Carrello vuoto
Calcio
18 Luglio

De Rossi al Boca è il finale perfetto

L'utopia si sta concretizzando: Daniele De Rossi, nel segno della tradizione, ha scelto il Boca Juniors.

C’è stato un momento terribile, in quest’estate frenetica di calciomercato, in cui ci eravamo rassegnati a vedere Daniele De Rossi, indomito pretoriano del centrocampo giallorosso per quasi 20 anni, lottare per intrattenere un pubblico disinteressato, attento a leccarsi il ketchup dalle dita e sorseggiare Coca Cola, molto più che apprezzare le sue letture tattiche. Il paradosso di vedere lui, demone furioso, nella patinata Città degli Angeli, sarebbe stato un horror azzardato persino per Hollywood.

 

Per qualche istante sembrava potesse materializzarsi anche l’incubo più buio dei tifosi romanisti. Il futuro di Daniele ancora in Italia, ma con una maglia differente, che fosse blucerchiata, viola o rossonera: una pugnalata al cuore di chi solo un paio di mesi fa sperava di “Morì prima”. Si era infine figurato anche uno scenario inedito, e per certi versi ancora più triste. Quello in cui la barba di DDR, più da vichingo che da romano, decidesse di seppellire l’ascia di guerra e accettasse la parola ‘fine’ di una splendida carriera, scritta da qualcun altro per lui.

 

Certo, la stima di Mancini avrebbe regalato a Daniele un crepuscolo privilegiato, ricongiungendosi a quella maglia azzurra che ha indossato più volte di ogni altro calciatore giallorosso, e costruendo uno splendido viatico per la naturale evoluzione verso la carriera di allenatore, direzione obbligata del suo futuro. Ma che male avrebbe fatto salutarlo così, con le parole amare ammantate da un’innegabile tristezza a fare da sfondo a una conferenza stampa che ha spaccato il mondo romanista. E poi il saluto struggente, la via degli spogliatoi mentre dalla pancia dell’Olimpico le noti celestiali di Sunday Morning Call accompagnavano le lacrime dei tifosi.

 

Il saluto di De Rossi al suo pubblico, sciarpe (dei tifosi) al collo. Sullo sfondo la pezza romanista: “DDR VANTO NOSTRO”, a suggellare un legame di sangue, rappresentanza e orgoglio (Foto di Paolo Bruno/Getty Images)

Insieme a tutte queste possibilità però, forse un po’ defilata come ogni utopia che si rispetti al giorno d’oggi, c’era la suggestione più bella, quel timido sogno nel quale non vuoi nemmeno sperare, perché a crederci troppo sai che lo infrangerai. Così inizialmente abbiamo voluto ignorare quei pallidi segnali che ci venivano lanciati: la foto di Daniele con una maglia azul y oro numero 16; Osvaldo e Perotti, compagni di spogliatoio dal cuore Xeneize, che raccontavano al capitano giallorosso il fascino della Bombonera; infine, l’amico Nicolas Burdisso, diventato DS della Mitad mas Uno, che avrebbe rappresentato una corsia preferenziale in sede di trattative.

 

Avevamo voluto ignorare tutti questi segnali, catalogandoli, appunto, come pura utopia: perché in fondo De Rossi al Club Atletico Boca Juniors sembrava niente più di questo. Oggi, invece, a quanto pare è tutto vero. E il cortocircuito di un trasferimento inimmaginabile nelle dinamiche del calcio contemporaneo diventa la regola di ingaggio per comprenderlo, quella che era semplicemente sfuggita a tutti: Daniele De Rossi è ontologicamente diverso. Perché il campione del mondo di Ostia ha sempre lanciato messaggi contrastanti rispetto alla massa di colleghi, automi lobotomizzati votati alla retorica del buonsenso, quelli del ‘partita dopo partita’, quelli delle scelte nascoste dietro il tronfio portamento di agenti arrivisti.

 

De Rossi, no. Daniele ha sempre manifestato con i gesti e dichiarato con le parole un’attitudine differente, un’intelligenza mai sotterrata dietro il perbenismo di facciata, ma sempre ostentata con comprensibile orgoglio. Ed ecco che allora magicamente tutto assume un senso. In questo mondo rovesciato, il denaro non incide sul portafogli già ricco di un calciatore affermato come De Rossi, non è più il fattore decisionale ed ecco che allora emerge la più nobile delle motivazioni: la formazione. Il Boca Juniors sarà un’esperienza umana e professionale che non poteva avere eguali per Daniele, potrà esportare il suo calcio e regalarlo a un pubblico riconoscente e appassionato.

 

In questa intervista rilasciata ad Adani per Sky, si parlava proprio del fine carriera di De Rossi: magari davvero il finale perfetto glielo ha suggerito il mare, capace di ricordare a molti di noi chi siamo e da dove veniamo

 

Troverà a Buenos Aires una passionalità viscerale almeno come quella che ha vissuto, per una vita intera, a Roma. Conoscerà il calcio sudamericano, fucina di idee e talenti, formativi per il suo futuro in panchina. Ma soprattutto Daniele sentirà le gambe tremare insieme alla Bombonera e avvertirà anche lui battere lo stadio più iconico del mondo insieme al suo cuore che, già generoso, regalerà tutto sé stesso per urlare sotto la Doce.

 

È la vittoria del futbol, la consapevolezza che in un continente martoriato dall’asfissiante sfruttamento delle sue risorse, sempre in equilibrio precario tra la sopravvivenza e il baratro, il calcio sia ancora un’affascinante attrazione che supera i limiti economici delle altre superpotenze del pallone, imponendo il valore impareggiabile della tradizione. Il Boca come simbolo iconico di tutto il movimento latino, l’incontenibile orgoglio Xeneize di essere stati scelti da un italiano, il primo al netto degli oriundi a giocare nel campionato argentino, campione del Mondo per vestire i propri colori.

 

Saranno otto mesi di pura follia a La Boca, dove è davvero difficile immaginare che accoglienza possa essere riservata a un calciatore protagonista di un trasferimento così significativo. Sarà una splendida avventura, che siamo sicuri Daniele si godrà in modo pieno. Di certo non ce la perderemo, e sarà difficile farlo, visto la prevedibile attenzione mediatica che il futbol è destinato a ricevere nel nostro paese. E poi l’emozione, l’urlo, il suo insieme a quello della Doce, il richiamo inconfondibile del campo, quel Sunday Morning Call transizione in un tempo sospeso tra Roma e Buenos Aires: sempre da calciatore, vero. Il modo migliore per chiudere una splendida carriera. Il modo migliore per sentirsi, ancora una volta, uomo.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Aprile 2022

La guerra intestina del River Plate

La dirigenza (e le autorità) contro i tifosi.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Estero
Diego Mariottini
9 Marzo 2022

Juan Sebastian Veron, il pallone nel destino

Dal campo alla scrivania al campo.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2021

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Ritratti
Matteo Latini
30 Maggio 2021

Agostino Di Bartolomei, orgoglio di Roma

30 maggio, giornata maledetta per il romanismo.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio 2021

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Marzo 2021

Certe giocate ti rimettono al mondo

De Paul, Lautaro, Lamela: semplicemente grazie.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
4 Marzo 2021

Ariel Ortega ci ha fatto sognare

Un fenomeno umano, troppo umano.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Storie
Diego Mariottini
1 Ottobre 2020

Quella Roma non sarà un fuoco di paglia

Torniamo nell'ex DDR, subito prima che la Roma diventasse grande.