Carrello vuoto
Estero
23 Aprile

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Luca Pulsoni

80 articoli
Il primo ministro britannico ha deciso la partita.

Sul carro dei vincitori c’è qualcuno che gongola più degli altri. È Boris Johnson, decisivo nel fallimento della Superlega. Il premier britannico si è fatto paladino degli interessi della Premier League, la lega più ricca del continente. Le pressioni del governo si sono aggiunte a quelle dei tifosi. Ne è nata un’alleanza: da un lato le minacce di Johnson, dall’altro le proteste di Anfield e Stamford Bridge. Un coro unanime: il campionato nazionale non si tocca.

 

 

I club ribelli – Manchester City, Manchester United, Chelsea, Liverpool, Arsenal e Tottenham – non hanno resistito, e la levata di scudi ha partorito il dietrofront: il City ha capeggiato la ritirata, attirando le critiche di Florentino Perez. Il presidente del Real Madrid, ideatore del progetto insieme ad Andrea Agnelli, ha parlato non a caso di pressione dei Citizens sugli altri club di Sua Maestà per uscire dalla (neo- e mai nata) lega.

 

 

Ma a rivelarsi decisivo è stato il ruolo di Boris Johnson. Il premier ha calato l’asso nella manica: la Brexit. Fuori dall’Unione Europea, il governo inglese avrebbe infatti avuto il potere di negare i visti ai calciatori stranieri. Così Johnson si sarebbe messo di traverso nel florido calciomercato prospettato dai ‘super club’, intimorendo i ribelli con pressioni pesanti e fondate: dall’arrembaggio, si è dunque passati alla ritirata.

 

boris johnson
Boris Johnson si cimenta in un’improbabile parata (Toby Melville – WPA Pool/Getty Images)

 

 

I tifosi hanno fatto il resto. Le proteste dei fan sono state rinvigorite dalle dure prese di posizione di calciatori e leggende del calcio d’Oltremanica (Gary Neville, Rio Ferdinand e Gary Lineker su tutti). Klopp e Guardiola hanno acceso la miccia della rivolta. Il capitano del Liverpool, Jordan Henderson, ha aperto il dialogo con i calciatori della Premier League. Chiaro anche il messaggio delle ‘piccole’, o per meglio dire le altre: dal Wolverhampton al Leicester passando per il Leeds, tutti contro la Super League.

 

 

Ma a tessere la ragnatela che ha soffocato le velleità di Superlega è stato lui, Boris Johnson. Il suo governo, nel frattempo, è cresciuto nei sondaggi. Dopo aver vissuto fasi convulse all’alba della pandemia, il piano vaccinale è decollato (in Inghilterra sono state vaccinate oltre 37 milioni di persone), e nella semifinale di FA Cup tra Leicester e Southampton lo stadio di Wembley ha ospitato quattromila tifosi: un test-match in vista della riapertura del 17 maggio. Sprazzi di normalità che hanno fatto impennare l’indice di gradimento del governo.

 

Le mosse di Johnson hanno sconfinato il mondo del calcio: è sempre il vento della politica a portare tempeste.

 

La Superlega ha rappresentato l’assist perfetto per la propaganda antieuropeista. A Downing Street hanno colto la palla al balzo: Johnson ne ha fatto una battaglia nazionale, riuscendo a strappare consensi specie tra le fasce più giovani.

 

Dopo il comunicato nottetempo che annunciava la Superlega, Johnson ha minacciato leggi ad hoc per ostacolare il progetto, trovando alleanze lungo il cammino: la Premier, poi Uefa e Fifa. Con Čeferin e Infantino si è aperto un canale anti Super League. Nell’incontro con l’amministratore delegato della Premier poi, Richard Mastersad, Johnson ha ribadito la propria posizione: mosse politiche sorrette a livelli plebiscitari da stampa, tifosi e opinione pubblica. Secondo un sondaggio dell’istituto YouGov, su oltre 1730 britannici il 68% degli appassionati di calcio si è detto contrario alla Superlega. Soltanto il 4% è risultato a favore, con l’11% ancora indeciso.

 

gary neville
Estasiato dal football: Gary Neville, semplicemente il numero uno (Michael Regan/Getty Images)

 

Johnson, ingolosito dalla sommossa popolare, si è unito al tavolo degli indignati:

 

«Non c’è bisogno di essere un esperto per non provare orrore per un progetto simile, gestito da un piccolo numero di club. Il calcio non è un marchio o un prodotto. Anzi, è molto di più di uno sport».

 

Insomma Boris Johnson non ha resistito al proprio impulso populista. Si è trovato di fronte a una scelta: l’élite o il popolo. Simon Kuper ad esempio, editorialista del Financial Times e grande giornalista e scrittore di sport, il suo parere lo ha espresso chiaramente: «Johnson non ha guidato la rivolta, l’ha seguita. Era una rivolta popolare e l’istinto populista di Johnson è scattato».

 

 

L’endorsement di Johnson nei confronti della Uefa non è però da leggersi in chiave europeista bensì nazionalista. Il premier – nell’ottica del suo “Global Britain” post Brexit – ha infatti difeso a spada tratta gli interessi della Premier League, le cui ricche finanze sarebbero state messe a repentaglio dalla Superlega.

 

Mansour, lo sceicco proprietario del Manchester City (Francois Nel/Getty Images)

 

 

L’obiettivo di Boris Johnson era chiaro, difendere il campionato della Regina a tutti i costi: secondo il Times il premier – tramite il fidato consigliere personale Eddie Lister – avrebbe addirittura fatto pressioni sul governo degli Emirati Arabi Uniti per convincere il Manchester City, il cui proprietario è lo sceicco Mansour bin Zayed Al-Nahyan (membro della famiglia reale), ad abbandonare la Superlega. Con il rischio di una pesante crisi diplomatica tra l’Inghilterra e il Golfo. «La discesa in campo nella questione di uno dei consiglieri più storici e fidati di Johnson – sottolinea il Times – fa capire quanta pressione il governo Johnson abbia scatenato per far fallire la Superlega».

 

 

Da uno dei vincitori a uno dei vinti. Andrea Agnelli ha ammesso la resa: il presidente bianconero, ex numero uno dell’Eca, si è ritrovato isolato dopo la fuga delle inglesi e dell’Inter a meno di 48 ore dall’annuncio della Superlega. Nell’intervista concessa alla Reuters, il patron bianconero ha puntato l’indice contro la Brexit, riconoscendo la forte pressione esercitata dal governo Johnson: «Ho ipotizzato a tal punto che se sei squadre si fossero staccate e avrebbero minacciato la Premier League, la politica l’avrebbe visto come un attacco alla Brexit e al loro schema politico».

 

 

Qualcuno ha azzardato: l’Inghilterra, patria in cui è nato il football, ha salvato il calcio. Ma il pericolo sembra soltanto scampato. Certamente, se gli indici di gradimento di UEFA e FIFA restano sempre gli stessi (bassi), quelli di BoJo sono schizzati alle stelle: è servito un conservatore pop, sottovalutato dai più, a segnare una vittoria politica nel vuoto cosmico del calcio internazionale.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Ritratti
Diego Mariottini
29 Gennaio 2022

Romário, dall’anarchia al socialismo

Dalla leggenda in campo alla vicepresidenza del Senato.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.