Carrello vuoto
Altro
26 Febbraio

La stoccata di Usmanov

A Sochi, malgrado tutto, si incrociano le lame.

Rossella Fiamingo ha postato su instagram una serie di foto dalle rive del Mar Nero, sponda russa: un paesaggio, il pass atleti per la prova di Coppa del Mondo di spada femminile, l’atmosfera del palazzetto dove si comincerà a tirare tra poche ore, la mattina di sabato. La schermidrice azzurra è a Sochi. Dove non correrà più la Formula 1 nel prossimo settembre. Ma dove le lame si incroceranno lo stesso proprio in queste ore, nel mezzo della guerra scatenata contro l’Ucraina. Con ben 11 atlete italiane in gara, già qualificate per il tabellone principale.

«Io e la mia squadra siamo a Sochi e i pensieri sono tutti sull’Ucraina – scrive la Fiamingo – È il weekend più lungo, più strano e il più surreale di sempre. Siamo arrivate la notte dei primi bombardamenti, noi stavamo già dormendo, abbiamo saputo della terribile notizia quando ci siamo svegliate e abbiamo trovato il telefono pieno di notifiche… brutta sveglia! La gara di formula uno è stata appena annullata e noi siamo qui, da domani in pedana nella speranza di poter tornare lunedì prossimo. Ci affacciamo sul Mar Nero che unisce e separa la Russia dall’Ucraina e guardiamo l’orizzonte con la speranza che tutto questo finisca presto».

Suona tutto strano, già così. Ma suona ancora più spettrale se ci aggiungiamo il nome del presidente della Federazione internazionale della scherma. Alisher Usmanov, uzbeco, 69 anni. Uno degli uomini più ricchi del mondo. Padrone incontrastato della FIE da 14 anni, al quarto mandato (l’ultimo ottenuto, nel novembre scorso, senza nessun candidato avverso), ex mediocre sciabolatore, amico personale di Putin fin dai tempi dell’Università, già finito nelle carceri sovietiche, già direttore generale di Gazprom Invest, holding di Gazprom, imprenditore attivo tra metallurgia, energia e comunicazione (compresi forti investimenti in Facebook).

Patrimonio stimato da Forbes nel 2021: 22,6 miliardi di dollari.

Da trent’anni frequentatore della Costa Smeralda, cittadino onorario di Arzachena, commendatore della Repubblica Italiana, filantropo, ex azionista dell’Arsenal e in passato accostato anche all’acquisto del Milan, marito di Irina Viner, ex ginnasta, presidentessa della Federazione russa di ginnastica ed ex vice di quella Internazionale. Così per dire, una volta di più, degli intrecci potere-sport anche nelle discipline più discrete nella loro esposizione mediatica. Al termine del suo mandato, nel 2024, Usmanov sarà stato il presidente più longevo a capo della FIE in 111 anni di storia, dopo essere stato il primo eletto più a est di Roma.



Ma a lui piace tanto quel “più” nel curriculum. Il suo yacht è il più imponente al mondo: si chiama Dilbar, 156 metri di lunghezza, 23 di larghezza, valore intorno agli 800 milioni di dollari, inaugurato con uno show a cui presero parte Robbie Williams, Andrea Bocelli e Carla Bruni. Se invece sceglie di solcare i cieli, ha a disposizione un più modesto Airbus 340-300 da 350 milioni.

Lo hanno chiamato “Zar di tutte le lame” e lui, di suo, ci ha messo anche un po’ del patrimonio personale per arricchire un mondo che, sul fronte economico, è sempre stato di nicchia e poco accattivante per sponsor e investitori. Ha cercato di dare visibilità e spettacolarizzare uno sport che oggi vanta 155 federazioni affiliate e di fatto ha visto svanire il proprio eurocentrismo verso un universalismo molto più spiccato, come ci racconta anche il recente medagliere olimpico. 

Il presidente del Cio, Thomas Bach, peraltro ex fiorettista di chiara fama, alla sua rielezione ha dichiarato: «Mi congratulo con il mio amico Alisher Usmanov per la sua rielezione a presidente della FIE. Il signor Usmanov è stato determinante nello sviluppo della scherma in tutto il mondo, e sono fiducioso che sotto la sua guida, questo meraviglioso sport olimpico continuerà il suo ulteriore sviluppo».

A Sochi, in questi giorni, si va in pedana come se nulla fosse qualche centinaio di chilometri più in là. E il sospetto fondato è che, non si fosse in casa di Usmanov, quella tappa di Coppa del Mondo avrebbe probabilmente cambiato sede già da qualche settimana.


Edit. Ultimissima ora, la FIS ha preso una posizione ufficiale e annunciato il rientro delle nostre atlete in patria: «In questo momento la priorità della Federazione Italiana Scherma è garantire il rientro quanto prima della nostra delegazione, che abbiamo programmato con un volo in partenza questa sera»https://www.federscherma.it/…/32360-il-presidente…


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
3 Marzo 2022

Non (s)cadiamo nella russofobia

Almeno nello sport, distinguiamo tra cose e persone.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Estero
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2022

Lo sport si è svegliato, forse

O meglio è stato obbligato a farlo.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Febbraio 2022

Irene Camber e la questione triestina

Compie 96 anni una leggenda di Trieste e d'Italia.
Storie
Marco Gambaudo
22 Dicembre 2021

Il calcio nell’URSS, una questione politica

Dinamo, Cska, Lokomotiv, Spartak: intrighi di potere nel pallone.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Altro
Gennaro Chiappinelli
6 Maggio 2021

La scuola russa ha segnato gli scacchi

Una disciplina e tradizione della grande Madre Russia.
Altro
Gennaro Chiappinelli
28 Gennaio 2021

Limonov e Kasparov, oltre il limite

Alla ricerca del superamento, nella vita come negli scacchi.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Ritratti
Alberto Girardello
3 Giugno 2020

Elena Isinbaeva e la Madre Russia

Un modello tutto russo di “femminismo”.
Altro
Gianluca Losito
26 Maggio 2020

I Russi combattono con il Systema

Un'arte marziale dalle radici antiche passata per gli zar, Putin e il KGB.
Ritratti
Giuseppe Genna
19 Marzo 2020

Lev Yashin, l’acchiappasogni

Trent'anni fa ci lasciava l'uomo che ha rivoluzionato il ruolo di portiere.
Papelitos
Simone Morichini
21 Giugno 2019

L’ultima stoccata di Elisa Di Francisca

Elisa Di Francisca ci dimostra come si possa vincere lontano dal clamore mediatico.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno 2018

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Recensioni
Gezim Qadraku
14 Giugno 2018

Mosca Football Guide

Alla scoperta del calcio nella capitale russa.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
28 Febbraio 2018

Il silenzio di Arshavin

L’amor perduto di Leningrado.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre 2017

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Storie
Maurizio Fierro
9 Settembre 2017

Scacco matto

Quando pallacanestro e scacchi significarono Guerra Fredda.
Altri Sport
Samantha Casella
5 Maggio 2017

I dominatori del ghiaccio

Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta l'hockey su ghiaccio ha avuto un padrone assoluto: la Russia. Tre nomi hanno fatto la storia: Valerij Charlamov, Vjaceslav Fetisov e Vladislav Tretiak.