Carrello vuoto
Altro
24 Ottobre

Rugby, Francia e territorio

Graziano Berti

2 articoli
Genesi e apogeo del rugby francese. Il perché di uno sport, il perché di un popolo.

Parigi, 20 marzo 1892.

La lontana melanconia di una fisarmonica richiama alla mente il consunto pavè dei boulevard, liso dall’incessante passaggio dei landau e delle prime Benz Velo: par quasi di vedere i pallidi lumi dei lampioni a gas e, nella penombra, il tavolino di un bistrò. È una Parigi fervida, vibrante, ma allo stesso tempo figlia di una borghesia sonnacchiosa e nostalgica di una nobiltà perduta; è la Parigi delle grandi contraddizioni: da un lato rimpiange la grandeur del passato napoleonico ma, dall’altro, respinge con forza il perbenismo vittoriano. La nostra storia è, tuttavia, ben lungi dallo svolgersi nei salotti letterari, ben lontana dal neoclassicismo che, nel suo ultimo afflato, ancora tenta disperatamente di aprirsi la strada in un mondo che non più gli appartiene. La nostra storia è puro impressionismo.

Le boulevard de Montmartre, Matinée de printemps - Camille Pissarro, 1897
Le boulevard de Montmartre, Matinée de printemps – Camille Pissarro, 1897

Allontaniamoci dal tepore dei caffè, dai vezzi di le Marais e dalle note sferzanti e scandalose del Mouline Rouge per piombare con forza, quasi pindaricamente, sul Plan de la Bagatelle. È curioso, forse una coincidenza, che la Bagatelle, già residenza del fratello del re di Francia Luigi XIV, appassionato di giochi e scommesse, sia teatro di un qualcosa che troverà in Francia terreno fertile come da nessun’altra parte nell’Europa continentale. In quel 20 marzo di 125 anni fa, una persona d’eccezione si ergeva ad arbitro di quella che sarà la prima – nonché unica – partita dell’edizione inaugurale del campionato francese di Rugby a XV: Pierre de Coubertin. È sintomatico che proprio il futuro fondatore dei moderni giochi olimpici abbia diretto l’incontro tra il Racing Club de France (oggi Racing 92 dopo la fusione, nel 2001, con la polisportiva U.S. Métro) e lo Stade Français Paris Rugby (vinto dai primi per 4 – 3 su mete di Pallissaux e Reichel con trasformazione di Gaspar de Candamo), consegnando così al Racing il primo Bouclier de Brennus, ancora oggi assegnato alla squadra vincente del Top 14, massima divisione del campionato francese e dando al Rugby la definitiva consacrazione a sport nazionale.

1 gennaio 1906: prima partita ufficiale della Nazionale di Francia contro gli originali All Blacks. Nella foto, "en sortie de mêlée"
1 gennaio 1906: prima partita ufficiale della Nazionale di Francia contro gli originali All Blacks. Nella foto, “en sortie de mêlée”

Tuttavia nel Barone de Coubertin non va visto solo l’arbitro della prima finale della storia del Rugby francese, ma anche e soprattutto il suo padre fondatore. Il legame tra il Rugby, sport d’indiscussa origine d’oltremanica, e il barone de Coubertin, affonda le proprie radici, secondo lo storico della disciplina Tony Collins, nella condivisione di quei valori che promanano dalla filosofia britannica della Muscular Christianity: sentimento patriottico, disciplina, lavoro di squadra e conseguente sacrificio per i suoi membri. Una condivisione di valori, quindi, che De Coubertin fa propri all’indomani della sconfitta nella guerra franco prussiana del 1870, e la cui diffusione nel resto della Francia fu dettata da un inarrestabile sentimento di orgoglio e di ricostruzione dell’identità nazionale. Ma il radicamento della palla ovale nella cultura sportiva francese, così come la più grande delle imprese, non fu certo opera di un sol uomo.

Diventa ora necessario fare un passo indietro. Mentre la partita fra il Racing Club de France e lo Stade Français Paris Rugby rappresentò la primordiale chiave di volta dell’espansione oltralpe del Rugby, il coup d’envoi  (o Rug Off  come viene chiamato in alcune regioni dell’Inghilterra settentrionale) avvenne lontano dalla Ville Lumière, precisamente in una città dell’alta Normandia. Similmente a quanto accadde a Genova con il Genoa Cricket and Football Club, nel 1872, degli ex allievi di Cambridge e Oxford fondarono a Le Havre la prima società di jeu à treize (nome francese per indicare il Rugby). Dando un rapido sguardo alle date di fondazione dei primi Rugby Club risulta immediato come questi sorgano proprio in quelle città dove, all’epoca, i commercianti inglesi avevano i loro principali interessi economici, in particolare in Occitania, la Francia del sud, a discapito di regioni agricole come la Bretagna.

Distribuzione dei club francesi del Top14: ogni cerchio è una squadra il cui diametro aumenta all'aumentare del numero di campionati giocati. La distribuzione è quasi esclusivamente all'interno i confini occitani (linea rossa). ©Wikipedia
Distribuzione dei club francesi del Top14: ogni cerchio è una squadra il cui diametro aumenta all’aumentare del numero di campionati giocati. La distribuzione è quasi esclusivamente all’interno i confini occitani (linea rossa). ©Wikipedia

Rimane ora da chiedersi: perché il rugby e non il football? Le ragioni di questa disparità sono di carattere squisitamente sociale e politico. Bisogna ricordare come il contesto sia quello della Francia della Terza Repubblica, luogo di aspri contrasti che si riflettono anche a livello sportivo.  È la Francia dei dissidi tra Chiesa Cattolica, fautrice della diffusione del football, e le popolazioni Catare e degli Albigesi che trovarono il proprio riscatto sociale nella palla ovale, grazie soprattutto all’opera e alle idee di un medico, Philippe Tissiè; grande sportivo, nonché fervente anti clericale, seppe coniugare efficacemente i propri ideali con quelli – per certi aspetti antitetici – della Muscular Christianity cui aderiva lo stesso de Coubertin: “per la patria attraverso le case, la scuola e le caserme”; e proprio nelle scuole e nelle caserme il Rugby ebbe maggior fortuna: i soldati, così come gli insegnanti, sulla scorta delle idee pedagogiche di de Coubertin, erano convinti della funzione educativa e paideutica di questo sport. Uno sport che riflette la perenne contrapposizione tra la Francia rurale e una Parigi ancora ancorata al suo passato, nonché il desiderio di rivalsa e di riscatto delle periferie dal centralismo parigino. Un dualismo imperante, una continua tesi e antitesi fra Sud e Parigi, fra Cattolici ed Eretici: fra football e jeu à treize.

Un ossimoro di popoli che ancora oggi l’occhio del viandante percepisce in maniera vibrante, quasi fosse un’orgogliosa dichiarazione di appartenenza a una realtà più moderna ma, allo stesso tempo, anacronisticamente affamata dalla mancanza di un’identità propria. In un’epoca in cui gli Stati Nazionali avevano ormai da tempo vinto la loro battaglia contro i localismi e gli stati regionali, il rugby risponde con un risoluto “No !” all’omogeneizzazione e all’annullamento dell’identità dei popoli. Un ultimo sussulto di fierezza che vede il proprio corrispettivo italiano in terra veneta, anche questa da sempre luogo di contrasti che pure affondano le proprie radici nell’orgoglio di un popolo che rifiuta l’omologazione ad ogni costo. Un’alternativa al “centralismo cattolico calcistico”, che ebbe il suo definitivo riconoscimento nell’olimpo del rugby con l’ammissione alla partecipazione all’allora torneo delle Cinque Nazioni nel 1910, nonostante l’opposizione della Scozia.

az findaken
La Nazionale Francese di Rugby che vinse il Grande Slam

Quella del rugby francese è una storia di svincolo, di emancipazione, di ricerca di una dimensione. Un desiderio di riscatto che porterà la Francia a vincere il primo Grande Slam della sua storia rugbistica: Siamo ad Arms Park, Cardiff, ed è il 23 marzo 1968. Forse senza sapere il risultato di quella partita, anni più tardi Ian Kirkpatrick, terza linea degli All Blacks dal 1967 al 1977, disse:

“Non si può battere il Galles in Galles. Al massimo si possono segnare più punti di loro.”

Ma quel giorno la Francia dei fratelli Camberabero si impose per 14 a 9 sul Galles di Barry Johns e di Gareth Edwards. Sono passati poco meno di cento anni da quando quei figli di Oxford e di Cambridge, sui campi fangosi della Normandia, senza alcuna pretesa o velleità, si divertivano a formare le prime ruck, a provare i primi grubber e i primi off load, senza immaginare ciò che avevano appena contribuito a creare. E come in ogni grande storia, anche qui il finale è scritto da persone che nel prologo appaiono insignificanti,  quasi derise dai loro maestri; una derisione che, però, ne tradisce il timore. È la preoccupazione di chi sa non essere più intoccabile: è la vittoria del rugby francese sull’egemonia britannica in Europa. È il definitivo riconoscimento di un popolo.

In copertina la Nazionale Francese nel 1896, foto di Z. Chiesi, Parigi

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Estero
Gianluca Palamidessi
6 Novembre 2021

Il segreto di Christophe Galtier

L'allenatore campione di Francia con il Lille sta facendo miracoli anche a Nizza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno 2021

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Altro
Leonardo Aresi
4 Aprile 2021

La sovranità degli All Blacks è sacra

La tradizione e le radici non sono in vendita.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre 2020

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Altro
Lorenzo Innocenti
12 Giugno 2020

Il Terzo Tempo del rugby è un rito sacro

Origini, miti e segreti di una splendida consuetudine.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Tifo
Michelangelo Freda
30 Maggio 2020

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Papelitos
Lorenzo Ottone
26 Maggio 2020

Rugby senza mischia, l’ultima follia da Covid-19

Abolita la mischia, la palla ovale avrebbe ancora senso?
Altro
Alessandro Imperiali
7 Maggio 2020

La Haka è un rito tramandato o svenduto?

Tradizione di popolo, miniera d'oro del marketing All Blacks.
Tifo
Michelangelo Freda
6 Maggio 2020

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre 2019

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Altro
Lorenzo Innocenti
5 Ottobre 2019

Cosa è andato storto?

L'Italia del rugby da tempo ha smesso di crescere. Dove nascono i problemi e quali sono i punti da cui ripartire.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto 2019

Geopolitica di Francia-Italia: il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Papelitos
Federico Brasile
12 Luglio 2019

L’Algeria nella (dis)integrazione francese

Un morto, diversi feriti, vetrine sfasciate, scontri con la polizia e 74 fermi: ecco il bilancio del modello di integrazione francese.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Giugno 2019

Platini, la pedina del Qatar

La vicenda Platini-Qatar viene da lontano, e coinvolge molti altri attori in un sistema marcio fin nel midollo.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio 2019

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo 2019

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio 2019

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio 2019

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Calcio
Giovanni Pigozzo
11 Settembre 2018

2000: Odissea a Calais

L'inspiegabile semplicità dell'eroismo.
Papelitos
Matteo D'Argenio
16 Luglio 2018

Il calcio è un gioco semplice

Vincere senza impressionare.
Calcio
Annibale Gagliani
10 Luglio 2018

Il marchese di Bayonne

Se la Francia è arrivata fin qui, il merito è anche e soprattutto del 4 basque.
Storie
Andrea Catalano
10 Luglio 2018

La mistica del rigore. Francia-Germania 82

Tutto iniziò nella "Notte di Siviglia".
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Luglio 2018

Nazionali senza Nazioni

Come la globalizzazione calcistica ha privato il Mondiale della sua essenza.
Storie
Maurizio Fierro
6 Giugno 2018

Germania 2006

Contro tutto e tutti.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio 2018

Francia 98

Le Monde est à nous.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio 2018

Vivere autenticamente, o chiamarsi Les Herbiers

PSG-Les Herbiers, ricchi contro poveri.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Interviste
Davide Bernardini
5 Febbraio 2018

Di giornalismo, pedali e divorzi

Intervista a Marco Pastonesi, uno che fa parlare i ciclisti come degli intellettuali.
Altro
Cristian Lovisetto
22 Novembre 2017

Il morso dei Pumas

L'Italia dell'ovale torna con i piedi per terra dopo la vittoria contro le Fiji.
Altro
Cristian Lovisetto
1 Novembre 2017

Il cielo sopra Murrayfield

Rovinare la festa agli scozzesi.
Altro
Cristian Lovisetto
27 Giugno 2017

La legge del più forte

Cosa è successo lo scorso Sabato ad Auckland.
Altro
Cristian Lovisetto
21 Giugno 2017

Il rosso e il nero

I British and Irish Lions alle prese con il tour 2017.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
11 Maggio 2017

La parabola di Re Carlos

Alla corte di Carlos Spencer. Lì dove il rugby è più bello.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo 2017

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Calcio
Francesco Polizzotto
24 Marzo 2017

La battaglia di Siviglia

Quando storia e calcio si mescolano e danno vita ad uno spettacolo memorabile. Mondiali di Spagna ’82: Francia e Germania si contendono un posto in finale, ma in palio c’è qualcosa di più importante. Dai campi di battaglia a quelli da calcio, analisi di un intreccio storico-calcistico tra due nazioni.
Altro
Filippo Masetti
12 Marzo 2017

I Tre Leoni sono indomabili

La Scozia cade sotto i colpi dell'esercito di Eddie Jones. Il tanto ardito assalto allo strapotere inglese si è sciolto come neve al sole.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
1 Marzo 2017

Fiji, l’ovale che unisce

Le isole Fiji, paradiso naturale per turisti e surfisti. Un Paese divorato da tensioni interne, golpe di Stato e divisioni sociali. Dove l'unico vero collante tra chi decide di restare è una palla ovale, quella da rugby.