Carrello vuoto
Calcio
27 Marzo

Età di passaggio

Luca Giorgi

10 articoli
A che punto è il lavoro di Ventura?

Nel “Gattopardo” di Tomasi di Lampedusa c’è una verità tutta italiana, ossia che tutto cambia perché nulla cambi. L’esempio migliore della massima applicata al gioco del calcio è senza dubbio il Barcellona, dall’era Guardiola in poi. I blaugrana hanno cambiato i soggetti del loro tridente offensivo ben sei volte in sei anni: dalla prima formazione del 2008 che prevedeva l’attacco composto da Henry-Eto’o-Messi, la squadra catalana è passata a Pedro-Ibrahimovic-Messi, Pedro-Villa-Messi, Pedro-Messi-Sanchez, Neymar-Messi-Sanchez, fino al definitivo tridente stabilizzatosi nel 2014 che prevede Neymar-Suarez-Messi. Una delle squadre più forti della storia del calcio paradossalmente ha cambiato interpreti ogni anno, riuscendo a vincere ciò che a nessuna squadra è mai riuscito in un periodo di tempo così breve. Laddove però un club calcistico cerchi di cambiare per raggiungere l’obiettivo prefissatosi – sia esso la vittoria del campionato o una tranquilla salvezza – una nazionale di calcio cerca invece di cambiare il meno possibile, affidandosi a certezze ormai consolidate. Questo soprattutto perché, a differenza dei club che aspirano ad acquistare i calciatori migliori, una nazionale deve adattarsi ai giocatori che ha a disposizione, trovandosi magari in un periodo di ricambio generazionale in cui le poche certezze devono essere preservate. In secondo luogo dobbiamo considerare la durata media di una competizione tra nazioni, ovviamente inferiore e più intensa rispetto ad una qualsiasi competizione per club. In un lasso di tempo così breve è difficile che nuovi interpreti si trovino perfettamente in armonia fra di loro, a meno che questi non siano autentici fuoriclasse. Nella nazionale italiana, da sempre esempio di solidità, di un calcio certamente poco fantasioso ma concreto, tutto ruota attorno al blocco difensivo che ormai difende i nostri colori dal lontano 2012, vale a dire da quando l’allora allenatore della Juventus Antonio Conte riuscì a vincere il primo di una storica serie di scudetti, incentrando il gioco di Madama sui tre tenori difensivi Bonucci, Barzagli e Chiellini. La difesa a tre della Nazionale Italiana è diventata un must, dall’Europeo perso in finale contro la Spagna all’ultimo disputato, in cui alla guida vi era quello stesso Antonio Conte che collaudò per primo i tre difensori italiani davanti a Gianluigi Buffon (il quale, tra l’altro, nella partita di venerdì con l’Albania è sceso in campo per la millesima volta in tutte le competizioni).

Il futuro e il passato (ancora presente) della nazionale italiana. Belotti e Buffon

“Non sono io a dover dire se la nostra difesa è la più forte del mondo oppure no, ma di sicuro la fase difensiva comprende tutta la squadra, attaccanti inclusi, e il nostro lavoro è reso più facile quando ci danno una mano. Ci conosciamo alla perfezione perché sono tanti anni che giochiamo insieme alla Juve, con l’Italia non dobbiamo testare i meccanismi difensivi”.

Bonucci, con queste parole, non fa che confermare le impressioni avute dall’esterno ad Euro 2016. Squadra attenta in fase difensiva, e non solo con i difensori. Parolo e De Rossi non mancavano di dare copertura al reparto alle loro spalle – anche per caratteristiche – e il lavoro di Florenzi/Candreva a destra come di De Sciglio/Giaccherini a sinistra aiutava i due difensori laterali (Barzagli e Chiellini) a dover coprire meno metri di campo. Conte, quest’estate, aveva invertito una massima: nell’Italia, il miglior attacco è (stato) la difesa. Così, se dietro la nave regge ancora – ma anche loro non sono eterni – in tutti gli altri reparti si sta assistendo ad un cambio (e ricambio) generazionale abbastanza evidente. In questo Ventura sta accelerando il processo, anche se con alcuni dei ragazzi a sua disposizione non ce ne è nemmeno bisogno ( si veda quel giovane Donnarumma che si appresta, piano piano, a prendere il posto del capitano Buffon tra i pali della Nazionale). A centrocampo non è più una sorpresa Verratti, oggetto del desiderio dei più grandi club europei, a noi predato dai cugini transalpini. Si può invece parlare di piacevole sorpresa con Roberto Gagliardini, autore del duplice salto dal Vicenza in Serie B ad essere un titolare inamovibile dell’Inter, passando per l’Atalanta – che ha dimostrato, ancora una volta, di avere uno dei settori giovanili migliori d’Italia, oltre al fatto di saperlo gestire come nessun’altro. Centrocampista forte fisicamente, abile sia in impostazione che in fase di contenimento, con una buona tecnica e visione di gioco, è stato convocato per la prima volta in Nazionale, anche se per la prima presenza in campo dovremo ancora attendere. Nel reparto offensivo invece si è ormai preso la scena Andrea Belotti, il Gallo, attualmente capocannoniere della nostra Serie A con 22 reti all’attivo. Per la partita contro l’Albania, Ventura gli ha affiancato Ciro Immobile. Dopo un magro girovagare per l’Europa, è arrivata quella che può essere la sua consacrazione definitiva alla Lazio di Simone Inzaghi. Immobile ha già segnato cinque goal da quando Ventura l’ha convocato per la prima volta con la Nazionale e, con Belotti, i due hanno siglato sette degli ultimi otto goal prodotti dall’Italia. L’ottavo goal lo ha segnato Daniele De Rossi – il ventesimo in totale per lui con la maglia dell’Italia, raggiungendo il Pallone d’Oro Paolo Rossi – su calcio di rigore.

De Rossi mette a segno il suo ventesimo gol in nazionale, raggiungendo il goleador di Spagna ’82

Questo tiro dal dischetto ha messo in discesa il match di Venerdì sera al Barbera contro l’Albania, valevole per la qualificazione al mondiale russo del 2018. Nel complesso è stata una partita in cui l’Italia non è sembrata essere nella forma migliore, pur portando a casa il risultato. L’undici azzurro ha tenuto bene il campo nonostante il nuovo modulo (4-2-4) testato da Ventura, abbandonando per la prima volta quella difesa a tre sinonimo di certezza consolidata. Difesa a tre che lo stesso Allegri con la Juventus, soprattutto in Europa, sta lentamente abbandonando. Come spesso è capitato, i fili della Vecchia Signora si intrecciano con quelli Azzurri. Dopotutto, seguendo i dettami tattici delle squadra vincitrici dei rispettivi campionati, Spagna e Germania hanno vinto due Mondiali e due Europei negli ultimi nove anni. Ad oggi obiettivamente questa Italia non sembra pronta per ambire alla vittoria del Mondiale, non avendo trovato l’identità che pure Ventura sta cercando di costruire nella difficile era post-Conte, della cui tenacia e mentalità i giocatori azzurri erano lo specchio. È anche vero che probabilmente la concentrazione e l’interpretazione della partita da parte dei calciatori crescerà assieme al blasone dell’avversario affrontato, come è spesso capitato nel passato della Nazionale Italiana. A tal proposito nel cammino verso la Russia dovremo affrontare e – per evitare di giocarci la qualificazione agli spareggi – battere la Spagna in terra iberica; entrambe le nazionali sono molto cambiate dall’ultimo successo azzurro nell’estate del 2016, e complice la ripresa dei campionati sarà un incontro altamente imprevedibile. Appuntamento dunque al 2 Settembre, per scoprire finalmente il vero volto dell’Italia di Ventura.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Eduardo Accorroni
16 Dicembre 2021

Tutti contro la Coppa d’Africa

Tranne gli africani, che però contano meno di zero.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Estero
Gianluca Palamidessi
6 Novembre 2021

Il segreto di Christophe Galtier

L'allenatore campione di Francia con il Lille sta facendo miracoli anche a Nizza.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.