Calcio
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.

Non è passato molto tempo da quando Florentino Perez, dopo aver annunciato insieme ad Andrea Agnelli e 10 grandi club europei la nascita della Superlega, si presentava al Chiringuito per “giustificare” la bontà del progetto: «i giovani sotto i 24 anni (?), al 40% (??), non hanno interesse nel calcio perché ci sono molte partite di scarsa qualità e si distraggono con altre piattaforme. Il calcio deve adattarsi, ora inizieremo con tre paesi e cercheremo (???) di cambiare a livello mondiale questo sport per portarlo a un livello superiore».

Il Real, perdendo ieri sera in casa con lo Sheriff Tiraspol, paradossalmente ce l’ha fatta! Certo, il progetto Superlega è naufragato in un nulla di fatto, ma il livello (di attenzione) del calcio mondiale è stato davvero portato ad un livello superiore. Protagonista di una delle figuracce più brutte mai viste nella storia della Champions League, il Real Madrid di Carletto Ancelotti, pur tirando 13 volte verso la porta difesa da un eroico Atanasiadis, prima ha ripreso a fatica – con un calcio di rigore trasformato da Benzema – lo svantaggio iniziale (firmato Yakhshiboev), poi ha assistito inerme ad una prodezza da fuori area di Thill, letteralmente l’incarnazione di Eupalla in una notte in cui le divinità del calcio sedevano distratte al Parco dei Principi.

sheriff tiraspol gruppo d champions league
La situazione nel Gruppo D. Ora lo Sheriff incontrerà l’Inter

«La Champions è attrattiva solo dai quarti in poi, prima non interessa a nessuno. Ci sono squadre che giocano e non interessano a nessuno».

Florentino Perez, aprile 2021

È davvero umiliante, per noi, dover fare pubblicamente mea culpa. Pensavamo che Florentino si riferisse alle squadre tipo lo Sheriff Tiraspol, probabilmente parlava proprio del suo Real. Chissenefrega in effetti di una squadra che vuole giocare solo coi propri simili (meccanismo perverso e insensato, antisportivo e stupido) per poi perdere nei fatti in casa contro un club così poco conosciuto da mettere in crisi i giornalisti di mezzo mondo (non noi, che ve ne parlavamo qui più di tre anni fa). È moldava, lo Sheriff, o transnistric… come si dice? Vabbè, della Transnistria.

Tutto questo accadeva, curiosamente, all’indomani di una doppia-notizia-bomba. La cancellazione da parte dell’UEFA dei procedimenti contro Juventus, Real e Barcellona – tre club che attualmente, chi in casa chi in Europa, più che combattere nel calcio che conta trascinano i propri stracci logorati e umidicci – e la lettera di Andrea Agnelli agli azionisti del club bianconero, che tra le altre cose ridefiniva, tramite la filosofia della Superlega, il concetto di meritocrazia sportiva: «un concetto che non può basarsi esclusivamente sulle performance domestiche in ossequio a equilibri geopolitici e commerciali». D’accordo, ma allora perché ‘ste figure di *emme* anche in Europa?

Su AS, Tomas Roncero ha parlato di «schock total en el Bernabéu. Inexplicable». Quante cose inesplicabili stanno accadendo nel calcio dopo l’affaire Superlega. Il Lille che vince in Francia contro i gaspaperoni, il piccolo e autoctono Villarreal che incarta lo United dei Glazer portando a casa l’Europa League ai rigori, l’Italia di Mancini e Vialli che contro tutto e tutti, grazie all’unione amorosa di un gruppo di veri uomini, porta a casa un Europeo storico. E chi ne ha più ne metta, che noi siamo qui a crogiolarci nel nostro brodo di giuggiole. Esclusivamente fatto in casa, va da sé.


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

State attenti ad insultare i tifosi
Papelitos
Lorenzo Santucci
06 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Grazie Roma
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile 2018

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
La promessa di Bobby Charlton
Calcio
Maurizio Fierro
06 Febbraio 2018

La promessa di Bobby Charlton

Dalla tragedia alla gloria: gli storici decenni del Manchester United.
Nulla è perduto
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio 2017

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
La Brexit nel calcio di Boris Johnson
Calcio
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.