Calcio
29 Ottobre 2021

L'Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.

I 245 milioni di rosso in bilancio non sembrano aver pesato troppo sulla scelta di Zhang e Marotta (con l’Inter fino al 2025) di rinnovare il contratto di Lautaro Martinez. Sei milioni, questa la cifra del nuovo matrimonio. Fino al 2026 la durata del contratto. Tutti felici, più o meno. Tranne i tre magazzinieri che l’Inter ha deciso di licenziare a inizio ottobre, ma questa notizia sul sito ufficiale del club non la troverete.

Troverete invece el Toro, fresco di rinnovo, lanciare parole social e piene d’amore ai suoi tifosi: «Sono molto contento di essere qui e di restarci così a lungo. Mando un forte abbraccio a tutti i tifosi nerazzurri. Forza Inter!». E i tre magazzinieri? Neanche un accenno, un saluto, una nota a piè di sito. Qualcosa. La vera domanda comunque è un’altra: perché l’Inter ha dovuto licenziare tre costosissimi magazzinieri?

Questione di bilanci, per l’esattezza carenza di liquidità. La Cgil, che non ha preso benissimo questa scelta, ha sollecitato il club a rivedere la decisione, «considerando che la somma dei tre stipendi costituisce una minima frazione dello stipendio medio che l’Inter paga ai giocatori e che il club ha sempre promosso valori come l’uguaglianza e la fratellanza». Certo, almeno a colpi di hashtag!

#buu (brothers universally united)

Almeno la stampa italiana, su questa vicenda, si è mossa. Prima Calcio e Finanza, poi la Stampa e il Giornale, dove Gianni Visnadi ha scritto che «di certo è più grande il danno d’immagine che non il taglio dei costi». Alessandro F. Giudice, che avremo l’onore di ritrovare a GEM Sport, ha scritto sul Corriere dello Sport-Stadio, commentando il ritorno in pompa magna di Zhang, che ha smentito le malelingue sulla gestione del club al fondo arabo, che è «legittimo chiedersi quale sia il progetto [dell’Inter, ndr]», passata in brevissimo tempo dall’espansione nel mercato asiatico e dall’acquisto di grandi giocatori (Lukaku, Hakimi) e allenatori (Conte), al licenziamento di tre magazzinieri per far tornare i conti in bilancio. Ma Lautaro ha rinnovato. Quasi tutti felici e contenti.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il calcio in Cina è pura propaganda?
Calcio
Eduardo Accorroni
09 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Lo strano caso del dottor Luciano e del mister Spalletti
Calcio
Lorenzo Santucci
01 Giugno 2019

Lo strano caso del dottor Luciano e del mister Spalletti

L'addio di Spalletti è da imputare a Spalletti stesso.
Morto uno stadio se ne fa un altro
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Può un Conte uccidere Madama?
Calcio
Gianluca Palamidessi
31 Maggio 2019

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Un derby che viene dal futuro
Papelitos
Federico Brasile
08 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.