Papelitos
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?

Un po’ come l’orologio rotto che segna l’ora giusta due volte al giorno, anche il populismo ogni tanto fa centro. Prendete la denuncia di allenatori (Sarri, Ancelotti, Guardiola, Klopp) e calciatori (Kroos, Courtois, Chiellini, Mbappé, Lewandowski) sull’obesità dei calendari e i conseguenti rischi psico-fisici per i secondi e forse pure per i primi: legittima nella sostanza, per carità, ma facilmente attaccabile nella forma.

Finché infatti alle denunce non corrisponderanno azioni decise e coraggiose – scioperi, dimezzamento degli stipendi conseguente al dimezzamento delle partite, garanzia di maggiori tutele nei confronti dei club spesso danneggiati, non solo economicamente, dal comportamento di procuratori e agenti che tanto comodo fanno ai calciatori – i bei discorsi di calciatori e allenatori porteranno con sé quel velo d’ipocrisia (il vero peccato originale dell’occidente) che tanto fa imbestialire il popolo (già imbestialito e bestiale di suo).



Intervenuto (e premiato) al Globe Soccer Awards di Dubai (a proposito di cose buffe e paradossali), Kylian Mbappé ha ribadito concetti ormai noti: «giochiamo già 60 partite all’anno. L’Europeo, il Mondiale, la Nations League (non dirlo a noi!, ndr). Ci piace giocare, ma così è troppo». Ma allora perché continuate a giocare? Dannazione, la Nations League! Ma di cosa stiamo parlando? Parliamo invece di una cosa a nostro avviso decisiva e sulla quale spesso batte Maurizio Sarri (ne avevamo parlato qui), che trova in Mbappé il più assurdo degli alleati:

«Dobbiamo poter recuperare, fare delle pause. Se la gente vuole qualità, emozione e belle partite, dobbiamo rispettare la salute dei giocatori».

A parte il fatto che “la gente” vorrebbe semplicemente un calcio più a misura d’uomo, il discorso di Mbappé è giustissimo. L’UEFA, tra Nations League, improbabili Europa League e folli Conference League, continua a spremere una mucca già denutrita (se non in fin di vita). Non solo a livello economico ma, come ha ricordato il campione del mondo francese, anche e soprattutto a livello qualitativo – un paradosso se pensiamo che ai piani alti del calcio mondiale piacciono parecchio i 6-3 e gli 8-2, risultati vicini ai videogiochi e dunque più consoni ai gusti delle nuove generazioni. Se Mbappé, icona Fortnite e FIFA (il gioco), arriva a fare certi discorsi, le cose sono due: o c’è ancora speranza o siamo spacciati.



Sul Mondiale ogni due anni, di cui ormai parliamo da un po’ di tempo su queste colonne, Mbappé (e come lui poco dopo Lewandowski) ha preso una posizione decisa e inequivocabile, condivisa a quanto pare un po’ da tutti i calciatori: «il Mondiale è un evento speciale perché si svolge ogni quattro anni. Giocarlo ogni due renderebbe questa competizione normale. È qualcosa di speciale a cui potresti partecipare anche una sola volta nella vita». Sono frasi che non ci aspettavamo e che fanno bene al cuore, ma alle quali ci piacerebbe seguissero azioni decise e chiare. Senza, con ciò, legittimare la Superlega o progetti calcistico-planetari di tal fatta. Un calcio più sostenibile esiste, ma è conciliabile con le abitudini delle superstar del football mondiale?

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni
Critica
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2022

Prima delle nazionali ci sono le Nazioni

Il Mondiale vive di (antichissime) leggi proprie.
Anche i tifosi in Qatar sono finti
Tifo
Gianluca Palamidessi
13 Novembre 2022

Anche i tifosi in Qatar sono finti

Dalla derisione dei diritti umani a quella della fede calcistica.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Giovanni Trapattoni, il contadino che conquistò il mondo
Ritratti
Marco Armocida
17 Marzo 2021

Giovanni Trapattoni, il contadino che conquistò il mondo

Compie 82 anni l'allenatore italiano più vincente di sempre.
Alle origini del carisma
Calcio
Luigi Fattore
06 Luglio 2017

Alle origini del carisma

Italia '90 non è stato il miglior mondiale di Maradona, ma è stato il Mondiale migliore per comprenderne l'essenza.
Il livello successivo di Davide Nicola
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo 2018

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
L’onnipotenza delle radio romane
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Gigi Maifredi
Calcio
Matteo Mancin
04 Giugno 2019

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.