Carrello vuoto
Papelitos
14 Marzo

La sospensione di Guida non ha senso

Il grave errore è di Massa al VAR, e quindi dell'AIA.

Era nell’aria, e nel pomeriggio è arrivata la conferma. Come prevedibile l’AIA ha fatto calare la scure sulle teste dei responsabili dei fattacci di Torino. Inutile vaneggiare ancora sulle possibili ricostruzioni adottate dal VAR in merito al contatto Ranocchia-Belotti: il risultato, catastrofico, non è sindacabile e l’errore macroscopico. Sia chiaro, abbiamo sempre protetto le nostre giacchette nere, libere, come ogni essere umano, di sbagliare. Ma di fronte all’avvento tecnologico, adulato da molti come elemento equalizzatore, mezzo per annullare le ingiustizie, non si può passare sopra le incongruenze di un sistema confuso e altamente imperfetto.

Marco Guida e Davide Massa sono stati sanzionati con circa un mese di stop nel nostro massimo campionato, si legge nelle agenzie diramate dai maggiori media nazionali. Una misura pesante che condanna l’errore, ma sembra anche volerli punire in modo esemplare nel vano tentativo di sedare polemiche che continuano a imperversare sulla classe arbitrale del nostro paese. Il punto però, in questo clima che cerca colpevoli e invoca pene severe, è cosa abbia fatto Marco Guida per meritare una simile sanzione.

Sia chiaro: il fischietto di Torre Annunziata, nell’episodio incriminato, è reo di non aver interpretato correttamente lo scontro in area tra il Gallo e l’ex capitano nerazzurro. Tuttavia, riguardando l’azione, la dinamica è molto veloce e il contrasto ingannevole: il piede di Ranocchia colpisce quello di Belotti ma poi affonda sul pallone spostandolo nettamente, dando magari l’impressione di un contrasto duro, ma potenzialmente pulito. Guida giudica male: indica la sfera e prende un grosso abbaglio.

È un errore evidente, ripetiamo, ma che in diretta può pure capitare.

Il direttore di gara sfrutta quindi un’immediata pausa di gioco per confrontarsi con la Sala VAR sul contatto, una consultazione perfettamente conforme alle consuetudini impartite da regolamento. E però non viene richiamato al monitor. Insomma, se avesse ricevuto la comunicazione corretta, Guida avrebbe potuto avvalersi comodamente della on field review e assegnare il rigore solare consumatosi nell’area di Handanovic. Molto semplice, la base del funzionamento del supporto tecnologico.


L’errore macroscopico risiede allora principalmente nelle valutazioni di Massa, seduto davanti a monitor in grado di riprodurre decine di angolazioni, ma non sufficienti evidentemente a migliorare le doti valutative di un arbitro internazionale – a proposito Davide Massa, sospeso dalla nostra Associazione nazionale, sarà impegnato già mercoledì nella gara di Champions League tra Lille e Chelsea: questa volta in campo, nella speranza di una prestazione migliore di quella offerta davanti ai monitor.

Nel frattempo Guida paga l’ennesimo errore del VAR, acronimo inglese che si legge Video Assistant Referee ma si pronuncia sempre più disgrazia. Punito dal mezzo che avrebbe dovuto aiutarlo e invece lo crocifigge, capro espiatorio per un errore di un sistema che non tarda a mostrare le proprie falle. D’altronde quanti altri arbitri, e quante altre volte, hanno commesso errori ben più gravi di questo, sanati però dal VAR e dunque ovviamente condonati dall’AIA? Qual è esattamente il motivo per cui Guida ha subito la stessa sanzione di Massa, considerato che si tratta di due errori dal peso estremamente diverso, e che l’arbitro in campo si è attenuto alla procedura che avrebbe potuto revocare l’errore?

La vera “colpa” di Guida non è stata l’errore di giudizio, bensì il fatto di aver avuto Massa come assistente VAR. Una colpa di cui, però, non ha responsabilità.

In tutto questo l’Associazione Italiana Arbitri, in balia totale di un campionato quanto mai complesso, invece di tutelare i propri assistiti li mette alla gogna (come già successo con Serra dopo Milan-Spezia), lasciando gli arbitri inermi a prendersi la sassaiola di critiche e insulti. L’alternativa sarebbe riflettere sui problemi di un sistema che trema ormai a ogni scossone. La sensazione, tuttavia, è che non sia tanto il caso.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
4 Aprile 2022

Venghino siori, nel circo della Serie A

Di rigori, VAR e altre creature leggendarie.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Federico Brasile
6 Febbraio 2022

Il VAR è il peccato originale

Non ci convincerete mai.
Papelitos
Valerio Santori
19 Dicembre 2021

Ci mancava il VAR del VAR

La trasparenza della tecnica.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Novembre 2021

Il calcio è stanco di essere umano

La mania di controllo condannerà il football.
Papelitos
Valerio Santori
2 Novembre 2021

Il calcio non è danza classica

Bensì uno sport di contatto.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Novembre 2020

Il VAR ha ucciso l’epica

Cosa ne sarebbe stato del mito con la tecnologia?
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Calcio
Paolo Pollo
22 Luglio 2020

Il calcio del futuro: un reality show di rigori

Vi raccontiamo in anteprima la finale di Champions League 2029.
Ritratti
Luca Pulsoni
20 Aprile 2020

Pierluigi Collina è stato più di un arbitro

Fenomenologia del più famoso fischietto mondiale.
Papelitos
Matteo Donadoni
13 Febbraio 2020

Tu quoque, Collina!

Le dichiarazioni del miglior arbitro di sempre suonano quantomeno ambigue.
Calcio
Federico Brasile
4 Febbraio 2020

Quella vecchia volpe di Rocco Commisso

Come non amare il funambolico e spettacolare patron viola?
Papelitos
Federico Brasile
25 Agosto 2019

Si stava meglio quando si stava peggio

Con l'introduzione a pieno regime del VAR l'uomo sta diventando un impiegato delle macchine.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo 2019

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Papelitos
Samuele Sottoriva
24 Dicembre 2018

Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla

Le molte e inquietanti facce del presidente AIA, Marcello Nicchi
Calcio
Andrea Tavano
30 Marzo 2018

Le regole del calcio

Come la rivoluzione regolamentare dei Novanta ha salvato il gioco del calcio.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo 2018

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio 2018

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Interviste
La Redazione
16 Gennaio 2018

British storytelling

La parola a Matthew Lorenzo, fra i più noti presentatori calcistici del Regno Unito.
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre 2017

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Calcio
Luigi Fattore
8 Settembre 2017

Il VAR è una mancanza di rispetto

Nata dall'insopprimibile urgenza di migliorare il gioco del calcio, la tecnologia Var rischia al contrario di minarne il fascino e ostacolare definitivamente la nascita di una cultura sportiva.
Calcio
Ermanno Durantini
7 Settembre 2017

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto 2017

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Interviste
Michele Di Virgilio
16 Gennaio 2017

Il giornalismo d’antan

Firma nobile del giornalismo italiano (e non solo sportivo), Roberto Beccantini è il giornalista-tifoso più imparziale che conosciamo. Tifoso dai tempi di Sivori, per via dei calzettoni abbassati e del genio fumantino; imparziale, perché – sue parole – sincero col lettore.
Calcio
Claudio Davini
21 Dicembre 2016

Dalla fotografia alla moviola in campo

Un’opportunità perché non vi siano più "ingiustizie", o piuttosto uno snaturamento del gioco più bello del mondo?