Carrello vuoto
Critica
19 Dicembre

Daniele Adani, il Conte Mascetti del XXI Secolo

Pippo Russo

24 articoli
La supercazzola è un'arte, e il giornalismo sportivo italiano sembra padroneggiarla senza problemi.

Qual è la più gigantesca supercazzola che avete udito in vita vostra? Ecco un bell’interrogativo sul quale si potrebbe impostare un vasto programma di storia orale d’Italia. Perché ciascuno potrà raccontare la propria. Do il mio contributo esponendo quella che mi capitò di udire una decina di anni fa, e che è destinata a rimanere ineguagliata. Accadde nel corso di uno scambio d’opinioni in ambito accademico, quando un illustre docente si sentì rivolgere una domanda insidiosa. E mostrando una classe superiore scansò la trappola usando il più infallibile strumento di disarmo dell’avversario: la supercazzola, appunto. Ricordo perfettamente la maestria con cui parò il colpo e convertì a proprio vantaggio il pericolo:

Comprendo la sua domanda, ma credo che sia basata su un paradigma sbagliato. E invece noi avremmo bisogno di passare dal paradigma al modello.

Lessi negli sguardi dei presenti lo stupore di chi si veda indicare una via inattesa, la scoperta d’un pensiero laterale che finalmente consente d’aggirare il muro contro cui ci si sta consumando la capoccia. E pazienza se dire “passiamo dal paradigma al modello, in termini di significato, equivalga più o meno a “sbirigudi frontazzi della pusillanima dote”. E non azzardatevi a dire che?, perché andreste a guadagnarvi pure lo sberleffo.

 

E scusate se stavolta la sto prendendo così alla larga, ma il fatto è che l’ultima performance di Daniele Word Cloud Adani mi ha aperto gli occhi. Una rivelazione. Credevo di osservare soltanto un commentatore calcistico che si esprime con la chiarezza d’una pagina in braille, e invece no: avevo davanti a me il Conte Mascetti del Ventunesimo Secolo e non me n’ero reso conto. Per arrivarci – colpa della mia tardività di comprendonio, of course – è stato necessario che il Word Cloud di Sky Sport dicesse qualcosa di molto simile al passaggio dal paradigma al modello. È successo sabato 16 dicembre, nel pre-partita di Torino-Napoli. Lì Adani, mentre commentava alcune azioni condotte contro la Fiorentina dalla squadra di Maurizio Sarri, ha detto ciò che segue rivolgendosi a Marco Cattaneo e Massimo Ambrosini:

(…) e questo sta a dimostrare, Ambro, che il Napoli, nel primo tempo ha trovato delle difficoltà, però poi, dato che il Napoli, Marco, è una squadra che come sappiamo allena i princìpi, al di là dei concetti, proprio va su i princìpi, e fa leggere e interpretare ai giocatori, il momento su… su dove giocare meglio, allora vediamo nel secondo tempo, che questa uscita a destra, vengono fatte meglio (…).

Non invento nulla. Potete udirlo con le vostre orecchie, questo passaggio in cui si parla di “allenare i princìpi al di là dei concetti”. Roba che il passaggio da paradigma a modello è acqua fresca. E vi prego di fare attenzione allo sguardo annichilito di Marco Cattaneo, simile a quello di chi ascolti un brano musicale che recita frasi sataniste con parole scritte al contrario. Pare proprio sul punto di urlare al Word Cloud: “Esci da questo corpo!“.

 

Prematurata… a destra

 

Chi non ha bisogno di supercazzole è il vate assoluto del giornalismo sportivo italiano, Antonio Giordano del Corriere dello Sport-Stadio. Che nell’edizione del 15 dicembre ha introdotto così l’intervista con l’attaccante del Napoli, José María Callejón:

Laggiù, fin dove arriva lo sguardo,oltre la linea dei difensori e forse persino al di là dell’orizzonte, c’è un’estate in cui tuffarsi dentro, “selvaggiamente” o anche “amabilmente”, come farebbe una furia rossa, solitamente vestito da “principe azzurro” (…).

Ci sarà da perdersi in notti interminabili,in sfide vibranti, in un corsa folle per sfidare i “nemici” e prendersi in spalla il destino, ci vorrebbe un fisico bestiale, da incredibile Hulk, per ribaltare questo microcosmo nel quale Callejon sa sopravvivere a modo suo, evitando d’indietreggiare, attaccando nella penombra, tenendosi defilato a destra e però scivolando in qualsiasi altra terra da conquistare (…). La fascia è il suo dominio, su e giù come un marziano incapace di frenare, e con quella faccia da bravo ragazzo, mai una cifra al di sopra delle righe, in cinque anni è stato capace di intrufolarsi ovunque, persino su un trono che sembrava improponibile per lui: 52 gol, uno in più di Luisito Suarez, una Leggenda di questo Universo, come un attaccante vero (e Callejon sa esserlo), come un tornante moderno (e Callejon lo è), come un esemplare persino raro (e Callejon all’occorrenza difensore esterno, seconda punta, persino centravanti o esterno di sinistra lo è diventato sin dal giorno in cui Rafa Benitez ha scommesso su di lui), come un figliol prodigo (e Callejon tale ha scoperto d’essere pure per Sarri, ch non sa farne a meno quasi quanto una boccata di nicotina). Laggiù un robot può approdare….

 

Dopo tutto ciò, cosa volete che contino le parole di Callejon?

 

Ci sono i poeti maledetti, quelli che per distillare dall’anima il sublime artistico devono passare attraverso la dissoluzione esistenziale. E ci sono i poeti malefatti, quelli che ci mettono un quintale di verve cicisbea per scrivere direttamente in forma di biomassa. Dal produttore al compattatore. Appartiene alla seconda categoria Fabio Bianchi della Gazzetta dello Sport, che non riesce a raccontarvi una partita senza infarcirla di qualche penosissima cazzata. È stato così anche nell’edizione del 18 dicembre, allorché il poeta malefatto della rosea ha raccontato Bologna-Juventus. Fra le tante amenità c’era la seguente:

Risultato: senza grinta, né legge, né gioco, il Bologna si scioglie come una groupie davanti a Bruce Springsteen, o al frontman dei Maneskin se vogliamo essere moderni.

E se vogliamo pure essere precisi, a leggere i pezzi di Fabio Bianchi ci si scioglie come una groupie davanti a Toni Santagata.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Valerio Santori
8 Settembre 2021

Marcelo Bielsa, la banalità del mito

El Loco ha sempre ragione, a prescindere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Papelitos
Valerio Santori
29 Marzo 2021

La pornografia della Bobo TV

A noi, però, mancano le storie d'amore.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo 2021

Il Manifesto di Max

Massimiliano Allegri ci riconcilia con il calcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
12 Gennaio 2021

La triste parabola di Lele Adani

Da professore a pseudo-bomber il passo è breve.
Papelitos
Federico Brasile
26 Dicembre 2020

Fabio Caressa ci fa sentire migliori

Riabilitarlo è una battaglia di avanguardia, italianissima.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre 2020

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
2 Agosto 2020

Il Bomberismo è una piaga culturale e sociale

In ritardo di vent'anni i bomber non si arrendono.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio 2020

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Calcio
Antonio Aloi
29 Gennaio 2020

I difensori non sanno più marcare?

Come si è evoluto il ruolo del difensore negli anni tra cambiamenti tecnici, tattici e regolamentari.
Papelitos
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2019

È il vostro calcio ad incitare alla pirateria

Il patetico spot contro la pirateria tradisce l'ipocrisia di un sistema che ha dimenticato i tifosi, e se ne ricorda solo quando c'è da spennarli.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2019

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Critica
Pippo Russo
4 Aprile 2018

Ringraziate Sky per non farvi pagare ciò che non avete chiesto

Offerte da strapparsi i capelli e regali di Pasqua.
Critica
Pippo Russo
28 Febbraio 2018

Voi che sarete stati contemporanei di Daniele Adani

E ancora non ve ne rendete conto.
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Critica
Pippo Russo
2 Febbraio 2018

Ilaria D’Amico, la voce del padrone

Da Mario Sconcerti a Ilaria D'Amico: come il giornalismo sportivo non rappresenta più appassionati e tifosi.
Critica
Pippo Russo
23 Gennaio 2018

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Critica
Pippo Russo
13 Gennaio 2018

Scusi Caressa, chi ha fatto palo?

Dalla prosa poetica post-moderna di Tuttosport al solito Fabio Caressa nazionale.
Critica
Pippo Russo
10 Gennaio 2018

Il compagno Folagra ci indottrina via Sky Sport

La pausa invernale ha messo in crisi il giornalismo sportivo italiano.
Critica
Pippo Russo
27 Dicembre 2017

I panettoni sgonfiati e le supposte di saggezza

Panettoni, veline, amanti e polli: benvenuti alla Fiera dell'Est del giornalismo sportivo italiano.
Critica
Pippo Russo
22 Dicembre 2017

Andrea Della Valle e le pizza news

Non esistono fatti, ma solo interpretazioni (semi-cit).
Critica
Pippo Russo
16 Dicembre 2017

Gaia Piccardi e la teoria del digerire con l’intelletto

Balzano agli onori di Pallonate anche basket e ciclismo!
Critica
Pippo Russo
13 Dicembre 2017

Tutti a scuola di giornalismo da Billy Costacurta

Lanciamo un SOS per la Gazzetta dello Sport. Con tutto che a Sky non se la passano poi così bene...
Critica
Pippo Russo
8 Dicembre 2017

L’Originale, ovvero: il banale patinato di Sky Sport

Alla corte di Bonan non si scherza (in fatto di risate).
Critica
Pippo Russo
6 Dicembre 2017

Actors studio a Castel Volturno

Benvenuti alla Fiera dell'Est dell'italica narrazione sportiva.
Calcio
Luigi Fattore
30 Novembre 2017

Delirio da fantacalcio

La deriva fantacalcistica ci porta in un mondo distopico, in cui i numeri dettano la legge della mente e del cuore.
Critica
Pippo Russo
28 Novembre 2017

Le modestie sessuali di Luciano Moggi

Abbiamo imparato a conoscere per nostra (s)fortuna Antonio Giordano. Oggi parliamo anche di estetica del contemporaneo, tra “presenze femminili su sgabello” e seduttori che non t'aspetti.
Critica
Pippo Russo
24 Novembre 2017

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.
Critica
Pippo Russo
21 Novembre 2017

Fabio Caressa, il Re degli Ignoranti

Sky Sport continua a regalarci numeri da circo.
Critica
Pippo Russo
18 Novembre 2017

Portate Aldo Cazzullo (e il Corrierone) nel 2017

Il Corriere della Sera ha bisogno d'un viaggio nel tempo.
Critica
Pippo Russo
15 Novembre 2017

Pagherete caro, pagherete tutti

Il socialismo secondo Mario Sconcerti.
Critica
Pippo Russo
11 Novembre 2017

Gagliardini e Baselli, i meravigliosi

E' tornato Daniele Word Cloud Adani!
Critica
Pippo Russo
8 Novembre 2017

L’esercito dei bimbiminkia espugna la Gazzetta

Alla Rosea (e non solo) il post-moderno vive e lotta insieme a noi.
Critica
Pippo Russo
31 Ottobre 2017

L’intervistatore sponsor

Nuove frontiere del giornalismo in Gazzetta: l'intervistatore-sponsor.
Interviste
Luigi Fattore
22 Marzo 2017

Giornalismo adrenalinico

Riflessioni, aneddoti e consigli di Sebastiano Vernazza, giornalista della Gazzetta.
Interviste
Sebastiano Caputo
25 Novembre 2016

Una vita in tribuna stampa

Abbiamo parlato di calcio italiano e di narrazione sportiva con Alessandro Vocalelli, direttore del Corriere dello Sport e del Guerin Sportivo.