Carrello vuoto
Tifo
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.

Non c’è bisogno di dilungarsi in inutili parole quando volgiamo lo sguardo in direzione della capitale inglese. Londra è da sempre un polo culturale di livello, dove nascono mode e dove le mode, che a lei arrivano indirettamente, attuano la loro completa e talvolta alienante radicalità. Per quanto riguarda il fenomeno Casuals, però, abbiamo a che fare con un tragitto inedito della Storia di questa città.

 

L’obiettivo di questo nostro terzo appuntamento sull’universo Casuals è quello di illustrare una mappatura generale del movimento che si sviluppò a Londra tra la fine degli anni 70 e l’inizio degli anni 80, senza entrare nel dettaglio delle singole “crew”, cosa di cui ci occuperemo più in là.

 

Arsenal

 

Per prima cosa, sgomberiamo il campo da alcuni falsi miti. Chi si affaccia in maniera superficiale al fenomeno Casuals è convinto che la sua origine si situi proprio nella capitale londinese, e che (quasi unitamente a questo primo misunderstanding) all’interno del movimento, poi divenuto questione nazionale ed internazionale, i tifosi del West Ham ne siano i pionieri. Smontiamo queste prime due (errate) tesi.

 

La questione è la seguente; quel piacevole (ma distopico) film che è Hooligans (2005, dir. Lexi Alexander) ha come riaperto, dalla metà dei 2000 ad oggi, la grande questione del Casuals, riducendo un movimento culturale di enorme portata (è quello che stiamo cercando di dimostrarvi con questa rubrica) a due-tre anni di scazzottate e vizi riguardanti il vestiario, capricci di una nazione frustrata e delusa. Non che questo non sia successo affatto, ma è di certo una parte molto marginale dell’intera questione, ben più complessa di quanto un film di 109 minuti possa dimostrare. Sui tifosi del West Ham torniamo subito, visto che è questo ciò di cui dobbiamo occuparci. Prima, però, due consigli cinematografici seri: The Firm (2009) e The Business (2005), entrambi diretti da Nick Love.

 

Una scena dal film “The Firm”

 

La verità è che a noi poveri mortali, annoiati dalla vita, piace vedere (anche se si tratta solo di un film) il sangue, la guerra, le risse immotivate, vivere per le cause perse in partenza, assaporare quel nichilismo che in un preciso istante della storia del Novecento, tra i 70 e gli 80, in un punto definito nello spazio, la Gran Bretagna, ha davvero avuto luogo, ed è realmente testimoniato.

 

Nessun rimpianto da parte dei protagonisti, ma ci vuole chiarezza in ogni caso. Il West Ham, con la sua celebre firm (l’Inter City), si è accodato al fenomeno Casuals come qualunque altra tifoseria londinese. C’è addirittura chi dice che furono gli Arsenal i primi ad appropriarsi del vestiario Casuals, prendendolo a modello dai Reds e dai mancuniani.

 

Chelsea

 

Una cosa è più certa che altre: il movimento non nacque a Londra, ma a Londra si sviluppò. E si sviluppò con l’intensità tipica di una capitale europea (e che capitale!), strutturata a sufficienza da dare un perché al movimento (attraverso le varie, e molteplici, tifoserie), grande abbastanza da perdere (oggi) le proprie tradizioni (ma non è solo il caso dei Casuals, come ben sappiamo).

 

«C’è sempre stato un certo dibattito sul dove sia nata l’intera scena casual. Ognuno ha i propri ricordi, ognuno ha la propria versione. Tutto quello che posso dire in base alla mia esperienza, è che non è stato a Londra».

(Paul Webster) 1

 

C’è del vero, però, a proposito dei tifosi del West Ham. Se questi non furono i pionieri (questo lo escludiamo) del movimento, introdussero però all’interno di esso una novità rilevante, che è sempre Paul Webster, tifoso dell’Arsenal e, proprio per questo, osservatore imparziale, a testimoniarci:

 

«La ICF [Inter City Firm, ndr] introdusse un cambiamento radicale nelle tattiche e nei rituali delle gang di tifosi in trasferta». 2

 

Per i tifosi del West Ham il vestirsi bene era propedeutico allo scontro. Il fenomeno hooligans, se non fu da loro inventato, si può certo dire che grazie a questi trovò il suo sviluppo più fecondo. La ICF farà scuola, ma su un piano diverso rispetto alla pura e incontaminata origine del Casuals, che ha uno sviluppo assai più complesso, come abbiamo visto. Il piano sul quale il West Ham la fa da padrone è quello dello scontro dentro e fuori lo stadio. La violenza e la criminalità del quartiere nel quale sorge l’Upton Park, per chi ha avuto la fortuna di visitarlo, spiegano a sufficienza il perché di tutto questo.

 

Crystal Palace

 

Se c’è un episodio davvero importante col quale vorremmo concludere l’introduzione al fenomeno Casuals londinese, questo è la finale di Wimbledon del 1981 tra Borg e McEnroe. Gli eroi di quella giornata rimasta nella storia del tennis non potevano immaginare che i capi da loro indossati sarebbero finiti per essere il modello di vestiario dei giovani londinesi Casuals per oltre un decennio.

 

Fila e Diadora (Borg Elite) per il primo, Sergio Tacchini e Nike Wimbledon per il secondo. Grazie al tennis, ma anche grazie al golf, nasce una ricerca sempre più dettagliata dei giovani Casuals per l’ultimo, e introvabile, capo d’abbigliamento (leggendarie la felpa Fila Borg verde e le Adidas Trimm Trab). Marche come Pringle, Lyle & Scott, Braemar, e ancora Ellesse, Cerruti 1881, diventano i gioielli del vestiario Casuals in pochissimo tempo.

 

«Mio papà stava portando me e mio fratello ad Highbury per la partita con il Luton e siamo rimasti bloccati nel traffico davanti a Euston Station. Fuori c’erano 200 tifosi del Birmingham che doveva giocare col West Ham. Quello che mi aveva colpito è che erano tutti casual: tute Tacchini, Ellesse e Fila, maglioni Pringle, magliette da rugby Benetton, pantaloni Lois larghissimi, scarpe Diadora Borg Elite o Adidas Forest Hills. Sono quasi sicuro che non ce ne fossero due vestiti uguali».

(Paul Webster) 3

 

McEnroe (a sinistra) e Borg (a destra)

 

Il movimento Casuals londinese non si accompagnò, com’è invece il caso di Liverpool e, anche se in misura minore e per controreazione, com’è il caso di Manchester, al contemporaneo movimento musicale, politico, culturale in senso lato. Londra prese dal Nord quello che il Nord si stava inventando, e lo rese celebre, in qualche modo ne aumentò la risonanza. E questo non solo per la quantità di tifoserie (su tutte Arsenal, West Ham, Palace, Chelsea) che in una sola città riuscirono ad integrarsi perfettamente al Casuals, ma anche e soprattutto per quella capacità, tipica di una grande città come Londra, di saper moltiplicare i pani.

 

Londra non si è inventata nulla, ma ha dato pienezza al movimento Casuals. Ovviamente, non è l’unico caso. Vedremo, nei prossimi episodi, che non solo in Inghilterra, ma anche e soprattutto in Scozia, con Motherwell e Aberdeen, le cose si fecero più intriganti del previsto.

 


BIBLIOGRAFIA
Phil Thornton, Casuals, Milo Books Ltd, Lancs (2003), tradotto in italiano da Giulio Ravagni, edito da Boogaloo Publishing, 2013.

NOTE
1. Phil Thornton, Casuals, p. 54.
2. Phil Thornton, Casuals, p. 58.
3. Phil Thornton, Casuals, p. 56.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Alberto Fabbri
17 Giugno 2022

Massimo Osti, C.P. Company e genio futurista

Omaggio a un grande erede dell'avanguardia italiana.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno 2022

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Maggio 2022

Zulu, Zulu, Zulu!

Chi sono i folli tifosi del Birmingham.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Ritratti
Massimiliano Vino
2 Marzo 2022

Dennis Bergkamp: la ragione, l’idea, l’estetica

Quando lo spirito vince sulla materia.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Tennis
Emanuele Iorio
11 Dicembre 2021

John Lydon, come on you Gunners

Frontman dei Sex Pistols, malato di Arsenal e nemico del calcio moderno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Ritratti
Domenico Rocca
3 Novembre 2021

Romeo Anconetani, il vescovo di Pisa

L'urlo della provincia in un calcio a misura d'uomo.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Estero
Marco Marino
1 Settembre 2021

Le criptovalute alla conquista del calcio

Dall'acquisto di Messi ai club italiani.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.