Carrello vuoto
Tifosi
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.

Le curva, lo sappiamo, non è solo il luogo di aggregazione per eccellenza ma anche un formidabile specchio della società. Così le turbolenze sociali, politiche ed economiche che la Jugoslavia stava attraversando a cavallo tra la fine degli anni ’80 e la fine degli ’90 sono perfettamente racchiuse in un documentario del 1991 girato dal giornalista Milan Mihajlovic. Il titolo, “Umesto Top Liste” (Al posto degli Highlights), chiarisce sin da subito l’intento del film, il cui proposito va ben oltre una semplice analisi di campo. Il cortometraggio in questione, girato dall’ormai scomparsa televisione jugoslava, è praticamente introvabile in lingua originale, ma va ai ragazzi di Offside community il merito di averlo presentato con i sottotitoli nella nostra lingua al loro ultimo festival.

Inizialmente il film può sembrare simile a qualsiasi altro servizio di “tv verità”, uno di quelli che miravano a ricostruire la situazione delle curve e del tifo, in Italia o in altri Paesi europei, verso la fine degli anni ’80. Probabilmente lo stesso Mihajlovic sviluppa il progetto in questa ottica, in chiave soprattutto critica, ma a distanza di trent’anni dalle guerre jugoslave ci fornisce una testimonianza diretta di ciò che erano i Balcani prima della disgregazione. Intervistare, coinvolgere e filmare i maggiori gruppi ultras dell’epoca, cioè Delije, Grobari, Bad Blue Boys e Torcida Split, significava, in quel momento, raffigurare la situazione politica del Paese.

Nella scena iniziale è subito presente il grande classico, la partita del Maksimir del 13 maggio 1990, considerata da molti come lo scoppio (o per meglio dire la miccia) della guerra.

Ciò che emerge dai minuti restanti però smentisce queste supposizioni poiché quanto accaduto a Zagabria sarebbe potuto avvenire al Marakana, al Poljud o a Grbavica. Il 13 maggio altro non fu che una grande trappola, in cui caddero sia i Delije sia i BBB. Nell’intervista prepartita al capo di quest’ultimi, soprannominato “Manjiac”, i ragazzi della Dinamo affermano chiaramente che in caso di sconfitta sarebbero entrati nella Nord. Tuttavia, il lavoro di Umesto Top Liste inizia circa due mesi prima della partita tra Stella Rossa e Dinamo Zagabria e termina con la finale di coppa di Jugoslavia tra Zvezda e Hajduk del 19 maggio 1990. In questo lasso di tempo, le riprese evidenziano la presenza, nelle tifoserie protagoniste, dei mali endemici della società jugoslava e la ricorrenza dei concetti chiave della storia balcanica, spesso stigmatizzati frettolosamente dagli occidentali ma raramente compresi.



Pensiamo al concetto di nazione. Christopher Cviic sosteneva che il comunismo non fosse riuscito a prevalere sul nazionalismo per un motivo ben preciso: la categoria politica principale della regione è sempre stata la nazione, non la classe, sin dai movimenti di liberazione nazionale del XIX secolo. Allora non sorprende la risposta dei Bad Blue Boys nel momento in cui il giornalista chiede loro quanto il gruppo sia immischiato con la politica. Siamo in tempo di elezioni, e i croati non possono che sostenere Franjo Tudjman, colui che ha costruito la propria campagna elettorale sull’immagine della Croazia intesa come Antemurale Christianitatis: un Paese omogeneo e cattolico tanto da unire, sotto la stessa bandiera, la Torcida Split e i BBB contro il nemico serbo.

Quest’ultimo però, nutre gli stessi sentimenti di odio.

La macchina propagandistica di Milosevic ha fatto il suo dovere, ma stavolta a destare curiosità non è tanto l’odio che i ragazzi dei Deljie, all’incirca diciottenni, nutrono per l’Hajduk e per i croati. Quello che merita attenzione è, invece, la risposta alla domanda sul perché provino tale risentimento nei loro confronti: “perché è così”. Tutto questo è confermato dai cori intonati dalle quattro tifoserie, il cui bersaglio principale è talvolta la madre degli avversari, talvolta gli oppositori politici, sino ad arrivare alla cantante croata Tajci. I BBB cantano per Tudjman e per una Croazia indipendente, i Delije rispondono sostenendo Draza Mihajlovic, capo dei Cetnici sconfitto da Tito nella guerra civile.

Sugli spalti, nelle immagini di repertorio del match del Makismir, è addirittura presente un Cetnico con indosso una canotta raffigurante la bandiera sudista, il quale afferma di essere lì anche per lo spot nazionalista, per difendere Draza e Vuk Karadzic, filologo e fondatore della lingua letteraria serba. Tuttavia, nonostante l’identità nazionale sia già ben strutturata, lo stesso non si può dire della composizione etnica dei gruppi organizzati, ancora lontani dall’omogeneità. Al contrario, alla domanda “I Grobari si sentono serbi o Jugoslavi?”, il tifoso del Partizan risponde dicendo che di fianco a lui vi sono un croato e un musulmano. Una cosa simile, al giorno d’oggi, sarebbe impensabile nella curva dei bianconeri.

Umesto top liste - grobari - partizan
I Grobari (in italiano “becchini”), tifosi del Partizan Belgrado

È interessante notare come, anche tra le tifoserie dell’est Europa, siano già in voga alcuni capi Casual che spopoleranno sugli spalti del continente nello stesso periodo. Si intravedono i primi Bucket Hat, le prime “white shoes” ai piedi e si notano anche abbigliamenti ispirati ai “Paninari”, più vicini agli anni appena trascorsi. Tutto questo ovviamente era commisurato alla condizione socio economica in cui il Paese versava. Oltre alla spinte centrifughe delle correnti etno-confessionali infatti, la dissoluzione della Jugoslavia è arrivata anche per via di una forte crisi economica che ha travolto il paese nei primi anni ’80.

La situazione in cui vivevano i cittadini appare evidente dalle interviste ai tifosi croati della Torcida Split, il cui lavoro principale era tifare l’Hajduk e che, per mantenersi, rubavano nei supermercati a Spalato.

Sempre secondo le parole di uno di questi ragazzi, questo era l’identikit dell’80% dei componenti del loro gruppo, accompagnato al vizio dell’eroina nel tempo libero. Emblematico in tal senso il caso di Keun, uno dei croati intervistati, il quale si vanta di avere il record di trasferte lontano da Spalato, oltre 200, pagate proprio grazie ai continui furti nei centri commerciali e nei supermercati. Le immagini però trasmettono anche il senso di isolamento e abbandono provato dai giovani jugoslavi, che nei gruppi organizzati trovavano il motivo della loro esistenza. Keun, ad esempio, afferma che seguire ovunque l’Hajduk ha sicuramente contribuito a fargli lasciare la scuola ma, nonostante sia ormai giunto ai suoi 30 anni, non si pente di ciò che ha fatto.



Nel documentario c’è spazio anche per il nostro Paese. Innanzitutto si notano una sciarpa delll’Hellas Verona e una della Lazio durante una sciarpata della Torcida Split, probabilmente come “bottino” di qualche trasferta, ma senza un preciso motivo dato che gli incontri tra queste squadre sono stati rari e non vi era alcuna amicizia tra di esse. L’Italia, però, è coinvolta soprattutto perché le interviste sono realizzate a pochi mesi dall’inizio del mondiale del ’90. Sia ai croati, sia ai serbi, viene chiesto come si comporteranno durante la competizione e il loro soggiorno nel belpaese. La voce dei Grobari afferma che sicuramente ci saranno scontri con gli Ultras italiani e con gli Hooligans inglesi, ma anche tra Grobari e Zvezdasi da un lato e croati dall’altro.

Manjiac, il leader dei BBB, crede al contrario che tiferanno la Jugoslavia in maniera compatta e quando gli viene fatto notare che i serbi non la pensano così, sorride e sostiene che anche loro, a parole, la pensano diversamente.

Persino il già citato Cetnico tra le fila della Stella Rossa andrà al mondiale, dicendo però che non tiferà mai assieme ai Bad Blue Boys. Ognuno di essi quindi aderiva allo Jugoslavismo senza rinunciare a quell’esigenza di riservare alla propria nazione il ruolo di “Piemonte” jugoslavo, proprio come accadeva nel XIX secolo. La realtà che il film ci restituisce, perciò, presenta alcuni elementi inquietanti se si pensa a quanto accadrà di li a poco, ma nel complesso descrive una situazione molto simile a quella presente contemporaneamente nel resto d’Europa.

Scontri e sfottò erano all’ordine del giorno, non solo in Jugoslavia, tuttavia la complessa condizione politica ed economica che il Paese stava affrontando richiedeva l’individuazione di un capro espiatorio. I tifosi incolpavano chiaramente giornalismo e istituzioni. E quest’ultime, a loro volta, come potevano rispondere? Incolpando gli Ultras, i tifosi in generale, come se essi non fossero parte della società civile ed espressione dei problemi di cui le istituzioni stesse erano responsabili. L’atteggiamento dei leader politici muterà solo qualche anno più tardi, quando i loro piani di pulizia etnica necessiteranno di quelle persone plasmate dalla propaganda e lasciate alla deriva.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Alberto Fabbri
20 Dicembre

A Natale regala un DASPO

Alle diffide sotto l'albero preferiamo il carbone della Befana.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Papelitos
Lorenzo Ottone
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.
Tifosi
Jacopo Benefico
21 Maggio

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Tifosi
Emanuele Meschini
17 Dicembre

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Calcio
Lorenzo Santucci
22 Dicembre

Risiko balcanico

Coesione territoriale che non si vedeva dai tempi della Sublime porta ottomana. Basterà un maxi campionato balcanico-caucasico a salvare il calcio dell'Est?
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifosi
Alberto Fabbri
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Luglio

Contro il campionato spezzatino

Il calcio che siamo abituati a conoscere è una carcassa abbandonata nel deserto: l’avvoltoio che la smembra è il business televisivo.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Tifosi
Domenico Rocca
14 Aprile

Reggina v Messina, nemmeno il ponte potrebbe unirle

Il destino ed il tempo scandiscono la storia del derby dello stretto.
Storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
Calcio
Edoardo Biancardi
12 Maggio

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Tifosi
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Tifosi
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Tifosi
Alessandro Imperiali
11 Novembre

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Tifosi
Marco Gambaudo
14 Aprile

Kosovska Mitrovica è la Berlino dei Balcani

In Kosovo nemmeno lo sport riesce ad unire, soprattutto a Kosovska Mitrovica.
Tifosi
Michelangelo Freda
30 Maggio

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.
Tifosi
Jacopo Benefico
19 Novembre

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Tifosi
Raffaele Scarpellini
16 Dicembre

Il tifo a Marsiglia, tra identità e violenza

Gli ultras dell'OM non si piegano al potere.
Tifosi
Riccardo Santilli
19 Aprile

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Interviste
Raffaele Arabia
14 Ottobre

Catanzaro mon amour

Negli anni '70 e '80 era la Regina del Sud e da allora a sostenerla ci sono gli Ultras Catanzaro. Chiacchierata con uno dei gruppi ultrà più fieri d'Italia.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Tifosi
Alberto Fabbri
28 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. II

Il decennio della diffusione in tutta la Penisola.
Calcio
Gezim Qadraku
3 Gennaio

Derby dell’odio

A Mostar si tratta di Est contro Ovest, Armata Rossa contro Ultras, operai contro nobili, stella rossa contro šahovnica. Quando si affrontano Velez e Zrinjski la Bosnia torna inesorabilmente indietro di vent'anni, ai tempi delle guerre jugoslave.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
26 Luglio

La squadra di Arkan

E non era la Stella Rossa.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Interviste
Michelangelo Freda
27 Aprile

Lo strano caso dello Sheriff Tiraspol

Abbiamo intervistato Roberto Bordin, allenatore dello Sheriff Tiraspol, e gli ultras indipendentisti della squadra: così abbiamo scoperto l'autoproclamatasi Repubblica di Transnistria.
Tifosi
Matteo Paniccia
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Recensioni
La Redazione
6 Settembre

La vita segreta degli Ultras siriani

Tifosi
Domenico Rocca
15 Settembre

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Altro
Diego Mariottini
30 Giugno

Lo sport non avrebbe mai salvato la Jugoslavia

L'illusione che i successi potessero evitare il collasso.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Papelitos
Domenico Rocca
21 Gennaio

Il tifoso non è una cavia da laboratorio

Che cosa sono gli esperimenti sociali?
Tifosi
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.