Carrello vuoto
Papelitos
30 Novembre

I tifosi non hanno diritto di parola

Andrea Antonioli

69 articoli
Dal “Vangelo” secondo Kolarov.

“Il tifoso deve essere consapevole che di calcio capisce poco”: signore e signori, Aleksandar Kolarov. Senza dilungarci troppo sulle dichiarazioni del terzino serbo – non vale neanche la pena – vogliamo qui riflettere brevemente sui presupposti e le conseguenze di frasi simili. Intanto, a livello prettamente utilitaristico, Kolarov non ha dimostrato grande intelligenza: con una squadra priva di carattere, in crisi di gioco e risultati, denigrare i tifosi che ogni settimana pagano il biglietto o che anche solo si avvelenano, come si dice a Roma, non sembra una gran mossa.

 

Ma arriviamo al punto: sì perché già li sento, quegli sfigati nerd del calcio che finalmente hanno trovato un loro degno rappresentante. In fondo è vero, il popolaccio, brutto, sporco e puzzolente, che parla in dialetto e non sa articolare frasi di senso compiuto, andava rimesso al proprio posto. Non capisce nulla di calcio e per di più osa anche parlare… una cosa incredibile! Bisognerebbe far disquisire di tattica solo chi ha fatto il corso a Coverciano o giù di lì, ecco questa potrebbe essere un’idea.

 

L’opinione di Kolarov per esteso

 

Il punto vero della questione è che con tali dichiarazioni Kolarov asseconda una deriva elitaria, anzi elitista, che sta toccando anche il calcio. Ma il pallone non è certo l’unico ambito interessato, considerato che negli ultimi anni, soprattutto in seguito al referendum sulla Brexit o all’elezione di Trump, sono saltati fuori dei dementi con proposte come gli “esami di cittadinanza” e robe simili per partecipare al processo democratico (d’altronde ci vuole poco perché il popolo passi dall’essere “soggetto rivoluzionario” a massa di analfabeti, basta che sbagli come votare). Il calcio come detto non è esente da questa deriva, che anzi al contrario è già in corso: basta vedere i siti, i blog, le pagine che si scervellano e si lambiccano su moduli, schemi, periodizzazioni, diagonali oblique e chi più ne ha più ne metta.

 

Il calcio si è trasformato in scienza anche nella narrazione, e laddove la scienza prende il posto dell’epica, beh, ci sta la società contemporanea (auguri!). Kolarov può anche avere ragione – come può anche avere torto, e sono centinaia i casi in cui i tifosi c’avevano capito più dell’allenatore, basti pensare a 60 milioni di italiani contro Ventura – ma non è questa la cosa importante: come diceva Nietzsche, a volte la verità serve a un bel niente e anzi, è preferibile la non verità. 

 

Immagine muta

In sostanza per il terzino serbo un tifoso deve sostenere la squadra ma non può avventurarsi oltre. Al massimo può contestare se le cose vanno male, anche se, a quanto pare, non ha idea del perché. Il tifoso non può e non deve addentrarsi in discorsi tattici ma nemmeno in giudizi tecnici: non può certo dire che deve giocare questo al posto di quell’altro, perché di base non comprende l’apporto che i giocatori possono fornire agli schemi dell’allenatore. Ma a parte ciò, noi ci domandiamo: che cos’altro volete levarci? E di politica non si può parlare se non si ha studiato, di calcio neanche, di fi*a benché meno perché c’è sempre qualcuno che si offende, che siano le donne stesse o gli LGBTQ+. Cosa ci resta? Argomenti di cui non frega niente a nessuno, come il lavoro, le carriere universitarie, la famiglia etc.? Cosa dovremmo fare durante una partita vista con gli amici, stare in silenzio per 90 minuti? E di cosa dovremmo parlare durante la settimana, di quanto facciano schifo le nostre vite segnate dall’economia di mercato o dai ritmi post-umani del capitalismo finanziario?

 

Mio caro Kolarov e miei cari scienziati del calcio, ma perché ci volete tanto male? Già siamo sfruttati, repressi, derisi e malpagati, sempre in affanno, come criceti nelle ruote che corrono corrono e non vanno da nessuna parte. Lasciateci almeno quell’oasi, quella terra selvaggia rappresentata dal pallone con tutto il contorno del caso, che tra l’altro per fare i populisti fino in fondo a voi – calciatori, allenatori etc – frutta milioni di euro, a noi invece costa economicamente ma soprattutto in salute che, si sa, le delusioni son ben più frequenti delle gioie (a meno che non si sia della Juventus). Lasciateci il Bar Sport, le contestazioni, gli insulti, fingete almeno di comprendere e apprezzare il nostro amore e la nostra passione. O sennò facciamo come in quel film, come si chiamava Cambio vita o qualcosa del genere: vedreste allora che noi, se domani mattina dovessimo svegliarci al posto vostro, ringrazieremmo i tifosi “ogni giorno che il buon Dio ha mandato in terra”.

 


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Italia
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Italia
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Giugno

Il Casuals in Italia è solo questione di estetica?

Un fenomeno più mediatico che (sotto)culturale.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
storie
Diego Mariottini
1 Ottobre

Quella Roma non sarà un fuoco di paglia

Torniamo nell'ex DDR, subito prima che la Roma diventasse grande.
Papelitos
Samuele Sottoriva
24 Dicembre

Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla

Le molte e inquietanti facce del presidente AIA, Marcello Nicchi
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Papelitos
Jacopo Benefico
22 Agosto

Se il calcio è mero spettacolo, noi tifosi siamo dei guardoni

Il nuovo pallone ha avuto la meglio sulla nostra umanità.
Papelitos
Guy Chiappaventi
12 Febbraio

Sebino Nela, il mio miglior nemico

Il pensiero di un laziale nei confronti di un avversario, detestato ma rispettato, nella sua ora più difficile.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
maestri
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Italia
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Papelitos
Andrea Antonioli
3 Gennaio

Il “caso” Nainggolan

Sgombriamo il campo dalla morale, per favore.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Italia
Giuseppe Cappiello
20 Settembre

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Tifo
Domenico Rocca
14 Aprile

Reggina v Messina, nemmeno il ponte potrebbe unirle

Il destino ed il tempo scandiscono la storia del derby dello stretto.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Italia
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Interviste
Alberto Fabbri
1 Ottobre

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.
Ritratti
Matteo Latini
30 Maggio

Agostino Di Bartolomei, orgoglio di Roma

30 maggio, giornata maledetta per il romanismo.
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Tifo
Alberto Fabbri
2 Marzo

I tifosi sono cattivi e Dietmar Hopp è un santo

Questa la versione che passa a reti unificate, e invoca addirittura il protocollo razzismo.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Papelitos
Marco Gambaudo
2 Maggio

Gli stadi nel post-umano

Dopo la carne non carne, arriva lo stadio non stadio!
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Tifo
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
storie
Massimiliano Vino
5 Marzo

La Fiumana, orgoglio del Carnaro

Da D'Annunzio all'annessione alla Jugoslavia: la storia di Fiume nel pallone.