Carrello vuoto
Italia
23 Marzo

La lettera di Prandelli riguarda tutti noi

Federico Brasile

62 articoli
Anche se ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti.

Ieri Cesare Prandelli, ormai lo sappiamo, ha annunciato le sue dimissioni da tecnico della Fiorentina con una lettera densa di significati. Per chi non ne conoscesse il contenuto, dobbiamo necessariamente partire dalle sue parole per poi interrogarci su cosa rappresentino, e sul perché un uomo che ha sempre vissuto di calcio si senta “costretto” ad abbandonarlo, forse per sempre.

 

 

«Firenze, 23 marzo 2021. È la seconda volta che lascio la Fiorentina. La prima per volere di altri, oggi per una mia decisione. Nella vita di ciascuno, oltre che alle cose belle, si accumulano scorie, veleni che talvolta ti presentano il conto tutto assieme. In questo momento della mia vita mi trovo in un assurdo disagio che non mi permette di essere ciò che sono. Ho intrapreso questa nuova esperienza con gioia e amore, trascinato anche dall’entusiasmo della nuova proprietà. Ed è probabilmente il troppo amore per la città, per il ricordo dei bei momenti di sport che ci ho vissuto che sono stato cieco davanti ai primi segnali che qualcosa non andava, qualcosa non era esattamente al suo posto dentro di me.

 

 

La mia decisione è dettata dalla responsabilità enorme che prima di tutto ho per i calciatori e per la società, ma non ultimo per il rispetto che devo ai tifosi della Fiorentina. Chi va in campo a questo livello, ha senza dubbio un talento specifico, chi ha talento è sensibile e mai vorrei che il mio disagio fosse percepito e condizionasse le prestazioni della squadra. In questi mesi è cresciuta dentro di me un’ombra che ha cambiato anche il mio modo di vedere le cose. Sono venuto qui per dare il 100%, ma appena ho avuto la sensazione che questo non fosse più possibile, per il bene di tutti ho deciso questo mio passo indietro.

 

 

Ringrazio Rocco Commisso e tutta la sua meravigliosa famiglia, Joe Barone e Daniele Pradè, sempre vicini a me e alla squadra, ma soprattutto ringrazio Firenze che so che sarà capace di capire. Sono consapevole che la mia carriera di allenatore possa finire qui, ma non ho rimpianti e non voglio averne. Probabilmente questo mondo di cui ho fatto parte per tutta la mia vita, non fa più per me e non mi ci riconosco più. Sicuramente sarò cambiato io e il mondo va più veloce di quanto pensassi.

 

Per questo credo che adesso sia arrivato il momento di non farmi più trascinare da questa velocità e di fermarmi per ritrovare chi veramente sono».

 

Che dire, è anche difficile provare ad avvicinarsi a queste parole, a commentarle. Senza alcuna pretesa di interpretarle, e quindi di andare a scavare nella psicologia dell’uomo e dell’allenatore, riteniamo però che la sua lettera riguardi tutti noi. Come avrebbe detto De André: anche se noi ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti. Siamo coinvolti perché Prandelli, al di là delle motivazioni e dei problemi personali, parla di un mondo in cui non si riconosce più. Le parole non si usano per caso, soprattutto in una lettera del genere, e allora anziché improvvisarci psicologi dobbiamo restare a ciò che è scritto.

 

 

Dobbiamo chiederci perché un uomo che ha vissuto tutta la sua vita di calcio non voglia più stare in quell’ambiente, e anzi arrivi al punto di saturazione. E dobbiamo interrogarci sul tema enorme della “velocità”, una velocità che uno dei più importanti allenatori italiani ci ha detto sostanzialmente che non riusciva più a reggere. È il grande tema di quella che Heidegger chiamava heimatlosigkeit: in italiano tradotta come spaesatezza, in tedesco la parola ha un significato molto più profondo.

 

Rimanda alla perdita della patria (Heimat) ma ancor prima della casa, del focolare (Heim): vuol dire in pratica che non si è più a casa propria da nessuna parte, e in questo il filosofo vedeva il maggiore pericolo della tarda modernità. Nel “non essere più a casa” in alcun luogo.

 

Cesare Prandelli nel mondo del calcio non era più a casa, non aveva più riferimenti. Forse da fuori si vedeva già da un po’ di tempo ad essere onesti, e questo suo disagio si era manifestato anche nelle ultime settimane: dopo la partita con il Benevento – «il fatto è che sono molto stanco e abbastanza vuoto dentro» –, e dopo quella con il Milan, in seguito alla quale non si era presentato in conferenza stampa. Ma il tecnico ha scritto chiaramente che il mondo del calcio lo aveva a tal punto alienato che lui non riusciva più a capire chi fosse; per questo la necessita di fermarsi per ritrovare se stesso.

 

Cesare Prandelli non aveva più la gioia negli occhi. (Gabriele Maltinti/Getty Images)

 

 

Prandelli si è quindi dimesso non solo da allenatore ma dal mondo del calcio, e la cosa ci riguarda perché quanti milioni di appassionati si sono dimessi negli ultimi anni dal mondo del calcio? Quanti non hanno saputo reggerne la velocità, i mutamenti disumani e anzi post-umani, la finanziarizzazione, la fretta, il linguaggio. Noi siamo chiamati a comprendere fino in fondo tutto ciò, non possiamo più far finta di niente o peggio limitarci a battute sarcastiche su chi è rimasto indietro (forse all’essenza del pallone, o comunque ad uno stato più emozionale e collettivo del fenomeno).

 

 

Mentre noi parliamo del Manchester City che assume quattro astrofisici per l’analisi dei dati, lo stesso Manchester City che fa parte di una multinazionale (il City Football Group) proprietaria di dieci club di calcio in giro per il mondo, milioni di persone si stanno disgustando e allontanando da questo calcio sempre più specializzato e meno popolare, sempre più spettacolarizzato e sempre meno sociale. È questo che dobbiamo necessariamente comprendere, ed è lo stesso motivo per cui uno come Allegri – pur semplificando certi concetti – riesce a cogliere nel segno e a risvegliare nelle persone qualcosa di profondo.

 

 

Fermiamoci allora anche noi, come Cesare Prandelli. Fermiamoci per un attimo e riflettiamo. Basta facili ironie sulle operazioni nostalgia (manifestazioni becere di cause però profonde), basta fretta, velocità, volgarità. Non lo chiediamo tanto al sistema calcio in sé, che ormai è un’industria con le sue logiche ed esigenze, ma a noi stessi: a noi che parliamo di calcio, su queste e su altre colonne, a casa o al bar. Ricordiamoci dell’essenza del gioco ma soprattutto ricordiamoci che il calcio è un gioco, quello più bello del mondo diceva Brera, il quale deve portare gioia ed emozioni; e riflettiamo su quanto questo gioco, sempre più scintillante, perfetto e infiocchettato, abbia fatto dimettere negli ultimi anni milioni di persone.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Marzo 2022

Gerrard contro Saka, il football non è il curling

Stevie G contro la spettacolarizzazione del calcio.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio 2021

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Diego Mariottini
30 Giugno 2020

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile 2020

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Calcio
Francesco Andreose
31 Marzo 2020

Le maglie vanno messe dentro i pantaloncini!

Se non si può cambiare il calcio, s'intervenga sull'estetica.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2020

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Ritratti
Alberto Maresca
25 Marzo 2020

Felipe Melo, il mastino incompreso dal cuore d’oro

Controritratto del Comandante, rinato in Brasile e popolare come non mai.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo 2020

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Papelitos
Antonio Aloi
17 Febbraio 2020

Vlahovic contro lo stato dei perbenisti

Lezioni di etica non richieste da un sistema che non ha più argomenti.
Calcio
Federico Brasile
4 Febbraio 2020

Quella vecchia volpe di Rocco Commisso

Come non amare il funambolico e spettacolare patron viola?
Calcio
Antonio Aloi
29 Gennaio 2020

I difensori non sanno più marcare?

Come si è evoluto il ruolo del difensore negli anni tra cambiamenti tecnici, tattici e regolamentari.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Gennaio 2020

Anche Gasperini può sbagliare

Gli insulti alla madre di Gasperini hanno sollevato un (ingiustificato) polverone.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Calcio
Stefano Peradotto
30 Luglio 2019

Anche l’esultanza è diventata marketing

Nel calcio odierno l'esultanza non è più una gioia collettiva e spontanea, bensì una questione di marketing profondamente individualista.
Storie
Maurizio Fierro
9 Giugno 2019

Quando la Fiorentina sconvolse l’ordine costituito

Stagione 1968/1969: la Fiorentina ye ye si laurea campione d'Italia, come degna chiusura degli anni sessanta.
Altro
La Redazione
29 Maggio 2019

La gallina dalle uova d’oro

Maestri, Episodio VI: Massimo Fini.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Maggio 2019

Fiorentina-Genoa, si salvi chi può!

Il biscotto è servito. L'Empoli è in B, Viola e Grifone rimangono tra i fischi.
Papelitos
Federico Brasile
10 Aprile 2019

Stefano Pioli come capro espiatorio

I Della Valle, che rimproverano ad allenatore e giocatori la mancanza di professionalità, farebbero meglio a farsi un esame di coscienza.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Settembre 2018

Il funerale della Liga spagnola

Cupi pensieri sull'esportazione della Liga negli USA.
Papelitos
Domenico Rocca
4 Agosto 2018

L’estate del buonismo

Dopo il codice etico, il daspo digitale. La direzione intrapresa dal calcio in Italia da un lato si allontana sempre di più dai tifosi, dall'altro si avvicina notevolmente ai consumatori.
Calcio
Gezim Qadraku
3 Maggio 2018

Manuel Rui Costa e la fantasia al potere

Essere Maestro rimanendo discepolo.
Tifo
Andrea Angelucci
20 Aprile 2018

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo 2018

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Papelitos
Alberto Fabbri
14 Marzo 2018

Nein zu RB

La Red Bull e il calcio, un rapporto complicato (almeno per noi tifosi).
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio 2017

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Calcio
Luca Giannelli
14 Maggio 2017

Il “progetto” viola: primum guadagnare, poi…

Della Valle e Fiorentina, una storia sospesa.