Carrello vuoto
Calcio
10 Marzo

Favola croata

Gezim Qadraku

22 articoli
ll meraviglioso cammino della nazionale croata nel mondiale di Francia 98. Una squadra (e una Nazione) che dieci anni prima nemmeno esisteva.

A quella competizione vollero partecipare proprio tutti, furono ben 174 le nazionali ad iscriversi. Diverse le novità presentate in quell’edizione: l’allargamento a 32 squadre, l’introduzione del golden goal, l’espulsione per il fallo da tergo, la possibilità di effettuare tre sostituzioni e i pannelli luminosi per indicare i minuti di recupero. Tutto il mondo aspettava quel torneo per la consacrazione del ragazzo brasiliano dalla testa rasata, nonostante avesse soltanto ventun anni; Ronaldo era considerato il migliore al mondo, e quell’estate doveva dimostrarlo. Tuttavia le cose non andarono come previsto. Il torneo verrà ricordato per la vittoria francese, proprio ai danni del Brasile e di un Ronaldo irriconoscibile in finale a causa del malore avuto la sera prima della gara; ma anche per la colonna sonora di Ricky Martin, lo storico incontro tra Stati Uniti e Iran, le espulsioni di Beckham e Zidane – rispettivamente contro Argentina e Arabia Saudita – la traversa di Di Biagio e soprattutto il capolavoro della debuttante Croazia. La nascita dello Stato croato è direttamente collegata alla dissoluzione della Jugoslavia, e in seguito a quell’avvenimento storico furono Slovenia e Croazia le prime repubbliche a dichiarare la propria indipendenza. In entrambe questa volontà indipendentista diede vita allo scontro militare, ma se in Slovenia il tutto durò pochi giorni, in Croazia le tensioni si dilungarono maggiormente e furono più violente, soprattutto per la presenza della comunità serba nel territorio croato.

Ottenuta l’indipendenza il 25 giugno del 1991 venne formato un governo, emanata una costituzione, e ovviamente costituita una nazionale di calcio, anche se non era la prima volta per i croati. Una rappresentativa era già esistita durante il periodo della seconda guerra mondiale, quando grazie all’appoggio italo-tedesco la Croazia diede vita a uno stato indipendente presieduto da Ante Pavelić. Quella squadra giocò solamente sedici partite, e dopo la fine del conflitto divenne parte della Jugoslavia. 
Dopo la conclusione dello scontro militare, la popolazione croata poteva finalmente vivere tra i confini che aveva sempre considerato propri, con una bandiera e dei colori da difendere a livello internazionale.

“Giocare per la Jugoslavia non significava niente. Era soltanto sport, nient’altro. Ora ciò che provo è incomparabile”. 
Igor Štimac.

Anche i primi passi della rappresentativa a scacchi bianco-rossi furono intrecciati agli ultimi istanti di vita della nazionale jugoslava. Un anno dopo il riconoscimento dell’indipendenza, l’UEFA dichiarò definitivamente la morte della Jugoslavia sportiva, con l’invio di un fax che riportava le seguenti parole: «In osservanza della risoluzione 757 del consiglio di sicurezza delle nazioni unite, la Jugoslavia non potrà essere accettata in alcuna competizione sportiva». Venne così impedito agli jugoslavi di partecipare all’Europeo del 1992, permettendo il ripescaggio della Danimarca, la quale si laureò campione d’Europa. Proprio contro i danesi, quattro anni dopo, la Croazia iniziò a mostrare al mondo il proprio potenziale, sconfiggendo i campioni europei in carica con un netto tre a zero.

Il primo torneo continentale per i croati si concluse ai quarti di finale, sconfitti dai tedeschi, che si sarebbero laureati campioni. Il commissario tecnico di quella rappresentativa era Miroslav Blažević, un soggetto piuttosto particolare. Un croato di Bosnia nato a Travnik e amico personale di Tudjman, col quale condivideva idee politiche, arrivando persino a dichiarare – in una delle sue incursioni nel mondo politico – il suo sostegno ad Ahmadinejad. Il commissario tecnico era inoltre un tipo molto superstizioso, tanto da presentarsi in ritardo alla conferenza stampa prima del match con la Francia in attesa dell’oroscopo, scusandosi con i giornalisti e dicendo loro che stava guardando il film Sette anni in Tibet; inoltre, da buon appassionato di vini, fu lui a decidere che il ritiro della squadra dovesse essere nella regione del Beaujoulais, noto vino della zona del Rodano.

FRANCE - JULY 11: WM FRANCE 98 SPIEL UM PLATZ 3 Paris; HOLLAND - KROATIEN 1:2 (HOL - CRO); Trainer Miroslav BLAZEVIC/CRO mit der offiziellen FIFA Urkunde (Photo by Lutz Bongarts/Bongarts/Getty Images)
Miroslav Blažević con il diploma del terzo posto.

Schierò i suoi uomini con un 3-5-2. In porta Ladic, i tre difensori erano Simic, Bilić (attuale allenatore del West Ham) e Štimac, colui che qualche anno prima aveva augurato a Mihajlovic la morte dei suoi genitori: 
«Prego Dio che i nostri uccidano i tuoi a Borovo» .
I due esterni di centrocampo erano Jarni e Stanić, i due mediani Soldo e Asanovic, e nel reparto offensivo c’era da stropicciarsi gli occhi. Dietro alle punte il numero dieci, il capitano, l’orgoglio nazionale: Zvonimir Boban. Non gli fu difficile dimostrare l’amore nei confronti della patria, gli bastò quel calcio al poliziotto nella partita mai giocata di otto anni prima. Le due punte erano Šuker, fresco campione d’Europa con il Real Madrid e Vlaović (i tifosi del Padova se lo ricorderanno).

“Fumare in Europa è normale. Ai miei tempi in nazionale, nel ’98, eravamo una decina di fumatori. Cosa ci diceva il Ct? Niente, ce ne scroccava una perché non ne aveva mai!” 
Slaven Bilić

La prima partita del girone di qualificazione fu contro un’altra debuttante, la Giamaica. Rispetto alla formazione tipo al posto di Vlaović giocò Prosinečki, uno dei pochi ad aver disputato i mondiali con due casacche diverse, per la Jugoslavia nel 90’ e per la Croazia nel 98’ e nel 2002. Fu Mario Stanić a sbloccare la gara, con un tocco facile sotto porta, ma la Giamaica pareggiò all’ultimo minuto del primo tempo con un bel colpo di testa di Earle. La ripresa incominciò con un vero e proprio capolavoro di Prosinečki.

Semplice, no?

 

A venti dal termine Šuker mise la parola fine al match. La seconda gara contro il Giappone si rivelò più ostica per la Croazia, che riuscì ad agguantare i tre punti con il risultato di uno a zero grazie alla rete di Šuker. Nella terza partita, valevole per il primato del girone, i croati vennero sconfitti dall’Argentina per una rete e zero. Agli ottavi di finale una sfida tutta balcanica contro la Romania di Hagi: i romeni si presentarono alla gara con i capelli tinti per festeggiare la qualificazione, e con un atteggiamento altezzoso. Fu la Croazia a dominare la partita e a passare in vantaggio nel primo tempo grazie al rigore di Šuker – il numero nove spiazzò Stelea, l’arbitro fece ripetere il penalty e il croato non sbagliò neanche la seconda volta. La terza rete dell’attaccante nel torneo aprì le porte dei quarti, dove si ripresentò la sfida di due anni prima: Croazia-Germania. Il finale sembrava già scritto, ma la partita prese tutt’altra direzione. Fatale per i tedeschi fu il cartellino rosso di Worns, che si fece buttare fuori nel primo tempo, per una brutta entrata ai danni di Šuker . I croati si presero la loro personale rivincita, vincendo per tre a zero grazie alle reti di Jarni, Vlaović e del solito Šuker.

Bildnummer: 00070982 Datum: 11.07.1998 Copyright: imago/Oliver Behrendt Der potentielle Torschützenkönig der WM, Davor Suker, mit Medaille und Nationalfahne; Spiel um Platz 3, Kroatien Jubel, Fahne, Landesfahne, Flagge, Nationalflagge, Nationalstolz, Weltmeisterschaft 1998, Nationalmannschaft, Nationalteam, Nationaltrikot, Länderspiel Paris Prinzenparkstadion Begeisterung, Freude, Fußball WM Herren Mannschaft Frankreich Einzelbild optimistisch Randmotiv Personen
Il protagonista assoluto di quella nazionale

In semifinale trovarono i padroni di casa, i quali, convinti di sbarazzarsi facilmente della nazionale con la maglia a scacchi, dovettero sudare più del previsto. Il primo tempo fu dominato dai transalpini, che sfiorarono il gol più volte con Zidane, ma i croati riuscirono a contrastare bene glia attacchi francesi. Nella seconda parte di gara fu Thuram il vero protagonista, inizialmente ai danni della propria squadra, quando non seguì i suoi compagni nella trappola del fuorigioco dando la possibilità a Šuker di presentarsi da solo davanti a Barthez per siglare l’uno a zero. 
Un momento storico quello, istanti nei quali tutti i croati presenti allo stadio e quelli a casa avranno sicuramente ripensato alla guerra conclusasi pochi anni prima, ai parenti persi per sempre e alle sofferenze di quegli anni. Per un minuto la Croazia fu in finale, ma il sogno dei bianco-rossi durò pochissimi secondi.

Ci pensò Thuram a pareggiare immediatamente i conti, approfittando dell’errore di Boban, che perse palla vicino alla propria area di rigore. Il difensore siglò anche la rete del sorpasso, una doppietta che permise alla Francia di raggiungere l’atto finale della competizione. La Croazia si consolò battendo l’Olanda nella finale per il terzo posto. Una medaglia di bronzo che ebbe un significato enorme per la squadra e per la popolazione. Il protagonista assoluto di quella spedizione fu Davor Šuker, che si laureò capocannoniere del torneo con sei gol davanti a Batistuta, Vieri e soprattutto davanti a Ronaldo, un fenomeno che dovette rimandare agli occhi del mondo l’appuntamento con la consacrazione.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre 2019

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Recensioni
Gianni Agostinelli
25 Luglio 2019

La partita

Piero Trellini ne “La partita”, suo ultimo libro dedicato a Italia vs Brasile del 1982, parte dal calcio per parlare di vita e di uomini.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Giugno 2019

Platini, la pedina del Qatar

La vicenda Platini-Qatar viene da lontano, e coinvolge molti altri attori in un sistema marcio fin nel midollo.
Papelitos
Matteo D'Argenio
16 Luglio 2018

Il calcio è un gioco semplice

Vincere senza impressionare.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Luglio 2018

Nazionali senza Nazioni

Come la globalizzazione calcistica ha privato il Mondiale della sua essenza.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio 2018

Francia 98

Le Monde est à nous.
Storie
Maurizio Fierro
3 Aprile 2018

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Calcio
Luigi Fattore
18 Febbraio 2017

Il dono della sintesi

Roma '90, Italia-Cecoslovacchia, l'assolo di Roberto Baggio.
Ritratti
Nicola Ventura
7 Febbraio 2017

Niki Lauda

Da pilota computer a uomo che vola alto.
Storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio 2017

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
Storie
Filippo Peci
8 Dicembre 2016

Quando si fermò la storia

Nel 1974 si affrontano Germania Ovest (BRD) e Germania Est (DDR). Inutile dire che, quindici anni prima della caduta del muro, non poteva essere solo una partita di calcio.
Editoriali
Gennaro Malgieri
2 Dicembre 2016

Perchè il calcio non è solo uno sport

L’irresistibile “calcistizzazione” che ha ormai contagiato tutti gli strati e i ceti sociali, si spiega con un'inconscia e primordiale "spinta comunitaria" che è uno dei fondamenti, probabilmente il più importante, della “nuova” politicità, trascendente le forme tradizionali legate ai partiti e ai movimenti, che si va affermando ovunque.