Carrello vuoto
Tifo
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.

Non c’è bisogno di dilungarsi in inutili parole quando volgiamo lo sguardo in direzione della capitale inglese. Londra è da sempre un polo culturale di livello, dove nascono mode e dove le mode, che a lei arrivano indirettamente, attuano la loro completa e talvolta alienante radicalità. Per quanto riguarda il fenomeno Casuals, però, abbiamo a che fare con un tragitto inedito della Storia di questa città.

 

L’obiettivo di questo nostro terzo appuntamento sull’universo Casuals è quello di illustrare una mappatura generale del movimento che si sviluppò a Londra tra la fine degli anni 70 e l’inizio degli anni 80, senza entrare nel dettaglio delle singole “crew”, cosa di cui ci occuperemo più in là.

 

Arsenal

 

Per prima cosa, sgomberiamo il campo da alcuni falsi miti. Chi si affaccia in maniera superficiale al fenomeno Casuals è convinto che la sua origine si situi proprio nella capitale londinese, e che (quasi unitamente a questo primo misunderstanding) all’interno del movimento, poi divenuto questione nazionale ed internazionale, i tifosi del West Ham ne siano i pionieri. Smontiamo queste prime due (errate) tesi.

 

La questione è la seguente; quel piacevole (ma distopico) film che è Hooligans (2005, dir. Lexi Alexander) ha come riaperto, dalla metà dei 2000 ad oggi, la grande questione del Casuals, riducendo un movimento culturale di enorme portata (è quello che stiamo cercando di dimostrarvi con questa rubrica) a due-tre anni di scazzottate e vizi riguardanti il vestiario, capricci di una nazione frustrata e delusa. Non che questo non sia successo affatto, ma è di certo una parte molto marginale dell’intera questione, ben più complessa di quanto un film di 109 minuti possa dimostrare. Sui tifosi del West Ham torniamo subito, visto che è questo ciò di cui dobbiamo occuparci. Prima, però, due consigli cinematografici seri: The Firm (2009) e The Business (2005), entrambi diretti da Nick Love.

 

Una scena dal film “The Firm”

 

La verità è che a noi poveri mortali, annoiati dalla vita, piace vedere (anche se si tratta solo di un film) il sangue, la guerra, le risse immotivate, vivere per le cause perse in partenza, assaporare quel nichilismo che in un preciso istante della storia del Novecento, tra i 70 e gli 80, in un punto definito nello spazio, la Gran Bretagna, ha davvero avuto luogo, ed è realmente testimoniato.

 

Nessun rimpianto da parte dei protagonisti, ma ci vuole chiarezza in ogni caso. Il West Ham, con la sua celebre firm (l’Inter City), si è accodato al fenomeno Casuals come qualunque altra tifoseria londinese. C’è addirittura chi dice che furono gli Arsenal i primi ad appropriarsi del vestiario Casuals, prendendolo a modello dai Reds e dai mancuniani.

 

Chelsea

 

Una cosa è più certa che altre: il movimento non nacque a Londra, ma a Londra si sviluppò. E si sviluppò con l’intensità tipica di una capitale europea (e che capitale!), strutturata a sufficienza da dare un perché al movimento (attraverso le varie, e molteplici, tifoserie), grande abbastanza da perdere (oggi) le proprie tradizioni (ma non è solo il caso dei Casuals, come ben sappiamo).

 

«C’è sempre stato un certo dibattito sul dove sia nata l’intera scena casual. Ognuno ha i propri ricordi, ognuno ha la propria versione. Tutto quello che posso dire in base alla mia esperienza, è che non è stato a Londra».

(Paul Webster) 1

 

C’è del vero, però, a proposito dei tifosi del West Ham. Se questi non furono i pionieri (questo lo escludiamo) del movimento, introdussero però all’interno di esso una novità rilevante, che è sempre Paul Webster, tifoso dell’Arsenal e, proprio per questo, osservatore imparziale, a testimoniarci:

 

«La ICF [Inter City Firm, ndr] introdusse un cambiamento radicale nelle tattiche e nei rituali delle gang di tifosi in trasferta». 2

 

Per i tifosi del West Ham il vestirsi bene era propedeutico allo scontro. Il fenomeno hooligans, se non fu da loro inventato, si può certo dire che grazie a questi trovò il suo sviluppo più fecondo. La ICF farà scuola, ma su un piano diverso rispetto alla pura e incontaminata origine del Casuals, che ha uno sviluppo assai più complesso, come abbiamo visto. Il piano sul quale il West Ham la fa da padrone è quello dello scontro dentro e fuori lo stadio. La violenza e la criminalità del quartiere nel quale sorge l’Upton Park, per chi ha avuto la fortuna di visitarlo, spiegano a sufficienza il perché di tutto questo.

 

Crystal Palace

 

Se c’è un episodio davvero importante col quale vorremmo concludere l’introduzione al fenomeno Casuals londinese, questo è la finale di Wimbledon del 1981 tra Borg e McEnroe. Gli eroi di quella giornata rimasta nella storia del tennis non potevano immaginare che i capi da loro indossati sarebbero finiti per essere il modello di vestiario dei giovani londinesi Casuals per oltre un decennio.

 

Fila e Diadora (Borg Elite) per il primo, Sergio Tacchini e Nike Wimbledon per il secondo. Grazie al tennis, ma anche grazie al golf, nasce una ricerca sempre più dettagliata dei giovani Casuals per l’ultimo, e introvabile, capo d’abbigliamento (leggendarie la felpa Fila Borg verde e le Adidas Trimm Trab). Marche come Pringle, Lyle & Scott, Braemar, e ancora Ellesse, Cerruti 1881, diventano i gioielli del vestiario Casuals in pochissimo tempo.

 

«Mio papà stava portando me e mio fratello ad Highbury per la partita con il Luton e siamo rimasti bloccati nel traffico davanti a Euston Station. Fuori c’erano 200 tifosi del Birmingham che doveva giocare col West Ham. Quello che mi aveva colpito è che erano tutti casual: tute Tacchini, Ellesse e Fila, maglioni Pringle, magliette da rugby Benetton, pantaloni Lois larghissimi, scarpe Diadora Borg Elite o Adidas Forest Hills. Sono quasi sicuro che non ce ne fossero due vestiti uguali».

(Paul Webster) 3

 

McEnroe (a sinistra) e Borg (a destra)

 

Il movimento Casuals londinese non si accompagnò, com’è invece il caso di Liverpool e, anche se in misura minore e per controreazione, com’è il caso di Manchester, al contemporaneo movimento musicale, politico, culturale in senso lato. Londra prese dal Nord quello che il Nord si stava inventando, e lo rese celebre, in qualche modo ne aumentò la risonanza. E questo non solo per la quantità di tifoserie (su tutte Arsenal, West Ham, Palace, Chelsea) che in una sola città riuscirono ad integrarsi perfettamente al Casuals, ma anche e soprattutto per quella capacità, tipica di una grande città come Londra, di saper moltiplicare i pani.

 

Londra non si è inventata nulla, ma ha dato pienezza al movimento Casuals. Ovviamente, non è l’unico caso. Vedremo, nei prossimi episodi, che non solo in Inghilterra, ma anche e soprattutto in Scozia, con Motherwell e Aberdeen, le cose si fecero più intriganti del previsto.

 


BIBLIOGRAFIA
Phil Thornton, Casuals, Milo Books Ltd, Lancs (2003), tradotto in italiano da Giulio Ravagni, edito da Boogaloo Publishing, 2013.

NOTE
1. Phil Thornton, Casuals, p. 54.
2. Phil Thornton, Casuals, p. 58.
3. Phil Thornton, Casuals, p. 56.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Michele Di Virgilio
24 Gennaio

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Interviste
Mattia Di Lorenzo
14 Febbraio

Il miracolo di Gordon Banks, ep. 2

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte II.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Tifo
Domenico Rocca
14 Aprile

Reggina v Messina, nemmeno il ponte potrebbe unirle

Il destino ed il tempo scandiscono la storia del derby dello stretto.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
pellicole
La Redazione
8 Dicembre

La teoria di Rino Tommasi sul potere della telecamera

Aridatece Gianni Clerici e Rino Tommasi, i due commentatori più amati del tennis italiano, e soprattutto le loro sublimi divagazioni. «... Comunque, 15-0».
recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Tennis
Remo Borgatti
22 Maggio

Il futuro è già qui

A Roma è nata una stella: Alexander Zverev, classe 1997, che ha vinto gli Internazionali d'Italia 2017 distruggendo Novak Djokovic.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Estero
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
22 Marzo

Gli scommettitori moriranno soli

Il gioco online è un genocidio silenzioso che distrugge migliaia di vite.
recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Interviste
Matteo Fontana
24 Gennaio

A tu per tu con Gianfranco Zigoni

Il grande Zigo si racconta.
Estero
Remo Gandolfi
6 Marzo

Lo Sheffield United è troppo bello per essere vero

Una squadra di tifosi e vecchi amici sta scrivendo la storia della Premier League.
Interviste
Michelangelo Freda
27 Aprile

Lo strano caso dello Sheriff Tiraspol

Abbiamo intervistato Roberto Bordin, allenatore dello Sheriff Tiraspol, e gli ultras indipendentisti della squadra: così abbiamo scoperto l'autoproclamatasi Repubblica di Transnistria.
Papelitos
Alberto Maresca
7 Novembre

Spaccanapoli

Non solo l'ammutinamento dei calciatori ma anche lo sciopero della curva: la situazione a Napoli sta esplodendo.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
storie
Lorenzo Santucci
12 Giugno

Boleyn Ground

Il mito di Bobby Moore, le vicende di uno storico quartiere di Londra. Lo stadio che non tornerà più.
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

Compie 34 anni una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta a metà.
Estero
Alberto Maresca
12 Giugno

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifo
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
storie
Alberto Fabbri
12 Aprile

Che fine ha fatto l’Arsenal?

7 Maggio 2006, addio ad Highbury: quel giorno è morto l'Arsenal.
pellicole
La Redazione
6 Settembre

La vita segreta degli Ultras siriani

Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Italia
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Interviste
Raffaele Arabia
14 Ottobre

Catanzaro mon amour

Negli anni '70 e '80 era la Regina del Sud e da allora a sostenerla ci sono gli Ultras Catanzaro. Chiacchierata con uno dei gruppi ultrà più fieri d'Italia.
Tennis
Remo Borgatti
22 Novembre

Il gioiello della Corona

Più forte di ogni avversità, Andy Murray conquista le Atp Finals e resta numero uno del mondo. A farne le spese un Novak Djokovic troppo altalenante
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Papelitos
Lorenzo Santucci
27 Settembre

Aldrovandi vive nel ricordo

Lo stadio come luogo di coerenza sentimentale.
Estero
Lorenzo Ottone
26 Agosto

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Estero
Lorenzo Solombrino
23 Marzo

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
storie
Leonardo Aresi
7 Novembre

Dal campo alla trincea

“When football was football and footballers were men“. Come i calciatori del Regno Unito nel primo conflitto mondiale abbandonarono i campi da gioco per arruolarsi nell'esercito di Sua Maestà.
Italia
Antonio Torrisi
17 Giugno

La Coppa Italia è antidemocratica

Un torneo che ci rappresenta: da rifondare, ma sempre domani.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.