Carrello vuoto
Calcio
24 Ottobre

Di Maria, ultimo tango a Parigi

La corsa contro il tempo di Ángel Di Maria.

Il tempo è un’intuizione di istanti frazionati, legati tra loro da un rapporto di causalità che ne determina inevitabilmente un carattere di continuità. È una parte naturale delle nostre vite, ma non è detto sia tratto distintivo delle carriere sportive. In particolare, non è ascrivibile a quella di Ángel Di Maria, che con i suoi dribbling funambolici ha spiazzato anche la continuità del tempo.

 

 

Le lancette del suo cammino sono volate alla stessa velocità con cui ha percorso le corsie laterali dei campi di mezzo mondo; è balzato da un istante, abbagliando spesso la critica con giocate inebrianti, a un altro subito dopo, sparendo nell’anonimato di pause e assenze che caratterizzano tristemente la sua carriera. Lo immaginiamo sempre imberbe, illuminato dalla gioia pura e immacolata della gioventù comporre con le mani un cuore, invero patetico, verso la telecamera con la faccia deformata dalla felicità. Un’immagine immortalata nella diapositiva del tempo che non è cambiata, dalla casacca rossa del Benfica degli esordi nel Vecchio continente alla doppietta recente contro il Real Madrid.

 

Di Maria PSG
La doppietta contro il Real Madrid, e un cuore che lo accompagna a ogni gol da sempre

 

 

Già, il Madrid. Un lungo flashback del destino che in questo inizio di stagione sembra aver ricordato al Fideo che con il tempo ci giochi, ma non lo inganni: oggi Ángel Di Maria ha 31 anni e i ricordi superano di gran lunga le aspirazioni. Proprio con la maglia della Casa Blanca, Ángelito ha raggiunto l’apice del suo calcio nell’estate del 2014, un tempo che avrebbe potuto restituirgli l’immortalità dei grandi e che invece ha spezzato in poche settimane la continuità che sembrava battere i rintocchi del predestinato in turbine di gambetas y rabonas.

 

 

In un continuo ricorso storico, proprio al Da Luz di Lisbona, casa sua per 3 e stagioni e 3 titoli, la sua prova monumentale aveva consegnato al Real l’agognata ‘Decima’. Un’intuizione geniale di Carlo Ancelotti aveva spostato il Rosarino dall’esterno verso il centro del campo, sacrificando le doti di dribblatore del Fideo, ma esaltandone enormemente quelle di corridore, trasformandolo di fatto in un ‘tuttocampista’ impareggiabile. La sua qualità inesauribile sembrava l’alchimia perfetta per innescare le micidiali conclusioni di Ronaldo nel club e gli spazi visionari di Leo Messi in nazionale, consacrandolo a buon diritto best supporting cast della storia del Gioco. E dopo aver conquistato la Champions League a Maggio, il Fideo aveva puntato al colpo grosso del Maracanà.

 

Di Maria Real Madrid
La finale di Lisbona, il punto più alto della carriera di Di Maria, trascinatore per la Decima e MVP della serata (foto di Laurence Griffiths/Getty Images)

 

 

E invece la continuità del tempo si è interrotta proprio in una città che, il tempo, non l’ha mai davvero conosciuto: Brasilia, in cui il logico equilibrio artificiale, fondato sulle teorie illuminate di Le Corbusier, urta così prepotentemente con l’imprevedibile infortunio di Di Maria durante il corso dei quarti di finale del Mondiale verdeoro. La stilettata alla coscia destra del rosarino è la fine della sua corsa personale verso la Coppa più ambita, ma anche un durissimo colpo per la Selección che da quel momento in poi non segnerà più. Riuscirà a sopravvivere alla sorte dei calci di rigore contro l’Olanda, ma non alla conclusione di Mario Götze che deciderà la finale più giocata nella storia dei Mondiali.

 

 

Ha raccontato Di Maria di averle provate tutte pur di giocare quella partita, di essersi iniettato qualsiasi antidolorifico consentito, mettendo a rischio l’integrità dei propri muscoli e opponendosi al peso politico decisamente rilevante di un Real Madrid tonante dall’altra parte del mondo, fermo nella sua decisione di preservare l’incolumità del giocatore (per poi rivenderlo poco dopo a peso d’oro). Non è stato nemmeno quell’episodio spiacevole a fermare l’ardore di Ángelito, sono state le lacrime esplose nella riunione tecnica con Sabella, traboccanti tensioni e incertezza che tradirono una situazione psicologica troppo instabile per rischiare un tale azzardo.

 

“Si soy yo, soy yo. Si es otro, entonces será otro. Yo sólo quiero ganar la Copa. Si me llamás, voy a jugar hasta que me rompa”, le dije. Y entonces me largué a llorar. No lo pude evitar. Ese momento me había sobrepasado, era normal.

 

La storia la sappiamo e dopo le lacrime, questa volta di tristezza, il riluttante trasferimento allo United ha definitivamente coperto la sua carriera di una coltre spessa quasi quanto l’aria della città all’epoca della Rivoluzione Industriale. Le incomprensioni con l’enigmatico Van Gaal lo spedirono prima del tempo nel tranquillo rifugio parigino, dove ancora cerca di rimettere insieme i cocci di una carriera che ha dato ormai buona parte del suo tempo.

 

Di Maria Argentina Mondiale
La resa del Fideo. Il momento in cui l’Argentina perde il Mondiale

 

 

Proprio come nei romanzi di Hemingway, che a Parigi trascorse anni disincantati dal sapore onirico, nei quali l’attesa riusciva a assurgere alla dimensione di immortalità, carica di aspettative e tensioni, Di Maria sta consumando la sua carriera nell’attesa: continuiamo ad aspettare che torni ai livelli di quella notte di Lisbona e ci inganniamo di fronte ai lampi, ormai sempre più rari, che riesce a regalare il suo calcio. Salvo poi deluderci, riparando nei meandri dell’ignoto e lasciandoci l’amara consapevolezza della sua assenza.

 

 

In questa eterna tensione verso l’atto, il Fideo, ha visto ripetutamente sfumare in delusioni i propri acuti, interrotti sempre da uno strano equilibrio psicofisico capace di fermarlo, sotto forma di infortuni muscolari, sempre a un passo dalla gloria con la Selección. Una fatalità patologica che è sempre coincisa con l’insuccesso dell’Albiceleste all’atto finale, aggiungendo al Mondiale le delusioni della Copa America 2015 e 2016, perse sempre contro il Cile, in una tripletta di fallimenti senza precedenti nella storia del calcio.

 

Di Maria Argentina
La disperazione del Fideo. La sua storia con la Selección maggiore è stato un viaggio sfortunato

 

 

Oggi, per la prima volta il tempo è il vero nemico di Di Maria, l’ostacolo più grande per dare un senso a quelle gambe, che ispirarono il suo soprannome di ‘spaghetto’ (Fideo), ma che negli anni sono diventate anche tristemente fragili come la pasta lunga: così facili da spezzare, martoriate dai segni delle cicatrici di un calcio non adatto ai suoi muscoli ipotrofici. Un’ultima sfida. Un Mondiale per ricordare che i 35 palloni ricevuti dal piccolo Club Atletico El Torito, a titolo di compenso per il suo trasferimento al Central, valgono in fondo più degli oltre 160 milioni investiti nei suoi trasferimenti in Europa: i palloni che hanno alimentato un sogno mutato ormai in incubo per la generazione dorata di fine anni ’80 argentina.

 

 

Ma il tempo, sempre lui, continuerà a scorrere: i tre anni che lo separano dal Qatar non sono pochi per chi sta attendendo già da troppo, e per chi dall’attesa deve rinascere per riuscire dove ha fallito. Dare continuità agli istanti e tramite il tempo scrivere la storia.

 


Immagine di copertina a cura di Matteo Viotto


 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2022

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Papelitos
Lorenzo Serafinelli
2 Giugno 2022

La nazionale è solo un passatempo estivo

Per il resto dell'anno, un intralcio o poco più.
Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Aprile 2022

La guerra intestina del River Plate

La dirigenza (e le autorità) contro i tifosi.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Cultura
Gabriele Fredianelli
15 Marzo 2022

Benfica, letteratura e nostalgia

Lobo Antunes, l'Aguas della letteratura.
Estero
Diego Mariottini
9 Marzo 2022

Juan Sebastian Veron, il pallone nel destino

Dal campo alla scrivania al campo.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Estero
Gianluca Palamidessi
6 Novembre 2021

Il segreto di Christophe Galtier

L'allenatore campione di Francia con il Lille sta facendo miracoli anche a Nizza.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Estero
Alberto Maresca
16 Luglio 2021

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Italia
Raffaele Scarpellini
8 Aprile 2021

Mundialgate, le ombre dell’Italia ’82

Fu vera gloria?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.