Carrello vuoto
Papelitos
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.

Mentre uno dei profeti del bel giuoco si andava a schiantare contro il concreto – ed entusiasmante – Hellas Verona di Igor Tudor (sorpresa di questo campionato), l’unica vera partita della settimana in Serie A è quella finita 0-0. Non ce ne vogliano Bologna e Milan, protagoniste di un match epico sì ma anche da bollino rosso a livello difensivo – e non solo per i cartellini estratti dall’arbitro. Roma vs Napoli è stata un autentico spettacolo.

In uno stadio dall’atmosfera avvolgente, anni ’80 (ed è proprio dal 1980 che questa partita non finiva 0-0), Roma e Napoli se le sono date di santa ragione. Dai primi minuti agli ultimi secondi dei cinque di recupero concessi da Massa – permaloso al punto da scambiare i sinceri complimenti di Spallettone per sarcasmo –, abbiamo assistito ad una partita unica, nervosa, adrenalinica, come non se ne vedono più ormai nel (nostro) calcio.

La parentesi è d’obbligo, soprattutto alla luce del risultatone – anche un po’ patetico, permetteteci di dirlo – della domenica tra Manchester United e Liverpool (0-5); un tempo classica del calcio inglese, da ieri caso di studio per EA Sports, che ne trarrà giovamento per il prossimo Fifa. Anche in Olanda un altro classico, Ajax-PSV, si è concluso con lo stesso punteggio. Il calcio sta impazzendo, è chiaro. Nessuna partita sembra avere più un senso, Eupalla si è trasformata in Chepalle, e Roma vs Napoli in questo senso è stata pura ribellione.

Parliamoci chiaro: anche Inter vs Juventus è finita 1-1, ma è stata una partita tra due squadre che hanno avuto paura di perdere. L’Inter sull’1-0 e la Juventus fino all’entrata di Dybala e Chiesa nella ripresa. Roma vs Napoli poteva chiaramente finire diversamente – le occasioni di Abraham, Mancini e Osimhen gridano ancora vendetta –, ma è finita 0-0. Epica pura signori, scontro tanto furente da annullare i contendenti. Tanto caotico da generare l’equilibrio perfetto.

Zero a zero. Così inizia e così finisce. L’alfa e l’omega di chi come noi ama ancora un certo tipo di calcio. Niente affatto noioso ma armonico, sensato. Furente ma leale, aggressivo ma con un criterio.

Gli spazi c’erano, da una parte e dall’altra, ma non per svarioni tattici né per mancanza di attenzione, quanto per voglia di sbranarsi a vicenda. È chiaro, il calcio non può essere sempre questo: il livello di intensità psicofisica tenuto dalle due squadre ieri pomeriggio è stato disumano, e in questo senso il risultato finale deve rincuorarci, non deluderci. La Roma aveva qualcosa da farsi perdonare, il Napoli voleva infrangere la maledizione delle otto vittorie di fila – e non ce l’ha fatta. Un palo (clamoroso) di Osimhen, giocatori a terra per traumi fisici e chiusure eroiche, per calci e scazzottate. Due traverse. Due allenatori espulsi (uno per malinteso arbitrale), due difese straordinarie (Koulibaly/Rahmani e Mancini/Ibanez, bravi!). Ripartenze, tanti errori, quanta corsa. Conclusione: non è dal punteggio che si riconosce una grande partita. Non tutti i 5-0 fanno sognare, non tutti gli 0-0 annoiano. Solo i secondi, però, possono davvero dirsi epici.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Luglio

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Calcio
Michelangelo Freda
10 Gennaio

Riconoscimento facciale, l’ultima folle idea della Serie A

L'ultima proposta della Serie A riguarda il riconoscimento facciale. De Siervo, amministratore delegato della Lega, sembra determinato.
Tifosi
Alessandro Imperiali
11 Novembre

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Calcio
Alberto Maresca
5 Dicembre

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Calcio
Raffaele Scarpellini
31 Luglio

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Settembre

L’estate romana di Paul Gascoigne alla Lazio

Un pazzo tra i pazzi.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Calcio
Davide Fusco
28 Maggio

Campanilismo

Tra i vicoli di Partenope, la futura gloria di Napoli.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Calcio
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio

Vedere Mauro Zarate alla Lazio e piangere

Ricordo di Mauro Zarate con la maglia della Lazio.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Storie
Nicolò Canonico
14 Aprile

Hillsborough senza giustizia

Trentuno anni fa una tragedia mistificata, distorta, strumentalizzata.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Storie
Simone Galeotti
21 Agosto

The Rush Hour

Ian Rush, l'uomo che fece innamorare la Kop.
Calcio
Alberto Maresca
26 Dicembre

Anche la pastasciutta è una droga

Racconto dell'ultimo, e storico, scudetto del Bologna.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Maggio

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Papelitos
Luca Pulsoni
11 Settembre

Il malato immaginario

Il caso De Laurentiis conferma l'ipocrisia del nostro sistema.
Ritratti
Leonardo Catarinelli
18 Maggio

Hidetoshi Nakata erede e innovatore del Giappone

Tradizione significa anche tradimento.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
13 Febbraio

A Napoli Bruscolotti è storia

Una carriera legata al Napoli e cinque stagioni da capitano, poi la fascia ceduta a Maradona per raggiungere la gloria. La nostra intervista a Beppe Bruscolotti.
Interviste
Luigi Fattore
3 Aprile

A lezione da Mister Condò

Lunga chiacchierata con un punto fermo del giornalismo sportivo italiano.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Francesco Andreose
3 Agosto

Costantino Rozzi, il Presidentissimo per eccellenza

Il Grande Ascoli, l'indimenticabile presidente.
Calcio
Gabriele Fredianelli
20 Agosto

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Calcio
Alberto Fabbri
24 Aprile

Lettera al presidente

Gentile Presidente le scrivo.