Calcio
04 Dicembre 2022

Godersi Messi al di là di Maradona

Se anche l'elogio del mito diventa motivo di dibattito (social).

Non è vero che il mondo si distingue in buoni e cattivi. Chi tifa Argentina non è migliore di chi tifa Brasile o Portogallo, anche se è bello e giusto che il tifoso argentino, brasiliano o portoghese di turno si convinca del contrario. È sano che il tifo per il proprio club e la propria nazionale/nazione valichi i limiti del buonsenso e sfugga alle normali leggi del vivere quotidiano, sfociando spesso e volentieri in dogmatiche e arbitrarie prese di posizione – tutte volte chiaramente all’esaltazione del proprio feudo. Meno sano è che il tifo, per noia, frustrazione o egocentrismo, sfoci sul versante del generico dibattito calcistico.

Prendete la dicotomia Ronaldo/Messi, che è la riproposizione in epoca social – si salvi chi può! – di quella targata Pelé/Maradona. Certo, se ne può e se ne deve discutere: magari però con serenità e allegria, senza quell’esasperazione che poi si riverbera sulle telecronache teoricamente istituzionali di fu mamma Rai. La nostra domanda, destinata come altre a cadere nel vuoto, è se sia possibile godersi Lionel Messi a prescindere dai paragoni, dalle elezioni messianiche e da una narrazione incapace di creare miti ma sempre pronta ad aprire la scatola del mistero con numeri e percentuali, eventualmente rompendola.

Quello che stai leggendo è un contenuto esclusivo per gli abbonati alla newsletter. Oggi abbiamo deciso di caricarlo integralmente sul sito, anche per i non iscritti. Sfrutta questo assist à la Messi e iscriviti subito al nostro gazzettino domenicale!


Nei confronti del mito, per principio, non bisognerebbe mai imbastire tabelle di comparazione – specialmente di natura statistica, vade retro! Lionel Messi è un mito vivente, e noi viviamo nella stessa epoca di questo mito. Tanto ci basta per essere felici, persino estasiati. Come quando ieri contro l’Australia il 10 è partito dalla propria metà campo, ne ha saltati un paio e poi ha rischiato di farci piangere per la troppa emozione. Subito Adani ha citato Diego Armando Maradona, che dal cielo scruterebbe ogni singola mossa della Pulce. Non c’è bisogno di paragoni, i paragoni sono come i toscani per il nostro paese: hanno rovinato questo sport. E infatti Luigi Garlando su Gazzetta stamattina come volete che abbia parlato dello scintillio goduto iersera? «Naturalmente è Maradona che Leo vuole agganciare: regalare il mondo al suo popolo, come fece lui nell’86. Per rendersi degno di Diego, nel secondo tempo, è partito in dribbling e ha dribblato mezza Australia, come fossero inglesi» (corsivo nostro).

Davvero, siamo stanchi di questo giornalismo social, sempre teso non al di-battito ma al click-bait, non alla discussione da bar, sana e purificante, ma alla chiacchiera da Bobo-TV, presuntuosa, egocentrica ed elettorale. Sì, c’è questa puzza da clima elettorale quando si parla di Messi (e Maradona): ma non ce la fate a godervi l’atto? Perché per una volta non provate a dimenticare l’azione? Pure da morti, direbbe CB, dovete fare i cittadini! «Perché anche se non ha segnato il gol del secolo, vuole essere lui quello che conduce per mano una squadra ‘normale’ sul tetto del mondo», scrive Arianna Ravelli sul CorSera. È questo, padre Nietzsche, l’eterno ritorno dell’uguale?

Per fortuna c’è chi, uscendo dallo Stivale, ha esaltato la poesia in movimento del 10 albiceleste senza cadere in facili e grigi paragoni: «Forse non è stato il Messi più brillante visto in Nazionale, […] ma è stata la sua partita più intelligente di sempre. Meglio: la più saggia», ha scritto Juan Manuel Trenado su La Nacion. Ecco, ieri Messi ha aggiunto questo al suo infinito repertorio futbolistico: la saggezza. Forse galvanizzato dal suo primo gol di sempre nella fase finale di un mondiale, ha compreso con enorme lucidità cosa servisse ai suoi compagni di squadra. Ieri Messi in campo sembrava un re saggio, eroico ed epico, più Aragorn che Elrond, più Solone che Agamennone. In una parola: ieri Messi è davvero diventato leader. Per ora, a noi basta sapere che scalando di una ventina di metri sulla linea di metà campo la sua carriera potrebbe allungarsi per altri quattro o cinque anni. In fondo, come i bimbi in cortile durante la ricreazione, il nostro sogno è che la campanella non suoni mai.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Emiliano Martinez è Argentina pura
Ritratti
Raffaele Scarpellini
02 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Come mangiarsi l’Asado
Calcio
Vito Alberto Amendolara
03 Luglio 2019

Come mangiarsi l’Asado

Semifinale senza storia. Brasile superiore, Argentina in crisi d'identità.
La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali
Calcio
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Papa Francesco non poteva che tifare San Lorenzo
Calcio
Giacomo Proia
07 Giugno 2020

Papa Francesco non poteva che tifare San Lorenzo

L'azzurro e il rosso, la Vergine Maria Ausiliatrice, il calcio e il cattolicesimo.
L’eterno ritorno
Papelitos
Gianluca Palamidessi
06 Ottobre 2017

L’eterno ritorno

Argentina e Perù, di fronte ancora una volta.