Carrello vuoto
Italia
23 Giugno

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.

Quando un chirurgico destro a giro di Emmanuel Cascione fissava il definitivo 0-6 di Padova-Pescara, il 20 aprile del 2012, una telecamera particolarmente indiscreta indugiava sul viso solcato di Zdenek Zeman in panchina, scoprendone gli occhi lucidi. Le lacrime venivano inibite a fatica dal tecnico boemo, uomo stoicamente non avvezzo alle emozioni ma in quel momento vittima della bellezza da lui stesso generata. Quella partita fu uno dei manifesti più esaltanti per gli zemaniani di tutto il mondo, e senza i miracoli di Perin – ai tempi al Padova – sarebbe finita 9 o 10 a 0.

Una partita simbolo di una stagione inebriante, forse l’ultima vera epopea di Zeman e di quel gioco gioiosamente spavaldo, sincero nelle intenzioni, verticale e atletico, costruito su quelli che al tempo erano solo giovani di belle speranze come Ciro Immobile, Lorenzo Insigne (autori di una doppietta a testa in quella serata) e Marco Verratti. Proprio loro, oggi tre capisaldi della Nazionale di Roberto Mancini all’Europeo, la spina dorsale di una squadra che è stata costruita considerando anche la loro vecchia, magica intesa. Un’intesa oggettivamente già fuori scala per la Serie B, che solo Zeman avrebbe potuto far esprimere in questa maniera così esplosiva e genuina. 



Sono passati quasi 10 anni da quella stagione incantata. Ciro Immobile, all’epoca solo un ventunenne di prospettiva di proprietà della Juventus, viene da tre gol in due anni con le maglie di Siena e Grosseto, ed anche il suo prestito a Pescara sembra destinato a rimanere un’esperienza fugace da passare in panchina: nelle gerarchie pre-stagionali, infatti, Ciro parte dietro allo storico bomber Marco Sansovini e all’altro juventino in prestito, Riccardo Maniero. Anche il ventenne Lorenzo Insigne arriva all’Adriatico per fare esperienza: nonostante un’ottima stagione in Lega Pro nel Foggia, a Napoli non lo ritengono pronto per il doppio salto di categoria e così viene spedito in B al Delfino, riabbracciando lo stesso allenatore che lo aveva avuto in rossonero l’anno precedente.

Marco Verratti al contrario è nato e cresciuto a Pescara: con i biancazzurri ha esordito in Lega Pro tre anni prima, quando aveva appena 15 anni, e viene da un’ottima stagione in B con Di Francesco in panchina, che lo schiera spesso vertice alto del centrocampo, rifinitore alle spalle dei terminali offensivi. Qualcuno a Pescara inizia a chiamarlo “Il Messi dell’Adriatico”, ma il suo destino tattico verrà cambiato per sempre proprio in quella stagione. 

L’annuncio di Zdenek Zeman come nuovo allenatore del Pescara solletica la mente di molti tifosi in estate: memori dell’impronta craterica lasciata da Giovanni Galeone, al boemo appena arrivato viene chiesto se, dopo Il profeta, lui possa essere il papa straniero:

«Io vorrei dare soddisfazione alla gente, e spero che ci riesca».

Risponderà in perfetto stile zemaniano. Il tredicesimo posto dell’anno precedente non lascia però molti margini per ambizioni superiori ad un campionato tranquillo, con qualche soddisfazione casalinga ed il bel gioco promesso da Zeman. La prima amichevole della stagione è un 2 a 2 contro la Real Sociedad condito da trame spumeggianti e i primi schizzi di talento di Lorenzo Insigne. Con l’inizio del campionato, ben presto ci si accorge di essere di fronte ad una squadra destinata a lottare per la vittoria finale.



Marco Verratti, spostato come perno davanti alla difesa, è leader tecnico e baricentro della squadra, Ciro Immobile sembra nelle condizioni di poterla buttare dentro in qualsiasi maniera e Lorenzo Insigne, che con Sansovini completa il trio offensivo, semplicemente dipinge calcio cominciando a far degustare i suoi destri a giro, all’occorrenza morbidi assist o mortifere parabole sul palo lontano. I tre si amalgamano alla perfezione nel contesto ultra-offensivo e verticale apparecchiato dal boemo: la costante ricerca della profondità di Immobile si incastra egregiamente con i tagli di Insigne e le imbucate improvvise di Verratti. Le attenzioni dei piani superiori vengono attirate in fretta e chissà, magari tra gli osservatori arrivati a sbirciare il Delfino c’era anche qualche emissario di Roberto Mancini, ai tempi al Manchester City. Di sicuro, vedendoli giocare oggi in azzurro sotto la sua guida, un pensiero a Zeman il Mancio l’avrà fatto. 

Rivedere i gol segnati di quella cavalcata – saranno 90 in tutto, di cui 28 di Immobile e 18 di Insigne – fa profeticamente assaporare quale sarebbe stato il destino dei tre: di Ciro Immobile in primis, con le sue corse pulsanti in verticale e la sua lucidità nel trovare la traiettoria giusta in ogni occasione. Il lob flautato contro il Vicenza o questo cioccolatino quasi dalla linea di fondo contro il Gubbio lasciano presagire che c’è del potenziale nella futura Scarpa d’Oro.

Lorenzo Insigne invece in quella stagione è semplicemente imprendibile per i difensori della B: questo gol al Bari è griffato da una giocata fuori da ogni schema, mentre il tiro piazzato sul palo lontano inizia a diventare il suo marchio di fabbrica. I due si trovano a meraviglia, imparano a sincronizzare i movimenti ed a giocare per la squadra, sublimando la loro intesa dentro e fuori dal campo.



Dietro di loro Marco Verratti è il fosforo della squadra: l’arretramento posizionale ne esalta il dinamismo e le letture, consacrandolo già ad uno dei maggiori prospetti europei nel ruolo. Il lancio vellutato per Insigne contro il Torino o il blitz offensivo con assist per Caprari contro la Sampdoria rendono l’idea di quanto Verratti sia migliorato giocando qualche metro più indietro. Proprio la trasferta di Genova contro la Samp è la partita che regala al Pescara la Serie A: di lì in poi, per i tre giovani prospetti, sarà un’escalation verso i grandi palcoscenici del pallone.

Con la maglia azzurra né Ciro, né Lorenzo né Marco hanno saputo riesumare le magie di quell’anno prima della gestione Mancini. Nessuno degli allenatori precedenti (Prandelli, Conte, Ventura) li ha considerati prioritari per incastonarli in un contesto che li esaltasse contemporaneamente. Eppure, nei rispettivi club negli anni hanno continuato a dimostrare di essere imprescindibili. Con Prandelli al Mondiale brasiliano giocarono a tratti e mai insieme; Conte e Ventura invece non li potevano incasellare né nel 3-5-2 né nel 4 -4- 2.

Solo Roberto Mancini ha cominciato a schierare titolari tutti e tre regolarmente, con i risultati che possiamo apprezzare: 7 gol per Immobile, 5 per Insigne, 2 per Verratti e 57 presenze totali prima dell’Europeo. Si è visto così qualche sprazzo di quell’alchimia unica che si era generata l’anno di Zeman a Pescara, e non a caso il boemo era in tribuna all’Olimpico nel 3 a 0 alla Turchia con cui l’Italia ha aperto l’Europeo. Chissà che dopo il terzo gol di Lorenzo Insigne su assist di Ciro Immobile, questa volta lontano da telecamere indiscrete, quelle lacrime trattenute a fatica a Padova non siano finalmente sgorgate. 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Papelitos
Paolo Pollo
5 Luglio 2021

Il mediano che diventò domatore di leoni

Breve elogio di Lele Oriali.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio 2021

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Papelitos
Gennaro Chiappinelli
27 Giugno 2021

Zeman a Foggia è romanticismo puro

Quando la nostalgia diventa creatrice.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.