Carrello vuoto
Italia
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Remo Gandolfi

20 articoli
Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi

È l’8 novembre 1998. Ad Upton Park va in scena uno dei derby più sentiti di Londra. Il West Ham dei giovanissimi e promettenti Frank Lampard e Rio Ferdinand ospita il Chelsea di Gianluca Vialli, squadra che grazie all’innesto di grandi giocatori come Gianfranco Zola, Roberto Di Matteo, Marcel Desailly è tornata ai vertici del calcio inglese ed europeo, trionfando nella Coppa delle Coppe la stagione precedente.

 

Il West Ham è reduce da un brillante successo esterno a Newcastle. Protagonista il “vecchio” Ian Wright che anche se al crepuscolo di una grande carriera sa ancora “trovare” con facilità la porta avversaria. Il Chelsea, dopo un faticoso inizio di stagione si sta pian piano ritrovando. L’avvio è di marca “claret & blue”. È una punizione (peraltro non certo irresistibile) di Neil Ruddock a portare in avanti i padroni di casa. Il Chelsea reagisce con veemenza.

 

Dopo 24 minuti di partita è Gianfranco Zola a ricevere palla sulla trequarti di destra della difesa degli Hammers. Dà un’occhiata in mezzo e vede Pierluigi Casiraghi dettare il cross sul primo palo. La palla di Zola è perfetta. A giro alle spalle della difesa. Sul pallone si avventa come una furia il neo acquisto dei Blues, arrivato dalla Lazio in estate, ma prima che possa intervenire con un tocco che sarebbe quasi sicuramente a botta sicura il giovane Ferdinand, con un pregevole intervento in acrobazia, anticipa di una frazione di secondo Casiraghi. Casiraghi è però già lanciato in spaccata.

 

Casiraghi Zola Italia
Casiraghi e Zola ad Euro 96 (foto Forza 27)

 

Il portiere Hislop (193 centimetri per quasi 90 chilogrammi di peso) si è lanciato anche lui in tuffo sulla palla ma anche lui è anticipato dal suo compagno di squadra per pochissimo. Lo scontro fra i due è inevitabile. Nel momento in cui Casiraghi appoggia il piede destro a terra Hislop gli frana addosso con tutto il suo peso. Casiraghi rimane a terra, immobile. Riesce solo ad urlare il suo dolore e ad alzare il braccio destro per chiedere aiuto.

 

Casiraghi lascerà il campo in barella. In un campo di calcio, con un numero sulle spalle e una divisa da calciatore, Pierluigi Casiraghi non ci metterà mai più piede. Ha solo 29 anni. Il suo infortunio è uno dei più tremendi visti su un campo di calcio. Del ginocchio di “Tyson” non si è salvato nulla. Crociato anteriore e posteriore, collaterale e menischi. Come se non bastasse c’è una lesione irrecuperabile al nervo “sciatico popliteo esterno” che in pratica è quello che serve a coordinare i movimenti della parte inferiore della gamba e del piede.

 

Pierluigi Casiraghi non molla.

 

Il suo coraggio in campo è proverbiale e lo è altrettanto quello fuori dal campo. Mesi e mesi di rieducazione, di operazioni, di tentativi e di speranze. Non c’è nulla da fare. Nell’agosto del 2000, a soli 31 anni Gigi appende i fatidici scarpini al chiodo. Troppo presto. “Si vede che doveva andare così” afferma praticamente in ogni intervista Gigi con tanta serenità e un pizzico di fatalismo. Casiraghi nel calcio è rimasto, come allenatore (tra l’altro di una grandissima e non fortunata Under 21), collaborando spesso con l’amico Gianfranco Zola.

 

“Se a calcio si giocasse da fermi probabilmente non potrebbe neppure giocare in Serie C. Ma il calcio è un gioco di movimento e a quel punto diventa uno dei più forti attaccanti in circolazione”.

 

Queste la parole utilizzate da Arrigo Sacchi per definire Pierluigi Casiraghi. Riassumono in maniera eccellente le caratteristiche di questo attaccante che nella sua carriera ha diviso come pochi l’opinione di tifosi e addetti ai lavori, tra chi non lo amava troppo per una tecnica non esattamente eccelsa e chi invece ne esaltava le doti fisiche, morali e caratteriali.

 

 

Lazio-Roma 1995; al 20′ Bergodi e Casiraghi confezionano questo rovega-gol

 

Fin dagli esordi nel Monza, dove forma con Maurizio Ganz una devastante coppia d’attacco, “Gigi” Casiraghi si fa subito notare per quelle caratteristiche che lo accompagneranno per tutta la carriera. Una grande dinamicità, una grinta ed una determinazione fuori dal comune e soprattutto una “fisicità” esplosiva che lo rendono un cliente davvero tosto anche per i difensori centrali più ruvidi e aggressivi. La sua dote tecnica migliore è la straordinaria capacità in acrobazia.

 

Rovesciate, sforbiciate, colpi di testa in tuffo e soprattutto una elevazione impressionante. Casiraghi sembra un calciatore uscito dagli anni ’70. Un Boninsegna, un Pulici, un Prati o un Riva (che dirà di Casiraghi: “è il calciatore moderno che mi assomiglia di più”). Insomma, uno di quegli “animali” da area di rigore sempre pronti a mettere la testa dove gli altri hanno timore a mettere il piede. In realtà Pierluigi un idolo ce l’ha. Lui, da sempre tifoso milanista, cresce nel mito di Mark “Attila” Hateley, che anche se per poche stagioni al Milan fece innamorare il popolo rossonero proprio per le caratteristiche che Casiraghi pare avere ereditato in pieno.

 

I grandi Club del nostro campionato si accorgono molto rapidamente del grande valore di questo attaccante. Proprio il Milan e la Juventus se lo contendono a suon di miliardi. Saranno i bianconeri a spuntarla. Decisiva pare sia stata una partita di Coppa Italia, proprio tra il Monza e la Juventus. Casiraghi viene marcato a uomo dal gigantesco stopper juventino Sergio Brio, non esattamente un lord. Brio picchia ma il “ragazzino” risponde colpo su colpo, usando spalle, gomiti e quel fisico robusto ma agile. A fine partita Brio si avvicina a Boniperti.

 

“Presidente quel Casiraghi è un gladiatore. Una forza della natura. Uno così ci farebbe comodo”.

 

Boniperti si fida del suo roccioso difensore, vincendo la concorrenza proprio del Milan (che “ripiegherà” su Marco Simone). Alla Juventus rimarrà per 4 stagioni, tra alti e bassi, con qualche grande soddisfazione (il trionfo nella prima stagione in Coppa Uefa e Coppa Italia) e con qualche delusione (l’impiego limitatissimo nell’ultima stagione, chiuso da giocatori del valore di Vialli, Roberto Baggio, Ravanelli e il tedesco Möller). A questo punto la decisione, sofferta ma azzeccata, di lasciare i bianconeri per approdare alla Lazio dove Gigi ritrova il suo mentore Dino Zoff.

 

Nel frattempo però Gigi Casiraghi è entrato stabilmente nella rosa della Nazionale Italiana dove trova in Arrigo Sacchi un grandissimo estimatore. Farà parte della spedizione azzurra ai mondiali del 1994 negli Stati Uniti e agli Europei del 1996 sarà l’indiscusso titolare al centro dell’attacco a fianco di Gianfranco Zola (con il quale cementerà un profondo rapporto di amicizia e collaborazione professionale). Proprio in quegli Europei Casiraghi giocherà probabilmente la partita della vita, siglando la decisiva doppietta nella partita d’esordio contro la Russia, salvo poi ritrovarsi in panchina nella partita contro la Repubblica Ceca (ci costerà la qualificazione al turno successivo).

 

Nella sua prima stagione alla Lazio Casiraghi forma con Beppe Signori una coppia d’attacco eccellente. Non devono trarre in inganno i pochi gol (4) segnati dal bomber brianzolo in quella stagione. Casiraghi lotta come un leone, apre spazi, fa da sponda di piede e di testa per il compagno di reparto che grazie al lavoro certosino di Gigi riesce sempre più spesso a trovare la possibilità di “liberare” il suo micidiale sinistro. Il pubblico laziale è tutt’altro che sprovveduto. Non misura il valore di Casiraghi con i gol, ma con il sudore e il coraggio che “Tyson” (questo il soprannome che gli verrà affibbiato) mette in ogni singola partita per tutti i 90 e rotti minuti del match.

 

 

Casiraghi Signori
Signori e Casiraghi, l’11 e il 16, ai tempi della Lazio

 

 

A novembre di quell’anno però tutto sembra cambiare, ovviamente in peggio per Casiraghi. La Lazio acquista un altro attaccante e che attaccante. Si chiama Alen Boksic. Il Croato arriva fresco del titolo di Campione d’Europa conquistato con l’Olympique Marsiglia e per Casiraghi torna l’incubo dell’ultima stagione juventina. Zoff predilige quasi sempre la coppia Boksic–Signori e per Casiraghi si fa durissima. La stagione successiva vede l’arrivo del boemo Zdenek Zeman sulla panchina laziale.

 

Casiraghi sta divinamente a Roma, i tifosi lo amano e lui vorrebbe solo ricambiare questo affetto con le prestazioni che in cuor suo sa di essere in grado di dare. Ma i dubbi sono tanti. E se Zeman facesse come Zoff? Non sarà così. Zeman non può prescindere dal giocare con tre attaccanti e il fatto di trovarsi con ben tre giocatori di questo livello è per il boemo un’occasione imperdibile. Casiraghi, che sostanzialmente dovrebbe fare il lavoro “sporco” per due bomber riconosciuti come Signori e Boksic, diventa letale come non mai segnando 12 reti nella sua seconda stagione (la prima con Zeman) e addirittura 14 in quella successiva.

 

“Non ho mai fatto tanta fatica in allenamento, né prima né dopo. Durante la settimana era una tortura. Ma alla domenica ci divertivamo come matti! Per Zeman il calcio era 90% fase offensiva e 10% difensiva. Con lui ho giocato i migliori anni della mia vita e ho imparato più cose da lui in quei due anni che in tutto il resto della mia carriera”, ricorderà Casiraghi ad ogni occasione parlando dell’allenatore boemo.

 

Ma “Zemanlandia” finisce anche per i biancocelesti. Un avvio incolore nella stagione 1996-1997 costerà il posto all’allenatore boemo, con Dino Zoff che traghetterà i laziali fino a fine campionato, chiuso comunque con un lusinghiero quarto posto, anche se inferiore alle attese, soprattutto dopo i due campionati precedenti. Nella stagione successiva, la quarta per Casiraghi alla Lazio, si ripete il film già visto alla Juventus. Arriva Sven-Goran Eriksson, allenatore svedese capace di grandi trionfi europei con squadre non di primissima fascia come Benfica e soprattutto Goteborg (portato addirittura al trionfo in Coppa Uefa). Il Sir Svedese è inoltre reduce qualche stagione prima da ottimi risultati sulla panchina dei cugini della Roma.

 

Con Eriksson arriva anche Roberto Mancini che, con Signori, Boksic, Rambaudi e Nedved rende assai popolato il reparto offensivo delle “aquile” biancocelesti. Nell’estate successiva ci sono in Mondiali francesi e Casiraghi vuole a tutti i costi un posto nella rosa di Cesare Maldini. Il timore di non poter ricoprire un ruolo da protagonista nella squadra con la conseguenza di sparire dal radar della Nazionale sono preoccupazioni più che fondate per un ragazzo equilibrato ed intelligente come Casiraghi.

 

 

Il primo e unico gol di Casiraghi con la maglia del Chelsea 

 

L’amore per i colori biancazzurri, per la città e quel rapporto speciale che si è creato con i tifosi fin dalle prime uscite nelle amichevoli estive dell’estate del 1993 finiscono per convincere Gigi a rimanere. Non sarà una stagione strabiliante in Campionato (solo un 7° posto finale) ma nelle Coppe la Lazio darà il meglio di sé, vincendo la Coppa Italia in finale con il Milan e arrivando in finale di Coppa Uefa, persa poi contro l’Inter di Ronaldo.

 

Ai Mondiali però Casiraghi non andrà. Inzaghi e Bobo Vieri gli sono preferiti. Non finisce qui. Quest’ultimo viene acquistato dalla Lazio proprio al termine di questi Mondiali. Casiraghi è davvero costretto suo malgrado a cambiare aria. Arriva una proposta allettante, che è anche una bellissima sfida personale; il Chelsea di Luca Vialli lo vuole a tutti i costi. Là ci sono già oltre a Vialli in veste di allenatore/giocatore anche altri due connazionali come l’amico Gianfranco Zola e il forte centrocampista Roberto Di Matteo. Il campionato inglese sembra fatto apposta per Casiraghi.

 

Vialli continua a dare fiducia a Casiraghi e finalmente, in uno dei palcoscenici più prestigiosi di tutto il campionato inglese, il bomber brianzolo si sblocca. Si gioca Liverpool – Chelsea, ovviamente all’Anfield Road.

 

Ogni partita è una battaglia, lo scontro fisico non solo è accettato ma è fortemente voluto dal pubblico. Casiraghi non ha paura di nulla e di nessuno, le prende e le dà senza alcun tipo di remora. L’avventura parte nel migliore dei modi. La Supercoppa Europea, che si gioca nel Principato di Monaco, mette di fronte i “Blues” dello Stamford Bridge contro i campioni d’Europa in carica del Real Madrid.

 

Ed è proprio il Chelsea a spuntarla con un gol nel finale di Gus Poyet, centrocampista uruguaiano. L’avvio in campionato non è però pari alle attese. Il suo impegno, il suo incessante movimento, la sua predisposizione a lottare su ogni pallone lo fanno apprezzare dal pubblico dello Stamford Bridge ma è evidente che il tempo di adattamento per Casiraghi è più lungo del previsto. Inoltre c’è Tore-André Flo che scalpita e che quando entra dalla panchina al suo posto quasi sempre riesce a trovare la via del gol.

 

 

Pierluigi Casiraghi Chelsea
Le tristi immagini dell’infortunio di Casiraghi contro il West Ham (foto Gary M Prior/Allsport)

 

 

Vialli continua a dare fiducia a Casiraghi e finalmente, in uno dei palcoscenici più prestigiosi di tutto il campionato inglese, il bomber brianzolo si sblocca. Si gioca Liverpool – Chelsea, ovviamente all’Anfield Road. La partita è iniziata da una manciata di minuti quando c’è uno splendido lancio dalle retrovie di Roberto Di Matteo che taglia come il burro la difesa del Liverpool. Il movimento di Casiraghi a dettare il passaggio alle spalle dei due centrali dei Reds è perfetto quanto è perfetto il tocco al volo che gli permette di superare in corsa David James, il portiere del Liverpool, per poi depositare in rete nella porta sguarnita.

 

Meravigliosa è l’esultanza di Gianluca Vialli, che lo aveva difeso con le unghie e con i denti. Può essere un nuovo inizio. Una forma ritrovata in un campionato, quello inglese, che sta diventando rapidamente uno dei più importanti del mondo. Casiraghi sogna di vincerlo, così ottenendo, magari, anche un posticino nella nuova Nazionale del suo primo grande estimatore, Dino Zoff, che nel frattempo è andato a sedersi sulla panchina dell’Italia.

 

Tutto, ma davvero tutto, finirà poco più di un mese dopo nel derby contro il West Ham in quel drammatico scontro con il portiere degli Hammers Shaka Hislop. “Mi chiedono spesso cosa farei se potessi tornare indietro, a qualche secondo prima di quel terribile scontro. Con il senno di poi avrei dovuto fermarmi, rallentare la corsa ed evitare l’impatto che mi ha distrutto il ginocchio. Ma se lo avessi fatto non sarei stato Pierluigi Casiraghi”.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Italia
Alberto Maresca
5 Dicembre

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Italia
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
Italia
Michelangelo Freda
21 Novembre

Colpo di stato in Serie A

La guerra intestina nel mondo del calcio italiano continua a mietere vittime.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
pellicole
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Italia
Alberto Fabbri
8 Febbraio

Ultras d’Italia, ep. IV

Italia 90, il "Calcio moderno" ed il principio della crisi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Ritratti
Luca Pulsoni
21 Luglio

Serse Cosmi, l’Uomo del Fiume

Dalla panchina del Bar Bruna all’Europa: un allenatore divenuto icona popolare.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Marzo

Il campionato più brutto di sempre

Possono la lotta scudetto e la lotta retrocessione finire a Febbraio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Ritratti
Matteo Paniccia
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Tifo
Jacopo Benefico
29 Novembre

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Italia
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Italia
Lorenzo Fabiano
12 Febbraio

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Italia
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Italia
Alberto Fabbri
25 Giugno

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Italia
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Interviste
Luigi Fattore
16 Giugno

Contro il procuratorismo

Claudio Pasqualin ci parla senza peli sulla lingua e senza retorica. E forse anche con un filino di nostalgia per il calcio di vent'anni fa, auspicando che in qualche modo se ne possano recuperare i valori.
storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Italia
Gianluca Palamidessi
22 Febbraio

La Serie A punta sugli stranieri e teme i giovani

Il nostro calcio è in ripresa, ma è lungi dall'essere sano.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Michelangelo Freda
28 Marzo

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Tifo
Alberto Fabbri
17 Maggio

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.
recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
storie
Alberto Maresca
18 Gennaio

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Italia
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Italia
Luigi Fattore
17 Febbraio

La difesa di Zeman

Zemanlandia è ancora viva, grazie al cielo!