Papelitos
13 Aprile 2018

Miss Sarajevo

Il calcio porta speranze in una terra falcidiata dal genocidio. Memorie.

Primo marzo 1992, un aspirante Stato, che canta a Occidente e sogna a La Mecca, è costretto a combattere per cucire la propria bandiera. La Bosnia Erzegovina è odiata dai fratelli slavi e croati poiché sostenitrice tra Balcani di un’alba nuova. Il conflitto dura più di tre anni, miete oltre centomila vittime, dissangua Sarajevo e tutto circondario. Guerra funzionale alle super potenze mondiali, che per senso di pietas, portano la pace nell’accordo di Dayton, in Ohio.

Gli orrori del genocidio bosniaco

Novembre 1995, USA e Germania i cerimonieri, Richard Shepard nella pellicola The Hunting Party, il narratore che diffonde la verità sugli eventi. 6 novembre 1996, a Sarajevo si cammina ancora sulle macerie, il ronzio sordo delle bombe tormenta gli slanci di poesia. Ma come cantano gli U2 e Pavarotti in Miss Sarajevo, «C’è un tempo per correre al riparo, c’è un tempo per baciare, c’è un tempo per colori diversi»: sono quelli strabilianti dello Stadio Kosevo, teatro di una festa calcistica, l’amichevole tra Bosnia-Italia.

 

Il resoconto dell’amichevole di Sarajevo

 

È ora di pranzo, la nazionale di casa ha un fascino illuminante, come le giovani donne dipinte da Mersad Barber. Hasan Salihamidzić ed Elvir Bolić, dopo aver vestito i panni di calciatori combattenti, regalano un ideale storico alle anime bosniache:

«Se possiamo battere i vicecampioni del mondo per 2-1, i migliori talenti d’Europa, immaginate che risultati incredibili possiamo raggiungere uniti in democrazia». Il poeta Izet Sarajlić sposava i gesti stoici dei due calciatori, e invitava i giovani conterranei a non avere fretta, cantando così:

«La poesia sono le disfatte.

Alla fine vi hanno aspettato, forse, davvero le rose,

ma per molto tempo – a destra e a sinistra – ci sono le spine».

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Ernesto Chevanton, senza padroni
Ritratti
Annibale Gagliani
18 Novembre 2022

Ernesto Chevanton, senza padroni

Un amore inciso anche sui muri di Lecce.
Baschirotto, ovunque proteggici
Italia
Annibale Gagliani
02 Settembre 2022

Baschirotto, ovunque proteggici

Il ruolo dello stopper è tornato.
La partita a Scopone sul tetto del mondo
Calcio
Annibale Gagliani
12 Luglio 2022

La partita a Scopone sul tetto del mondo

Pertini, Bearzot, Zoff, Causio: la storia d'Italia in una foto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato
Papelitos
Gianluca Palamidessi
11 Novembre 2020

UEFA Nations League, l’inutilità delle Nazionali al quadrato

Era proprio necessaria la pausa delle Nazionali?
Il Bar Sport è l’Italia
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Paolo Rossi vuol dire Italia
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre 2018

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Il rugby in Italia parla veneto
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre 2020

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Ritorno al futuro
Altri Sport
Matteo Fontana
22 Gennaio 2019

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.