Papelitos
08 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.

Scrivendo questo articolo, probabilmente consegniamo a Cassano l’ennesima facile vittoria. Quale altro significato avrebbero, altrimenti, certe sensazionali affermazioni di Fantantonio alla Bobo TV, se non di far parlare di sé a tutti i costi? Giocatore sublime a livello tecnico, quando apre bocca Cassano torna quello delle cassanate. L’ultima sparata è quella che ha coinvolto Ciro Immobile, sorta di gatto nero del calcio italiano:

«Immobile non sa giocare a calcio».

Ora, a prescindere dal contenuto della frase – davvero non ci interessa, non è questo il problema –, a spaventare è come una frase pronunciata da Antonio Cassano alla Bobo TV (sic!) possa diventare nel giro di poche ore il main topic del “dibattito” calcistico nazionale. I giornali non moriranno perché la gente non va più in edicola, perché la carta è un altro sinonimo del patriarcato e pure l’ennesimo smacco al nostro pianeta stanco e sofferente. No, i giornali moriranno – meglio, sono già morti, ma come gli zombie non lo sanno – perché l’opinione di Antonio Cassano conta più (ha più risonanza) di quella di Jack O’Malley o Giancarlo Dotto. In fondo conta la sparata e trovare lo strumento più efficace per gettarla sulla lunga distanza. Cosa può mai essere così esplosivo come Antonio Cassano che prende l’argomento del momento – Ciro Immobile che fatica in nazionale – e lo “analizza” per migliaia e migliaia di ragazzi e ragazzini che vogliono esattamente questo: masturbarsi sulla sparata di Fantantonio?



Perché poi, sia chiaro, quello che dice Cassano rispondendo alle timide proteste di Vieri – mentre Ventola guarda il vuoto e Adani si muove sulla sedia leggermente imbarazzato – non è neanche troppo sbagliato: «gioca con la paura, ha paura proprio e si vede. E quando gli dai palla non la vuole, lo avverto io che sono stato ex giocatore, sembra che scotti». Il buon senso ci dice che in fondo Cassano non stia dicendo una scemenza. Il punto è l’esordio, la frase ad effetto che, ripresa da tutte le testate nazionali, finisce per puntare i riflettori su Cassano e non su Immobile – paradossalmente l’unico al quale ancora nessuno ha chiesto un’opinione.

Riccardo Cucchi, non di certo un laziale con la sciarpa, ha scritto esattamente questo, puntando il dito non sulle critiche ma sui modi: «Non ricordo precedenti di un linciaggio mediatico come quello che ha subito #Immobile. Ho scritto “linciaggio mediatico” non critica. La critica è, ovviamente, sempre legittima». Le parole forse più azzeccate, comunque, le ha dette Alfredo Pedullà in un video-editoriale che riassumiamo in poche righe:

«Quella di Cassano è la repressione della depressione. Come molti ha smesso di giocare diventando opinionista. Va bene, a patto che tu abbia un minimo di rispetto nei riguardi degli altri. […] A Cassano non piace Lukaku, Lukaku è scarso. Non gli piace Jorginho, Jorginho è scarso. Non gli piace Immobile, Immobile è scarso. Ma non è che questa repressione della depressione porterà Cassano ad avere un delirio di onnipotenza?».

Il futuro è d’obbligo, caro Alfredo. A meno che non parli già al presente.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)
Interviste
Gianluca Palamidessi
22 Settembre 2022

Giuseppe Pastore: l’Italia vive una crisi di attaccanti e attaccati (alla maglia)

Intervista sulla Nazionale ad uno dei più bravi e preparati giornalisti italiani.
Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico
Papelitos
Gianluca Palamidessi
18 Settembre 2022

Juric e l’elogio del calcio dinamico, non fisico

La Serie A è indietro anni luce rispetto agli altri campionati.
Quanto è Vecchia questa Signora
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Settembre 2022

Quanto è Vecchia questa Signora

Che fine ha fatto il genio di Max Allegri?

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Daniele Massaro
Ritratti
Patrizio Ruviglioni
31 Maggio 2018

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.
Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio
Calcio
Umberto De Marchi
15 Ottobre 2019

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Germania 74
Calcio
Maurizio Fierro
03 Aprile 2018

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Questi siamo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Apocalypse now
Interviste
Michele Di Virgilio
20 Novembre 2017

Apocalypse now

La débâcle azzurra è davvero lo specchio del Paese dal quale è stata generata? Dove ricercare le cause? E come ripartire? Lo abbiamo chiesto ad alcuni tra i migliori scrittori, giornalisti, blogger e sociologi di casa nostra.