Carrello vuoto
Altro
1 Novembre

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Luca Pulsoni

80 articoli
Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.

L’autunno si fa sempre più freddo e porta con sé i bilanci di una stagione conclusasi con la vittoria di Thibaut Pinot al Giro di Lombardia. Il 2018 ciclistico va in archivio dopo dieci mesi intensi e carichi di emozioni. E’ stata la stagione delle sorprese e delle grandi conferme, delle lacrime di delusione e di rivalsa. La Gran Bretagna ha vinto tutto, almeno a livello di grandi giri. Alejandro Valverde è riuscito a conquistare l’iride mondiale dopo averlo rincorso per una carriera intera. Peter Sagan ha vinto meno del solito ma ha finalmente sfatato il tabù della Roubaix. Vincenzo Nibali ha illuminato a Sanremo, è caduto e si è rialzato al termine di un’annata complicata ma pur sempre di spessore. Il resto è stato puro godimento, ma andiamo con ordine.

 

Il 2018 dei grand tour ha avuto una sola padrona: la Gran Bretagna. All’ombra di Buckingham Palace è definitivamente sbocciato un movimento che ha visto nel Team Sky e in Dave Brailsford i principali artefici di un miracolo sportivo che ha letteralmente ribaltato le gerarchie del ciclismo mondiale. Chris Froome ha vinto il Giro d’Italia, Geraint Thomas il Tour de France e Simon Yates la Vuelta a Espana. Se il primo viene da esordi professionistici tutt’altro che promettenti, Thomas e Yates hanno costruito i rispettivi trionfi partendo dal ciclismo su pista, disciplina che oltremanica si sta rivelando sempre più fucina di talento e qualità. Froome è keniano di origine ma inglese di nazionalità, ha vinto il Giro dopo aver portato a casa nel 2017 sia il Tour che la Vuelta. Quest’anno ha eguagliato il record di Eddy Merckx e Bernard Hinault di vincere tre grandi giri consecutivamente e lo ha fatto conquistando a sua volta la “Tripla Corona”. Il trionfo in rosa del keniano bianco è arrivato al termine di un’impresa d’altri tempi nella terz’ultima tappa da Venaria Reale a Bardonecchia, con un’azione solitaria partita sul mitico Colle delle Finestre a 80 chilometri dal traguardo posto in cima al durissimo Jafferau. Il fattore dominante nella prima vittoria di Froome in Italia è stato quello emotivo, in controtendenza con quanto mostrato dallo stesso corridore e dalla propria squadra (la Sky), da sempre accusati di eccessivo tatticismo e di bloccare le corse rendendole poco spettacolari. Sul Finestre il binomio Froome-Sky ha vinto con cuore e fantasia, sfruttando le lacune tattiche degli avversari e le difficoltà (oltre che le qualità) di un percorso che strizzava l’occhio ai più coriacei.

 

Un vero campione. Foto Gian Mattia D’Alberto – LaPresse

 

Meno emozioni ha regalato il successo di Geraint Thomas al Tour de France. Gallese doc di Cardiff, Thomas corre dal 2010 nel Team Sky ed è stato prezioso gregario di Sir. Bradley Wiggins prima e di Chris Froome poi. La consacrazione è arrivata alla Grande Boucle numero 105 in cui ha vestito la Maglia Gialla dall’undicesima tappa di La-Rosière fino all’epilogo sugli Champs-Élysées. Dopo la prima settimana di corsa, Thomas ha sfruttato la miglior posizione in classifica rispetto a Froome, partito per dare l’assalto al quinto e storico successo in terra transalpina, per invertire le gerarchie in casa Sky ed accentrare su di sé i grandi di capitano. Il successo, così, è finito nelle mani del gregario, col leader designato costretto a correre in difesa del primato e degli interessi di squadra. Con una formazione di gran lunga superiore alle altre, i britannici hanno concretizzato la maggior qualità a disposizione per tenere chiusa la corsa nelle frazioni di montagna lasciando solo le briciole agli avversari. Una vittoria nel vecchio “stile Sky”, distante anni luce dallo spettacolare ed incerto Giro d’Italia.

 

Simon Yates è il talento più promettente del ciclismo britannico e uno degli astri nascenti del ciclismo mondiale. Classe 1992, Simon, che corre nella Mitchelton-Scott assieme al fratello gemello Adam, ha conquistato la maglia bianca di miglior giovane al Tour dello scorso anno ed è esploso ciclisticamente al Giro 2018, nel quale ha vestito per tredici giorni la Maglia Rosa ed ha vinto ben tre tappe. Quando la vittoria finale sembrava alla sua portata, Yates ha patito una drammatica crisi proprio nella frazione del Colle delle Finestre, in cui l’inglese ha accusato circa 45 minuti dal vincitore Froome. Dopo la delusione della Corsa Rosa, nella quale è emersa la sua inesperienza nel correre più in funzione delle tappe che in ottica classifica generale, Yates si è rifatto alla grande nella Vuelta a Espana, l’ultimo grande giro della stagione, approfittando anche di una concorrenza meno agguerrita e di un percorso disegnato ad hoc per le sue caratteristiche. La Maglia Roja di Madrid arriva al termine della stagione della definitiva maturità e di uno stile di corsa divenuto altamente spettacolare che fa di Yates uno dei corridori più amati tra i tifosi.

 

Nella Leggenda. Foto Philippe Wojazer / Reuters

E l’Italia? Nei G.T. abbiamo deluso, e non poco. Al Giro i risultati migliori sono arrivati da Domenico Pozzovivo (quinto in classifica generale) e Davide Formolo (decimo). Al Tour le ambizioni di gloria sono svanite sull’Alpe d’Huez, dove una tracolla di un tifoso ha causato la caduta di Vincenzo Nibali, quarto in generale ed in lizza per la vittoria finale considerando l’ottima condizione mostrata sino a quel momento. Nella controversa caduta (la Bahrain-Merida, squadra Nibali, ha chiesto un risarcimento danni agli organizzatori di ASO) il siciliano ha riportato una frattura vertebrale che ne ha condizionato il finale di stagione, su tutti l’importante appuntamento mondiale di Innsbruck, obiettivo principale di Nibali e della Nazionale azzurra di Davide Cassani. Alla Vuelta pochi lampi di azzurro, almeno nella lotta per il vertice.

 

Già, perchè nelle vittorie intermedie l’Italia se l’è cavata piuttosto bene. Il 2018 è stato l’anno della consacrazione di Elia Viviani, medaglia d’oro a Rio 2016 nel ciclismo su pista, specialità Omnium. Il veronese della Quick-Step Floors ha conquistato quattro successi di tappa al Giro (dove ha vestito anche la maglia ciclamino della classifica a punti) e tre alla Vuelta. Con 18 vittorie stagionali, Viviani si è confermato anche il miglior velocista del panorama mondiale oltre al corridore più vincente dell’intera stagione. Capitolo dolente è, ahinoi, la stagione di Fabio Aru. Il sardo, ex promessa azzurra nelle gare a tappe, non è riuscito mai a trovare il colpo di pedale giusto collezionando una delusione dietro l’altra. Svanito il Giro con il ritiro nell’ultima settimana, Aru ha fatto flop anche alla Vuelta rinunciando persino alla convocazione della Nazionale per una condizione lontana anni luce da quella che lo ha portato alla conquista della Vuelta 2015 e di due podi al Giro.

 

Dalle corse a tappe a quelle di un giorno. La parte del cannibale l’ha fatta la Quick-Step Floors, formazione belga che fa delle grandi classiche il proprio pane quotidiano. I belgi hanno vinto il Giro delle Fiandre con l’olandese Niki Terpstra e la Liegi-Bastogne-Liegi con il lussemburghese Bob Jungels. Altro importante successo è stato quello di Julian Alaphilippe alla Freccia Vallone, in cui il francese ha interrotto il dominio di Valverde che sul Muro di Huy vinceva da quattro anni. La vittoria clou dell’anno è però la Milano-Sanremo di Vincenzo Nibali. Il successo nella Classicissima di Primavera ha definitivamente proiettato il siciliano nell’elite dei grandi del ciclismo e in quella ristretta cerchia di corridori competitivi sia nei grandi giri che nelle classiche. A tal proposito da registrare che, prima di Nibali, l’ultimo vincitore del Tour de France in grado di conquistare la Sanremo (la classica dei velocisti per eccellenza) è stato Laurent Fignon nel 1989.

 

Elia Viviani, sulla destra, con la maglia ciclamino. Foto Comunicato Rcs

 

Altra perla della stagione 2018 è il trionfo di Peter Sagan alla Parigi-Roubaix. Lo slovacco ha attaccato da lontano costruendo il proprio trionfo nei settori di pavè decisivi ed annientando la spietata concorrenza degli uomini Quick-Step. Dopo tre titoli mondiali ed un Giro delle Fiandre, Sagan sfata anche il tabù Roubaix, per anni considerata una vera e propria maledizione per il talento della Bora-Hansgroe.

 

A proposito di titoli iridati, parole di elogio merita il nuovo campione del mondo Alejandro Valverde. All’alba dei 39 anni, l’Embatido ha conquistato il suo primo titolo dopo un lungo inseguimento iniziato addirittura dal mondiale di Hamilton del 2003. Prima del successo di Innsbruck, Valverde aveva collezionato ben sette podi, di cui tre secondi e quattro terzi posti. La maglia più ambita arriva al termine di una stagione meno vincente del solito ma comunque di gran qualità. Poco brillante sia nelle Classiche delle Ardenne che al Tour, Don Alejandro ha ritrovato il colpo di pedale giusto nel corso della Vuelta, chiusa al quarto posto dopo aver battagliato a lungo per la Maglia Rossa con Simon Yates. Il titolo di campione del mondo va ad aggiungersi ai quattro successi della Liegi e ai cinque della Freccia Vallone che fanno di Valverde uno dei maggiori interpreti contemporanei nelle grandi classiche di un giorno.

 

Il maestosto Valverde. Foto Safesport ID

 

In conclusione, una riflessione sulla stagione di Tom Dumoulin. L’olandese, già vincitore del nel 2017 del Giro d’Italia e del campionato del mondo a cronometro, ha chiuso la stagione con un secondo posto sia al Giro che al Tour. Negli ultimi mesi, Dumoulin ha ritrovato una discreta condizione in vista del mondiale austriaco, chiuso al quarto posto dopo una grande rimonta nei chilometri finali. L’ultimo corridore a conquistare Giro e Tour nella stessa stagione è stato Marco Pantani nel 1998. In 20 anni nessuno era mai andato vicino ad avvicinare il Pirata prima di Dumoulin. Che la prestigiosa doppietta sia ancora possibile? Sarà questo folle, discusso e bellissimo ciclismo moderno a darne la sentenza. Appuntamento al 2019.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Ritratti
Davide Bernardini
18 Aprile 2018

Andy Schleck

Ritratto del campione lussemburghese: il legame con il fratello, il talento cristallino, il dualismo con Contador, il coraggio, la fantasia.