Carrello vuoto
Papelitos
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Matteo D'Argenio

9 articoli
Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.

Claudio Ranieri non c’è più e per noi italiani questa è una macchia, un’onta che ci ha trasformato in semplici spettatori di quella che l’anno scorso è stata la seconda squadra del cuore un po’ per tutti. Eppure dobbiamo scindere la nostra italianità – e il clamore dell’impresa – da quello che rappresenta ad oggi il Leicester in Champions League, soprattutto ora che il quadro delle otto più forti d’Europa si è delineato.

 

17358702_1521340607912396_6033681536875261678_o
Le otto pretendenti alla coppa dalle grandi orecchie

Quindi perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League?

Per dimostrare che il calcio inglese è da sempre uno dei più efficaci ed entusiasmanti, quello dei padri fondatori, non adatto a tutti i palati ma capace in patria di riunire donne, anziani e bambini. Il fallimento recente delle inglesi in Europa è legato proprio a questa globalizzazione sportiva sfrenata, nella quale a comandare sono i procuratori e le sperimentazioni tattiche si trasformano in vere e proprie contaminazioni culturali, poi velenose. Il Manchester City arabo, con allenatore catalano fondamentalista, viene buttato fuori dal piccolo Monaco pieno di giovani francesi scalmanati (Bakayoko, Mendy, Lemar, Mbappé), che non a caso occupa la testa della Ligue 1 davanti al Psg, finanziato dagli sceicchi e prigioniero di giocatori strapagati e inspiegabilmente incedibili. L’Arsenal degli americani, con questo eterno approccio da bohemien, fa una figuraccia clamorosa, mentre i cugini del Tottenham perdono ogni anno contro chiunque.

Il Leicester invece contro il Siviglia decide di impostare la partita su muscoli, lanci lunghi, seconde palle e vince con merito contro una squadra troppo sofisticata e spericolata per reggere una stagione sempre al massimo del rendimento. A questo punto ci si chiede cosa potrebbe accadere se le foxes incontrassero ad esempio il Barcellona; forse la risposta è semplice, o forse no.

17349806_1520335454679578_468699914901549822_o
La sincera e ingenua passione dei tifosi delle Foxes è rimasta la stessa

Un Monaco farcito di giovani francesi, un Bayern quadrato e tutto spinta sulle fasce (alla tedesca), una Juventus catenacciara ma efficace, un Barcellona scuola catalana e un Madrid tipicamente spagnolo (tecnico, noioso, ma vincente). Chi rispetta la propria identità va avanti ed è proprio per questo che Il Leicester dovrebbe vincere la competizione, per salvare l’identità calcistica inglese, così amata da risultare inflazionata e diventare altro, diventare di altri. La storia ci dice che le ultime due inglesi ad aver vinto in Champions erano, seppur in maniera diversa, espressione di un calcio ben lontano dal tiqui-taca, dalle sperimentazioni e dai calciatori comprati a grappolo in base al proprio procuratore. Il Manchester United della stagione 07/08 con il suo tipico 4-4-2 riassumeva al meglio l’essenza del football: spettacolarità non nella forma ma nei contenuti, e soprattutto un agonismo che immancabilmente si percepiva nei momenti chiave, grazie ad una rosa con più di 20 calciatori britannici. Non a caso i Red Devils erano guidati dall’uomo che meglio di chiunque altro ha rappresentato il calcio nel Regno Unito: Sir Alex Ferguson.

2893847.main_image
Alex Ferguson alza al cielo la sua seconda Champions League

Non cambia il risultato quando a guidare una grande d’Inghilterra c’è invece un giovane allenatore italiano come Roberto Di Matteo, cresciuto nel Regno Unito e stabilitosi lì sin dal 1996. Arrivato al Chelsea per sostituire il precisino e nobile Villas Boas, Roberto si ritrovò una squadra senza più grandi sogni, che però ebbe bisogno di pochi piccoli accorgimenti per vincere la Champions League a casa dell’invincibile Bayern Monaco. Principalmente Di Matteo decise che Il suo Chelsea doveva difendersi meglio, giocare più verticale – mettendo ad esempio Ramires sulla fascia sinistra (senza piede invertito) – e sfruttare ogni possibile contropiede. Un esempio lampante è il gol di Drogba nella semifinale contro il Barcellona. Nessun tiqui-taca ma un triangolo che porta dalla metà campo al gol in pochissimi secondi. Il calcio inglese è rimasto tale finché qualcuno non ha cercato di eliminare le vecchie abitudini della classe operaia britannica che appartenevano anche al calcio professionistico, fatto di diete completamente sbagliate (per uno sportivo) e di giorni di pausa dove dedicarsi non più al campo ma al pub e alla bottiglia. Impossibile vincere questa lotta di classe, o quantomeno uscirne indenni. Salviamo il calcio inglese, God save the Premier League.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Tifosi
Alessandro Imperiali
12 Ottobre

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Storie
Maurizio Fierro
16 Maggio

Martelli contro Leoni

Una delle rivalità più note del football, iniziata quando portuali e operai se le suonarono di santa ragione.
Calcio
Luca Giannelli
6 Novembre

La solitudine di José Mourinho

Il mito portoghese del superuomo nasce dalla geografia di un Paese stretto tra la Spagna e l'Oceano Atlantico. Ascesa e declino dello "special one".
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Gennaro Malgieri
22 Novembre

In campo per la rivoluzione

La campagna contro la città, il popolo contro le èlites. Un giro per l'Europa passando in rassegna le sorprese (e le speranze) all'attacco dei centri del potere.
Storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Calcio
Lorenzo Solombrino
10 Dicembre

Malaga, sedotto e indebitato

Quando finisce l'amore, rimangono solo i debiti.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
12 Maggio

Robin contro Van Persie

Una carriera contraddittoria ma circolare, divisa tra estetica e ambizione.
Recensioni
Gianluca Losito
26 Aprile

Sunderland ‘Til I Die

La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile

Sadio Mané come modello di integrazione

Conservare Dio e le radici. Ignorare i media. Vincere.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Altro
Cristian Lovisetto
26 Febbraio

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Calcio
Matteo Albanese
15 Febbraio

Östersunds FK, nel segno delle Foxes

La favola del calcio svedese è pronta a sfidare l'Arsenal.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Calcio
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Calcio
Diego Mariottini
20 Ottobre

Il caos calmo di Claudio Ranieri

Compie 70 anni un uomo innamorato del calcio (e della vita).
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Calcio
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
Calcio
Lorenzo Solombrino
12 Settembre

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Calcio
Matteo D'Argenio
22 Febbraio

Rivoluzione conservatrice

Un pressing per sovvertire le gerarchie, capitolo 1: l'ascesa di Mauricio Pochettino.
Tifosi
Alessandro Imperiali
25 Settembre

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Storie
Alberto Fabbri
12 Aprile

Che fine ha fatto l’Arsenal?

7 Maggio 2006, addio ad Highbury: quel giorno è morto l'Arsenal.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Calcio
Luca Pulsoni
30 Giugno

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Calcio
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Ritratti
Ignazio Campanella
26 Luglio

Il fu Aljaksandr Hleb

Una carriera sbagliata: così si può riassumere la parabola calcistica di Aljaksandr Hleb.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?