Papelitos
30 Novembre 2018

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.

“Il tifoso deve essere consapevole che di calcio capisce poco”: signore e signori, Aleksandar Kolarov. Senza dilungarci troppo sulle dichiarazioni del terzino serbo – non vale neanche la pena – vogliamo qui riflettere brevemente sui presupposti e le conseguenze di frasi simili. Intanto, a livello prettamente utilitaristico, Kolarov non ha dimostrato grande intelligenza: con una squadra priva di carattere, in crisi di gioco e risultati, denigrare i tifosi che ogni settimana pagano il biglietto o che anche solo si avvelenano, come si dice a Roma, non sembra una gran mossa.

 

Ma arriviamo al punto: sì perché già li sento, quegli sfigati nerd del calcio che finalmente hanno trovato un loro degno rappresentante. In fondo è vero, il popolaccio, brutto, sporco e puzzolente, che parla in dialetto e non sa articolare frasi di senso compiuto, andava rimesso al proprio posto. Non capisce nulla di calcio e per di più osa anche parlare… una cosa incredibile! Bisognerebbe far disquisire di tattica solo chi ha fatto il corso a Coverciano o giù di lì, ecco questa potrebbe essere un’idea.

 

L’opinione di Kolarov per esteso

 

Il punto vero della questione è che con tali dichiarazioni Kolarov asseconda una deriva elitaria, anzi elitista, che sta toccando anche il calcio. Ma il pallone non è certo l’unico ambito interessato, considerato che negli ultimi anni, soprattutto in seguito al referendum sulla Brexit o all’elezione di Trump, sono saltati fuori dei dementi con proposte come gli “esami di cittadinanza” e robe simili per partecipare al processo democratico (d’altronde ci vuole poco perché il popolo passi dall’essere “soggetto rivoluzionario” a massa di analfabeti, basta che sbagli come votare). Il calcio come detto non è esente da questa deriva, che anzi al contrario è già in corso: basta vedere i siti, i blog, le pagine che si scervellano e si lambiccano su moduli, schemi, periodizzazioni, diagonali oblique e chi più ne ha più ne metta.

 

Il calcio si è trasformato in scienza anche nella narrazione, e laddove la scienza prende il posto dell’epica, beh, ci sta la società contemporanea (auguri!). Kolarov può anche avere ragione – come può anche avere torto, e sono centinaia i casi in cui i tifosi c’avevano capito più dell’allenatore, basti pensare a 60 milioni di italiani contro Ventura – ma non è questa la cosa importante: come diceva Nietzsche, a volte la verità serve a un bel niente e anzi, è preferibile la non verità. 

 

Immagine muta

In sostanza per il terzino serbo un tifoso deve sostenere la squadra ma non può avventurarsi oltre. Al massimo può contestare se le cose vanno male, anche se, a quanto pare, non ha idea del perché. Il tifoso non può e non deve addentrarsi in discorsi tattici ma nemmeno in giudizi tecnici: non può certo dire che deve giocare questo al posto di quell’altro, perché di base non comprende l’apporto che i giocatori possono fornire agli schemi dell’allenatore. Ma a parte ciò, noi ci domandiamo: che cos’altro volete levarci? E di politica non si può parlare se non si ha studiato, di calcio neanche, di fi*a benché meno perché c’è sempre qualcuno che si offende, che siano le donne stesse o gli LGBTQ+. Cosa ci resta? Argomenti di cui non frega niente a nessuno, come il lavoro, le carriere universitarie, la famiglia etc.? Cosa dovremmo fare durante una partita vista con gli amici, stare in silenzio per 90 minuti? E di cosa dovremmo parlare durante la settimana, di quanto facciano schifo le nostre vite segnate dall’economia di mercato o dai ritmi post-umani del capitalismo finanziario?

 

Mio caro Kolarov e miei cari scienziati del calcio, ma perché ci volete tanto male? Già siamo sfruttati, repressi, derisi e malpagati, sempre in affanno, come criceti nelle ruote che corrono corrono e non vanno da nessuna parte. Lasciateci almeno quell’oasi, quella terra selvaggia rappresentata dal pallone con tutto il contorno del caso, che tra l’altro per fare i populisti fino in fondo a voi – calciatori, allenatori etc – frutta milioni di euro, a noi invece costa economicamente ma soprattutto in salute che, si sa, le delusioni son ben più frequenti delle gioie (a meno che non si sia della Juventus). Lasciateci il Bar Sport, le contestazioni, gli insulti, fingete almeno di comprendere e apprezzare il nostro amore e la nostra passione. O sennò facciamo come in quel film, come si chiamava Cambio vita o qualcosa del genere: vedreste allora che noi, se domani mattina dovessimo svegliarci al posto vostro, ringrazieremmo i tifosi “ogni giorno che il buon Dio ha mandato in terra”.

 


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Andrea Antonioli

88 articoli
Una nuova vecchia Juventus
Italia
Andrea Antonioli
07 Novembre 2022

Una nuova vecchia Juventus

E una vittoria dal sapore antico.
Giancarlo Dotto: “I miti di Carmelo erano sportivi”
Interviste
Andrea Antonioli
21 Ottobre 2022

Giancarlo Dotto: “I miti di Carmelo erano sportivi”

E a questi ha dedicato pensieri straordinari, diventati ora un libro: "In ginocchio da te", un inedito di CB. Edito da GOG Edizioni, collana Contrasti.
Allegri sta perdendo la sua guerra santa
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Settembre 2022

Allegri sta perdendo la sua guerra santa

La crisi della Juventus è anche quella del suo allenatore.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Arte e calcio, un amore lungo un secolo
Calcio
Alberto Fabbri
06 Ottobre 2020

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
È il vostro calcio ad incitare alla pirateria
Papelitos
Lorenzo Santucci
06 Settembre 2019

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Tifare la Bari
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre 2020

Tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Casuals, ep. III: c’era una volta Londra
Tennis
Gianluca Palamidessi
01 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Il muro giallo contro il calcio spezzatino
Papelitos
La Redazione
27 Febbraio 2018

Il muro giallo contro il calcio spezzatino

La protesta intelligente dei tifosi del Borussia Dortmund contro il “calcio moderno”.