitante sarebbe il tempo minimo in cui la spinta del piede sul terreno esprime la sua massima forza possibile.

 

Jim Hines, il primo velocista a correre i 100 metri scendendo sotto i 10 secondi

 

 

Un po’ diversa è invece la questione sul fronte femminile: i margini di miglioramento delle atlete sono più consistenti rispetto a quelli dei colleghi uomini perché lo sport in rosa è iniziato, a livello professionistico, più tardi rispetto a quello maschile. Nonostante gli studi autorevoli, occorre precisare che i progressi della “macchina umana” sono spesso così straordinari che, solo 40 anni fa, veniva indicato in 9”60 il tempo insuperabile per correre i 100 metri. Poi è arrivata una mosca bianca come Usain Bolt, il quale, riuscendo a coniugare una straordinaria ampiezza di falcata a tempi di appoggio al suolo rapidissimi, ha smentito le previsioni degli scienziati.

 

 

Tutti i ricercatori sono comunque concordi nell’affermare che alla base dei progressi ci sono molti fattori chiave: la globalizzazione sportiva, che permette di avere a disposizione un maggior numero di grandi atleti, le tecniche di allenamento in costante evoluzione, la tecnica di rilevazione cronometrica, il metodo di selezione degli atleti che privilegia certe caratteristiche fisiche piuttosto che altre, il progresso della scienza dell’alimentazione.

 

 

Certamente si è ormai arrivati molto vicini ai limiti della possibilità umane degli atleti, anche come capacità psicologica di sfruttare al massimo il proprio potenziale. Uno studio condotto dal francese Jean Francois Toussaint, che ha analizzato 3200 record mondiali dal 1896 ad oggi, rivela che 100 anni fa gli atleti utilizzavano soltanto il 75% del proprio potenziale rispetto al 99% dei giorni nostri.

 

Usain Bolt, il cannibale dal sorriso smagliante (Kai Pfaffenbach, Reuters)

 

 

Ogni volta che si analizza con metodo scientifico una materia fatta di passione e sacrificio, come lo sport, il risultato è deludente. La scienza ha l’oscuro potere di strappare il velo di Maya, ponendo l’uomo di fronte alla crudezza dei propri limiti. Accecata da un progresso tecnologico virtualmente illimitato, la società moderna stenta a riconoscere i propri confini strutturali. L’uomo ha inventato l’aereo e ora crede di saper volare, guida un’automobile e crede di dominare la velocità.

 

 

Questa illusione deve la sua ragione al martellante culto del progresso, figlio di un positivismo spinto all’estremo ma che non si accorge, come direbbero molti pensatori, che ormai l’uomo è impiegato delle sue stesse creazioni. Tuttavia, nello sport come in tanti altri aspetti della vita, un modello troppo accelerato prima o poi dovrà fisiologicamente rallentare o incepparsi. E secondo lo studio di J.F. Toussant, recentemente pubblicato sul Sunday Times, succederà più prima che poi.

 

 

Entro il prossimo mezzo secolo, con l’estinzione dei record, non ci saranno più barriere da superare. Per questo motivo l’atletica potrebbe non dare più emozioni già dal 2070, seguita dal sollevamento pesi e dagli sport nei quali contano materiali e tecnologia. La domanda che ci poniamo, dunque, sorge spontanea: senza più la possibilità di superare il limite, caratteristica tanto in voga per descrivere lo sportivo, l’atletica avrà ancora senso di esistere?

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Matteo Zega
4 Febbraio 2022

Le Olimpiadi del sovrano Xi Jinping

La Cina è vicina.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Altri Sport
Lorenzo Giannini
23 Ottobre 2021

La Marathon des Sables è una corsa leggendaria

Cosa significa partecipare alla danza del deserto.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto 2021

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2021

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio 2021

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio 2021

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio 2021

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Tennis
Lorenzo Santucci
26 Gennaio 2021

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio 2021

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre 2020

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre 2020

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.
Ritratti
Alberto Girardello
3 Giugno 2020

Elena Isinbaeva e la Madre Russia

Un modello tutto russo di “femminismo”.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Altro
Alessandro Imperiali
31 Marzo 2020

Il significato etico e politico delle Olimpiadi greche

Molto più di una semplice competizione sportiva.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo 2020

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio 2019

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Papelitos
Leonardo Aresi
14 Marzo 2019

Esports alle Olimpiadi? No, pietà!

Impediamo ai nerds di mettere le mani sui Giochi.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
21 Settembre 2018

Emil Zátopek

Il romanzo della locomotiva umana.
Ritratti
Alberto Fabbri
4 Agosto 2018

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Papelitos
Alberto Girardello
23 Giugno 2018

Meraviglioso

Filippo Tortu, il suo record e tre considerazioni su Mennea, la Federazione e l'effetto del cronometro.
Papelitos
Alberto Girardello
20 Giugno 2018

Filippo, fallo per te

Lettera a cuore aperto al futuro campione dell'atletica leggera italiana: Filippo Tortu.
Altro
Alessandro Autieri
27 Febbraio 2018

Cos’è successo a PyeongChang 2018

Da Ledecka alle Coree unite, dal record di Fourcade alla Russia dimezzata e disobbediente; un lungo viaggio all'interno di ogni disciplina dell'Olimpiade appena terminata.
Altro
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio 2018

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Altro
Francesco Zambianchi
12 Febbraio 2018

Johannes Høsflot Klæbo

Lo sci nordico sta vedendo nascere la sua nuova stella: ha 21 anni ed è già il favorito. Per vincere tutto.
Altro
Alessandro Autieri
22 Gennaio 2018

I Fourcade, due pesci combattenti

Il dualismo tra Simon e Martin Fourcade si è risolto in modo inaspettato, facendo la Storia.
Recensioni
Gezim Qadraku
17 Gennaio 2018

L’ultima estate di Berlino

Federico Buffa e Paolo Frusca ci raccontano la storica Olimpiade del 1936. Un romanzo di sport, passione e ferocia.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Papelitos
Alberto Girardello
18 Dicembre 2017

Valanghe (azzurre) in arrivo

Fuori dai canali di comunicazione mainstream si gioca la battaglia pre-olimpica negli sport invernali
Ritratti
Alberto Girardello
25 Maggio 2017

Mo Farah

L'uomo da battere.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo 2017

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.