Carrello vuoto
Calcio
31 Maggio

L’incognita Scaloni e i sogni dell’Argentina

Sui limiti e le speranze dell'Albiceleste, pronta alla Copa America 2019.

Li avevamo lasciati a Kazan, stesi dalla velocità supersonica di Mbappè. Li avevamo lasciati con il loro capitano, il giocatore più forte del mondo, con il capo chino e lo sguardo perso nell’ennesimo sogno infranto, la maledizione costante di una carriera straripante, ma priva della benedizione più sacra di questo sport. Lionel Messi come un personaggio di Soriano: triste, solitario y final.

 

Una debacle, quella russa, che aveva lasciato la consapevolezza della fine di un ciclo, un binario morto che avrebbe portato a una rivoluzione intestina sofferta quanto necessaria. L’intera spedizione era stata un fallimento gestionale e mediatico di proporzioni galattiche, con uno spogliatoio dittatoriale che avrebbe chiesto la testa del pur colpevole Sampaoli addirittura durante la manifestazione. Una polveriera che avrebbe meritato un repulisti dalle fondamenta, a partire da quel vertice federale, il presidente Claudio Tapia, mai eletto ma imposto dal presidente argentino Macri.

 

Scaloni a colloquio coi suoi durante l’ultimo allenamento (foto Marcelo Endelli/Getty Images)

 

Una vicenda sin troppo sudamericana nel momento più inadatto della gloriosa storia del calcio argentino, in cui la morte del gran visir Julio Grondona, cresciuto sotto la guida di Havelange, presidente della AFA ininterrottamente dal 1979 al 2014, aveva lasciato dietro di sé solo le ceneri del nulla. Eppure Claudio Tapia è ancora il vertice del calcio argentino, nonostante sotto la sua guida si siano avvicendati 4 allenatori in 4 anni e un boicottaggio da parte dei calciatori, in occasione delle Olimpiadi brasiliane, che forzarono alle dimissioni il Tata Martino.

 

Oggi, un anno dopo il fallimento mondiale, la facciata è stata restaurata ma la sostanza non è mutata, il volto rassicurante di un uomo amato come Cesar Luis Menotti, nel ruolo di direttore tecnico delle nazionali argentine, il perfetto parafulmine per il presidente. Esonerato repentinamente Sampaoli, la panchina affidata all’esordiente Scaloni doveva essere una parentesi passeggera nell’attesa di un profilo adatto alla sfida di riportare il Sol de Mayo sul tetto del mondo. L’incapacità gestionale e la mancanza di alternative valide, molto più che i risultati, tutt’altro che soddisfacenti, hanno rinsaldato la panchina dell’ex Atalantino sotto la falsa ventata di rinnovamento del calcio albiceleste. Scaloni guiderà l’Argentina alla prossima edizione della Copa America in Brasile.

 

Valzer di idee tattiche: Ozorio, Paraguay, Tabarez, Uruguay, Scaloni e Tite, Brasile (foto Buda Mendes / Getty Images)

 

A vederli entrare insieme nella sala conferenza del magnifico centro sportivo di Ezeiza, Scaloni e Menotti, sembra, con maliziosa intenzione, far intendere che il primo sia il braccio, il secondo la mente della nuova Seleccion. Ad ogni modo sarà proprio sulle spalle di Scaloni che ricadrà il peso delle scelte più attese da un decennio a questa parte per la albiceleste. Ci si aspettava una selezione giovane e fresca, dopo la fine di un ciclo fortissimo ma perdente, e Scaloni non ha deluso le attese. In Brasile, nella prossima Copa America, scenderanno in campo solo 9 dei 23 protagonisti di Russia 2018, molti dei quali non hanno mai fatto parte delle rotazioni finora proposte da Scaloni.

 

L’imprescindibile Pulga ritrova il Kun come compagno di stanza, autore di una stagione superlativa a Manchester e finalmente rientrato in gruppo per l’atto decisivo, così come Di Maria. Il quarto moschettiere delle superstar sarà la Joya Dybala, che ora non potrà più nascondersi sotto l’ala di altri leader, ma dovrà diventare lui stesso trascinatore di una squadra che ha bisogno della sua esplosione definitiva. Convince la scelta di preferire il prossimo finalista di Champions Foyth, giovane di grande prospettiva, al posto dell’attempato Mercado, la freschezza di Mati Suarez e Lautaro Martinez in attacco, entrambi pronti a inaugurare la loro prima grande competizione internazionale.

 

Scaloni a fianco di Menotti

 

La linea a 4 difensiva, puntellata dall’esperienza di Otamendi, Funes Mori e Pezzella, premia la duttilità sulle corsie di Tagliafico e di Milton Casco, vero colpo di coda della lista di Scaloni. Se tra i pali la solidità di Armani e il talento di Andrada, assicurano il reparto più completo, è probabilmente il cuore del campo a destare sospetto e curiosità. Da Leandro Paredes ci si aspetta la consacrazione definitiva come volante di livello mondiale, Lo Celso rappresenta il genio squilibrante mentre Roberto Pereyra la solidità necessaria. La stagione fantasmagorica di De Paul non poteva essere ignorata, ma la collocazione nello scacchiere tattico del giocatore dell’Udinese resta un rebus che potrebbe costringerlo a iniziare la manifestazione indietro nelle gerarchie.Guido Rodriguez e Palacios dovrebbero rappresentare gli elementi equilibratori di un centrocampo che sembra troppo improvvisato per essere credibile.

 

Se è sempre difficile stilare le liste dei 23 è anche vero che in questo caso Scaloni è stato aiutato dalla scarsa vena dei contendenti nel momento decisivo. Il folle cortocircuito invernale di Icardi ha di fatto tolto l’interista dai radar del selezionatore, che pure aveva dimostrato grande fiducia in Maurito. Qualche rammarico dalle parti della Boca si è levato, non vedendo né Zarate, né Benedetto indossare una maglia ricaduta sull’altra sponda della città, sulle spalle di un Suarez che la carta d’identità premia come prospetto. I due Correa, Angelito e il Tucu, se avessero avuto più continuità avrebbero forse potuto sperare in una telefonata, mentre il Papu sembra aver perso ormai il treno albiceleste. Tutto sommato, come la storia insegna, anche questa volta l’Argentina si presenta ai nastri della competizione per nazionali più antica al mondo con una squadra competitiva.

 

 

Altro giro, altra corsa

 

 

La differenza è che per la prima volta dopo tanti anni non si sa cosa aspettarsi da un gruppo praticamente esordiente, che lascerà il favore dei pronostici ai rivali verdeoro e atterrerà in Brasile con l’obiettivo fondamentale di riavvicinare il popolo argentino al suo più grande amore e gettare le basi, di gioco e di uomini, per poter forgiare un ciclo credibile con destinazione Qatar 2022. E chissà che non sia proprio questo scarico di responsabilità la pozione magica per superare i limiti delle ultime manifestazioni. D’altronde l’Ajax ha insegnato al mondo che idee, spensieratezza ed entusiasmo a volte possono anche sovvertire i pronostici più avversi. Tagliafico ne sa qualcosa, chissà che non lo racconti anche a Messi questa estate.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Ritratti
Marco Armocida
2 Maggio 2021

Junior Messias è uno spirito libero

Il brasiliano gioca un calcio in via d'estinzione.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Marzo 2021

Certe giocate ti rimettono al mondo

De Paul, Lautaro, Lamela: semplicemente grazie.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2021

Non c’è nessun passaggio di consegne

Mbappé e Haaland sono incredibili, ma Messi e Ronaldo sono un'altra cosa.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Papelitos
Alberto Fabbri
3 Febbraio 2021

Chi si stupisce dell’ingaggio di Messi si è svegliato tardi

Trovare un colpevole per non considerare il quadro della situazione.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Storie
Pablo Malevic
20 Gennaio 2021

Garrincha viveva per il dribbling

Abbasso la scienza, viva la fantasia!
Calcio
Simone Galeotti
14 Gennaio 2021

Palmeiras è sapore italiano

Palestra Italia è in finale di Copa Libertadores.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Interviste
Annibale Gagliani
27 Novembre 2020

Fabio Cordella ai confini del mondo

Intervista a un Odisseo nel calcio, primo DS italiano in Brasile.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Calcio
Alberto Maresca
16 Novembre 2020

Mircea Lucescu e la libertà dagli schemi

Come la cultura rom ha plasmato l'allenatore.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2020

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
7 Luglio 2020

Bolsonaro condanna il Brasile e il suo calcio

La ripresa del campionato statale di Rio è solo l'ultimo folle provvedimento presidenziale.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2020

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Calcio
Giacomo Proia
7 Giugno 2020

Papa Francesco non poteva che tifare San Lorenzo

L'azzurro e il rosso, la Vergine Maria Ausiliatrice, il calcio e il cattolicesimo.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.