Carrello vuoto
Calcio
26 Dicembre

Anche la pastasciutta è una droga

Alberto Maresca

27 articoli
Racconto dell'ultimo, e storico, scudetto del Bologna.

“Così, giocano solo gli angeli in paradiso”. Sono le parole di Fulvio Bernardini, uno dei pochi dottori del nostro calcio. Fuffo, al quale è dedicato il centro sportivo di Trigoria, esprime tutta la propria estasi in veste di allenatore del Bologna, panchina sulla quale è riuscito a sedersi grazie al suo consolidato WM elastico, uno schema tattico talmente innovativo da essere poi utilizzato dal Brasile dell’esordiente Pelè.

La godereccia reazione del tecnico romano viene palesata dopo un derby regionale contro il Modena, vinto dai suoi rossoblù per 7-1. Bernardini è stato il primo allenatore del Dopoguerra ad aver fatto uscire lo Scudetto dall’autostrada A4, quella che unisce Torino e Milano. Ha portato il tricolore sulle sponde dell’Arno, in casa viola, e adesso sta facendo percorrere al titolo l’intero Appennino tosco-emiliano, con destinazione Piazza Maggiore. La crescita sportiva felsinea riflette quella generale del Paese, un processo di ampliamento, sociale ed economico, derivante dall’appena conclusosi boom economico.

Leggi anche il nostro ritratto dedicato a Fulvio Bernardini

L’Emilia Romagna sfida in molteplici ambiti il triangolo industriale, e la Torre degli Asinelli non abbassa lo sguardo dinanzi alla Mole Antonelliana. La contesa si inasprisce nel settore automobilistico. Nel 1963, infatti, Ferruccio Lamborghini ha inaugurato lo stabilimento di Sant’Agata Bolognese, mediante cui consoliderà la supremazia meccanica emiliana, già forte di Ferrari e Ducati. Le sfreccianti vetture nate da Borgo Panigale a Maranello, passando per la neonata sede targata Lambo, esaudiscono il desiderio consumistico, sempre più presente nella società italiana e internazionale, quasi stufa della semplicità FIAT.

Il nuovo che avanza, concetto racchiuso nella Bologna dell’epoca. La netta svolta coinvolge la gioventù, prototipo europeo di una beat generation che scombussolerà l’intero pianeta. L’imperversante trasgressione, padrona nelle camerette dei ragazzi bolognesi che rifiutano qualsiasi forma d’inibizione, condividendo pensieri e ideali attraverso manifestazioni, musica e atteggiamenti esattamente opposti al conformismo delle loro famiglie. Il comunismo emiliano, caposaldo politico nazionale, è elogiato persino da Palmiro Togliatti in punto di morte, principalmente per la convivenza in città fra rossi e cattolici.

La splendida Bologna vista dall’alto

Controverso binomio, forte al punto da presentare varie amministrazioni orientate verso il centrosinistra, precursori del compromesso storico e della presenza socialista presso la Stanza dei Bottoni, durante i governi Moro. La squadra del presidente Dall’Ara ha una matrice proletaria, innanzitutto nell’approccio arcigno e combattivo alla gara, volutamente contrario al potere milanese, indiscusso dominatore in patria e in Coppa dei Campioni. Eppure, il divario ideologico fra le reginette di San Siro e i bolognesi è smussato da un fine umanista, un personaggio in grado di nobilitare il difensivismo estetista del Bologna attraverso la propria eleganza, è Giacomo Bulgarelli.

Diplomatosi al Liceo Classico San Luigi, Bulgarelli è la figura su cui Bernardini pone il lume del suo pensiero artistico; difficile da cogliere, è apprezzabile soltanto ad occhi attenti. Il centrocampista detta i tempi di una rosa formata da giocatori non eccelsi sulla carta, bensì valorizzati da un clima in cui la qualità del singolo viene esaltata da un inedito clima solidale, unitario nelle componenti di calciatori, club e cittadini. L’organico è perfezionato dai nordici Haller e Nielsen, romantici nella loro malinconica fantasia e fondamentali per controllare l’emotività del gruppo.

Harald Nielsen, fuoriclasse del Bologna

Il danese è parte integrante della catena di montaggio realizzativa del Bologna scudettato, la coppia formata da lui e il friulano Pascutti è complementare, un sodalizio che abbraccia tecnica e finalizzazione, doti di rilievo nell’uno e nell’altro. Malgrado una partenza altalenante, in cui la vittoria fatica ad arrivare, lo “squadrone che tremare il mondo fa“ ingrana in autunno, cominciando una striscia positiva che, con l’avvento del ’64, assumerà connotati realistici.

A marzo il Bologna aggancia il Milan in vetta, espugnando il Meazza con i doppi sigilli del tandem offensivo. Il campionato è oramai una lotta di supremazia che divide il Belpaese. Fulvio Bernardini e i suoi uomini sentono il primato in pugno. Proprio quando tutto sembrava andare per il meglio, i quotidiani riportano che i test antidoping effettuati all’Hotel Jolly, in seguito alla partita col Torino disputatasi un mese prima, hanno accertato che nelle urine di Pavinato, Tumburus, Fogli, Perani e Pascutti vi fossero dosi di anfetamina eccessive. In società regna la versione complottista dei fatti, ragion per cui la dirigenza non tarda ad affidarsi legalmente all’avvocato civilista Mario Cagli per presentare ricorso.

Sì, la pastasciutta è una droga

Intellettuale e giornalista vicino a Umberto Eco, Cagli è affiancato dai penalisti Gabellini e Magri, in modo da costituire un competente triumvirato che si rivolgerà il 7 marzo 1964 alla Procura della Repubblica di Bologna, dove ad attenderli ci sarà il magistrato Pellegrino Iannacone. Questi ha disposto il sequestro delle provette incriminate conservate a Coverciano, sede dei Medici Sportivi in mano all’immenso dottor Fino Fini. Il tragitto che porta le boccette dagli esaminatori ha dell’incredibile, a detta di Fini le stesse furono prelevate da un Maggiore dei Carabinieri ma poi lasciate fuori dall’idoneo refrigeratore, così da alterarsi.

Al bar Otello, covo della curva bolognese, le proteste dei tifosi crescono a dismisura, in particolare dopo la decisione della Commissione di penalizzare la compagine di tre punti complessivi. Bernardini è squalificato, una radiolina diventerà sua fedele compagna per comunicare in occasione dei match a lui proibiti. Logicamente, le contendenti approfittano del momento confusionario, in particolare l’Inter del Mago Herrera che sta risalendo la china. La vicenda pare essere orchestrata appositamente per rendere ancor più appetibile un’edizione, già di per se, irripetibile.

Il mago, Helenio Herrera, in compagnia di Nereo Rocco

Dopo attente contro-analisi, il Bologna è definitivamente assolto, le prove sono state manomesse. Riammesso anche Fulvio Bernardini, il Bologna è di colpo ancora capolista. Quello che ne segue è una dimostrazione verosimile dell’esistenza del dio del calcio. Inter e Bologna terminano la stagione regolare in parità assoluta, dunque sarà lo spareggio a decretare il vincitore finale. Il Presidente della Federazione Pasquale vorrebbe evitare l’evento tramite dubbie proposte, ma l’influenza di Renato Dall’Ara prende il sopravvento, la Capitale ospiterà la partita di domenica 7 giugno.

I due Presidenti sono agli antipodi, il ruspante emiliano si occupa di maglierie, mentre Moratti è un petroliere. I colleghi sono i significativi portavoce delle squadre che rappresentano, avranno modo di incontrarsi nei saloni della FIGC per discutere del premio partita. Mancano quattro giorni alla partita, quando Dall’Ara è vittima di un infarto, muore, ponendo il proprio veto sul finale di questo film che è ancora tutto da scrivere.

La straordinaria partecipazione di Bernardini durante lo spareggio

E’ un’annata inaspettata, non può finire come normalità vorrebbe. La Milano calvinista si contrappone all’alternativa e riformista Bologna, umana rispetto all’aliena macchina lavorativa del Settentrione. Se l’Inter si prepara alzando la Coppa dei Campioni al Prater, il Bologna è in ritiro a Fregene, in compagnia di un sostenitore d’eccezione, Pier Paolo Pasolini. Il clima, la freschezza e la forza morale consentono al Bologna di colpire gli avversari nel secondo tempo, la punizione di Fogli commuove di gioia i 20.000 al seguito dei petroniani. Lo scatto in velocità di Nielsen che brucia Picchi e Burgnich è evocativo, il momento preciso in cui il Bologna si laurea campione d’Italia.

Il successo bolognese è figlio di modestia e coraggio, amico degli esclusi dai grandi traguardi. Se Bernardini è stato il direttore di tale orchestra, Bulgarelli e Dall’Ara si sono votati alla causa dell’onestà, genuina potenza rispetto alla presunzione milanese. L’intitolazione della curva a Bulgarelli e dello stadio a Renato Dall’Ara torna attuale, è la testimonianza evidente della portata di una conquista impensabile. Prima del Leicester, del Verona di Bagnoli e di Danimarca e Grecia sul tetto d’Europa, a Bologna è stata scritta una favola.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Cultura
Alberto Fabbri
5 Marzo 2022

Pasolini, il calcio e la vita

Il pallone è un linguaggio che riassume l'esistenza.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.