Carrello vuoto
Tifo
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Matteo Paniccia

17 articoli
Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.

In questi giorni così difficili per il nostro Paese, che si trova a dover combattere una guerra imprevista, in molti si sono mossi con aiuti e donazioni: influencer e musicisti, calciatori e sportivi, presidenti di club, società, attori, attrici e via discorrendo; insomma, il mondo dello star system si è nobilmente mobilitato per offrire una mano in una situazione davvero delicata.

 

Ma in questa orribile situazione, c’è anche una categoria che nonostante le varie – e forse troppe – accuse, ha deciso di offrire un contributo importante che sta passando in sordina; stiamo parlando degli ultras. Da Nord a Sud sono numerosi i gruppi che hanno raccolto il grido d’aiuto, mettendosi in diversi modi a disposizione della comunità: dalla donazione e raccolta di materiali utili per gli ospedali al servizio in prima persona, con compiti utili per la cittadinanza. A chi rimane stupito bisogna ricordare che ciò dovrebbe rappresentare la normalità per il movimento ultras, non l’eccezione (usiamo il condizionale perché i primi a tradire la “mentalità”, in tante occasioni, sono stati loro stessi).

 

 

 

Porte chiuse, cuore aperto

 

Lo scorso dieci marzo, all’Estadio de Mestalla, l’Atalanta ha scritto una delle più belle pagine del calcio bergamasco qualificandosi ai quarti di finale – sempre se verranno giocati – della Champions League. Quella andata in scena in Spagna sarebbe dovuta essere una vera e propria festa per i tifosi orobici ma, come sappiamo, così non è stato. Per quanto sembri passata una vita, parliamo di solo sue settimane fa: il calcio era ancora convinto di poter andare avanti a porte chiuse, e la situazione doveva ancora diventare drammatica.

 

In una storia dal sapore più amaro che dolce, però, il gesto più importante lo hanno compiuto i 1.200 tifosi dell’Atalanta, decidendo di devolvere all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo quelli che dovevano essere i loro rimborsi, per un totale di ben 60.000 euro. Una cifra che, se per alcune celebrità può non pesare, per i “comuni mortali” rappresenta invece uno sforzo enorme, uno sforzo già allora sentito, dal profondo.

 

Un alpino e ultras dell’Atalanta mentre allestisce l’ospedale da campo (da un servizio di Skytg24 del 26 marzo 2020)

 

Quello dei tifosi dell’Atalanta però – e fortunatamente – non è stato l’unico gesto nobile da parte degli ultras. A Roma infatti i tifosi della Curva Nord laziale hanno organizzato una raccolta fondi in favore dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia, con lo scopo di rifornirlo di mascherine, autorespiratori, occhiali e materiale di protezione; dall’altra parte del Tevere invece, sponda giallorossa, i tifosi romanisti hanno seguito l’esempio dei bergamaschi, proponendo di donare i soldi della trasferta (saltata) di Siviglia e mettendo su una raccolta fondi.

 

Anche a Frosinone si è agito nello stesso modo, prima donando in beneficenza i rimborsi che la società avrebbe dovuto elargire per Frosinone-Cremonese giocata a porte chiuse, e poi organizzando una raccolta fondi in favore dell’ospedale locale Fabrizio Spaziani di Frosinone (come nella vicina località di chi scrive, Alatri, in cui il gruppo Armata Alatrese ha nel suo piccolo agito allo stesso modo).

 

Ma all’appello hanno risposto tantissime altre curve del Paese: Brescia, Pescara, Triestina, Bologna, Como, Reggiana, Ternana, Carpi, Spezia, Salernitana, Napoli e potremmo continuare all’infinito (non limitandoci unicamente al calcio). Insomma non solo criminali e violenti, capro espiatorio perfetto di stampa e politica: gli ultras nel momento del bisogno si sono attivati ma, come detto, ciò deve far parte del loro modo di stare al mondo.

 

 

 

Il senso di comunità

 

Questa infatti non è la prima occasione in cui i tifosi si sono mostrati solidali con le comunità in difficoltà. In occasione del terremoto che nel lontano 2009 scosse profondamente la conca aquilana, moltissimi gruppi si organizzarono nel giro di pochi giorni; dalle raccolte fondi per effettuare donazioni all’invio di furgoni carichi di generi alimentari e di beni di prima necessità, con pieno sostegno alla protezione civile. Stessa cosa nel territorio di Amatrice quando, tre anni fa, un terremoto rase al suolo l’intero comune: ad aiutare il ritorno, con gran fatica, alla normalità, c’è anche un intero campo sportivo finanziato e “tirato sù” dagli ultras d’Italia.

 

Ebbene questo è il lato migliore del movimento, che affonda le radici in un codice morale non scritto: esso nasce con intento aggregativo e comunitario, e questo stesso senso di comunità è un valore che gli ultras sono chiamati a preservare in un tempo così individualista e menefreghista. Perciò le curve che cedono alle sirene della criminalità, ancor prima che alla violenza, tradiscono gli stessi ideali per i quali sono nate: dove c’è criminalità ci sono loschi interessi particolari, e dove ci sono interessi particolari – ancor di più se loschi – non ci dovrebbero essere gli ultras.

 

Ultras d'Italia per Amatrice
Ultras d’Italia per Amatrice: un progetto portato avanti da più di 60 gruppi

 

Proprio un tifoso atalantino, nel 2016, scriveva una lettera aperta all’Eco di Bergamo su cosa significasse essere ultrà. Ne riportiamo qui un breve estratto:

“Una fredda, freddissima sera invernale in un paesino perso tra le valli sopra Bergamo. Una quindicina di ragazzi si avvicina in silenzio ad un’abitazione, espongono uno striscione, accendono qualche torcia, parte un coro. Si affaccia qualcuno, scende. Un abbraccio, forte, lungo, sentito. Muto. È un frammento. Nascosto e segreto. È l’essenza del movimento ultras. I ragazzi tornano da dove sono venuti. Le loro macchine, i loro paesi, la loro vita”.

Ebbene il calcio ha bisogno degli ultras, ma ne hanno bisogno anche i giovani e la società. Serve però la vera mentalità, quella del terremoto de L’Aquila, di Amatrice, quella che spinge i tifosi del Parma a rifiutare la trasferta troppo costosa allo Juventus Stadium e ad organizzare una colletta per il reparto di oncologia pediatrica; quella che si attiva durante le emergenze, come sta accadendo questi giorni, per il sacro valore della comunità. Ecco la prima regola da tenere a mente, la legge fondamentale da rispettare: se sei un ultrà fai parte di qualcosa che è immensamente più grande di te e, come un soldato, devi metterti a disposizione della causa.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Papelitos
Valerio Santori
23 Febbraio 2021

Il miglior vaccino contro il Covid è stato il calcio

Sembra una provocazione, ma riflettiamoci.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Papelitos
Lorenzo Ottone
16 Novembre 2020

Federica Pellegrini e la spettacolarizzazione del dolore

Se gli atleti diventano attori di teatro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Raffaele Scarpellini
24 Ottobre 2020

Il Valencia non vede più la luce

Il magnate Peter Lim sta portando il club nel baratro.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre 2020

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre 2020

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Interviste
Alberto Fabbri
1 Ottobre 2020

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.