Calcio
29 Ottobre 2021

L'Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.

I 245 milioni di rosso in bilancio non sembrano aver pesato troppo sulla scelta di Zhang e Marotta (con l’Inter fino al 2025) di rinnovare il contratto di Lautaro Martinez. Sei milioni, questa la cifra del nuovo matrimonio. Fino al 2026 la durata del contratto. Tutti felici, più o meno. Tranne i tre magazzinieri che l’Inter ha deciso di licenziare a inizio ottobre, ma questa notizia sul sito ufficiale del club non la troverete.

Troverete invece el Toro, fresco di rinnovo, lanciare parole social e piene d’amore ai suoi tifosi: «Sono molto contento di essere qui e di restarci così a lungo. Mando un forte abbraccio a tutti i tifosi nerazzurri. Forza Inter!». E i tre magazzinieri? Neanche un accenno, un saluto, una nota a piè di sito. Qualcosa. La vera domanda comunque è un’altra: perché l’Inter ha dovuto licenziare tre costosissimi magazzinieri?

Questione di bilanci, per l’esattezza carenza di liquidità. La Cgil, che non ha preso benissimo questa scelta, ha sollecitato il club a rivedere la decisione, «considerando che la somma dei tre stipendi costituisce una minima frazione dello stipendio medio che l’Inter paga ai giocatori e che il club ha sempre promosso valori come l’uguaglianza e la fratellanza». Certo, almeno a colpi di hashtag!

#buu (brothers universally united)

Almeno la stampa italiana, su questa vicenda, si è mossa. Prima Calcio e Finanza, poi la Stampa e il Giornale, dove Gianni Visnadi ha scritto che «di certo è più grande il danno d’immagine che non il taglio dei costi». Alessandro F. Giudice, che avremo l’onore di ritrovare a GEM Sport, ha scritto sul Corriere dello Sport-Stadio, commentando il ritorno in pompa magna di Zhang, che ha smentito le malelingue sulla gestione del club al fondo arabo, che è «legittimo chiedersi quale sia il progetto [dell’Inter, ndr]», passata in brevissimo tempo dall’espansione nel mercato asiatico e dall’acquisto di grandi giocatori (Lukaku, Hakimi) e allenatori (Conte), al licenziamento di tre magazzinieri per far tornare i conti in bilancio. Ma Lautaro ha rinnovato. Quasi tutti felici e contenti.

Gruppo MAGOG

Abbiamo ucciso pure Craven Cottage
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Marzo 2024

Abbiamo ucciso pure Craven Cottage

Il calcio moderno ha colpito ancora.
Il Cholismo non muore mai
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2024

Il Cholismo non muore mai

L'Inter, però, poteva fare molto meglio.
Che fine ha fatto l’Organo consultivo dei tifosi nelle società?
Tifo
Gianluca Palamidessi
11 Marzo 2024

Che fine ha fatto l’Organo consultivo dei tifosi nelle società?

Una notizia di cui non sta parlando nessuno.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Adriano, alla fine dell’impero
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Il giochismo in Italia non paga
Calcio
Luca Pulsoni
08 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Caro Romelu, non funziona così
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Vivi di sogni infranti
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Luglio 2017

Vivi di sogni infranti

Nell'epoca in cui vi offrono unicamente di diventare consumatori, noi vi proponiamo una battaglia senza quartiere al nulla che avanza: unitevi a noi invece di ingrossare le schiere dei fatalisti!
La scuola italiana ha vinto ancora
Calcio
Valerio Santori
02 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.