Carrello vuoto
Tennis
14 Novembre

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.

Finalmente Jannik Sinner. A onor del vero, l’avverbio di tempo non è certo un grido liberatorio, non si tratta sicuramente di una gioia a troppo rimandata. Tutt’altro. Il tennista altoatesino continua a macinare record di precocità del tennis nostrano – talvolta anche di quello internazionale – e con il trionfo nel torneo ATP 250 di Sofia, Bulgaria, diventa il più giovane italiano ad aver vinto un torneo del circuito professionistico.

 

 

È un avverbio che celebra piuttosto la voglia di tutti gli appassionati di veder sollevare quelle braccia al cielo. Ci siamo abituati ormai da un anno, da quella vittoria dal sapore di predestinato conquistata al torneo NextGen di Milano (che ospita il migliori prospetti del tennis mondiale), all’idea di avere un cavallo di razza nel gotha del tennis mondiale.

 

Sinner Milano
Sinner lo scorso a Milano, dopo la vittoria della NextGen. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

 


FRATELLI D’ITALIA


 

Eppure, troppo spesso abbiamo lodato talenti che non sono mai sbocciati, quasi più nell’illusione di poterci iscrivere nuovamente nella mappa mondiale tennis che nella reale convinzione di ritenerli all’altezza del compito. Fabio Fognini doveva e poteva essere il nostro asso da calare nel circuito, ma un carattere fumantino ha troppo spesso imbrigliato il talento purissimo che, ahinoi, si è espresso in forma compiuta solo oltre i 30 anni (e che ora, complici infortuni molto seri, sembra difficile rivedere a quei livelli).

 

 

Un paio di primavere fa abbiamo seguito con il nodo alla gola la galoppata stupefacente di Marco Cecchinato a Parigi, fermatosi solo a un passo dall’ultimo atto per mano dello specialista del rosso Dominic Thiem. Ma poi bruscamente ripiombato nelle sabbie mobili di una classifica traballante costruita intorno a quell’unico slancio di gloria.

 

Poi Matteo Berrettini, che l’anno passato ci ha tenuto con gli occhi incollati allo schermo nella notte fonda di New York, e che sembrava essere la nostra stella nel firmamento del circuito.

 

Tuttavia anche il romano, nonostante una classifica invidiabile, non è riuscito mai a trovare la continuità nei tornei della ripresa post-Covid. Le cocenti eliminazioni nei primi turni di tutti i tornei giocati gli hanno compromesso l’accesso alle Finals in programma la prossima settimana, senza dimenticare che la cambiale dei punti, dilazionata per volere dell’ATP a causa della pandemia, non ha ancora presentato il conto salatissimo per la mancata riconferma della semifinale della scorsa edizione di Flushing Meadows. Fortunatamente, a 24 anni, ha ancora tutto il tempo per riscattarsi.

 

Berrettini Roma
La delusione di Matteo Berrettini a Roma, dopo la sconfitta contro Casper Ruud, una delle eliminazioni più clamorose del tennista romano in questo 2020. (Photo by Riccardo Antimiani – Pool/Getty Images)

 


L’ANNO DELLA SVOLTA


 

Ecco perché volevamo toglierci questo peso il prima possibile. Sinner in questa strana stagione di tennis ha fatto una scorpacciata di punti e scalpi invidiabile, che però rischiava di concludersi con i complimenti di tutti, pacche sulle spalle incoraggianti, ma nessun titolo in bacheca. Invece adesso trovano un senso ulteriore (e ancor più concreto) tutte le vittorie prestigiose inanellate negli ultimi mesi.

 

 

A Roma è stata la volta di Tsitsipas, a Parigi di Zverev. Sempre agli Open di Francia è stato proprio lui il giocatore ad aver messo in maggiore difficoltà il più grande di sempre sulla polvere di mattone, diventando il primo ad agguantare i quarti di finale all’esordio nel Roland Garros dal 2005, quando un giovanissimo Rafa Nadal andò anche oltre portandosi a casa la Coppa dei Moschettieri.

 

«È stata dura nei primi due set. Sinner è un giovane talento, con forza e velocità».

(R. Nadal dopo la vittoria su Sinner a Parigi)

 

«Sinner è una persona umile, questa è una cosa positiva. Ha margine per migliorare, ha un talento enorme e grande umiltà».

(R. Nadal ai microfoni de La Gazzetta dello Sport)

 

A voler proprio essere puntuali, nemmeno ora è lecito considerare definitivamente sbocciato il talento di Sinner. A 19 anni, essere entrato nella storia del proprio Paese come fenomeno di precocità non conferisce una dimensione internazionale all’impresa. Cinque dei primi dieci tennisti al mondo hanno avuto un percorso analogo, otto dei primi venti, in una prospettiva che non rispecchia certamente un carattere di eccezionalità.

 

Jannik Sinner, un lampo di luce nel tennis italiano. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

 

 

Anzi, è doveroso ricordare che il torneo non certo era dei più competitivi, se è vero che la testa di serie numero uno era il Denis Shapovalov, numero 12 del seed, e l’ultima, l’ottava in tornei di questa dimensione, addirittura Marin Cilic, lontano parente del giocatore ammirato qualche anno fa a New York e Londra, sprofondato oggi alla posizione numero 41 della classifica mondiale, solo tre posizioni davanti allo stesso Sinner.

 

 

In finale, il tennista di San Candido ha affrontato il modesto canadese Vasek Pospisil, trentenne senza titoli in bacheca che galleggia intorno alla settantesima posizione in classifica mondiale. Ecco perché il trionfo di Sinner deve essere interpretato come una tappa obbligata, per nulla scontata, ma necessaria per proseguire un percorso di crescita che aspira a ben altri allori.

 

 

 


A CACCIA DEI GRANDI


 

Semmai, il ragazzo dell’Alta Pusteria, ha lanciato per l’ennesima volta segnali incoraggianti più che con le vittorie, con gli atteggiamenti che ha mostrato. In questo 2020 il vero salto di qualità sembra essere stato sul piano mentale, dove Sinner ha mostrato una solidità invidiabile che sembra essere influenzata dall’immancabile componente teutonica dei suoi geni.

 

 

È nella gestione fredda e attenta dei match che Sinner ha stregato tutti in questi mesi. Una centralità mentale che non ha mai ceduto il passo agli eccessi latini riscontrati troppo spesso nei suoi connazionali, risvegliati come un demone interiore dalle pressioni e dallo stress. Tecnicamente solido in tutti i fondamentali, l’altoatesino ha dimostrato una gestione tattica delle partite sempre lucida e precisa, e un’intelligenza tennistica fuori dal comune.

 

Sinner Nadal
Sinner e Nadal, dopo i quarti a Parigi. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

 

I margini di miglioramento sono enormi, specie al servizio, dove una certa discontinuità tecnica di rendimento complica l’andamento dei match dell’azzurro. Ma le qualità, innate, sono davvero quelle da predestinato: queste non si possono insegnare né allenare, ma risiedono nell’indole dei più forti.

 

 

Allora complimenti a Sinner per il primo titolo professionistico ottenuto, ma le celebrazioni ce le riserviamo per un altro momento. Lo aspettiamo alzare altri trofei in palcoscenici ben differenti, e siamo sicuri che se Jannik Sinner è davvero sulla strada buona per diventare quello che tutti ci auguriamo, non potrà che sottoscrivere queste parole. Perché il peccato di Sinner non può essere quello di non arrivare.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio 2018

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio 2018

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.
Tennis
Jacopo Natali
28 Gennaio 2018

Play it again, Roger!

Il primo Slam per Wozniacki, il ventesimo per il Re. Sotto un caldo estenuante si sono riscritti non solo i record ma anche la storia di questo torneo.
Tennis
Andrea Catalano
25 Gennaio 2018

Andy Roddick, il cannoniere gentile

Un atleta che ha fatto bene al tennis.