Carrello vuoto
Papelitos
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Valerio Santori

23 articoli
Sta tornando la Juventus di Allegri?

«Vi ricordo che quando sono arrivato alla Juventus e si è giocata la prima partita di Champions c’era gente che era bianca come questo pallone! Perché aveva paura di giocà col Malmö! Quindi non ne voglio più parlare. E ripeto: se andiamo fuori non è fallimento. Poi scrivete cosa vi pare». Così un inferocito Max Allegri se la prendeva con l’intera stampa italiana il 9 marzo del 2019, poco prima della clamorosa rimonta agli ottavi di finale contro l’Atletico Madrid. E su quella prima uscita europea a Malmö del 2014 è ritornato anche nella conferenza alla vigilia della nuova partita con gli svedesi, vinta ieri sera:

«Sono situazioni diverse, all’epoca avevamo cominciato bene, anche se si respirava un’aria negativa per le precedenti eliminazioni dalla Champions. Adesso invece veniamo da un inizio disastroso e dobbiamo mettere subito le basi per affrontare il girone nel migliore dei modi».

Max Allegri, 13.09.2021

Poi sono tornati i suoi  cavalli di battaglia – e la metafora ippica ovviamente non può essere casuale -, per cercare di ridonare serenità a un ambiente scosso da un inizio di stagione da incubo. Equilibrio: «Come dico sempre, nel calcio non si può né sempre vincere né sempre perdere», accortezza: «Dobbiamo crescere velocemente nelle malizie, nelle gestione dei momenti. Faccio un esempio: Rabiot dà per scontato che Szczesny blocchi il tiro di Insegne e resta fermo, così Politano gli prende il tempo. E se Bernardeschi si fa far fallo invece di farsi rubare la palla, il tiro di Insigne proprio non arriva», fino alla strigliata: «I giovani non sono più giovani, devono darsi una svegliata».

A giudicare dallo svolgimento della prima partita europea del suo nuovo corso alla Juventus, tutti i messaggi sono arrivati chiaramente: ieri sera la Juve si è ritrovata a condurre per 3-0 già alla fine del primo tempo, mostrando una solidità e un’organizzazione incredibilmente mancate nelle prime tre di campionato. I gol segnati, poi, non sono sembrati causali: il primo di Alex Sandro ha premiato la scelta tattica di Allegri di utilizzare Rabiot come finto esterno sinistro, in realtà pronto ad accentrarsi per lasciare spazio al brasiliano. Il francese è ancora un “cavallo senza fantino” per Alessandro Barbano del Corriere dello Sport, metafora ippica seguita a quella dell’appassionato Allegri nel post-partita: «Rabiot non sa neanche lui le potenzialità che ha, quando strappa ti porta via». Il rigore di Dybala, poi, è sembrato il preludio delle pressioni che l’argentino dovrà vincere nel corso dell’anno ora che senza Ronaldo è diventato l’uomo fondamentale della squadra, ieri addirittura con la fascia al braccio. Infine, il timbro di Morata ha ricordato la sua decisiva marcatura in Manchester City-Juventus del 15 settembre 2015, che terminò 1-2 proprio in un momento (questo sì) molto simile all’attuale per i bianconeri: dopo un punto in tre gare di campionato, prima della celebre rimonta con 15 vittorie consecutive post-Sassuolo.

Se è vero che «pensare al campionato recuperato dallo sprofondo nel 2016 sarebbe una follia», perché questa volta «ci sono almeno cinque aspiranti legittime allo scudetto, e pensare che crollino tutte assieme è eresia», come ha evidenziato Fabio Licari sulla Gazzetta, va comunque notato come la vittoria in terra svedese sia stata anche «una prima dimostrazione di forza», secondo Mario Sconcerti: «la forza di rispettare un pronostico». Per l’ex-direttore del Corriere dello Sport comunque «Malmö è una risposta al presente, non al futuro». E la Juve resta una squadra con molte mancanze, «a partire da chi porta avanti il gioco e lo rifinisca nella costruzione».

«Ubbidiente, ordinata nelle tre linee», la Juve di coppa è sembrata per ora solo la manifestazione in campo di quell’accortezza che Allegri ha richiesto pedissequamente ai suoi per uscire dallo smarrimento, e che ha mostrato lo stesso mister nel restare praticamente in silenzio durante tutto il primo tempo, come notato da Emanuele Gamba su Repubblica:

«Allegri, che se n’era rimasto molto tranquillo nel primo tempo, solo nel secondo ha preso a rimproverare i suoi anche con qualche urlaccio (indirizzato in prevalenza ai centrocampisti), come se prima non avesse voluto mettere agitazione alla squadra che un passo dopo l’altro stava uscendo dal tunnel».

Emanuele Gamba, Repubblica 15.9.2021

D’altronde per il tecnico livornese il calcio è semplice, certo, ma solo in apparenza. Sa benissimo che certe dinamiche mentali rischiano di minare la fiducia di una squadra e dei suoi singoli, compromettendo il nuovo corso juventino. Quando nel post-partita gli hanno chiesto di dire qualcosa sulla prestazione dei suoi attaccanti, allora, ha preferito rispondere che «Szczesny ha giocato bene»: accortezza, ancora una volta, ma chissà se basterà a rimettere in piedi un campionato che già domenica, contro il Milan, rischia di sprofondare ancora più in basso.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Interviste
Luigi Fattore
16 Giugno

Contro il procuratorismo

Claudio Pasqualin ci parla senza peli sulla lingua e senza retorica. E forse anche con un filino di nostalgia per il calcio di vent'anni fa, auspicando che in qualche modo se ne possano recuperare i valori.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Calcio
Gianluigi Sottile
18 Febbraio

Giorgio Chiellini è la Juventus

Il rientro del capitano è cruciale per i bianconeri.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Papelitos
Leonardo Aresi
20 Aprile

Letteratura Camp Nou

Come gli antieroi bianconeri hanno partecipato alla canzone blaugrana.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Calcio
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Calcio
Luigi Fattore
3 Giugno

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Calcio
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Calcio
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Calcio
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Ritratti
Maurizio Fierro
17 Gennaio

Giovanni Borghi, cuore e testa di Varese

Il Presidentissimo, simbolo di un'altro calcio e di un'altra imprenditoria.
Calcio
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.