Papelitos
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.

La pausa delle nazionali è già un ricordo lontano, non però la delusione degli Azzurri. I rigori perfetti di Bonucci e Berardi hanno riaperto il dibattito sul rigorista della nazionale, ma il vero tema è un altro. Parliamo della magna quaestio degli italiani in campo nel nostro campionato. Meglio, degli allenatori brutti e cattivi che non danno modo ai nostri pulcini di spiccare il volo. A nessuno viene in mente che questo comportamento potrebbe dipendere da un amore più profondo nei loro confronti: c’è il serio rischio, per alcuni di essi, che dispiegando le ali si schiantino al suolo.

Non è così per Afena-Felix, evidentemente, al cui talento smisurato i giornali di oggi e di domani dedicano e dedicheranno approfondimenti petalosi. Chi è Afena, da dove viene, qual è la sua incredibile storia, qual è il paio di scarpe da 800€ promesso da Mou al giovane ghanese in caso di gol: tutto meraviglioso. A noi però interessa elogiarne le qualità tecniche, la grandiosa personalità – il ragazzino aveva già cambiato la sfida col Cagliari – quasi abbacinante rispetto all’indefinibile e confusionario Tammy Abraham, suo compagno di reparto. Felix è il primo ragazzo del 2003 a segnare nel nostro campionato, e no: non è italiano.

Il punto della questione è molto semplice, anche se ieri sera al Club Caressa e i suoi ospiti cercavano di sciorinare numeri massimi e massimi sistemi – insieme a quel filosofo di Marco Bucciantini – per girare intorno al problema: l’Italia, ormai da un po’, è piena di buoni giocatori, magari qualche campione (forse Chiesa, probabilmente Donnarumma), ma non è più in grado di produrre fuoriclasse. Nella stessa notte in cui Felix faceva felice la Roma, Nicolò Zaniolo diventava ufficialmente un “caso”. Il litigio con Mou in allenamento, d’accordo, è qualcosa che può succedere. Ma neanche un minuto al Ferraris è un segnale inquietante. Mourinho mette il gruppo sopra il singolo, non importa chi sia, ha detto giustamente Di Canio. Il punto della questione però è un altro, o meglio è sempre lo stesso: Zaniolo non solo deve crescere solo caratterialmente, ma anche calcisticamente. Se è lui a rappresentare la speranza della nostra nazionale, forse due domande dovremmo farcele.

Da sempre colonia di grandi giocatori, il nostro è ormai diventato il campionato degli allenatori. Prima e dopo Lazio vs Juventus non si è fatto che parlare di Sarri contro Allegri, giochismo contro risultatismo, lungo contro corto muso. E lo stesso Allegri a fine partita, paraculo come non mai, ha pure dichiarato di «prendere in giro» tutti con questa storia, questa rivalità tra modi d’intendere il calcio, perché in campo c’erano pur sempre Lazio e Juventus, non Sarri e Allegri. Il che è giusto nella pratica, meno a livello concettuale. Il nostro calcio, povero di individualità e di campioni veri, si aggrappa come può al peso dei suoi allenatori, gli unici top player che possiamo permetterci. Da Sarri ad Allegri, da Mourinho a Luciano Spalletti, dal rivoluzionario Pioli, novello Pep, alle giovani promesse, queste sì!, Dionisi e Italiano. Shevchenko, presentato come il colpo dell’anno del Genoa, ha esordito con una sconfitta. In campo, nel suo Genoa terzultimo in classifica, c’erano due buoni prospetti (di nuovo) del nostro calcio: Cambiaso e Rovella. Chi è che l’ha decisa? Sì, giusto, Afena-Felix.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni
Critica
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2022

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni

Il Mondiale vive di (antichissime) leggi proprie.
Anche i tifosi in Qatar sono finti
Tifo
Gianluca Palamidessi
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Quel pomeriggio di un giorno da Inter
Papelitos
Matteo D'Argenio
05 Dicembre 2017

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Osvaldo, una vita da Rockstar
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio 2017

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
The Ibrahimovic dilemma
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Semplicemente Alex
Calcio
Luca Giorgi
10 Novembre 2017

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.