Carrello vuoto
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Federico Brasile

66 articoli
Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.

Oh, finalmente ce l’avete fatta! Siamo onesti, non ce la facevamo più; e non ce la facevamo più anche di fare la parte degli antagonisti in un dibattito stantìo, vecchio, claustrofobico, quello tra chi voleva chiudere e aprire, bloccare o riprendere. Per carità basta. Pietà! D’altronde le avete provate tutte: prima la gente che “aveva disperato bisogno di calcio”, poi quando vi siete accorti che non attaccava siete ricorsi alle “povere famiglie” che vivono dell’indotto calcio. Ci mancavano solo quelli della FIGC ai semafori con le foto dei magazzinieri finiti sotto ai ponti, o le pubblicità progresso sulle reti nazionali in cui al posto degli africani denutriti ci fossero stati i membri degli staff delle varie squadre.

 

«Eh ma sai quanti padri di famiglia che ci lavorano!», «Oh ma lo sai il calcio quanta gente sfama!».

Praticamente noi eravamo quelli pronti a togliere il pane di bocca a migliaia di persone, teorici della decrescita (in)felice, che volevano distruggere un fondamentale generatore di ricchezza, un vero e proprio asset nazionale come il football tricolore. Pensate che cattive persone, lì come gufi, o come Edward Norton nella scena finale di Fight Club a sperare che venissero giù tutti i grattacieli di quel mondo tossico che è il football odierno. Gli antagonisti perfetti.

 

 

E invece no, non vogliamo assumerci nemmeno questa responsabilità! Ci avete letteralmente estenuato a forza di retorica, retorica della ripresa, della rimessa in moto: abbiamo anche sentito dire che chi voleva lo stop ai campionati intendeva bloccare il Paese, o più modestamente uccidere il calcio italiano. Retorica nauseante a fiumi, frasi fatte come se piovessero per giustificare i legittimi interessi economici. Ebbene sapete che vi diciamo: giusto ripartire!

 

 

 

Non siamo ironici, è giusto ripartire con un campionato di plastica, con gli stadi vuoti e i cori registrati, con le sagome cartonate dei tifosi o magari le bambole gonfiabili sugli spalti, con partite ogni tre giorni a 30 gradi di media e umidità alle stelle, con un protocollo di sicurezza sanitario paradossale che potrebbe aprire a scenari tragicomici. D’altronde le aziende si stanno rimettendo in moto; quella del calcio è una grande azienda, e allora perché dovrebbe fare eccezione?

 

Pronti a ripartire. Saranno contenti i fantacalcisti radicali, gli scommettitori cronici, i millennials cresciuti a pane e ‘top players’ (Foto Emilio Andreoli/Getty Images)

 

 

Forse perché si giocheranno una quindicina di partite tra Giugno e Agosto? O Per rispettare la sofferenza di tanta gente che con questa emergenza ha perso tutto? No, non riteniamo che queste cose debbano influire sul dibattito: non siamo abituati – noi – ai facili moralismi. In realtà non c’è nessun motivo per cui il calcio non debba ripartire, a parte l’ovvio menefreghismo di milioni di (ex) appassionati, noi compresi. Questo però lascia il tempo che trova, anche perché si sente che è cambiato il clima. C’è voglia di uscire, di respirare, di tornare alla normalità (come se quella di prima fosse normalità, ma lasciamo perdere). Il calcio, se come detto è un importante settore “industriale”, non deve fare eccezione.

 

 

Avete alla fine ottenuto il vostro scopo: siete stati così martellanti che avete convinto pure noi, ci avete preso per sfinimento. D’altronde vince sempre chi ha più forze, mezzi, soldi, motivazioni. E poi il vostro ragionamento, obiettivamente, non fa una piega: perché mentre tutti gli enti strategici stanno riaprendo il calcio deve tenere calato il sipario? È la premessa che ci lascia un po’ con l’amaro in bocca, quella per cui il pallone viene considerato solo e unicamente come un’azienda.

 

 

Sia chiaro, errore nostro conservare ritualità tribali, lo stadio, la maglia, la rappresentanza e via discorrendo, ma speravamo almeno che gli interessi economici fossero il 70, l’80, anche il 90% del calcio. Non che rappresentassero l’assoluto 100%. Ci avete mostrato, in un periodo tragico per il Paese, il totale scollamento del calcio dalla sua base, quella dei tifosi, a cui per gran parte della ripresa non interessa nulla. Per mesi avete ragionato su come alimentare la bolla in una propaganda (a dir poco) autoreferenziale, roba che sembravate politici a fine legislatura attaccati unghie e denti ai loro scranni.

 

Campionato Danimarca
Nel nuovo calcio ci sarà spazio anche per questo: tifosi collegati via Zoom nei maxischermi a bordo campo, per assistere “dal vivo” alla partita. Qui nella civilissima Danimarca.

 

 

Ci avete infine costretto ad essere “favorevoli” alla ripartenza solo mettendo le carte in tavola, gettando la maschera, parlando del pallone in termini puramente economici ed aziendali (ma prendendo comunque a pretesto i poveri cristi che lavorano dietro le quinte). Ancora qualche ora fa Gravina, presidente della FIGC, affermava:

 

La ripartenza del calcio rappresenta un messaggio di speranza per tutto il Paese”.

 

Non sappiamo quale Paese abbiate in mente, né mai ci sogneremmo noi di parlare a nome di tutto il Paese, ma passiamo oltre. Certo, se per riformare il calcio italiano aveste messo un decimo – ma che dico un decimo, un centesimo! – dell’impegno profuso in questi mesi per auto-conservarvi, a quest’ora il pallone nazionale sarebbe un giardino dell’Eden di avanguardia e prosperità. Oramai però il dado è tratto: come anticipato noi stessi non ce la facevamo più, neanche a difendere la nostra posizione, quindi ripartiamo pure.

 

 

Ci interessa a questo punto solo salvare i dilettanti e le società minori, che ovviamente sono esclusi dalla ripresa (un milione e oltre di tesserati alla lega nazionale dilettanti, ma per loro non riparte il Paese). In ogni caso, per quanto possa valere, di questi campionati non ce ne fregherà assolutamente niente; ma proprio nulla, meno di zero. E non per cattiveria, ma perché ci avete mostrato con tutto lo squallore possibile come il calcio sia ormai una questione solo ed esclusivamente di soldi e potere. In futuro proveremo a tenerlo a mente.

 

 

Detto ciò adesso ci serve una pausa di riflessione, prima di perdonare inesorabilmente i nostri aguzzini in preda a una imbarazzante Sindrome di Stoccolma; ci sentiamo un po’ offesi e disgustati ma faremo di necessità virtù, e prima o poi ci passerà. Nel frattempo a parlare di calcio giocato ci penseranno quei maniaci che già si eccitano sui pallonetti di Kimmich o sulle giocate di Jadon Sancho. Come faremmo senza di loro, che dicono di amare il calcio ma non sanno nemmeno cosa sia: non ne hanno davvero la più pallida idea, neanche se lo immaginano lontanamente.

 

Ecco Bayern v Borussia, il big match atteso da tanta gente a cui bastava rivedere in campo i propri beniamini. Questa gente non sa cos’è il Calcio, o forse se lo è solo dimenticata (Foto Federico Gambarini/Pool via Getty Images)

 

E il bello è che si permettono anche di sfottere quei vecchi, disgustati dal football odierno, che hanno passato la giovinezza e non solo a giocare in strada; se lo permettono, loro che sì e no hanno frequentato una scuola calcio, cresciuti tra FIFA e Football Manager, e che adesso non vedono l’ora di rivedere Dybala in campo. Questa pandemia in fondo è stata nient’altro che un acceleratore, alla faccia di quei poveri illusi che speravano in un ripensamento del nostro stile di vita o del modello di produzione: siamo quelli di prima, solo con più fretta e più rabbia di tornare a fare ciò che già facevamo.

 

 

Questa poi sarà una ghiotta occasione per quella narrazione tutta contemporanea, quell’ideologia alla moda – quanto ci manca oggi un libertario come Battisti – che sta rendendo il calcio una scienza. Un modello svilente e avvilente, che si concentra sui soli fatti di campo e li analizza fino alla nausea, fino a che il calcio stesso non si identifichi integralmente con i fatti di campo. Ecco, il nuovo football sarà per loro, e a maggior ragione, materia da vivisezionare e a cui appassionarsi. 

 

“Il calcio è straordinario proprio perché non è mai fatto di sole pedate. Chi ne delira va compreso, non compatito. E va magari invidiato, non deriso”. (Gianni Brera)

 

Da parte nostra siamo conservatori, e apparteniamo a un’altra parrocchia. Del pallone ci commuove ancora la partitella tra ragazzini in Sud America, in Medio Oriente, nelle spiagge spagnole o nell’Italia profonda; ci emozionano il tifo e lo stadio, le rivalità e gli sfottò, le bandiere e i colori. Siamo malati di calcio in quanto religione laica, rito di popolo, gigantesco “fenomeno sociale”, come diceva Simon Kuper. Per il “contorno”. Che senso ha la partita senza tutto quel contorno? Per noi, come avrete capito, nessuno. Per quanto riguarda gli altri, temo che a breve lo scopriremo. Preghiamo per loro. Amen.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.